Vai al contenuto

COVID-19 e la dipendenza globale dalla manodopera migrante a basso costo

Fonte Opendemocracy.net

La pandemia COVID-19 ha evidenziato la dipendenza strutturale del mondo dalla manodopera sfruttabile.

Randall Hansen
6 ottobre 2020

Nel novembre 2019, un funzionario del governo federale ha visitato la Munk School dell'Università di Toronto e ha chiesto alla sua facoltà di delineare le future minacce globali. Abbiamo parlato di disuguaglianza, fame, cambiamento climatico, servizi igienici e inquinamento da plastica, tra gli altri. Nessuno ha menzionato un microbo; una discussione sulla minaccia dell'immunità agli antibiotici è stata quanto di più vicina abbiamo avuto.

Quattro mesi dopo, tutti in quella stanza erano bloccati. COVID-19 ha colpito il mondo mentre un treno merci colpisce un'auto bloccata a un passaggio a livello. Il virus ha fatto a pezzi il ritmo della nostra vita quotidiana e riconfigurerà le nostre economie e la nostra politica.

Come esattamente lo farà non è chiaro, ma questo è certo: in tutto il mondo, gli standard di vita della classe media dipendono dal lavoro e - durante una pandemia globale - dalla morte di un esercito di lavoratori migranti a buon mercato. Il virus ha messo in luce questa dipendenza, ma non c'è nulla di nuovo al riguardo; è stata una caratteristica fondamentale del capitalismo nazionale e globale almeno dagli anni '70. E, nonostante tutti i discorsi su un mondo nuovo e più giusto che emergerà dalle ceneri di COVID-19, la dipendenza del mondo dal lavoro a basso costo non sta andando da nessuna parte.

Il virus ha evidenziato la dipendenza strutturale del mondo da manodopera a basso costo e sfruttabile.

Con la diffusione dei blocchi in tutto il mondo a febbraio (in gran parte dell'Asia) e marzo (in gran parte dell'Europa e del Nord America), i migranti poco qualificati hanno subito una combinazione di quattro destini: disoccupazione, internamento, espulsione e infezione.

In Turchia , la pandemia ha ridotto la crescita interna e le rimesse estere, e i primi ad essere licenziati sono stati molti dei 3,7 milioni di rifugiati siriani che lavorano nel settore informale. Nella chiusa Singapore , 30.000 lavoratori migranti sono stati confinati in dormitori stipati con ben venti letti a castello per stanza. In India, quando il 24 marzo il primo ministro Modi ha chiuso un paese di 1,3 miliardi di persone, almeno 600.000 migranti interni hanno cercato di tornare a casa , intasando strade e ferrovie in scene che evocavano ricordi dei grandi voli ed espulsioni durante la partizione. Quando l'Arabia Saudita è entrata in blocco, il Regno ha espulso oltre 2.800 migranti etiopi .

 

Questi blocchi, licenziamenti ed espulsioni hanno evidenziato il grado in cui sia il sud del mondo che il nord del mondo sono strutturalmente dipendenti da migranti (e) economici. Con $ 554 miliardi a livello globale nel 2019 , le rimesse forniscono più entrate degli aiuti internazionali; in Tagikistan , le rimesse annuali di oltre un milione di lavoratori ospiti in Russia sono responsabili della metà del PIL del paese. A causa della pandemia, le rimesse globali potrebbero diminuire fino a 108 miliardi di dollariquest'anno. Ma il sud del mondo dipende anche dalla manodopera dei migranti a basso costo - principalmente migranti interni in India e Cina, principalmente migranti esterni in Malesia, Hong Kong, Singapore, Tailandia e negli Stati del Golfo - per la costruzione, produzione, lavorazione della carne, assistenza, numerosi altri lavori umili.

In un mondo più povero che soffre di gravi danni strutturali causati da virus, la domanda di manodopera a basso costo - e manodopera migrante a basso costo - sarà solo più forte

Nel nord del mondo, più settori dipendono dalla manodopera migrante poco qualificata, ma due dipendono da essa in misura superlativa: l'agricoltura e il confezionamento della carne. Nel confezionamento della carne e nella lavorazione della carne, i lavoratori lavorano guancia a guancia, tagliando via pollame, maiale e manzo mentre vola a velocità di linea che sono aumentate di decennio su decennio. I lavoratori migranti vivono in alloggi stipati, spesso squallidi. La tratta di esseri umani, inclusi inganni contrattuali, furto di salari e conservazione di documenti illegali, è comune. Il settore è stato un incubatore perfetto per il coronavirus: in Germania, Irlanda, Francia, Belgio, Polonia, Paesi Bassi e Stati Uniti, gli stabilimenti di lavorazione della carne sono diventati hotspot COVID-19 e il virus ha infettato decine di migliaia di lavoratori. Solo negli Stati Uniti, 16.200 lavoratori degli stabilimenti di carne e pollame sono risultati positivi già a maggio (l'ultima data per la quale il CDC ha prodotto numeri) e 86 sono morti; L'87% dei morti erano minoranze .

Gran parte dei commenti dei media hanno espresso shock, persino indignazione, per questi sviluppi. Non è ovvio il motivo, dal momento che l'economia globale dipende direttamente da un serbatoio di manodopera a basso costo e spendibile. Secondo le statistiche dell'Ufficio internazionale del lavoro, il 21% dei migranti globali sono scarsamente qualificati, ma questa è probabilmente una sottostima, poiché gran parte del lavoro nominalmente medio-qualificato è in realtà poco qualificato. L'applicazione sistematica da parte delle aziende di metodi tayloristi a partire dagli anni '70 ha trasformato lavori precedentemente qualificati - commessi di negozio, assemblatori, cassieri di supermercati e supporto d'ufficio - in manodopera poco qualificata. Le aziende hanno eliminato la formazione, le funzioni di routine e la tecnologia utilizzata (il codice a barre è un ottimo esempio) per ridurre le competenze. Scarse competenze significa non sindacalizzati, scarsamente retribuiti e con pochi o nessun beneficio. L'esistenza di un substrato di lavoratori mal pagati nella vendita al dettaglio, nell'ospitalità, nell'edilizia, nell'agricoltura e nel confezionamento della carne significa che vestiti, case, fast food, generi alimentari e tutti i tipi di prodotti al dettaglio sono più economici di quanto sarebbero altrimenti. Le condizioni in cui vengono prodotti questi beni e servizi sono così poco attraenti che i lavoratori locali escono dal settore, o per lavori meglio retribuiti o per disoccupazione e abuso di sostanze. Quando lo fanno, i lavoratori migranti vengono introdotti - legalmente o illegalmente - per ricoprire le posizioni. o per lavori meglio retribuiti o per disoccupazione e abuso di sostanze. Quando lo fanno, i lavoratori migranti vengono introdotti - legalmente o illegalmente - per ricoprire le posizioni. o per lavori meglio retribuiti o per disoccupazione e abuso di sostanze. Quando lo fanno, i lavoratori migranti vengono introdotti - legalmente o illegalmente - per ricoprire le posizioni.

Il processo è globale: i filippini poco qualificati migrano a Hong Kong per lavorare come governanti; cambogiani e birmani poco qualificati emigrano in Thailandia per lavorare nell'agricoltura e nella produzione; messicani poco qualificati emigrano negli Stati Uniti per lavorare nel confezionamento della carne, nell'agricoltura, nell'edilizia e nell'assistenza; Bangladesh poco qualificati, indonesiani e asiatici centrali migrano, rispettivamente, negli Stati del Golfo, in Malesia e in Russia per lavorare nell'edilizia. In India e in Cina, decine di milioni di migranti interni svolgono la stessa funzione. Il virus e le sue conseguenze non cambieranno di una virgola queste dinamiche. In effetti, in un mondo più povero che soffre di gravi danni strutturali causati da virus, la domanda di manodopera a basso costo - e manodopera migrante a basso costo - sarà solo più forte.