Vai al contenuto

Distopia high-tech: la ricetta che si sta sviluppando a New York per il post-coronavirus. Di Naomi Klein

Fonte La Vaca

In questo articolo rivelatore di The Interccept, la giornalista canadese Naomi Klein analizza la firma dell'ex CEO di Google Eric Schmidt a capo di una commissione per "reimmaginare la realtà post-Covid" a New York dove, dice, inizia a prendere forma un futuro dominato dall'associazione degli Stati con gli Stati Uniti. Giganti della tecnologia: "Ma le ambizioni vanno ben oltre i confini di qualsiasi stato o paese". Klein definisce una Dottrina di Pandemic Shock, che definisce la Nuova Alleanza o New Screen Deal. Pone il chiaro e semplice rischio che questa politica aziendale minacci di distruggere il sistema educativo e sanitario. Tracciamento dei dati, commercio senza contanti, telehealth, scuola virtuale e persino palestre e carceri, parte di una proposta "senza contatto e altamente redditizia". Quarantena come laboratorio dal vivo, uno "specchio nero" e l'accelerazione di questa distopia dal coronavirus: "Ora, in un contesto straziante di morte di massa, ci viene venduta la dubbia promessa che queste tecnologie sono l'unico modo possibile per proteggere la nostra vita da una pandemia " Quali sono i (sempre) dubbi e come, sotto il pretesto dell'intelligenza artificiale, le corporazioni lottano di nuovo per il potere di controllare le vite.(Tradotto da Agencia Lavaca.org).

Di Naomi Klein per The Intercept

Eric Schmidt, un dirigente di Google, era stato osservato dal governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo.

Durante il briefing quotidiano sul coronavirus del Governatore di New York Andrew Mercoledì, la triste smorfia che ha riempito i nostri schermi per settimane è stata brevemente sostituita da qualcosa di simile a un sorriso.

L'ispirazione per queste vibrazioni insolitamente buone è stata un contatto video dell'ex CEO di Google Eric Schmidt, che si è unito al briefing del governatore per annunciare che sarà a capo di una commissione per reinventare la realtà post-Covid dello Stato di New York , con enfasi integrare in modo permanente la tecnologia in tutti gli aspetti della vita civile.

"Le prime priorità di ciò che stiamo cercando di fare", ha affermato Schmidt, "sono incentrate sulla telehealth, sull'apprendimento remoto e sulla banda larga ... Dobbiamo trovare soluzioni che possano essere presentate ora e accelerare l'uso della tecnologia per migliorare le cose". Per non dubitare che gli obiettivi dell'ex CEO di Google fossero puramente benevoli, il suo background video presentava un paio di ali d'angelo d'oro incorniciate.

Appena un giorno prima, Cuomo aveva annunciato una collaborazione simile con la Bill e la Melinda Gates Foundation per sviluppare "un sistema educativo più intelligente". Chiamando Gates un "visionario", Cuomo ha affermato che la pandemia ha creato "un momento nella storia in cui possiamo incorporare e far avanzare le idee [di Gates] ... Tutti questi edifici, tutte queste aule fisiche, per cosa, con tutta la tecnologia che hai? » chiese, apparentemente retoricamente.

Ci è voluto un po 'di tempo per costruire, ma qualcosa come una dottrina di shock pandemico sta iniziando a emergere. Chiamiamolo "Screen New Deal". Con molta più alta tecnologia di qualsiasi altra cosa abbiamo visto nelle catastrofi precedenti, il futuro sta forgiando mentre i corpi accumulano ancora le ultime settimane di isolamento fisico non come una dolorosa necessità di salvare vite umane, ma come un laboratorio vivente. per un futuro permanente e altamente redditizio senza contatto.

Anuja Sonalker, CEO di Steer Tech, una società con sede nel Maryland che vende tecnologia self-parking, ha recentemente riassunto il nuovo discorso che il virus genera. "Esiste una tendenza definita verso la tecnologia senza contatto umano", ha affermato. "Gli esseri umani sono a rischio biologico, le macchine no."

È un futuro in cui le nostre case non saranno mai più spazi esclusivamente personali, ma anche, attraverso la connettività digitale ad alta velocità, le nostre scuole, studi medici, le nostre palestre e, se lo stato determina, le nostre prigioni. Naturalmente, per molti di noi, quelle stesse case stavano già diventando i nostri luoghi di lavoro senza fine e le nostre migliori sale di intrattenimento prima della pandemia, e l'incarcerazione di "comunità" era già in aumento. . Ma in futuro, in una costruzione frettolosa, tutte queste tendenze sono pronte per un'accelerazione della velocità di curvatura (modo teorico di muoversi più veloce della  velocità  della luce) .

Questo è un futuro in cui, per i privilegiati, quasi tutto viene consegnato a casa, virtualmente attraverso la tecnologia di trasmissione e nel cloud, o fisicamente attraverso un veicolo senza conducente o un drone, e quindi la schermata "condivisa" su una piattaforma mediata. È un futuro che impiega molti meno insegnanti, medici e autisti. Non accetta contanti o carte di credito (con il pretesto del controllo dei virus) e ha il trasporto pubblico scheletrico e molto meno arte dal vivo. È un futuro che pretende di essere basato sull'intelligenza artificiale, ma in realtà è tenuto insieme da decine di milioni di lavoratori anonimi che si nascondono in magazzini, data center, fabbriche di moderazione dei contenuti, officine elettroniche, miniere di litio, fattorie industriali impianti di lavorazione della carneÈ un futuro in cui ognuno dei nostri movimenti, le nostre parole, le nostre relazioni possono essere rintracciati e dati estratti attraverso accordi senza precedenti tra il governo e i giganti della tecnologia.

Se tutto ciò suona familiare, è perché, prima di Covid, questo futuro preciso, guidato dalle app e pieno di concerti, ci è stato venduto in nome della convenienza, dell'attrito e della personalizzazione. Ma molti di noi avevano preoccupazioni. Sulla sicurezza, qualità e disuguaglianza della telehealth e delle aule online. Informazioni su auto senza conducente che abbattono pedoni e droni che distruggono pacchi (e persone). Informazioni sul tracciamento della posizione e sul trading senza contanti che cancella la nostra privacy e rafforza la discriminazione razziale e di genere. Su piattaforme social senza scrupoli che avvelenano la nostra ecologia dell'informazione e la salute mentale dei nostri bambini. A proposito di "città intelligenti" piene di sensori che sostituiscono il governo locale. A proposito dei buoni lavori eliminati da queste tecnologie. A proposito dei cattivi lavori che hanno prodotto in massa.

E, soprattutto, eravamo preoccupati della ricchezza e del potere che minacciavano la democrazia accumulata da una manciata di aziende tecnologiche che sono padroni dell'abdicazione, evitando ogni responsabilità per i resti che rimangono nei campi che ora dominano, siano essi media, vendita al dettaglio o trasporto.

 Quello era l'antico passato noto come "febbraio". Oggi, un'enorme ondata di panico porta via molte di quelle preoccupazioni ben fondate e questa distopia accesa sta subendo un urgente rebranding del lavoro. Ora, in un contesto straziante di morte di massa, ci viene venduta la dubbia promessa che queste tecnologie sono l'unico modo possibile per proteggere la nostra vita da una pandemia, le chiavi indispensabili per proteggere noi stessi e i nostri cari.

Grazie a Cuomo e alle sue varie collaborazioni multimilionarie (di cui una con Michael Bloomberg per i test e la tracciabilità), lo Stato di New York si posiziona come il brillante showroom per questo futuro desolato, ma le ambizioni vanno ben oltre i confini di qualsiasi stato o paese.

E al centro di tutto c'è Eric Schmidt. Molto prima che gli americani comprendessero la minaccia Covid-19, Schmidt aveva partecipato a una campagna di lobbying, lobbying e pubbliche relazioni aggressiva proprio alla guida della visione della società di Black Mirror (o Black Hope, secondo la serie inglese) secondo cui Cuomo dagli solo il potere di costruire. Al centro di questa visione c'è la perfetta integrazione del governo con una manciata di giganti della Silicon Valley: con scuole pubbliche, ospedali, studi medici, polizia e militari, tutte le principali funzioni sono esternalizzate (a costi elevati) a società private in tecnologia.

È una visione in cui Schmidt ha fatto progressi nelle sue funzioni di presidente del Defence Innovation Board, che consiglia il Dipartimento della Difesa sull'uso crescente dell'intelligenza artificiale in campo militare e come presidente della potente Commissione di sicurezza. National on Artificial Intelligence, o NSCAI, che consiglia il Congresso su "Progressi nell'intelligenza artificiale, sviluppi relativi all'apprendimento automatico e alle tecnologie associate", con l'obiettivo di affrontare "le esigenze di sicurezza nazionale ed economica degli Stati Uniti, tra cui il rischio economico ». Entrambe le schede sono piene del potente CEOS della Silicon Valley e dei dirigenti di aziende come Oracle, Amazon, Microsoft, Facebook e, naturalmente, i colleghi di Schmidt presso Google.

In qualità di presidente, Schmidt  possiede  ancora oltre 5,3 miliardi di dollari in azioni di Alphabet (la società madre di Google), oltre a ingenti investimenti in altre società tecnologiche, ha sostanzialmente effettuato una ristrutturazione con sede a Washington per conto di Silicon. Valle. L'obiettivo principale delle due camere aziendali è quello di richiedere aumenti esponenziali della spesa pubblica nella ricerca e nelle infrastrutture di intelligenza artificiale che consentano tecnologie come il 5G, investimenti che andrebbero a beneficio diretto delle aziende in cui Schmidt e altri membri di questi gruppi hanno ampie partecipazioni.

Dapprima in presentazioni a porte chiuse per i legislatori, e successivamente in pezzi di opinione e interviste pubbliche, l'argomento di Schmidt è stato che dal momento che il governo cinese è disposto a spendere denaro pubblico illimitato per costruire infrastrutture di sorveglianza ad alta tecnologia, mentre Consente a società tecnologiche cinesi come Alibaba, Baidu e Huawei di raccogliere i benefici delle applicazioni commerciali, la posizione dominante degli Stati Uniti nell'economia globale è sull'orlo del collasso.

L'Electronic Privacy Information Center ha recentemente ottenuto l'accesso tramite una richiesta del Freedom of Information Act a una  presentazione  fatta dalla NSCAI di Schmidt un anno fa, a maggio 2019. Le sue diapositive sollevano una serie di affermazioni allarmistiche su come L'infrastruttura normativa cinese relativamente rilassata e il suo appetito senza fondo per la sorveglianza stanno portando avanti gli Stati Uniti. in vari settori, tra cui l'intelligenza artificiale per la diagnostica medica, i veicoli autonomi, l'infrastruttura digitale, le città intelligenti, il carsharing e il commercio senza contanti.

Le ragioni addotte per il vantaggio competitivo della Cina sono innumerevoli, dal grande volume di consumatori che acquistano online; "La mancanza di sistemi bancari legacy in Cina", che le ha permesso di saltare su contanti e carte di credito e scatenare "un enorme mercato per il commercio elettronico e i servizi digitali" utilizzando "pagamenti digitali"; e una grave carenza di medici, spingendo il governo a lavorare a stretto contatto con aziende tecnologiche come Tencent per usare l'IA (intelligenza artificiale) come medicina "predittiva". Le diapositive sottolineano che in Cina le società tecnologiche "hanno l'autorità di rimuovere rapidamente le barriere normative, mentre le iniziative statunitensi sono coinvolte nella conformità HIPPA e nell'approvazione della FDA".

Tuttavia, più di ogni altro fattore, l'NSCAI segnala la volontà della Cina di adottare partenariati pubblico-privato nella sorveglianza di massa e nella raccolta di dati come motivo del suo vantaggio competitivo. La presentazione promuove "il sostegno esplicito e la partecipazione del governo cinese, ad esempio, nella diffusione del riconoscimento facciale". Sostiene che "la sorveglianza è uno dei" primi e migliori clienti "di Al" e, inoltre, che "la sorveglianza di massa è un'app killer per l'apprendimento profondo".

Una diapositiva intitolata "Set di dati statali: sorveglianza = città intelligenti" fa notare che la Cina, insieme al principale concorrente cinese di Google Alibaba, sta andando avanti.

Ciò è notevole perché Alphabet, la casa madre di Google, ha guidato proprio questa visione attraverso la divisione Sidewalk Labs, scegliendo gran parte della costa di Toronto come  prototipo di  "città intelligente". Ma il progetto di Toronto si è  chiuso  dopo due anni di implacabili polemiche legate alla grande quantità di dati personali raccolti da Alphabet, alla mancanza di protezioni per la privacy e a vantaggi discutibili per la città nel suo insieme.

Cinque mesi dopo questa presentazione, a novembre, l'NSCAI ha emesso un rapporto intermedio al Congresso che ha destato preoccupazione per la necessità che gli Stati Uniti agissero sull'adattamento cinese di queste controverse tecnologie. "Siamo in concorrenza strategica", afferma il  rapporto  , ottenuto tramite FOIA dall'Electronic Privacy Information Center. "L'intelligenza artificiale sarà al centro. È in gioco il futuro della nostra sicurezza ed economia nazionale ".

Alla fine di febbraio, Schmidt stava portando la sua campagna al pubblico, forse capendo che l'aumento di budget richiesto dal suo consiglio di amministrazione non poteva essere approvato senza una più ampia accettazione. In un articolo del New York Times intitolato "La Silicon Valley potrebbe perdere in Cina", Schmidt ha chiesto "partenariati senza precedenti tra governo e industria" e, ancora una volta, suonando l'allarme di pericolo giallo:

L'intelligenza artificiale (intelligenza artificiale) aprirà nuove frontiere in tutto, dalle biotecnologie alle banche, ed è anche una priorità per il Dipartimento della Difesa. ... Se le tendenze attuali continuano,  si prevede che  gli investimenti complessivi in ​​ricerca e sviluppo in Cina  supereranno  gli Stati Uniti in 10 anni, all'incirca nello stesso periodo in cui  proiettava la  sua economia è  più grande della nostra  .

A meno che queste tendenze non cambino, negli anni 2030 saremo in concorrenza con un Paese che ha un'economia più grande, maggiori investimenti in ricerca e sviluppo, una migliore ricerca, una maggiore diffusione di nuove tecnologie e una più solida infrastruttura informatica. ... Alla fine, i cinesi sono in competizione per diventare i principali innovatori del mondo e gli Stati Uniti non stanno giocando per vincere.

L'unica soluzione, per Schmidt, era un flusso di denaro pubblico. Lodando la Casa Bianca per aver richiesto un raddoppio dei finanziamenti per la ricerca nell'intelligenza artificiale e nella scienza dell'informazione quantistica, ha scritto: “Dovremmo pianificare di raddoppiare i finanziamenti in quei campi mentre costruiamo capacità istituzionali in laboratori e centri di ricerca. ... Allo stesso tempo, il Congresso deve soddisfare la richiesta del Presidente per il  più alto livello di finanziamento della R&S in difesa da oltre 70 anni  e il Dipartimento della Difesa deve capitalizzare su tali maggiori risorse per sviluppare capacità innovative in intelligenza artificiale, quantistica, ipersonica e altre aree tecnologiche prioritarie «.

Fu esattamente due settimane prima che l'epidemia di coronavirus dichiarasse una pandemia, e non fu menzionato che l'obiettivo di questa vasta espansione ad alta tecnologia era proteggere la salute degli americani. Solo era necessario per evitare di essere sorpassato dalla Cina. Ma ovviamente questo cambierebbe presto.

Nei due mesi successivi, Schmidt ha presentato queste richieste preesistenti, per ingenti spese pubbliche in ricerca e infrastrutture ad alta tecnologia, per una serie di "partenariati pubblico-privato" sull'intelligenza artificiale e per allentare innumerevoli protezioni della privacy e sicurezza, attraverso un esercizio aggressivo di riposizionamento discorsivo. Ora tutte queste misure (e altre) vengono vendute al pubblico come la nostra unica speranza possibile di proteggerci da un nuovo virus che ci accompagnerà negli anni a venire.

E le società tecnologiche con cui Schmidt ha legami profondi e che popolano gli influenti consigli consultivi che presiede, si sono riposizionate come benevoli protettori della salute pubblica e generosi campioni degli "eroi quotidiani" dei lavori essenziali (molti dei quali Perderebbero il lavoro se queste aziende riuscissero a farcela.) Meno di due settimane dopo la chiusura dello stato di New York, Schmidt scrisse un  editoriale  per il Wall Street Journal che stabilì il nuovo tono e chiarì che la Silicon Valley intende sfruttare appieno la crisi per trasformazioni permanenti.

Come altri americani, i tecnologi stanno cercando di fare la propria parte per supportare la risposta in prima linea alla pandemia. ...

Ma ogni americano dovrebbe chiedersi dove vogliamo che sia la nazione quando finisce la pandemia di Covid-19. In che modo le tecnologie emergenti impiegate nell'attuale crisi ci spingono verso un futuro migliore? ... Aziende come Amazon sanno come fornire e distribuire in modo efficiente. Dovranno fornire servizi e consulenza a funzionari governativi che non dispongono dei sistemi informatici e dell'esperienza.

Dovremmo anche accelerare la tendenza verso l'apprendimento remoto, che viene testato oggi come mai prima. On-line, non esiste alcun requisito di prossimità, che consente agli studenti di ottenere istruzioni dai migliori insegnanti, indipendentemente dal distretto scolastico in cui risiedono ...

La necessità di una rapida sperimentazione su larga scala accelererà anche la rivoluzione delle biotecnologie. ... Infine, il paese è atteso da tempo in una vera infrastruttura digitale ... Se vogliamo costruire un'economia futura e un sistema di istruzione basato sul tele-tutto, abbiamo bisogno di una popolazione completamente connessa e di un'infrastruttura ultraveloce. Il governo deve fare un investimento massiccio, forse come parte di un pacchetto di stimolo, per trasformare l'infrastruttura digitale della nazione in piattaforme basate su cloud e collegarle a una rete 5G.

In effetti, Schmidt è stato incessantemente nel perseguimento di questa visione. Due settimane dopo la comparsa di quell'opinione, ha  descritto la programmazione ad hoc di homeschooling che insegnanti e famiglie in tutto il paese sono stati costretti a improvvisare durante questa emergenza di salute pubblica come "un enorme esperimento di apprendimento remoto". L'obiettivo di questo esperimento, ha detto, era "cercare di scoprire: come imparano i bambini a distanza? E con questi dati dovremmo essere in grado di costruire strumenti di apprendimento a distanza migliori che, se combinati con l'insegnante ... aiuteranno i bambini a imparare meglio ”Durante questa stessa videochiamata, organizzata dal New York Economic Club, Schmidt ha anche chiesto di più telehealth, più 5G, più commercio digitale e il resto della lista dei desideri preesistente. Tutto in nome della lotta contro il virus.

Tuttavia, il loro commento più rivelatore è stato il seguente: “Il vantaggio di queste società, che amiamo imbrattare, in termini di capacità di comunicazione, capacità di gestire la salute, capacità di ottenere informazioni, è profondo. Pensa a come sarebbe la tua vita negli Stati Uniti senza Amazon «. Ha aggiunto che la gente dovrebbe "essere un po 'grata che queste aziende abbiano raccolto capitali, fatto investimenti, costruito gli strumenti che stiamo usando ora e ci abbiano davvero aiutato".

Si ricorda che, fino a poco tempo fa, il rifiuto pubblico di queste società stava crescendo. I candidati alla presidenza   hanno discusso apertamente della caduta dell'alta tecnologia. Amazon è stato costretto ad abbandonare i suoi piani per una sede di New York a causa della feroce opposizione locale. Il progetto Sidewalk Labs di Google era in una   perenne crisi e gli stessi lavoratori di Google si  rifiutarono  di costruire una tecnologia di sorveglianza con applicazioni militari.

In breve, la democrazia stava diventando il più grande ostacolo alla visione che Schmidt stava promuovendo, prima dalla sua posizione nella parte superiore di Google e Alphabet e poi come presidente di due potenti consigli di amministrazione del Congresso e del Dipartimento della Difesa. Come rivelano i documenti della NSCAI, questo scomodo esercizio di potere da parte del pubblico e degli operai tecnologici all'interno di queste mega compagnie, dal punto di vista di uomini come Schmidt e CEO di Amazon Jeff Bezos, ha rallentato in modo esasperante la corsa agli armamenti di intelligenza artificiale. , tenendo lontane le flotte di auto e camion senza conducente potenzialmente letali, impedendo alle cartelle cliniche private di diventare un'arma utilizzata dai datori di lavoro contro i lavoratori,

Ora, tra la carneficina di questa pandemia in corso, e la paura e l'incertezza sul futuro che ha portato, queste corporazioni vedono chiaramente il loro tempo per spazzare via tutto questo impegno democratico. Avere lo stesso tipo di potere dei loro concorrenti cinesi, che hanno il lusso di operare senza essere ostacolati da intrusioni di diritti civili o del lavoro.

Tutto si sta muovendo molto velocemente. Il governo australiano ha stipulato un  contratto  con Amazon per archiviare i dati per la sua controversa applicazione di tracciamento del coronavirus. Il governo canadese ha stipulato un  contratto  con Amazon per la fornitura di attrezzature mediche, sollevando domande sul perché ha saltato il servizio postale pubblico. E in pochi giorni all'inizio di maggio, Alphabet ha lanciato una  nuova  iniziativa di Sidewalk Labs per rifare l'infrastruttura urbana con 400 milioni di dollari di capitale di avviamento. Josh Marcuse, direttore esecutivo del Defense Innovation Board presieduto da Schmidt, ha  annunciato Avrebbe lasciato quel lavoro per lavorare a tempo pieno in Google come responsabile della strategia e dell'innovazione per il settore pubblico globale, il che significa che aiuterà Google a capitalizzare alcune delle molte opportunità che lui e Schmidt hanno creato con la loro lobby.

Per essere chiari, la tecnologia è certamente una parte fondamentale di come dobbiamo proteggere la salute pubblica nei prossimi mesi e anni. La domanda è: la tecnologia sarà soggetta alle discipline della democrazia e del controllo pubblico, o sarà implementata in una frenesia di uno stato di emergenza, senza porre domande critiche, plasmando la nostra vita per i decenni a venire? Domande come, ad esempio: se stiamo davvero vedendo quanto sia cruciale la connettività digitale in tempi di crisi, queste reti e i nostri dati dovrebbero essere davvero nelle mani di giocatori privati ​​come Google, Amazon e Apple? Se i fondi pubblici stanno pagando molto, non dovrebbe anche il pubblico possederlo e controllarlo? Se Internet è essenziale per molte cose della nostra vita, come è chiaramente,

E mentre non vi è dubbio che la capacità di teleconferenza è stata un vero toccasana in questo periodo di blocco, c'è un serio dibattito sul fatto che le nostre protezioni più durature siano chiaramente più umane. Prendiamo l'educazione. Schmidt ha ragione sul fatto che le aule sovraffollate rappresentano un rischio per la salute, almeno fino a quando non avremo un vaccino. Quindi non potresti assumere il doppio degli insegnanti e dimezzare le dimensioni del tuo corso? Che ne dici di assicurarti che ogni scuola abbia un'infermiera?

Ciò creerebbe posti di lavoro indispensabili in una crisi di disoccupazione a livello di depressione e darebbe a tutti un margine di manovra maggiore nel contesto educativo. Se gli edifici sono troppo affollati, che ne dite di dividere la giornata in turni e avere più istruzione all'aperto, approfittando dell'abbondante ricerca che mostra che il tempo nella natura migliora la capacità dei bambini di imparare?

Presentare tali cambiamenti sarebbe difficile, certo. Ma non sono così rischiosi come rinunciare alla provata e vera tecnologia di umani addestrati che insegnano agli uomini più giovani faccia a faccia, in gruppi in cui imparano a socializzare tra loro.

Dopo aver appreso della nuova partnership dello Stato di New York con la Gates Foundation, Andy Pallotta, Presidente della United Teachers dello Stato di New York, ha  reagito  rapidamente: “Se vogliamo reimmaginare l'istruzione, iniziamo affrontando la necessità di assistenti sociali, consulenti per salute mentale, infermiere scolastiche, corsi di perfezionamento artistico, corsi avanzati e classi minori nei distretti scolastici di tutto lo stato ", ha affermato. Una coalizione di gruppi di genitori ha anche  notato che se fossero stati realmente sottoposti a un "esperimento di apprendimento remoto" (come diceva Schmidt), i risultati erano profondamente preoccupanti: "Poiché le scuole hanno chiuso a metà marzo, la nostra comprensione delle profonde carenze dell'istruzione basata sullo schermo è solo cresciuto ".

Oltre all'ovvio pregiudizio di classe e razza contro i bambini che non hanno accesso a Internet e ai computer a casa (un problema che le aziende tecnologiche sono ansiose di raccogliere attraverso grandi vendite di tecnologia), ci sono grandi domande sul fatto che l'insegnamento remoto possa aiutare. molti bambini con disabilità, come richiesto dalla  legge  . E non esiste una soluzione tecnologica al problema dell'apprendimento in un ambiente domestico sovraffollato e / o abusivo.

Il problema non è se le scuole debbano cambiare di fronte a un virus altamente contagioso per il quale non abbiamo cure o vaccini. Come tutte le istituzioni in cui gli umani operano in gruppi, le scuole cambieranno. Il problema, come sempre in questi momenti di agitazione collettiva, è la mancanza di un dibattito pubblico su come dovrebbero essere questi cambiamenti e di chi dovrebbero beneficiare. Società tecnologiche private o studenti?

Le stesse domande dovrebbero essere poste sulla salute. Evitare gli studi medici e gli ospedali durante una pandemia ha senso. Ma la telehealth perde in larga misura l'attenzione da persona a persona. Pertanto, dovremmo avere un dibattito basato sull'evidenza sui pro e contro della spesa di scarse risorse pubbliche in telehealth, rispetto alle infermiere più qualificate, dotate di tutti i dispositivi di protezione necessari, che possono effettuare visite a domicilio per diagnosticare e curare i pazienti nelle loro case. E forse più urgentemente, dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra le app di tracciamento dei virus, che con le giuste protezioni della privacy hanno un ruolo da svolgere, e il  cosiddetto a un Corpo sanitario comunitario che metterebbe milioni di americani a lavorare non solo per rintracciare i contatti, ma assicurandosi che tutti abbiano le risorse materiali e il supporto di cui hanno bisogno per essere messi in quarantena in sicurezza.

In ogni caso, affrontiamo decisioni reali e difficili tra l'investimento nell'uomo e l'investimento nella tecnologia. Perché la brutale verità è che, allo stato attuale, è altamente improbabile che faremo entrambe le cose. Il rifiuto di trasferire le risorse necessarie agli stati e alle città in successivi salvataggi federali significa che la crisi sanitaria del coronavirus si sta ora trasformando in una crisi di austerità fabbricata. Scuole pubbliche, università, ospedali e mezzi di trasporto affrontano domande esistenziali sul loro futuro. Se le aziende tecnologiche vincono la loro feroce campagna di lobbying e lobbying per l'apprendimento a distanza, la telemedicina, il 5G e i veicoli a guida autonoma, il loro Screen New Deal semplicemente non avrà soldi per urgenti priorità pubbliche,

Piuttosto: il prezzo di tutti i dispositivi luccicanti saranno i licenziamenti di massa degli insegnanti e la chiusura degli ospedali.

La tecnologia ci fornisce strumenti potenti, ma non tutte le soluzioni sono tecnologiche. E il problema con l'outsourcing delle decisioni chiave su come "reimmaginare" i nostri stati e le nostre città a uomini come Bill Gates ed Eric Schmidt è che hanno trascorso la vita a dimostrare la convinzione che non esiste alcun problema che la tecnologia non possa risolvere.

Per loro, e per molti altri nella Silicon Valley, la pandemia è un'occasione d'oro per ricevere non solo la gratitudine, ma anche la deferenza e il potere che ritengono siano stati ingiustamente negati. E Andrew Cuomo, incaricato l'ex presidente di Google di occuparsi del corpo che modellerà la riapertura dello stato, sembra avergli dato qualcosa di simile al libero regno.