Vai al contenuto

Stiglitz afferma che la pandemia del Covid-19 ha mostrato conseguenze del neoliberismo

Joseph Stiglitz, premio Nobel per l'economia, si è scagliato contro il neoliberismo e ha assicurato che la pandemia del Covid-19 sta attualmente mostrando le conseguenze di 40 anni di imposizioni da parte del neoliberismo.

L'eminente economista statunitense ha tenuto una conferenza principale nell'ambito delle sessioni del Future Congress 2021, il principale evento scientifico del Cile, tenutosi virtualmente e programmato per concludersi giovedì, dopo aver concentrato la sua attenzione sulla pandemia.

Stiglitz ha affermato che il neoliberismo ha denigrato per quattro anni l'importanza del ruolo dei governi e ha privilegiato l'azione incontrollata dei mercati, ecco perché molti Stati si sono trovati in una situazione povera per affrontare l'attuale crisi sanitaria.

Il professore dell'Università dell'Indiana ha considerato che le nazioni di maggior successo nell'affrontare la pandemia Covid-19 sono state quelle "che vantano governi efficaci, istituzioni forti e buona scienza".

Ha aggiunto che la pandemia ha colpito di più quelle nazioni con profonde disuguaglianze, dove non c'è accesso universale ai sistemi sanitari e hanno una scarsa protezione sociale, e ha anche detto che 'per questo motivo gli Stati Uniti sono stati uno dei più colpiti, con il 25% dei casi, nonostante abbia solo il 4 per cento della popolazione mondiale. "

Si tratta di un paese "che non riconosce l'accesso al sistema sanitario come un diritto umano fondamentale" e ha assicurato che i settori poveri "hanno subito più morti, una maggiore esposizione alla malattia e una maggiore perdita di reddito sanitario".