Vai al contenuto

Un’arma potenziale uccide oltre 1,5 milioni in tutto il mondo, senza che venga sparato un solo colpo

Fonte Ipsnews 

NAZIONI UNITE, 20 novembre 2020 (IPS) - Le maggiori potenze militari del mondo esercitano il loro dominio principalmente a causa dei loro enormi arsenali di armi, inclusi sofisticati aerei da combattimento, droni, missili balistici, navi da guerra, carri armati, artiglieria pesante e armi nucleari di distruzione di massa (WMD).

Ma l'improvviso aumento della pandemia di coronavirus la scorsa settimana, in particolare negli Stati Uniti e in Europa, ha fatto risorgere la domanda persistente che grida una risposta: la potenza di fuoco travolgente e le armi di distruzione di massa diventeranno obsolete se le armi biologiche, attualmente vietate da una convenzione delle Nazioni Unite, saranno utilizzato nelle guerre in un lontano futuro?

Secondo gli ultimi dati di Cable News Network (CNN), le tristi statistiche della pandemia di coronavirus includono 56,4 milioni di infezioni e 1,5 milioni di morti in tutto il mondo.

A partire dalla scorsa settimana, solo gli Stati Uniti hanno stabilito record: oltre 11,5 milioni di casi di pandemia e oltre 250.500 morti dallo scorso marzo, con più di 193.000 infezioni ogni giorno.

Il New York Times ha citato esperti anonimi che prevedono che gli Stati Uniti presto riferiranno oltre 2.000 morti al giorno e che nei prossimi mesi potrebbero morire da 100.000 a 200.000 americani in più. Una previsione prevedeva un numero di morti negli Stati Uniti di 471.000 entro marzo prossimo, in assenza di un vaccino efficace.

La pandemia ha anche destabilizzato l'economia globale con la povertà e la fame nel mondo che sono salite alle stelle a nuovi massimi. E tutto questo, senza sparare un solo colpo in una guerra di otto mesi contro un virus in diffusione.

La dott.ssa Natalie J. Goldring, ricercatrice senior e professore ordinario a contratto con il programma di studi sulla sicurezza presso la Edmund A. Walsh School of Foreign Service della Georgetown University, ha detto all'IPS che il mondo deve affrontare molteplici crisi "con il potenziale di devastare le nostre comunità, comprese la minaccia del cambiamento climatico e il rischio di una guerra nucleare "

E il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha detto, ha avvertito di un'altra potenziale crisi, ovvero che i terroristi potrebbero usare armi biologiche per produrre risultati disastrosi. Ha sottolineato che questo tipo di utilizzo di armi potrebbe essere ancora più dannoso del COVID-19.

"Se un gruppo terroristico fosse in grado di svolgere i complessi compiti di creazione e utilizzo di armi biologiche, il rilascio intenzionale di un'arma biologica potrebbe essere ancora più mortale di COVID-19", ha affermato il dottor Goldring, che è anche professore ospite della pratica nel programma Washington DC della Duke University e rappresenta l'Istituto Acronimo presso le Nazioni Unite sulle questioni relative alle armi convenzionali e al commercio di armi.

Ha detto che Guterres sottolinea il punto importante che “dobbiamo concentrarci immediatamente sulla prevenzione di questo tipo di sviluppo. Dobbiamo anche aumentare notevolmente la capacità delle nostre comunità di rispondere alle malattie infettive ".

“I paesi con grandi forze militari spesso minacciano di usare quelle forze per raggiungere la politica estera e altri obiettivi. Una domanda è se l'uso di armi biologiche possa effettivamente rendere obsolete queste forze convenzionali e nucleari? ”, Ha chiesto.

“Direi che le armi nucleari sono già obsolete e controproducenti. Continuando a sviluppare e dispiegare queste armi, gli Stati aumentano il rischio di furto nucleare e danno ad altri paesi incentivi per sviluppare armi nucleari in risposta ", ha dichiarato il dott.

Fornendo un cupo scenario economico della devastazione causata dalla pandemia, Guterres ha avvertito il mese scorso della possibilità di un disastro ancora peggiore: i rischi di attacchi bioterroristici che dispiegano germi mortali.

Ha detto che ha già mostrato alcuni dei modi in cui la preparazione potrebbe non essere all'altezza, "se una malattia dovesse essere deliberatamente manipolata per essere più virulenta, o intenzionalmente rilasciata in più luoghi contemporaneamente".

"Quindi, mentre consideriamo come migliorare la nostra risposta alle future minacce di malattie, dovremmo anche dedicare seria attenzione alla prevenzione dell'uso deliberato di malattie come armi", ha dichiarato, parlando a una riunione del Consiglio di sicurezza sul mantenimento della pace e della sicurezza internazionale - e le implicazioni di COVID-19

Nel frattempo, se i gruppi terroristici, come teme Guterres, acquisissero le conoscenze per usare armi biologiche, attentatori suicidi e fucili d'assalto AK-47 usati in uccisioni casuali, potrebbero anche diventare obsoleti in futuri attacchi.

Il professor Francis Boyle, professore di diritto internazionale presso il College of Law dell'Università dell'Illinois, ha detto all'IPS "Non sono i gruppi terroristici il problema qui".

"Sono i governi terroristici come Stati Uniti, Cina, Russia, Regno Unito, Israele ecc. Che hanno le strutture di guerra biologica e le armi biologiche più avanzate al mondo che minacciano l'esistenza stessa di tutta l'umanità come sta facendo il Covid-19", ha affermato il professor Boyle, che ha fornito consulenza a numerosi organismi internazionali nei settori dei diritti umani, crimini di guerra, genocidio, politica nucleare e guerra biologica.

La dott.ssa Filippa Lentzos, ricercatrice senior associata, Programma per gli armamenti e il disarmo, presso l'Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI), ha detto all'IPS: "Non credo che le armi biologiche diventeranno l'onda del futuro".

"Molti potrebbero allontanarsi da bombe, pistole e altre armi esplosive - stiamo già assistendo a guerre ibride e maggiore dipendenza da cyber, disinformazione, ecc. - ma l'adozione sarà disomogenea in tutto il mondo".

Ha detto: “Sospetto che ci sarebbero anche differenze nell'adozione tra attori statali e non statali. Il modo in cui vedo le potenziali future armi biologiche è come una forma di armi di nicchia estrema, potenzialmente "adatta" solo in circostanze molto limitate ".

Alla domanda sull'uso di armi biologiche come parte della guerra batteriologica durante la prima guerra mondiale, ha detto che, in un'intervista con l'IPS lo scorso marzo, c'era stato un uso segreto da parte della Germania durante la prima guerra mondiale per infettare cavalli con agenti biologici per bloccarne l'uso Forze militari alleate.

“Nella seconda guerra mondiale, ci furono sostanziali attacchi segreti contro la Cina da parte del Giappone, così come alcuni usi clandestini in Europa contro la Germania. L'uso conosciuto è stato molto limitato dal 1945 ”, ha affermato il dott. Lentzos, che è anche un editore associato della rivista BioSocieties, e il coordinatore dell'ONG per la Convenzione sulle armi biologiche e tossine.

Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per il disarmo (UNODA), la Convenzione sulle armi biologiche (BWC), il primo trattato multilaterale sul disarmo che vieta lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di un'intera categoria di armi di distruzione di massa, è stata aperta alla firma il 10 aprile 1972 ed è entrato in vigore il 26 marzo 1975.

Guterres ha detto la scorsa settimana che non avrebbe mai immaginato che la fame sarebbe aumentata di nuovo durante il suo mandato come Segretario generale.

E secondo il Programma alimentare mondiale (PAM) con sede a Roma, 130 milioni di persone in più rischiano di essere spinte sull'orlo della fame entro la fine dell'anno.

"Questo è assolutamente inaccettabile", ha detto Guterres. Il recupero del COVID-19 deve affrontare disuguaglianze e fragilità e la questione del cibo sarà centrale per una ripresa sostenibile e inclusiva

Nel frattempo, David Beasley, direttore esecutivo del WFP, ha affermato che l'impatto socio-economico della pandemia è più devastante della malattia stessa.

Ha sottolineato che molte persone nei paesi a basso e medio reddito, che pochi mesi fa erano poveri ma stavano per tirare avanti, ora scoprono che i loro mezzi di sussistenza sono stati distrutti.

Anche le rimesse inviate dai lavoratori all'estero alle loro famiglie in patria si sono prosciugate, causando enormi difficoltà. Di conseguenza, i tassi di fame sono alle stelle in tutto il mondo, ha detto.

Thalif Deen , è un ex direttore, Mercati militari esteri presso i servizi di marketing della difesa; Analista senior della difesa presso Forecast International; e redattore militare Medio Oriente / Africa presso Jane's Information Group, Stati Uniti. È anche coautore di "How to Survive a Nuclear Disaster" (New Century).