Vai al contenuto

Colpi di Stato permanenti di Quentin Hardy

Fonte Terrestres 

Abbiamo tratto questo articolo dalla Rivista Terrestres: riteniamo che le riflessioni contenute nell'articolo ci riguardino .....editor ( traduzione automatica google )

 

Cosa ci sta succedendo politicamente? Soffia un brutto vento e giorni felici non tornano. All'orizzonte, le promesse di autogoverno, di miglioramento della vita quotidiana, di emancipazione dal dominio, di godimento del presente svaniscono nella nebbia. Dopo il tempo dell'indignazione, della rabbia, ecco quello della paura. Ma inevitabilmente tornerà il tempo della rabbia politica.

 

 

Tre eventi significativi si sono verificati recentemente in tre paesi dell'Europa orientale. La Polonia ha votato con urgenza una legge che punisce l'occupazione delle università con 3 anni e una multa di 5.000 euro, attaccando duramente le libertà accademiche. Il potere della polizia in Bielorussia reprime ferocemente una rivolta estremamente popolare nel Paese: in quattro mesi, 24 feriti, 5 mani strappate e 2.500 feriti. In Ucraina, un doppio attacco islamista ha scosso profondamente il Paese; lo shock nell'opinione pubblica è stato seguito da un'offensiva senza precedenti dei media e del governo che ha aperto la strada a misure fasciste. In questi tre paesi, tre decenni di neoliberismo hanno amplificato le disuguaglianze e brutalizzato la società.

Dove sta andando questa parte del continente, a forza di approfondimenti autoritari e misure eccezionali? La valanga di leggi liberticide, le coperture date alla polizia e la circolazione accelerata dei discorsi marziali producono una nuova normalità politica. Come qualificare questo stato sociale e questo regime di esistenza che non sappiamo ancora nominare, se non con quello del liberalismo autoritario1 - un termine che a sua volta può sembrare impotente per spiegare la specificità dell'attuale sequenza politica? L'osservatore onesto deve ammettere questa prova: con questo nuovo irrigidimento, questi paesi si stanno allontanando ulteriormente dallo stato di diritto nell'Europa occidentale e stanno senza dubbio sprofondando nelle società pre-fasciste.

In realtà, queste tre situazioni sono concentrate all'interno di un altro Paese, in forma esagonale e con il motto repubblicano libertà-uguaglianza-fraternità. I fatti riportati si sono verificati tutti nel prossimo passato sul nostro suolo repubblicano2 .

Abbiamo saputo da Montesquieu e dalle sue Lettere persiane (1721) che ciò che più fuorvia il nostro giudizio politico è la falsa familiarità con la nostra condizione e l'abitudine che indebolisce tutto. Interpretando un viaggiatore straniero a Parigi per descrivere la società francese nel XVIII secolo, il filosofo offre uno sguardo distante che porta verità politiche. Rendendo l'ordinario esotico, riuscì a un sottile attacco al sistema monarchico denunciando in particolare la concentrazione dei tre poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) nella persona del re.

VIVERE SOTTO IL TRIPLO DOMINIO

Trecento anni dopo, il regime politico è cambiato così come le principali istituzioni. Ma, sotto il nostro cielo repubblicano, le nostre esistenze rimangono poste sotto una triplice dipendenza macro-strutturale: potere della polizia di stato, potere tecnologico-digitale, potere del capitale.

Negli ultimi cinque anni, la Francia ha vissuto più della metà del tempo in uno stato di emergenza che limita le libertà fondamentali3. Il panico statale di fronte al movimento dei Gilet Gialli ha aperto un regime di brutale coercizione. Il potere politico ha incoraggiato e coperto la violenza della polizia con una serie di discorsi, misure amministrative e leggi per proteggere le azioni della polizia4. Per misurare l'acclimatamento graduale e quasi inosservato della nostra vita quotidiana alla società controllante, guardiamo solo vent'anni fa.

Quando è stato creato nel 1998, il registro del DNA aveva lo scopo solo di identificare i criminali sessuali condannati. Nel 2018 contiene il DNA di oltre 3 milioni di persone, conservato per 25 anni per la stragrande maggioranza dei non condannati e 40 anni per coloro che lo sono stati.5. Giustificato in nome dei crimini sessuali, il perimetro si allargò a vari reati, poi a semplici delitti e divenne quasi un luogo comune per gli individui che partecipavano a movimenti sociali.

Alla fine degli anni '90, solo la città laboratorio dei Balcani Levallois-Perret si è avventurata in un esperimento appartenente al repertorio standard della fantascienza: posizionare le telecamere nei passaggi principali per filmare lo spazio pubblico. . D'ora in poi la vita ordinaria sarebbe incapsulata 24 ore su 24. Oggi l'intero territorio ammonta alla cifra vertiginosa di 1,5-2 milioni di telecamere, mentre Nizza, la città con il maggior numero di piazze del paese, ne ha una. per 130 abitanti6 .

Nello stesso periodo, le nostre vite hanno subito una duplicazione digitale. Lo spazio virtuale ha registrato una crescita fenomenale. L'interminabile vagabondaggio dei nostri corpi immateriali è pagato dalla dispersione di molteplici tracce. L'aspirapolvere digitale consente la raccolta, il salvataggio, la profilazione, il monitoraggio, le molestie pubblicitarie, l'attenzione e l'acquisizione del tempo. Pur essendo massiccio, l'addomesticamento è quasi su misura, con una dimensione sempre più sottile. Al pari del salariato, l'industria digitale è il più grande ladro di tempo nel mondo contemporaneo. Supera persino i servizi di intelligence tradizionali nel conoscere le nostre abitudini, opinioni e desideri. Lancio dell'avviso globale7 , documentari8 o cercato libri9 : Il dossier che sostiene i meccanismi di oppressione e che dimostra l'impoverimento dell'esperienza umana è spaventoso.

Il potere del capitale è il più ovvio e tuttavia quello che è generalmente il meno palpabile. Nelle nostre rappresentazioni comuni, il capitale è la finanza o la fortuna accumulata che è incarnata in yacht, azioni di borsa e palazzi. La speculazione e il lusso sono una dimensione secondaria della logica del capitale. Piuttosto che Saint-Tropez, è meglio visitare la maggior parte delle foreste francesi: dagli odori che emergono lì, la luce che vi circola, la vita che vi si svolge, le specie presenti, possiamo incontrare le ombre di capitale. Una foresta di abeti di Douglas che verrà abbattuta prima dei quarant'anni è la personificazione del capitale. Deserto biologico, moltiplicazione di malattie, suoli acidificati, imballati e soggetti ad erosione da un lato, scomparsa / concentrazione di segherie,10 .

Se il potere del capitale è riconosciuto in una fabbrica delocalizzata, o nella fisionomia dei centri urbani (la logica del capitale li trasforma in templi di merci, poi in deserti commerciali per alcuni di loro), è molto lontano da ridurre ad esso. Il potere del capitale è soprattutto una certa organizzazione dell'esistenza, una concezione del tempo e dello spazio che si impone nei secoli. Una logica generale di redditività e rendimento che piega un numero molto elevato di persone a una forma di vita sociale11. Risucchiati nella ruota dell'economia, gli individui vengono mobilitati come lavoratori per alimentare la crescita economica e l'accumulazione di capitale. La scena mondiale corrisponde a uno spettacolo senza fine: una pila di risorse umane e naturali al servizio di un assurdo fine cumulativo. L'Economia è un ordine eteronomo che impone le sue leggi e richiede nel suo cammino quotidiano sacrifici sempre crescenti12 .

Il capitale è una matrice di civiltà ed esistenziale che dà costantemente luogo a cambiamenti e frodi su larga scala: non risponde mai alle conseguenze della sua logica interna, se non nel modo della promessa tecnologica. Il messianico aspetta il vaccino, come un deus ex machinaliberare finalmente "l'umanità" da una tragedia, conferma l'incapacità collettiva di comprendere la natura delle questioni sollevate dalle origini della pandemia. Il Covid, i cui cugini di domani (virus o batteri) prosperano con l'aumentare della devastazione ecologica, annuncia un secolo epidemico: possiamo immaginare esistenze terrestri con l'industria farmaceutica da una parte e l'industria digitale l'altro ? La risposta strettamente medica e la quasi completa digitalizzazione delle vite offrono amare vittorie: il nostro male viene da più lontano.

Sebbene fugace e in movimento, il capitale è profondamente radicato nelle nostre vite e incarnato nella nostra vita quotidiana: la forma di un paesaggio, di una città, l'ondata di innovazioni tecno scientifiche, lo scadere del tempo che ci sfugge, la falsificazione del gusto del nostro cibo, disturbi del linguaggio. Il potere del capitale è di vita e di morte: abolisce e soffoca i mondi, genera mostri e fa nascere le relazioni sociali che gli sono necessarie.

Per un effetto di compensazione verbale, più i discorsi del governo e dei media parlano della Francia, della Repubblica, della difesa di uno stile di vita, più viviamo nella piccola capitale, nello stato autoritario fascista e nelle industrie. tecnologico. Qual è il nome di questo regime esistenziale di bancarelle successive sullo sfondo di disastri ecologici e gestione dei disastri?

Appunti

↟  1. Vedi Grégoire Chamayou, The ungovernable society: a genealogy of authoritarian liberalism , Parigi, La Fabrique, 2018
↟  2. Successivamente si fa riferimento alla legge sulla programmazione pluriennale della ricerca (LPPR) appena adottata; alla rivolta dei Gilet Gialli del 2018/2019; all'assassinio di Samuel Paty e all'attacco di Nizza dell'ottobre e novembre 2020. Su quest'ultimo argomento si veda questo articolo che riassume i discorsi che sono circolati .
Inoltre, dal 9 agosto 2020 la Bielorussia ha vissuto un movimento di protesta (manifestazioni e scioperi) senza precedenti per dimensioni, durata e sostegno tra la popolazione. È ferocemente represso dal potere in atto.
↟  3. Dopo gli attentati del 2015 e la pandemia del 2020.
↟  4. Legge sull'intelligence (2015), legge sul rafforzamento della sicurezza interna e lotta al terrorismo (legge SILT) (2017), la cosiddetta legge "anti-breakers" (2019).
L'ultimo esempio è la cosiddetta legge “Global Security” attualmente in discussione in Parlamento e già criticata dal Consiglio Onu per i diritti umani . Sul contenuto più generale di questa legge che “non mira solo a organizzare l'anonimato delle forze dell'ordine a tutela della loro“ integrità fisica e psicologica ”; [ma] vorrebbe imporre a tutti un'identificazione permanente ”, si veda questo filo didattico di un giornalista specializzato in tematiche digitali .
↟  5. https://www.cnil.fr/fr/fnaeg-fichier-national-des-empreintes-genetiques
↟  6. Vedi https://www.precisesecurity.com/articles/Top-10-Countries-by-Number-of-CCTV-Cameras e https://www.lagazettedescommunes.com/660599/le-palmares-des-50-plus - videosorveglianza-grandi-città /
↟  7. Julian Assange, Aaron Swartz, Edward Snowden, ecc.
↟  8. In particolare Behind our Smoke Screens (The social Dilemma) (2020), Nothing to hide (2017).
↟  9. Due libri recenti: Félix Tréguer, Fallen Utopia, A 15th-21st Century Counter-History of the Internet , Éditions Fayard, Paris, 2019 e Shoshana Zuboff, L'Âge du capitalisme deillance , Editions Zulma, Paris, 2020 (2019 ).
↟  10. Il male del capitale persiste in parte perché è difficile collegare spontaneamente cause ed effetti senza un ampio lavoro investigativo.
↟  11. L'egemonia del capitale non significa che nulla esista al di fuori di esso, ma che sottopone un numero molto elevato di esseri viventi a garantirne lo sviluppo.
↟  12. See Quentin Hardy, coronavirus, un salto dall'angelo esistenziale e politica , , Territorio, n ° 13, marzo 2020 e Bernard Aspe Crime Stato , Territorio, novembre 2020