Tuttavia, nonostante l'ondata di Trump, nessun segnale viene registrato sul lato aziendale, il che mostrerebbe una diminuzione dell'outsourcing della produzione verso paesi con bassi costi del lavoro. Al contrario, l'aumento delle competenze delle aziende in questi paesi consente loro di migliorare la propria offerta di servizi verso prodotti di fascia alta. D'altra parte, l'automazione influisce su tutte le attività, ma su lavori specializzati più fortemente intermedi. Questi sono caratterizzati da un lavoro di routine che coinvolge compiti intellettuali e manuali, eseguiti secondo un insieme esplicito di regole: industria manifatturiera (dagli elettrodomestici alle automobili) e attività di servizio (contatore, consulente clienti). Questa esternalizzazione e automazione sono le due principali cause identificate come che portano alla polarizzazione dei lavori che sembra preoccupare così tanto il FMI e l'OCSE. Questi fenomeni sono stati identificati in molti paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti[3] , Germania [4] e Francia [5] .

La polarizzazione dei posti di lavoro e i crescenti fenomeni che la accompagnano, come la flessibilità e la precarietà, in particolare attraverso lo sviluppo del subappalto di attività dalle più grandi aziende alle più piccole, portano a ciò che David Weil designa con il termine di luoghi di lavoro fessurati [6]  : un luogo in cui la diversità dello status dei lavoratori, una concorrenza sfrenata organizzata tra loro o tra i subappaltatori minano i salari, le condizioni di lavoro e la solidarietà. Phoebe Moore era particolarmente interessata all'influenza della digitalizzazione ( digitalizzazione) attività come strumento che accompagna (e consente in larga misura) questa destrutturazione del lavoro umano per profitti sempre maggiori per le aziende che avviano catene di valore con in cambio attività più vincolate e meno remunerate per la maggioranza dei lavoratori [7 ] .

Questo articolo fa parte di questa logica. Usando esempi concreti tratti dagli eventi attuali degli ultimi due anni, mostra la crescente tentazione che alcune persone sentono di considerare il lavoratore come un sostituto dell'automa: che è virtuale quando è è un algoritmo o nella forma molto reale di un robot nel settore.

 

Tanto lavoro umano il cui merito va all'algoritmo

Nel frattempo i robot. Indagando sul lavoro a click [8] , Antonio Casilli ha dimostrato quanto l'apprendimento, ma anche il funzionamento quotidiano dell'intelligenza artificiale, dipenda ancora dagli umani. Spesso il lavoro ripetitivo e poco remunerato, la mancanza di protezione sociale, l'isolamento professionale, lo status di lavoratore autonomo di questi lavoratori a scatto contribuisce a minare le basi della regolamentazione dell'organizzazione del lavoro attuata dalla fine del XIX secolo grazie le lotte dei lavoratori e quelle dei sistemi di protezione sociale.

Analogamente, negli ultimi anni è stato osservato che lo sviluppo di tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) in forme sempre più avanzate può avere l'effetto di degradare significativamente le condizioni di lavoro e aumentare i rischi. professionisti, mentre l'automazione sotto controllo sociale potrebbe avere risultati opposti: riduzione delle difficoltà fisiche e intellettuali, riduzione dell'orario di lavoro, ecc.

La cosa più sorprendente in questo caso è che sembra accadere in una relativa indifferenza del corpo sociale (a parte alcune lotte dei lavoratori), come se la presenza di software, algoritmo, automa eliminasse le abitudini datore di lavoro delle sue responsabilità in termini di salute e sicurezza sul lavoro e anestetizzato la risposta della società, anche degli Stati e degli organi competenti in materia di regolamentazione e controllo del lavoro e delle sue condizioni. Certo, i sindacati organizzano la risposta, ma sembra avere meno peso (o anche meno legittimità) che se si trattasse di aziende convenzionali e non di imprese dell'economia digitale.

La situazione è tanto più impegnativa in quanto la porosità sta aumentando di giorno in giorno tra le cosiddette compagnie classiche e quelle dell'economia dei concerti , i metodi di lavoro di questi ultimi percorrono sempre più verso i primi, in un momento in cui si stanno formando alleanze. , dove vengono organizzati i buyout e vengono create filiali comuni. Cosa sta succedendo allora? Come è cambiata la situazione negli ultimi anni che giustificherebbe prestare meno attenzione alla persona umana?

Elon Musk decreta che i lavoratori non hanno più nulla a che fare con le catene di montaggio nel settore automobilistico

La produzione del Tesla Model 3 doveva essere una rivoluzione nel settore automobilistico. Per la prima volta, un'auto, elettrica in aggiunta e ad un prezzo "accessibile" [9]  , doveva essere costruita interamente da robot senza alcun intervento umano. Tuttavia, dal suo lancio a metà 2017, gli obiettivi di produzione si sono dimostrati impossibili da raggiungere: in questione, numerosi malfunzionamenti nella catena di montaggio, il frutto di automazioni a volte pericolose e una durata troppo breve della fase di test.

Abbiamo dovuto reintrodurre rapidamente gli esseri umani sulle due catene automatizzate e costruire una terza catena di quote e finali combinando umani e macchine, come nel caso di altre case automobilistiche. Anche in queste condizioni, gli obiettivi iniziali di produzione non potrebbero mai essere raggiunti [10] . La conclusione di Elon Musk su Twitter [11] ("Sì, l'eccessiva automazione di Tesla è stata un errore. Per essere precisi, errore mio. Gli umani sono sottovalutati") non è molto rassicurante quando si guarda un po 'più vicino alle condizioni di lavoro degli operatori impiegati nell'assemblaggio del Modello 3.

Dopo aver letto gli incidenti sul lavoro compilati in un articolo [12] dedicato alle condizioni di lavoro in questa fabbrica di Tesla situata a Fremont, il reintegro degli esseri umani nelle catene di produzione è avvenuto ... in condizioni di lavoro accettabili da parte dei robot . Cerchiamo di giudicare: esposizione a colle tossiche con conseguenti problemi respiratori e / o allergici poiché non è stata pianificata la ventilazione della postazione di lavoro, moltiplicazione dei movimenti ripetitivi su posizioni mal progettate che portano a disturbi muscoloscheletrici (TMS), scarsa organizzazione delle postazioni di lavoro legate alla congestione delle officine con conseguente caduta o mal di schiena, durata delle postazioni di lavoro fino a dodici ore.

Tuttavia, secondo i dati sulle dichiarazioni rilasciati da Tesla, nel frattempo la situazione dell'impianto era diventata migliore della media per l'industria automobilistica statunitense. Ovviamente è stato il risultato di un'invisibilizzazione di incidenti e malattie [13]. Contrariamente alla legislazione che prevede la segnalazione di eventuali incidenti, alcuni di essi sono stati considerati dall'azienda incidenti "privati" che, sebbene si verifichino sul posto di lavoro durante l'orario di lavoro, non dovrebbero essere conteggiato, sia perché il lavoratore è stato in grado di tornare al suo posto più tardi (o un posto organizzato in base al suo stato di salute), sia perché il suo contratto precario non era stato rinnovato, o perché un medico lo aveva considerato '' non vi era alcun legame diretto tra l'incidente verificatosi e la patologia osservata, ecc.

Questa situazione è stata facilitata dal sistema sanitario istituito sul sito gestito da una clinica privata che aveva delegato personale medico e paramedico: chiamate di emergenza vietate perché conteggiate dai servizi ufficiali, uso sistematico di veicoli passeggeri con conducente ( VTC) piuttosto che usare ambulanze e soprattutto consultazioni mediche, spesso riducendo le patologie per evitare qualsiasi dichiarazione immediata. Lo scopo di tutto ciò era di ridurre il numero di segnalazioni di incidenti, rese obbligatorie dalla legge dello Stato della California. Dichiarazioni successive sono state sistematicamente contestate dalla società, che l'ha vista come il risultato di un comportamento privato individuale, non avendo nulla a che fare con una causa professionale.

Sembra che questo fallimento dell'automazione totale della produzione sia considerato dai suoi promotori come un pericolo temporaneo che saremo in grado di rimediare rapidamente. Si può affermare che il processo non è stato realmente adattato alla "reintroduzione" dell'essere umano sulla catena a causa dell'emergenza: tenendo conto della delicata situazione finanziaria di Tesla, è stato necessario garantire produzione nella migliore delle ipotesi e senza ritardi. Ma possiamo anche considerare che nella mente di Elon Musk e del suo team, l'ipotesi di cui possiamo fare a meno è stata temporaneamente invalidata e che i futuri progressi tecnici forniranno la soluzione.

Possiamo sostenere questa affermazione che allo stesso tempo lo sviluppo di auto a guida autonoma inizialmente destinato a sostituire i taxi e VTC è stato continuato nonostante, ancora una volta, molte difficoltà tecniche. Ed è paradossale che Elon Musk ammetta, come abbiamo visto in precedenza, di aver sottovalutato le capacità dell'essere umano (ciò che pochi attori dell'ambiente industriale si permettono di fare), mentre nel importa, erano piuttosto le capacità dei robot (o forse quella degli ingegneri che li progettavano) che aveva sopravvalutato.

Comunque, nella sua mente, il riferimento non è più l'essere umano, ma la macchina, la prima viene convocata per allineare le sue pratiche professionali con le procedure e i processi dei secondi. Peggio ancora, questo allineamento dovrà essere effettuato al livello di prestazioni atteso dalle macchine, anche se una tecnica difettosa lo rende irraggiungibile alla robotica realmente esistente. La relazione è invertita: l'essere umano diventa il supporto per la macchina, potenzialmente a un ritmo che non è in grado di garantire, invece di beneficiare dei progressi tecnici che potrebbe portare al proprio lavoro.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che il livello di prestazioni atteso dalle macchine è esso stesso il risultato di una scelta umana: la decisione politica o economica non viene presa dalla macchina, è buona il designer e, attraverso di lui, il cliente (datore di lavoro). La macchina intelligente non esiste qualunque cosa Musk e i suoi compagni possano credere. D'altra parte, oltre al suo ruolo tecnico, svolge anche un ruolo di esca, distogliendo l'attenzione da coloro che sono realmente responsabili dell'attuazione di cambiamenti dannosi nelle condizioni di lavoro.

Abbiamo quindi gli inizi di una realtà più o meno fantasiosa in Tesla che si tradurrebbe in un uomo al servizio della macchina. Restava da immaginare il processo che lo avrebbe messo sotto la sua dipendenza quotidiana.

 

Quando l'algoritmo diventa il boss (o almeno il supervisore)

I lavoratori di alcuni call center hanno recentemente visto una nuova funzione nella schermata della loro stazione di lavoro: se l'operatore parla troppo rapidamente, appare un contatore che li induce a rallentare, se sembrano mancare di convinzione, sarà una tazza di caffè e se gli manca l'empatia, un cuore pulsante gli ricorderà che l'acquisto è un atto d'amore [14] .

Certo, il lavoro nei call center è sempre stato altamente prescritto, ma fino ad ora i supervisori hanno condotto sondaggi per verificare che la procedura fosse seguita. Grazie all'uso di uno strumento di intelligenza artificiale, battezzato in tutta modestia Cogito , il monitoraggio diventa permanente e il lavoratore viene continuamente ricordato dei suoi doveri. E poiché questo strumento è destinato a mantenere il lavoratore sotto sorveglianza continua, se il lavoratore lo nasconde sul suo schermo, il supervisore viene immediatamente informato. Potrebbe venire un giorno in cui la sanzione può essere suggerita dalla macchina, come su Amazon ...

Nei magazzini logistici di Amazon, l'attività dei lavoratori è regolata da software, ma anche le loro prestazioni qualitative e quantitative vengono registrate automaticamente e possono portare al licenziamento se ritenute insufficienti [15]. Pertanto, la società si è separata in uno dei suoi magazzini situati negli Stati Uniti da 300 dipendenti (su una forza lavoro totale di 2500 persone) per un periodo di un anno, una cifra inferiore al numero registrato negli anni precedenti (la tendenza sarebbe a un costante declino). Questa tendenza al ribasso può anche essere analizzata come la traduzione della trasformazione dei lavoratori presenti in questo seminario in una popolazione sopravvissuta (in senso epidemiologico): coloro che non possono adattarsi all'organizzazione e il ritmo del lavoro vengono gradualmente espulsi della compagnia.

Siamo lontani dal concetto di adattamento del lavoro agli esseri umani che appare nel Codice del lavoro francese. Certo, anche con tali disposizioni, la situazione è lungi dall'essere incoraggiante in molte società in Francia. In particolare, l'uso del voice picking [16] è molto diffuso. Ciò che colpisce nel nuovo modello implementato da Amazon e da altre società di logistica è che questa logica di "umanizzazione" del lavoro non è mai prevista: solo l'algoritmo, che dovrebbe portare efficienza, conta l'essere umano sarebbe incapace, anche se molti esempi dimostrano che è falso.

Il monitoraggio dei lavoratori può essere molto più approfondito e focalizzato su comportamenti individuali, indicatori di possibili deviazioni future dalla norma. Pertanto, in alcune sale di negoziazione, lo stato fisiologico degli operatori è costantemente monitorato [17]. Si tratta di rilevare, monitorando lo stato della pupilla dell'occhio o quello della voce, variazioni che potrebbero essere indicative di un comportamento irrazionale o una volontà deliberata di non rispettare rigorosamente al piano di lavoro prescritto: tale agente potrebbe quindi rinunciare a vendere tale prodotto che appare nei suoi obiettivi e "essere ripreso in mano" in un istante in modo che il suo approccio professionale rimanga conforme. Tutti questi dati di analisi comportamentale, analizzati insieme al contenuto delle telefonate o dei messaggi elettronici, potrebbero, oltre al monitoraggio il più vicino possibile al lavoro, essere utilizzati per modificare le strategie tecniche e commerciali delle aziende.

Affronteremo qui il problema delle piattaforme attraverso quello delle condizioni di lavoro degli spremiagrumi . Questi lavoratori responsabili della raccolta degli scooter messi a disposizione del pubblico in flottante libero (senza stazioni), della loro ricarica elettrica e della loro consegna sull'autostrada pubblica. Nella maggior parte dei casi si tratta di lavoratori autonomi. Marc Malenfer [18] ha riassunto le loro condizioni di lavoro come segue:

- forte concorrenza tra di loro per recuperare il numero massimo di dispositivi (pagamento effettuato dal pezzo) che possono causare violenza fisica,

- retribuzione variabile in base alla posizione dello scooter con premio di rischio per l'ingresso in luoghi privati,

- lavoro notturno con una quota significativa di movimentazione (da 12 a 20 kg per macchina) e trasporto in un veicolo generalmente non attrezzato,

- rischio di incendio con ricarica simultanea di molte batterie agli ioni di litio in ambienti non particolarmente adatti all'alimentazione.

Deliberatamente, le piattaforme ritengono che la prevenzione dei rischi professionali non sia una loro responsabilità e la lasciano agli spremiagrumi che non hanno i mezzi per gestirli. Ci fu una reazione da parte di alcuni comuni, di fronte all'indignazione dei residenti, cosicché, attraverso l'attribuzione delle autorizzazioni, da sfruttare, apparve una certa moralizzazione di queste pratiche (anche se è ancora insufficiente).

Ancora più caricaturale e che rivela sia l'immaturità dell'approccio delle piattaforme sia la scarsa considerazione che danno ai loro lavoratori: il dialogo tra un regolatore e un fattorino che lavora per conto di Stuart . In una giornata gelida a Parigi, con molti ordini e pochi corrieri, uno di loro cerca di negoziare la disassegnazione di una gara che non può completare in tempo a causa delle condizioni meteorologiche. Il regolatore tenta due volte di annullare la corsa. Invano. La sua reazione finale è quella di minacciare il fattorino con una dereferenza poiché non è in grado di fare l'impossibile e manca di professionalità. Il dialogo eloquente è disponibile su Twitter .

Tutti questi esempi mostrano un'inversione della logica in atto in alcune aziende. La tecnologia è stata installata al centro del processo, i lavoratori alla periferia. Potremmo considerare che questo non è nuovo: quindi nell'industria siderurgica, la cokeria o l'altoforno sono sempre stati al centro dell'attività, ma il lavoro è ancora lì oggi organizzato collettivamente sulla base di esperienza comune. Le strategie di prevenzione degli incidenti sono state sviluppate e attuate collettivamente.

In questo settore di nuovo tipo (4.0?), La tecnologia sostituisce il contributo umano: il lavoratore diventa un semplice esecutore di una procedura decisa altrove, possibilmente costruita su un'analisi non contraddittoria delle esigenze e del ruolo della produzione investito dal lavoratore. È paradossale che in un momento in cui le aziende giurano di innovazione e agilità, un certo numero di esse si priva deliberatamente del contributo di attori essenziali, in grado di contribuire all'analisi del vero lavoro. Questa disumanizzazione non solo può essere percepita come alienante, anche violenta dai lavoratori, ma priva la compagnia di un intero serbatoio di soluzioni innovative.

 

Individuazione di compiti a scapito della creatività

La parola chiave è individualizzazione. Le TIC sono strumenti estremamente efficaci in questo contesto. Corrispondono perfettamente alle esigenze di una politica che consiste da decenni nella lotta classica contro le organizzazioni sindacali, ma anche contro i collettivi di lavoro, considerati come mezzi di resistenza in cui si sviluppa una cultura diversa dalla cultura ufficiale del azienda. Non dovrebbe più esserci un intermediario tra l'azienda e il lavoratore e il canale di trasmissione delle informazioni (in entrambe le direzioni) sarà fornito dalle TIC.

Può essere allettante fare un parallelo con la sostituzione del contratto commerciale con il contratto di lavoro, promosso da quasi tutte le piattaforme: i dipendenti diventano lavoratori autonomi. Questo dovrebbe essere visto come una nuova fase nello sviluppo del mantra che ha risuonato per diversi decenni: "la società deve concentrarsi sul suo core business". Dovremmo ora considerare che il lavoratore non ne farebbe più parte?

Un altro elemento importante da tenere in considerazione è l'universalità di questa logica: come abbiamo visto attraverso i vari esempi, questi fenomeni influenzano sia il settore industriale che quello dei servizi. Sia i lavoratori che svolgono mansioni scarsamente qualificate sia quelli in cima alla scala, anche se vi è una compensazione per questi ultimi: alcune attività meno gratificanti come il monitoraggio bibliografico o la gestione dei dati possono essere agevolate. Ma anche queste controparti sembrano essere qualificate: la loro cancellazione può comportare un'intensificazione del lavoro (più compiti considerati produttivi da svolgere in un periodo di tempo uguale).

L'importanza del tempo dedicato a questi compiti, considerati sussidiari, poiché non direttamente produttivi è spesso sottovalutata: è comunque un momento in cui il cervello continua a funzionare e ad avanzare nella risoluzione dei problemi di ogni tipo a cui si trova confrontato con. Questa restrizione dei compiti da svolgere potrebbe quindi tradursi in un calo della creatività dei lavoratori, tanto più che, nonostante le continue richieste ripetute di agilità, l'attività di tutti, a tutti i livelli, è in crescita più incorniciato, standardizzato, regolato da procedure e politiche di "qualità".

Infine, l'entità del fenomeno non deve essere sottovalutata. I fenomeni di uso intensivo delle TIC e le tecnologie che ne derivano non sono riservati alle aziende all'avanguardia dell'economia dei giganti sviluppate sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Possiamo vedere chiaramente attraverso le attività delle piattaforme ( Uber , Deliveroo , Amazon per citarne alcuni) la loro vocazione a svilupparsi in tutto il mondo. Ciò che è meno visibile al momento è l'ibridazione che sta avvenendo tra l'economia classica e queste nuove forme di attività.

Che si tratti di acquisizioni o sviluppo interno, le aziende dell'economia classica stanno digitalizzando ad alta velocità adottando gli stessi canoni dell'economia gig  : tutta l'attività economica è in procinto di Dimentica i compromessi sociali del glorioso Trenta. Dagli anni '80, questi accordi sono stati oggetto di incessanti attacchi da parte dei datori di lavoro: questo probabilmente non è nulla rispetto a quelli che interverranno negli anni a venire.

 

Governance algoritmica

Oltre alla perdita di creatività sopra menzionata, un autore come Nicholas Carr [19] si domanda sulla possibile reversibilità dei fenomeni provocati da questa automazione, o addirittura sulla possibilità che gli esseri umani rimangano in grado di controllare il loro sviluppo, e quindi sulla democrazia. Riprendendo il lavoro di Bruno Latour sull'invisibilità di una tecnologia familiare e sul potere che gradualmente acquisisce su di noi imponendoci i suoi vincoli a nostra insaputa, l'autore è preoccupato per un possibile uso improprio.

È davvero una nostra richiesta che facciamo quando acquistiamo un prodotto o ci impegniamo in un processo personale; o è in definitiva determinato dall'ambiente tecnologico che ci è diventato così familiare che non lo vediamo più, non più di quanto possiamo discernere l'influenza che un'altra entità (Stato, Gafam, intelligenza artificiale ...) ha deliberatamente o non instillato? In altre parole, vogliamo la soddisfazione dei nostri desideri o, a nostra insaputa, quella di una formattazione esterna? In questa ipotesi, ovviamente, la soggezione al lavoro costituisce solo una delle declinazioni dell'alienazione, essendo questa dispiegata secondo forme più tecnologiche e più insidiose, rendendola più accettabile che nelle sue espressioni più violente.

Antoinette Rouvroy e Thomas Berns suggeriscono lo stesso vicolo cieco in una delle conclusioni del loro articolo "Governance algoritmica e prospettive di emancipazione [20]  " attraverso una delle loro conclusioni: "che dire del personaggio emancipando da una prospettiva transindividuale o rizomatica quando i desideri che si muovono lì ci precedono  ? Questo primato cronologico dell'offerta personalizzata secondo propensioni non espresse dal soggetto arriva sempre a determinare e stabilizzare già i processi di individualizzazione dalla fase pre-individuale? Questi nuovi usi delle statistiche che stanno datamininge la profilazione non ci riduce all'impotenza di fronte agli standard immanenti prodotti dalla governamentalità algoritmica? "

 

Appunti

[1] FMI (T. Chen, JJ Hallaert et al.) - Disuguaglianza e povertà attraverso le generazioni nell'Unione europea . 24 gennaio 2018.

[2] F. Cingano - Tendenze nella disparità di reddito e il suo impatto sulla crescita economica . Documenti di lavoro dell'OCSE su questioni sociali, occupazione e migrazione, n. 163, 2014, OCSE Publishing, Parigi.

[3] D. Autor, D. Dorn - "La crescita di posti di lavoro a bassa competenza e la polarizzazione del mercato del lavoro americano". American Economic Review , 103, 5, 2013, pagg. 1553-1597.

[4] W. Dauth, S. Findeisen - Robot tedeschi - L'impatto dei robot industriali sui lavoratori . Documento di discussione IAB. Istituto di ricerca di lavoro.

[5] A. Reshef, F. Toubal - La polarizzazione dei lavori in Francia . Cepremap, aprile 2019.

[6] D. Weil - Il posto di lavoro fessurato. Perché il lavoro è diventato così male per così tanti e cosa si può fare per migliorarlo . Harvard University Press, 2014.

[7] P. Moore, M. Upchurch et al. (a cura di) - Umani e macchine al lavoro: monitoraggio, sorveglianza e automazione nel capitalismo contemporaneo . Palgrave (serie Dynamics of Virtual Work), 2017.

[8] A. Casilli - In attesa dei robot. Fai clic su Indagine di lavoro . The Threshold, 2019.

[9] L'obiettivo iniziale era quello di fornire un'auto a $ 35.000 (che non rende l'auto di tutti): di fronte a difficoltà di produzione, sono stati rivisti a oltre $ 60.000, produzione del modello entry-level rinviato a una data successiva ...

[10] NE Boudette - " Dentro l'audace spinta di Tesla a reinventare il modo in cui sono costruite le automobili ". The New York Times , 30 giugno 2018.

[11] "Sì, l'eccessiva automazione di Tesla è stata un errore. Per essere precisi, errore mio. Gli umani sono sottovalutati. Twitter, 13 aprile 2018, 13:54

[12] W. Evans, AJ Perry - " Tesla afferma che la sua fabbrica è più sicura. Ma ha lasciato ferite dai libri . Reveal (Center for Investigative reporting) , 16 aprile 2018.

[13] W. Evans - " All'interno della fabbrica di Tesla, una clinica medica progettata per ignorare i lavoratori feriti" . Reveal (Center for Investigative reporting) , 5 novembre 2018.

[14] K. Roose - " Una macchina non può svolgere il tuo lavoro, ma uno potrebbe diventare il tuo capo ". The New York Times , 23 giugno 2019.

[15] C. Lecher - "In che  modo Amazon rintraccia e licenzia automaticamente i magazzinieri per" produttività " ". The Verge , 25 aprile 2019.

[16]In altre parole, il sequenziamento dei compiti da svolgere è organizzato da un algoritmo che dovrebbe razionalizzare l'organizzazione del lavoro per una maggiore efficienza. Questo algoritmo quindi comunica continuamente i suoi ordini al lavoratore tramite un auricolare. In pratica, si tratta soprattutto di aumentare la produttività, anche facendo viaggiare i lavoratori su distanze molto lunghe durante una stazione di lavoro (dell'ordine di 25 chilometri), pur mantenendo una pressione molto forte. permanentemente su di loro: se il lavoratore è in ritardo rispetto al piano di percorso, non conoscerà l'entità di questo ritardo prima che venga assorbito, al fine di evitare che lo accolga. Questi dispositivi negano anche l'intelligenza di tutti i lavoratori in aree come la creazione di pallet (il "bellissimo pallet") con risultati spesso scarsi in termini di stabilità durante il trasporto. Nel bilancio, l'efficienza economica probabilmente non è presente, ma gli alti e i bassi vengono trasferiti a un altro anello della catena del valore. Vedi D. Gaboriau - " Quando il lavoratore diventa un robot. Rappresentazioni e pratiche dei lavoratori di fronte allo stigma del deskilling ". L'uomo e la società , n ° 205, 2017, pagg. 245-268.

[17] S. Wajsbrot - " Nuovi strumenti per mettere gli operatori sotto sorveglianza" . Les Echos , 22 novembre 2017.

[18] M. Malenfer - "Dietro gli scooter, gli spremiagrumi ". Futuribles , n ° 431, luglio-agosto 2019, pagg. 119-122.

[19] NG Carr - The Glass Cage: Automation and Us , WW Norton, 2014.

[20] A. Rouvroy, T. Berns. “ Governance algoritmica e prospettive di emancipazione. Il disparato come condizione di individuazione attraverso la relazione? Networks , 177, 1, 2013, pagg. 163-196.