Sciopero alla Tesla in Svezia: quali saranno gli effetti più ampi?

Fonte  Globallabourcolumn che ringraziamo

 

-Martin Klepke

I sindacati svedesi potrebbero riuscire nello sciopero in corso contro Tesla in Svezia, ma forse non in un modo che renda necessariamente più facile per i lavoratori di altri paesi richiedere accordi collettivi con Tesla.

In Svezia è ormai in corso da alcune settimane lo sciopero contro il colosso automobilistico Tesla, dopo che il sindacato ha tentato per cinque anni di avviare trattative per un contratto collettivo, che Tesla si rifiuta di fornire.

Interruttori dello sciopero

Durante queste settimane di sciopero, i conflitti si sono intensificati notevolmente. Tesla ha incoraggiato attivamente lo sciopero e ha fatto entrare gli crumiri attraverso un cancello delle sue strutture mentre le guardie in sciopero stavano dall’altro.

Tesla ha anche fatto causa allo stato svedese perché la società non è stata in grado di ottenere le targhe per le sue auto appena vendute, poiché il sindacato postale Seko ha iniziato uno sciopero di solidarietà a sostegno dei lavoratori Tesla.

Tesla ha anche citato in giudizio la società postale statale PostNord perché non consente ai dipendenti non sindacalizzati di consegnare posta e targhe. Tesla chiede che lo Stato svedese intervenga e ordini alle persone di diventare crumiri, cosa che ha attirato molta attenzione. L’ultima volta che lo Stato ha ordinato alle persone di diventare crumiri è stato durante lo sciopero delle miniere nella Svezia occidentale nel 1926. [1]

In Svezia, quasi tutte le principali aziende e quasi il 90% della forza lavoro del paese sono coperti da contratti collettivi. Sia le organizzazioni sindacali centrali che le organizzazioni centrali dei datori di lavoro concordano sul fatto che tutti dovrebbero essere coperti da contratti collettivi.

A differenza degli Stati Uniti e di molti paesi europei, in Svezia non esiste un salario minimo stabilito per legge. La Svezia inoltre non applica alcuna dichiarazione generale sulla validità dei contratti collettivi. Pertanto, l’intero onere delle trattative salariali ricade sulle parti coinvolte. Per i datori di lavoro, è importante che tutte le aziende stipulino contratti collettivi per evitare che le aziende vengano eliminate a causa di una concorrenza salariale sleale.

Anche in Svezia la possibilità di azioni di solidarietà è ampia, sia per i dipendenti attraverso scioperi di solidarietà, sia per i datori di lavoro attraverso estese serrate. Tuttavia, la Svezia è uno dei paesi europei meno inclini agli scioperi. L’ultimo grande conflitto tra sciopero e serrata si è verificato nel 1980, quando l’organizzazione centrale sindacale LO ha indetto uno sciopero di oltre 100.000 lavoratori e i datori di lavoro hanno risposto bloccando 575.000 lavoratori.

L’uso degli crumiri da parte di Tesla ha portato molti sindacati a organizzare scioperi di solidarietà a sostegno dei lavoratori Tesla. Anche l’Unione dei musicisti ha esplorato la possibilità di bloccare la riproduzione della propria musica nelle auto Tesla.

Lo sciopero potrebbe avere ripercussioni a livello internazionale?

Lo sciopero alla Tesla in Svezia potrebbe avere ripercussioni in altri paesi? A livello internazionale, lo sciopero è significativo, poiché Tesla ha adottato a livello globale una posizione estremamente antisindacale. La speranza è che, se lo sciopero per un contratto collettivo presso gli stabilimenti Tesla avesse successo in Svezia, potrebbe aprire la strada al progresso sindacale negli altri stabilimenti Tesla in tutto il mondo.

La questione è se sia realistico. Mentre molti conflitti simili con aziende multinazionali sono stati risolti a favore dei dipendenti – come con Toys R Us e recentemente con l’azienda fin-tech Klarna, che hanno entrambi firmato contratti collettivi dopo il conflitto – altri conflitti, come ad esempio con Amazon, si sono conclusi con Amazon che consente ad altre aziende – con contratti collettivi – di rappresentarle in Svezia.

Il sindacato industriale svedese IF Metall ha affermato che questa è una soluzione possibile. Per il sindacato l’importante è che i membri abbiano un contratto collettivo sul posto di lavoro, indipendentemente da quale azienda gestisca l’attività. Poiché Tesla afferma di avere le stesse condizioni dei contratti collettivi, a Tesla non dovrebbe importare.

Tuttavia, ciò che depone contro tale soluzione è che Tesla ha una tradizione di lavoro fortemente antisindacale. L’odio verso i sindacati potrebbe quindi ostacolare una soluzione pragmatica e rapida allo sciopero Tesla in Svezia. Al contrario, la maggior parte delle indicazioni ora suggeriscono che sarà un conflitto prolungato.

 


[1] Lo sciopero del 1926 si concluse con una sconfitta sindacale. In parlamento, i liberali, insieme ai conservatori, hanno votato per ordinare ai lavoratori di diventare crumiri. Ciò portò alla rottura della cooperazione governativa tra liberali e socialdemocratici e alle dimissioni del primo ministro socialdemocratico.


Scarica questo articolo in formato PDF