Vai al contenuto

José Mujica: “La civiltà digitale sta creando una vera malattia nella democrazia rappresentativa e non so quale sia la cura”

 

Fonte Equaltimes.org

Autore    Luis Curbelo

Traduzione automatica con Google Translator. Questa traduzione rende il senso dell'articolo, tuttavia consigliamo di leggere il testo originale su Equaltimes.org 

José Mujica, presidente dell'Uruguay dal 2010 al 2015, vive in completa isolamento nella sua casa di campagna a Rincón del Cerro (a 11 chilometri dal centro della città di Montevideo) dall'inizio della pandemia. A causa di una malattia immunologica a lungo termine, non può ricevere vaccinazioni e il suo unico modo per affrontare il coronavirus è esercitare estrema cura e precauzione.

Recentemente ha accettato di sedersi per una lunga chiacchierata con Equal Times che copriva molte aree di interesse internazionale. Ha condiviso con noi le sue opinioni sul fenomeno dei social network, i vantaggi e le insidie ​​della civiltà digitale e l'emergere di personaggi politici come Donald Trump negli Stati Uniti e Jair Bolsonaro in Brasile e le masse che li seguono.

Secondo Mujica, questa pandemia ha fatto emergere il lato peggiore dell'umanità accentuando l'egoismo dei paesi ricchi e mettendo a nudo la mancanza di solidarietà tra le persone. Dice che le classi medie, frustrate dalla concentrazione di ricchezza e potere e dalla loro incapacità di accedervi, si sono rivolte sempre più alla politica reazionaria. Sostiene che il vaccino contro il coronavirus è diventato incredibilmente politicizzato e incolpa il presidente russo Vladimir Putin per aver svolto un ruolo centrale in questo chiamando il vaccino prodotto nel suo paese Sputnik.

Come vede il crescente fenomeno dei social network e dell'auto-rappresentazione nella società? Pensa che abbia un impatto sulla democrazia?

La civiltà digitale ha molte cose meravigliose da fare, perché ogni vecchio imbecille ora va in giro con una biblioteca in tasca. Ma ha anche dato una voce e una piattaforma a tutta l'incredibile stupidità che stiamo vedendo ora. Questo di per sé non sarebbe la cosa peggiore, ma aggiungici i tanti attori in malafede e la tecnologia sempre più finemente sintonizzata che consente di personalizzare i messaggi in base ai profili delle persone. L'intelligenza artificiale consente di inviare messaggi segmentati e mirati su misura per ogni individuo nella società.

La peggiore dittatura del mondo non potrebbe mai nemmeno sognarsi di avere un meccanismo che le permetta di entrare nel subconscio delle persone, e quel che è peggio è che è nelle mani di aziende private che vendono i loro servizi. Tutto questo sta creando una vera malattia nella democrazia rappresentativa e non so quale sia la cura. Ci sono così tante fonti e meccanismi al lavoro che producono iper-informazioni che finiscono per confondere e oscurare le cose più essenziali.

Credi che questa iper-informazione e autorappresentazione nella società siano responsabili dell'emergere di fenomeni politici come Donald Trump negli Stati Uniti o Jair Bolsonaro in Brasile?

Ovviamente tutto questo ha contribuito alla comparsa dei Trionfi e dei Bolsonaro del mondo, ma tende anche a screditare in generale il ruolo della politica e genera invece una sorta di nichilismo nell'opinione pubblica che dice che tutto è uguale, che tutta la politica è senza valore. Inoltre, stiamo mettendo a repentaglio o perdendo del tutto una delle nostre condizioni essenziali e naturali. Antropologicamente parlando, gli esseri umani sono animali sociali, non possiamo vivere senza società. Non siamo come i felini che si riuniscono per accoppiarsi e poi separarsi. Viviamo in gruppi da 150.000 anni. Gli individui dipendono dai gruppi per il loro sostentamento. Naturalmente questo genera conflitti e il ruolo della politica è trovare la migliore soluzione possibile a questi conflitti.

Ed è proprio questo che ora è in crisi. L'ideologia più diffusa oggi predica che tutti devono affrontare il mondo da soli. Ci viene insegnato che se non ti prendi cura di te stesso, nessuno lo farà per te, e questo moltiplica in modo esponenziale il livello di egoismo che ci portiamo dentro. Concordo con la vecchia affermazione aristotelica che l'uomo è un animale politico. Ha bisogno della comunità, della società, ma quando si ritira, quando diffida, quando non crede in nulla, assume anche una posizione politica che è velenosa per l'intera società. Potrei avere molti amici e compagni ma se ho un infarto ho bisogno di un cardiologo, se la mia macchina si rompe ho bisogno di un meccanico, se il mio tetto crolla ho bisogno di un muratore. E chi mi dà queste cose? La società me li dà. Dipendiamo l'uno dall'altro! Ha così tanto valore e non ce ne rendiamo conto.

Hai mai pensato che avresti visto un presidente degli Stati Uniti essenzialmente barricato alla Casa Bianca nel mezzo di violente proteste e essenzialmente un colpo di stato?

Devi guardare alla psicologia del personaggio, no? In ogni caso, Trump stesso non è il vero problema, sono le persone che lo seguono. È incredibile come le persone si mettano dietro un messaggio francamente così negativo da ogni punto di vista. Questo è ciò che è terribile. È sbalorditivo vedere quanto poco impariamo dalle lezioni storiche. Hitler e Mussolini erano, dopotutto, eletti dalle masse.

L'idea che le persone non abbiano mai torto è, ovviamente, relativa. Le persone possono sbagliarsi e queste sono le conseguenze. Ecco perché le organizzazioni sociali sono così importanti. Sono risorse che salvaguardano la convivenza. Quando perdono influenza, le società cercano naturalmente altri collettivi in ​​cui esprimersi, li sostituiscono con il Barcellona o il Real Madrid perché hanno bisogno di qualcosa che li unisca, anche se non se ne rendono conto. Ecco perché è così essenziale avere potenti organizzazioni sociali, sindacati, ecc., In cui le persone possano esprimersi liberamente. Questo aiuta a mitigare la nostra sofferenza individuale.

In questo contesto, cosa pensa dell'emergere, soprattutto in America Latina, di potenti uomini d'affari che si impegnano nella politica e finiscono per diventare presidenti dei loro paesi?

La politica ha il suo linguaggio. Un potente uomo d'affari che si occupa di politica non è di per sé il problema. Il problema è che tendono a giudicare la realtà secondo la loro visione e la società è molto più complessa di così. La politica non è una professione. La politica o è una passione e un impegno oppure non lo è. Coloro che bramano il potere, la cui felicità si basa sull'accumulo e sulla ricchezza, sono un pericolo in politica. Non è che siano persone cattive, ce ne sono alcune con enormi capacità, ma quella capacità è posta al servizio dell'accumulazione di risorse e ricchezza. La concentrazione del potere politico ed economico nelle stesse mani è una minaccia per la democrazia.

Come vede cosa sta succedendo nel mondo con la distribuzione dei vaccini Covid-19 e il fenomeno di politicizzazione che ne è derivato?

[Vladimir] Putin non poteva pensare a niente di meglio da fare che chiamare il suo vaccino Sputnik. Ha politicizzato tutto inutilmente. E quello che sta succedendo ora è che le persone più povere saranno le ultime a farsi vaccinare. Il ruolo dell'America Latina è triste a questo riguardo. Anche gli africani ci stanno insegnando una lezione qui. L'Unione africana ha acquistato 230 milioni di vaccini. Cinquantaquattro paesi che parlano lingue diverse erano tutti d'accordo e noi latinoamericani, che parlano tutti la stessa lingua, non potevamo riunirci per avere un potere contrattuale nell'acquisto di vaccini. È deplorevole!

Questa pandemia ha rappresentato uno specchio per le società umane, mostrandoci cosa siamo veramente. La solidarietà, i diritti umani e il resto sono belli, ma quando arriva il momento critico, sono tutti per se stessi.

C'è una soluzione all'enorme disuguaglianza sociale nel mondo?

Tra il 1985 e il 1990 il livello di concentrazione della ricchezza è salito alle stelle. In America Latina, anche durante la pandemia, ogni due o tre giorni viene creato un nuovo "miliardario". E le banche non vanno mai male. Viviamo in un mondo in cui le risorse sono aumentate in modo significativo ma la concentrazione della ricchezza è aumentata in modo ancora più proporzionale. E questo è un grave problema per la politica, perché un'eccessiva concentrazione di ricchezza significa un'eccessiva concentrazione di potere. Il mondo sta ora vivendo un processo di concentrazione radicale della ricchezza come quello che ha avuto luogo tra il 1890 e il 1914.

Le politiche fiscali progressive sono un buon modo per avere un impatto positivo sulla ridistribuzione della ricchezza. Chi ha di più dovrebbe pagare di più. In Europa, la riscossione delle imposte negli anni '60 e '70 era proporzionalmente molto più alta di quanto non sia ora. Ma poi c'è stato uno spostamento verso politiche fiscali regressive di cui le persone generalmente non sono ben informate. C'è stata una vera rivoluzione conservatrice nella politica fiscale e proporzionalmente chi ha di più tende a pagare di meno. L'IVA (Imposta sul valore aggiunto) è la più importante fonte di entrate per i governi, e sappiamo tutti chi la paga: le famiglie meno abbienti che spendono la maggior parte del loro reddito in cibo, dove è impossibile detrarre questa tassa. La questione della tassazione finirà per dare il tono alla distribuzione nella società.

Lo stato sociale era basato sulla creazione di beni pubblici come l'istruzione, l'assistenza sanitaria, ecc. Questo deve essere pagato con risorse autentiche, non è un dono dello Spirito Santo. Si dice che il paese più equo nella storia moderna fosse la Svezia nel 1980, ma aveva una politica fiscale molto rigida che consentiva allo stato svedese di costruire una quantità molto significativa di beni pubblici. E chi trae vantaggio dall'esistenza di beni pubblici? I settori più svantaggiati della società. Ma l'affermazione più comune che sentiamo oggigiorno è che il costo dello Stato deve essere abbassato.

Che ruolo gioca la classe media in questo contesto?

Le classi medie sono frustrate dalla concentrazione della ricchezza e del potere nelle mani di una piccola minoranza plutocratica e dalla loro incapacità di accedervi. Di conseguenza, si sono rivolti sempre più alla politica reazionaria. Ed è per questo che siamo finiti con Trump. La classe media frustrata, bloccata e incapace di crescere, è ciò che ha portato Trump alla Casa Bianca. Un dirigente sindacale a Detroit ha detto qualche tempo fa: guadagno lo stesso di mio nonno 30 anni fa, in termini di valore, non di denaro.

Tutto ciò crea un'immensa pressione sociale. Le persone tendono a votare contro i poteri forti, a mostrare disprezzo per l'establishment. Non sanno davvero per cosa votano, ma sanno contro cosa votano. Lo abbiamo visto negli Stati Uniti e lo abbiamo visto in Francia con [Emmanuel] Macron, che è venuto fuori dal nulla e ha devastato i partiti politici più anziani, ma subito dopo ha avuto i giubbotti gialli che incendiavano le strade . Pensi che il Messico sia diventato un paese di sinistra solo perché ha eletto [Andrés Manuel] López Obrador? No! La gente ha votato contro il PRI [Partito Rivoluzionario Istituzionale che ha governato il Messico per più di 70 anni], la stessa cosa che è successa in Brasile con Bolsonaro. Queste erano reazioni anti-establishment delle classi medie che sono frustrate dalla concentrazione di ricchezza che sta avvenendo nel mondo, e questo è molto pericoloso.

Infine, signor Mujica, c'è un dibattito in Uruguay e in tutto il mondo su come gli Stati finanzieranno le crescenti spese per la sicurezza sociale a causa della crescente aspettativa di vita. Durante la sua Presidenza ha indicato la necessità di iniziare a discutere di questo problema e la domanda è: esiste una soluzione a questo problema?

Nel contesto dell'America Latina, l'Uruguay ha trattato abbastanza bene i suoi anziani, a scapito di molti giovani. Ma la domanda che sorge è: può essere mantenuto? Il problema è che dobbiamo capire è che il sistema di sicurezza sociale attualmente non ha le risorse per stare al passo con l'invecchiamento della popolazione. I numeri non tornano. E ciò che contribuiamo non paga per ciò che riceviamo. Ciò significa che dobbiamo attingere da qualche altra parte per sostenere gli anziani e nessun governo vuole assumersi questa responsabilità. Non possiamo avere un paese con giustizia sociale che si prenda cura dei suoi anziani e non diventi più costoso. L'Uruguay è un paese costoso perché ha una serie di beni pubblici e sappiamo già che se li sacrifichiamo la stragrande maggioranza delle persone sarà fregata.

Ci attende una grande sfida e le opzioni sono sempre politiche, non tecniche. C'è anche un problema culturale molto significativo perché attualmente viviamo in un'epoca in cui siamo spinti a pensare che la felicità significhi comprare cose nuove tutto il tempo, e finiamo per indebitarci per comprarle. Questo ci porta a perdere il senso di ciò che è veramente importante e di ciò che è accessorio. Il marketing è l'arte e la scienza di mantenere le persone dipendenti e sotto controllo, inseguire la felicità, comprare cose nuove che pagano con il loro tempo prezioso. La cultura del marketing esercita una brutale forma di dominio che agisce direttamente sulle nostre menti.

 

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.