La Grecia sta progettando un sistema di sorveglianza automatizzato da 40 milioni di euro ai confini con la Macedonia del Nord e l’Albania

 

Fonte Algorithmwatch

 

 

 

 

La Commissione europea vuole che la Grecia costruisca un muro automatizzato per impedire ad alcune persone di lasciare il Paese. La gente del posto non è entusiasta, ma la loro opinione conta poco.

Molte persone con passaporto siriano, afghano, somalo, bengalese o pakistano che cercano asilo nell’Unione europea lasciano la Grecia quando hanno la sensazione che la loro situazione amministrativa non migliorerà lì. Il percorso verso altri paesi dell’UE attraverso i Balcani inizia nel nord della Grecia, prosegue verso la Macedonia del Nord o l’Albania. La polizia greca, si dice, è piuttosto rilassata nei confronti delle persone che lasciano il paese.

“Molte persone che passano dalla nostra zona vogliono andare in Europa”, dice Konstantinos Sionidis, sindaco di Paionia, un comune operaio di 30.000 abitanti al confine settentrionale della Grecia. “Non è una situazione piacevole per noi”, aggiunge.

Una mappa della Grecia settentrionale con evidenziata la posizione del comune di Paionia.

Ma uscire da via Paionia si fa sempre più difficile. Nel maggio 2023, le guardie Frontex hanno iniziato a pattugliare il confine con la Macedonia del Nord. Vicino all’autostrada, una giovane donna della Sierra Leone ha detto che lei e la sua amica hanno tentato di andarsene quattro volte nell’ultimo mese. Una volta arrivarono fino al confine serbo. Le altre volte sono stati arrestati immediatamente di notte nella Macedonia del Nord, mentre uscivano dalla foresta, da agenti di Frontex che chiedevano “Vuoi andare in Germania?” (No.) “Non ci vogliono qui [in Grecia]”, dice. “Andiamo!”

Tuttavia, la Commissione europea ha in programma di rendere più difficile per le persone viaggiare attraverso la Macedonia del Nord (e altre parti della rotta dei Balcani occidentali). Secondo un documento di programmazione nazionale per il finanziamento UE della “gestione delle frontiere” per le autorità greche nel periodo 2021-2027, sono stanziati 47 milioni di euro per costruire un “sistema automatizzato di sorveglianza delle frontiere” ai confini della Grecia con la Macedonia del Nord e l’Albania. Il nuovo sistema sarà esplicitamente modellato su quello già implementato al confine terrestre con la Turchia, lungo il fiume Evros.

Il muro di confine virtuale

Evros è descritta come un “banco di prova” di sorveglianza. All’inizio degli anni 2000, la polizia utilizzava termocamere e binocoli per individuare le persone che tentavano di attraversare il confine. Mentre la Grecia e altri Stati membri aumentavano i loro sforzi per tenere le persone fuori dall’UE, sono arrivati ​​più finanziamenti per droni, rilevatori di battito cardiaco, più guardie di frontiera – e per un “sistema automatizzato di sorveglianza delle frontiere”.

Nel 2021, il governo greco ha inaugurato decine di torri di sorveglianza, dotate di telecamere, radar e sensori di calore. I funzionari hanno affermato che questi sarebbero in grado di allertare le stazioni di polizia regionali nel caso in cui rilevassero persone che si avvicinano al confine. All’epoca, i media erano entusiasti di questo “scudo elettronico” 24 ore su 24 che avrebbe “sigillato” Evros con telecamere in grado di vedere “fino a 15 km” in Türkiye.

La Grecia non è il primo paese ad accettare la visione di una sorveglianza delle frontiere automatizzata e onnipotente. La Repubblica Democratica Tedesca, ad esempio, ha installato fucili automatizzati vicino al confine con la Germania occidentale. Ma l’origine dell’attuale tendenza verso le frontiere automatizzate risiede negli Stati Uniti. Negli anni ’70, i sensori originariamente costruiti per l’impiego in Vietnam furono installati al confine con il Messico. Da allora, “il rapporto tra sorveglianza e applicazione della legge è stato quello tra venditori e funzionari non esperti”, afferma Dave Maas, investigatore presso la Electronic Frontier Foundation. “Qualcuno compra torri di sorveglianza, lascia l’incarico e tre amministrazioni dopo, la gente dice: ‘ Ehi, questo non ha mantenuto i risultati promessi’ , e poi la nuova persona dice: ‘ Beh, non sono stato io a pagarlo, quindi ecco la mia prossima idea’. 

Al confine tra Stati Uniti e Messico, le torri sono “come uno spaventapasseri”, dice Geoff Boyce, che dirigeva l’Earlham College Border Studies Program in Arizona. La sua ricerca ha dimostrato che, nei casi in cui i migranti potevano vedere le torri, prendevano percorsi più lunghi e pericolosi per evitare di essere scoperti. “Le persone stanno morendo fuori dal campo visivo delle torri”.

Non sono disponibili dati che suggeriscano che il sistema greco sia diverso. Mentre il governo greco condivide poche informazioni sul sistema di Evros, l’ex ministro per la protezione dei cittadini Takis Theodorikakos ne ha parlato all’inizio di quest’anno in una sessione parlamentare . Ha affermato che il sistema di sorveglianza della frontiera a Evros è stato utilizzato per produrre statistiche ufficiali sulle persone scoraggiate al confine di Evros nel 2022. Ma le telecamere termiche, ad esempio, non possono mostrare un numero esatto di persone, o addirittura differenziare le persone dagli animali.

A Evros il sistema automatizzato di sorveglianza delle frontiere doveva essere utilizzato anche per missioni di ricerca e salvataggio. L’anno scorso, un gruppo di richiedenti asilo è rimasto bloccato su un isolotto sul fiume Evros per quasi un mese. Deutsche Welle ha riferito che un vicino traliccio dotato di sensori di calore e telecamere avrebbe dovuto essere in grado di localizzare immediatamente il gruppo. Da allora, le autorità hanno continuato ad essere accusate di ritardare le missioni di salvataggio.

“Alla frontiera, a volte è possibile vedere con i propri occhi le persone bloccate”, afferma Lena Karamanidou, che da decenni studia la violenza alle frontiere a Evros. “E [loro] dicono che le telecamere che possono vedere fino a 15 chilometri in Türkiye non possono vederli.”

Tenere dentro le persone 

A differenza del sistema di Evros, lo scopo dei nuovi sistemi automatizzati di sorveglianza delle frontiere sembra essere quello di impedire alle persone di lasciare la Grecia. Le attuali pratiche di polizia sono molto diverse da quelle di Evros.

Al confine tra la Grecia e la Macedonia del Nord, “abbiamo sentito notizie secondo cui la polizia incoraggiava attivamente le persone a lasciare il paese”, afferma Manon Louis dell’organizzazione di controllo Border Violence Monitoring Network. “Nelle testimonianze raccolte da BVMN, le persone hanno riferito che la polizia greca li aveva lasciati al confine con la Macedonia”.

“È un segreto di Pulcinella”, dice Alexander Gkatsis dell’Open Cultural Center, un’organizzazione no-profit nel centro di Paionia, “lo sanno tutti in questa zona”.

Trent’anni fa, molte persone venivano dall’Albania a Paionia, quando c’erano più posti di lavoro nelle fabbriche di abbigliamento e nell’agricoltura, molti dei quali ora sono svolti dalle macchine. In questi giorni, la regione sta lottando contro la disoccupazione e i bassi salari. Nel 2015 ha attirato l’attenzione dei media internazionali per aver ospitato il famigerato campo di Idomeni. Sionidis, il sindaco di Paionia, dice di non sapere nulla dei piani per un sistema di frontiera automatizzato finché non glielo abbiamo chiesto.

“La politica migratoria viene decisa dal ministro dell’immigrazione ad Atene”, dice Sionidis. Non è stato nemmeno consultato sull’arrivo di Frontex a Paionia qualche anno fa. Ma ammette volentieri che il suo Comune non è che una piccola pedina in un negoziato a livello europeo. “[Bruxelles e Atene] devono prendere una decisione per l’intero confine europeo”, afferma Sionidis, “Se non abbiamo il muro elettronico qui, non lo avremo a Evros”.