Vai al contenuto

Rivolta in Cile: la vita contro il capitale Pierina Ferretti e Mia Dragnic 13 febbraio 2020

FONTE : VIEWPOINTMAG.COM CHE RINGRAZIAMO

"Non sono 30 pesos, sono 30 anni"

All'inizio di ottobre 2019, un aumento di $ 0,04 della tariffa della metropolitana è entrato in vigore nella città di Santiago. Pochi giorni dopo, gli studenti delle scuole superiori hanno iniziato a organizzare giorni di azione diretta, invitando le persone a sfuggire al pagamento del biglietto in segno di protesta contro le misure imposte dal governo. L'atto di saltare sui tornelli nelle stazioni della metropolitana si è diffuso rapidamente e le organizzazioni studentesche hanno richiesto un giorno di grande evasione venerdì 18 ottobre, con lo slogan "Evadi, non pagare, un'altra forma di lotta". La popolazione ha risposto massicciamente alla chiamata e le proteste hanno avuto luogo nelle principali stazioni della metropolitana della città, che hanno incontrato una brutale repressione da parte dei Carabineros del Cile (una forza di polizia armata sotto il Ministero degli Interni) e la sospensione dei trasporti pubblici in diversi punti centrali della Santiago. Questa situazione ha portato al caos nelle ore di punta, mentre milioni di residenti stavano tornando a casa dal lavoro. Al calar della notte, la popolazione, indignata per l'azione della polizia e la reazione del governo, si riversò per le strade, sbattendo pentole e padelle. Le barricate salirono in tutta la città e nel giro di poche ore era iniziata la più grande rivolta sociale del paese, passando da una reazione all'aumento della tariffa a una sfida generale alle condizioni di vita imposte in più di quarant'anni di neoliberismo ortodosso .

Solo pochi giorni prima dell'inizio della rivolta popolare, Sebastián Piñera, l'uomo d'affari multimilionario che sta vivendo il suo secondo mandato come presidente, ha descritto il Cile come "un'oasi di pace" nel bel mezzo di un'America Latina in subbuglio. Le sue parole coincidevano con l'immagine che il paese aveva esportato nel resto del lavoro per decenni: una democrazia stabile, indici macroeconomici favorevoli, una riduzione della povertà, un aumento del reddito pro capite, alti livelli di accesso ai beni di consumo, tra le altre caratteristiche ciò ha reso il Cile il caso eccezionale di successo del neoliberismo in una regione attraversata da instabilità politica e resistenza popolare all'applicazione di ricette monetarie.

La mercificazione di tutte le sfere della vita sociale - compresi elementi come l'acqua, l'assistenza sanitaria, l'istruzione e le pensioni - e la costituzione di un tipo di stato che è al servizio dell'accumulazione aziendale attraverso sussidi ai fornitori privati di servizi sociali, che garantisce questi alti livelli di profitto, sono stati la base del neoliberismo creolo in Cile per quattro decenni e mezzo. Queste due tendenze hanno portato a un continuo aumento della disuguaglianza e all'accumulo di grandi livelli di malcontento sociale in segmenti sempre più ampi della popolazione. 1 Possiamo utilizzare alcuni dati per delineare questa situazione a grandi linee: l'1% superiore della popolazione concentra il 26% del PIL, mentre il 50% delle famiglie con redditi più bassi detiene solo il 2,1% della ricchezza del paese, 2 che rende il Cile il paese più disuguale nell'OCSE e uno dei trenta con la peggiore distribuzione del reddito a livello globale. 3 Il cinquanta percento dei lavoratori guadagna circa $ 460 4 al mese e i pagamenti pensionistici sono in media $ 340, 5 numeri che sono assolutamente insufficienti a pagare per la vita e che mantengono una percentuale molto maggiore della popolazione in povertà rispetto a quella riconosciuta dalle statistiche ufficiali. 6 Questa situazione spiega ampiamente gli elevati livelli di debito della popolazione, che, secondo i recenti dati della Banca centrale, nell'ultimo trimestre del 2019 ha raggiunto livelli record che rappresentano il 75% del reddito disponibile delle famiglie cilene. 7

In queste condizioni, che sono solo un esempio, c'è un crescente senso di stanchezza e consapevolezza di vivere in un paese ingiusto, in cui i cittadini comuni devono fare enormi sforzi per far quadrare i conti mentre le grandi società beneficiano di un sistema progettato per loro. I ripetuti casi di collusione dei prezzi di beni di base, evasione fiscale, frode fiscale da parte di militari e moschettoni, tra gli altri casi di corruzione commerciale e statale, hanno esaurito la pazienza di coloro che sentono il peso di quegli abusi. "Non sono 30 pesos, sono 30 anni" è stato uno dei primi slogan emersi da questa rivolta e uno di quelli che meglio riassume il suo significato. Il popolo cileno ha accumulato rabbia, indignazione e frustrazioni per decenni, fino a quando l'aumento della tariffa della metropolitana non è stato il detonatore di un terremoto sociale che, tra le altre cose,

L'emergere di una nuova composizione sociale e i limiti delle sinistre

Al di là del punto cieco dell'élite che ha insistito sulla natura inaspettata e inspiegabile di questa crisi, i segni di esaurimento della legittimità del neoliberismo sono stati avvertiti in modo sostenuto e crescente in Cile dall'inizio degli anni 2000. Innumerevoli conflitti sociali, con impatti diversi, si sono sviluppati in relazione alla espropriazione di risorse naturali e servizi sociali. Le lotte contro la privatizzazione dell'acqua e il suo furto da parte delle aziende agricole, le lotte delle comunità contro le mega-miniere e la contaminazione delle cosiddette "zone di sacrificio", le lotte dei lavoratori precari nel settore pubblico e privato, le massicce mobilitazioni per il diritto all'istruzione e a un nuovo sistema pensionistico,

La rivolta di ottobre si verifica all'interno di questo ciclo di sfide al neoliberismo che, con alti e bassi, si è intensificato negli ultimi anni, ma, allo stesso tempo, segna una svolta che, a causa della sua grandezza e composizione sociale, supera prima momenti di contestazione. Ciò che appare come una novità è che questa volta non sono settori specifici della società a ribellarsi, ma piuttosto, per la prima volta nella storia recente, è una maggioranza effettiva della popolazione che scende spontaneamente in strada con una forza inaspettata e radicalità. Questa imponenza conferma che è il movimento più ampio e trasversale emerso nella società cilena nella storia recente,

D'altra parte, a differenza di altri processi di mobilitazione sociale nel recente ciclo, che sono stati guidati da attori sociali organizzati con una capacità di mobilitare un gran numero di persone, come il movimento studentescoe ha creato leader chiari che sono diventati personaggi politici ai margini della democrazia rappresentativa, la caratteristica principale di questa rivolta è il suo carattere organico e spontaneo e la mancanza di leader identificabili. Le strade sono state travolte da un popolo che senza aspettare di essere chiamato da nessuna organizzazione - e prima ancora che quelle organizzazioni fossero persino in grado di reagire - si è rivolto a protestare in modo completamente spontaneo. L'enorme massa e trasversalità della mobilitazione hanno raggiunto il culmine il 25 ottobre, quando, secondo le statistiche ufficiali, c'erano più di 1.200.000 persone radunate per le strade di Santiago. L'assenza di striscioni dai partiti politici o dai grandi movimenti politici nelle concentrazioni sembra significare che l'immensa maggioranza di coloro che partecipano non provengono da organizzazioni politiche tradizionali, né appartengono alle culture attiviste della sinistra storica. Invece, la presenza delle bandiere Mapuche (wenufoye e Wüñellfe) è stata molto significativa, così come la bandana verde che simboleggia la lotta per l'accesso all'aborto, nonché gli stendardi e le maglie delle principali squadre di calcio. Ciò rivela che in Cile, analogamente a quanto accaduto in precedenza in diversi paesi dell'America latina e dei Caraibi, i modi tradizionali di politica si stanno esaurendo, dimostrando chiaramente l'incapacità e i limiti della democrazia rappresentativa di incanalare le aspirazioni delle maggioranze sociali. né appartengono alle culture attiviste della sinistra storica. Invece, la presenza delle bandiere Mapuche (wenufoye e Wüñellfe) è stata molto significativa, così come la bandana verde che simboleggia la lotta per l'accesso all'aborto, nonché gli stendardi e le maglie delle principali squadre di calcio. Ciò rivela che in Cile, analogamente a quanto accaduto in precedenza in diversi paesi dell'America latina e dei Caraibi, i modi tradizionali di politica si stanno esaurendo, dimostrando chiaramente l'incapacità e i limiti della democrazia rappresentativa di incanalare le aspirazioni delle maggioranze sociali. né appartengono alle culture attiviste della sinistra storica. Invece, la presenza delle bandiere Mapuche (wenufoye e Wüñellfe) è stata molto significativa, così come la bandana verde che simboleggia la lotta per l'accesso all'aborto, nonché gli stendardi e le maglie delle principali squadre di calcio. Ciò rivela che in Cile, analogamente a quanto accaduto in precedenza in diversi paesi dell'America latina e dei Caraibi, i modi tradizionali di politica si stanno esaurendo, dimostrando chiaramente l'incapacità e i limiti della democrazia rappresentativa di incanalare le aspirazioni delle maggioranze sociali. così come gli striscioni e le maglie delle principali squadre di calcio. Ciò rivela che in Cile, analogamente a quanto accaduto in precedenza in diversi paesi dell'America latina e dei Caraibi, i modi tradizionali di politica si stanno esaurendo, dimostrando chiaramente l'incapacità e i limiti della democrazia rappresentativa di incanalare le aspirazioni delle maggioranze sociali. così come gli striscioni e le maglie delle principali squadre di calcio. Ciò rivela che in Cile, analogamente a quanto accaduto in precedenza in diversi paesi dell'America latina e dei Caraibi, i modi tradizionali di politica si stanno esaurendo, dimostrando chiaramente l'incapacità e i limiti della democrazia rappresentativa di incanalare le aspirazioni delle maggioranze sociali.

Così questa rivolta popolare si verifica in un momento in cui le forme tradizionali che articolavano il movimento operaio, il campo popolare e le classi medie - sindacati, sinistra storica e partiti di centrosinistra - hanno sperimentato processi in corso di collasso e svuotamento. Questi processi possono essere spiegati da una combinazione di fattori che vanno dalle trasformazioni nella composizione e nella struttura della classe lavoratrice, che hanno minato le organizzazioni sindacali, alla collusione tra le élite politiche, comprese quelle di centro-sinistra, con interessi commerciali, che ha infine delegittimato il sistema politico nel suo insieme. Per fare alcuni esempi, attualmente in Cile l'unione sindacale raggiunge a malapena il 20%. 8Pertanto, un'enorme massa di lavoratori, in particolare quelli soggetti alle più dure condizioni di sfruttamento e precarietà e alle forme di lavoro iperflessibili di questa fase neoliberista, non sono rappresentati dalla struttura sindacale. Per quanto riguarda la politica di partito, la distanza con l'intera società è enorme e continua ad approfondirsi. Se nel 1988, quando la dittatura stava per finire, solo il 6% della popolazione identificava di non avere una posizione politica, oggi tale percentuale è del 63%, il che è coerente con gli alti livelli di astensione elettorale, che ha superato il 50% in le ultime elezioni presidenziali. In questo contesto, le sinistre, sia i partiti storici - il Partito Comunista e il Partito Socialista - sia il nuovo raccolto, raggruppati nel recente Ampente Amplio(FA), non mostrare numeri più incoraggianti. Se nel 1993, il 37% della popolazione si dichiarava parte della sinistra, oggi solo il 14% si identifica con quella parte politica. 9

In questo contesto che prende forma da diversi anni, la situazione aperta dall'insurrezione sociale ha reso ancora più evidenti i limiti delle organizzazioni sociali, delle sinistre partigiane e in particolare della FA per incanalare le richieste e sviluppare nuovi modi di fare politica. Il giovane raggruppamento della nuova sinistra, costituito principalmente da settori universitari della classe media professionale, che si è presentato solo due anni fa come un progetto di rottura con la politica tradizionale e che include tra i suoi ranghi noti leader della lotta studentesca, invece di agire come agente articolato della lotta sociale, ha finito per diventare parte delle pratiche politiche che si era prefissato di superare.10

Pertanto, questa rivolta esprime i conflitti sociali emersi dalle nuove forme di disuguaglianza create dal neoliberismo che non trovano posto sulla sinistra effettivamente esistente e decollano attraverso canali diversi, con nuove logiche e anche, nuovi tipi di identità, immaginari, e desideri. Le persone che sono nelle strade sono eterogenee nella sua composizione sociale e generazionale, esprimono le nuove forme di lavoro, le nuove esclusioni causate e intensificate dalla modernizzazione neoliberale, nonché le nuove soggettività modellate dalle promesse di integrazione sociale attraverso l'integrazione nel lavoro mercato, istruzione superiore e consumo e, spesso, per la frustrazione di quelle aspettative, che sono irraggiungibili nelle condizioni prevalenti di precarietà e insicurezza. In questo modo, le mobilitazioni riuniscono studenti delle scuole superiori e universitari, precari giovani professionisti, residenti nei quartieri periferici, settori di una “classe media” fragile e instabile, fan club di calcio (simbolo di giovani poveri e stigmatizzati), lavoratori qualificati e non qualificati, pensionati e anziani, impiegati e app, tra gli altri. La condizione condivisa da questo insieme disparato di gruppi sociali è la precarietà vissuta in misura maggiore o minore, percepita come una minaccia o vissuta come una realtà effettiva, la rabbia di fronte agli abusi dell'élite economica e politica e un rifiuto trasversale di politica istituzionale. lavoratori qualificati e non qualificati, pensionati e anziani, impiegati e app, tra gli altri. La condizione condivisa da questo insieme disparato di gruppi sociali è la precarietà vissuta in misura maggiore o minore, percepita come una minaccia o vissuta come una realtà effettiva, la rabbia di fronte agli abusi dell'élite economica e politica e un rifiuto trasversale di politica istituzionale. lavoratori qualificati e non qualificati, pensionati e anziani, impiegati e app, tra gli altri. La condizione condivisa da questo insieme disparato di gruppi sociali è la precarietà vissuta in misura maggiore o minore, percepita come una minaccia o vissuta come una realtà effettiva, la rabbia di fronte agli abusi dell'élite economica e politica e un rifiuto trasversale di politica istituzionale.

Questa maggioranza sociale che è scesa in piazza spiega l'emergere di un popolo gestito da molti anni all'interno di una delle esperienze più radicali del neoliberismo a livello globale. Il suo aspetto ha traboccato completamente il sistema politico e le organizzazioni che tradizionalmente canalizzavano gli interessi delle classi subalterne. Segna un punto di non ritorno nel ciclo delle lotte anti-neoliberiste in Cile: il momento in cui la maggioranza si alza per chiedere un altro tipo di vita e, con esso, un altro tipo di società. Qui sta la novità e la potenza di questa rivolta e le sfide che essa pone in termini politici.

Scene di una rivolta espansiva

Nei tre mesi della rivolta, le mobilitazioni si sono mutate, ampliate e moltiplicate in diversi spazi e territori. Si sono spostati dalle strade e dalle piazze ai quartieri e ai luoghi di lavoro e di studio. Sono passati dalla completa spontaneità all'organizzazione di nuove forme di resistenza e al processo decisionale collettivo. Le prime massicce concentrazioni avvennero in una delle piazze centrali della città, ribattezzata Dignity Plaza dalla rivolta, e furono completamente spontanee. Migliaia di persone hanno iniziato a radunarsi lì giorno dopo giorno, enormi concentrazioni di persone, senza striscioni da partiti politici o organizzazioni sindacali, straripando la piazza con segni fatti a mano, bandiere di squadre di calcio, bandane verdi e una massiccia presenza della bandiera Mapuche. Senza palcoscenici o relatori, senza leader o registi, la piazza e le aree circostanti si sono trasformate in un misto di protesta, festa e guerra. I giovani che ballano e bevono birra, scontri con la polizia, spettacoli, concerti improvvisati e una moltiplicazione di pratiche di disobbedienza costituivano il rifiuto generalizzato del coprifuoco imposto dal governo nelle prime settimane.

La brutale repressione scatenata dal governo ha generato una rapida organizzazione di resistenza e cura: picchetti di giovani salvano i feriti dall'azione della polizia e li trasferiscono in punti medici ospitati in centri culturali, federazioni studentesche e passaggi messi a disposizione da residenti che vivono nelle vicinanze del cosiddetto "ground zero". Altri forniscono assistenza legale ai detenuti e alle vittime della repressione. Una prima linea armata di scudi improvvisati costituiti da antenne TV satellitari, lattine, segnali stradali o assi di legno, si confronta direttamente con la polizia permettendo al resto dei manifestanti di rimanere relativamente protetti dalla brutalità della polizia. Gruppi improvvisati hanno organizzato una cena di Natale per i giovani in prima linea e una festa di Capodanno a Dignity Plaza alla quale hanno partecipato migliaia di persone.

Poco dopo l'inizio della rivolta, insieme a proteste di strada e grandi manifestazioni, assemblee e consigli sono stati convocati in una moltitudine di spazi sociali in tutto il paese: quartieri, luoghi di lavoro, centri di studio, stadi di calcio, riunioni di quartiere, ecc. In questi incontri, migliaia di persone si sono riunite per discutere, fare diagnosi condivise sui problemi sociali più urgenti e elaborare soluzioni e proposte. Nelle assemblee, i partecipanti identificano collettivamente le forme di dominio e sfruttamento, la precarietà della vita e del lavoro, l'esclusione di molte persone dalle decisioni politiche che riguardano la società nel suo insieme e le disuguaglianze che sono prodotte e mantenute politicamente. Discutono del sistema fiscale, dello stato del sistema sanitario pubblico, della questione delle pensioni.

Pertanto, nel corso di poche settimane, sono state sviluppate forme di auto-organizzazione popolare che sono sorprendenti nei loro livelli di complessità, nella loro capacità di risolvere i problemi imposti dalla repressione della polizia e di articolare il processo decisionale collettivo. Per molti partecipanti, queste sono state le loro prime esperienze di mobilitazione sociale e organizzazione collettiva, ed è indubbiamente qui dove gran parte del potenziale della rivolta sta nella configurazione di organizzazioni e forme di azione collettiva che sono adatte alla nuova composizione sociale che è emersa.

Contro la cattura neoliberale della democrazia e della riproduzione sociale

Questi processi deliberativi comunitari prodotti all'interno della rivolta incapsulano una lotta per recuperare per la maggioranza sociale il potere di prendere decisioni sui fini della vita collettiva, sul comune, sui processi di produzione e riproduzione sociale e, in definitiva, una lotta contro la cattura neoliberista della democrazia. Se davvero il neoliberismo ha creato qualcosa, a parte l'ineguaglianza nella distribuzione della ricchezza e la distruzione della vita in tutte le sue forme, è una sempre maggiore colonizzazione dei processi di riproduzione sociale al fine di generare affitti - e con essa l'assoluta mercificazione di diritti sociali in Cile - e, in termini politici, una continua espropriazione di gruppi subalterni: una barriera alle loro possibilità di determinazione nell'organizzazione della vita sociale,

Recuperare il potere di prendere decisioni da parte della maggioranza sulle condizioni della riproduzione sociale diventa fondamentale nel contesto delle lotte in corso. Ecco perché la richiesta di una nuova costituzione politica è diventata centrale, perché rappresenta la possibilità di stabilire nuove basi per la vita comune e di porre fine ai tempi ereditati dalla dittatura. L'orizzonte di una nuova costituzione che disassembla lo stato sussidiario e consacra i diritti sociali, che riconosce il carattere plurinazionale dello stato e i diritti delle nazioni che vivono in questo territorio, che rende possibili forme sostanziali di democrazia (plebisciti vincolanti, iniziative legislative popolari, il richiamo delle autorità elette, ecc.), è stato aperto per la prima volta nella storia del paese dalla forza della mobilitazione sociale,

Inoltre, la rivolta in Cile mostra fino a che punto la lotta di classe contemporanea è cresciuta fino a superare la sua comprensione formale come qualcosa che riguarda solo la sfera produttiva - salari e diritti del lavoro - e si è estesa all'ampio campo della riproduzione sociale e della democrazia in la forma delle richieste di assistenza sanitaria, pensioni, alloggio, ambiente, ecc. Le battaglie per recuperare la vita e il potere decisionale delle persone si presentano così come le scene principali per i prossimi scontri politici, dove prenderà la collisione degli interessi sociali in discussione posto tra maggioranze che desiderano nuove forme di vita oltre il capitale e i difensori dell'attuale sistema di espropriazione sociale e politica.La reazione delle classi dominanti e degli apparati di sicurezza dello stato di fronte a questa rivolta ha chiarito che la lotta continuerà a essere viziosa.

Capital's War on Life

"Siamo in guerra contro un potente nemico", ha sostenuto Sebastián Piñera - che occupa ancora la presidenza della repubblica - alla televisione nazionale diverse ore dopo l'inizio della rivolta. Le sue parole, qualificate dopo settimane come una cattiva comunicazione, hanno espresso in forma precisa la strategia repressiva attuata dal governo, che ha incluso lo spiegamento di soldati nelle strade, la dichiarazione di uno stato di emergenza che sospende i diritti costituzionali e l'imposizione di un coprifuoco , decisioni che hanno generato un numero scandaloso di violazioni dei diritti umani. Le immagini della violenza della polizia e i resoconti di mutilazioni, torture, stupri, persecuzioni politiche, censura, sparizioni, omicidi e altri abusi ora circolano ampiamente attraverso i social network,

I mass media nazionali, tutti effettivamente privatizzati e controllati monopolisticamente dalle famiglie che possiedono il paese, hanno creato un significativo blackout mediatico complice degli interessi delle classi economiche e politiche che occupano il potere, e se davvero ciò non è iniziato durante l'attuale rivolta sociale , è come una situazione che ora è più visibile che mai. La totale assenza di televisione egemonica, radio e punti di stampa durante le manifestazioni di massa ormai quotidiane è comune, e le loro linee editoriali sono chiaramente volte a criminalizzare le proteste sociali, concentrando ogni copertura che forniscono sul disordine e sulla distruzione della proprietà privata. Aggressione contro media alternativi e di comunità, nonché contro alcuni media internazionali come Telesur, Reuters e vari giornalisti dei media argentini,

Secondo l'Istituto nazionale per i diritti umani (Instituto Nacional de Derechos Humanos, INDH), nel corso delle proteste ci sono state quasi 9.500 detenzioni e segnalazioni di circa 1.500 violazioni dei diritti umani, tra cui 207 segnalazioni di violenza sessuale (spogliatura, brancolio, e stupro) e 392 segnalazioni di tortura. 11 La pratica ricorrente di sparare fucili anti-sommossa sui volti dei manifestanti ha causato più di 350 lesioni agli occhi, il che in molti casi ha comportato la perdita di un occhio e ha lasciato due giovani completamente ciechi. Nel frattempo, il numero di morti ha raggiunto 31 e feriti da arma da fuoco più di 2.000. Questa entità della violenza di stato / capitale non è stata vista dagli anni della dittatura militare.

Cosa spiega queste flagranti violazioni dei diritti umani in un regime democratico? Perché, di fronte alle proteste pacifiche di massa di un popolo disarmato, lo stato e il governo reagiscono con questo livello di repressione?

Un primo elemento da considerare è che le misure repressive attuate in Cile e la militarizzazione del conflitto sociale non sono, dal punto di vista geopolitico, fatti isolati: recentemente abbiamo assistito a un colpo di stato in Boliviae una brutale repressione dei movimenti sociali e delle comunità indigene nella nazione andina; sia in Colombia che in Ecuador, i soldati furono mandati in piazza per reprimere le proteste popolari e in entrambi i casi, proprio come in Cile, furono dichiarati stati costituzionali di eccezione e coprifuoco. A questa scena si aggiunge l'interventismo storico degli Stati Uniti nella regione, ora perseguito all'interno dell'amministrazione Donald Trump come visto nel caso del Venezuela e più recentemente in Bolivia, per citare solo due degli esempi più gravi. Per quanto riguarda le proteste sociali che hanno segnato la congiuntura, solo poche settimane fa il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha offerto la sua disponibilità a sostenere i "governi legittimi" del continente per evitare che le proteste dei cittadini fossero "rapite" dai regimi in Venezuela e Cuba.

D'altra parte, i livelli di violenza scatenati contro la popolazione mobilitata in Cile devono essere compresi nel quadro di ciò che alcuni intellettuali e militanti ci hanno messo in guardia per anni: la crisi del neoliberismo fa sì che mostri il suo volto fascista; quando la legittimità del sistema si spezza, scatena una risposta repressiva che usa il terrore per disciplinare chiunque non sia più disposto ad accettare passivamente le condizioni di vita che sono state imposte. 12L'incompatibilità del neoliberismo e della democrazia espresse in tempi di "normalità", attraverso espropriazioni delle società del loro potere decisionale collettivo, assume un carattere diretto nei momenti di aperta sfida contro l'ordine esistente. Proprio come originariamente imposto con la violenza cruda, il modello è difeso con gli stessi mezzi: repressione, intimidazione e terrore. In questo senso, l'estrema repressione scatenata contro le persone che protestano oggi in Cile è un indice di ciò che il capitale è disposto a fare per difendere i suoi interessi e della velocità con cui possono essere attivate forme di terrore quando compaiono movimenti che mettono in discussione il basi dell'ordine sociale, anche quando questi movimenti non hanno la violenza come tattica e sono assolutamente indifesi da un punto di vista militare.

In questa cornice di terrorismo di stato, il livello di disprezzo e disobbedienza delle persone che resistono oggi in Cile offre speranza. Un popolo senza paura sfida lo stato costituzionale dell'eccezione e il coprifuoco, uscendo in massa per protestare durante i periodi proibiti. Il diritto di occupare le strade è stato difeso da una forza creativa e combattiva in prima linea composta da diversi individui - ora convertiti in eroi ed eroine - che con rocce, fionde e scudi improvvisati attaccano direttamente la polizia e le loro tecnologie di guerra. Nonostante le immagini di percosse brutali, ustioni e abusi e storie di insulti profondamente denigranti, il terrore non è riuscito a disciplinare la gente; piuttosto, ha suscitato indignazione e volontà collettiva di impadronirsi dello spazio pubblico e resistere ai poteri esistenti.

Dal malessere privato alla rivolta collettiva

Lunedì 25 novembre, nel contesto della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, un collettivo artistico chiamato Las Tesis ha tenuto un'esibizione denunciando la violenza patriarcale esercitata dallo stato, dal sistema giudiziario, dalla polizia e dal sistema come totale. L'intervento ha avuto luogo poco più di un mese dopo l'inizio della rivolta sociale, quando ormai erano ben noti gli orrori della repressione statale. L'azione è stata replicata in tutto il Cile e in diversi giorni, la coreografia di "Un violador en tu camino" ha raggiunto una portata globale. Da Wallmapu - il territorio storico del popolo mapuche - a Rojava , passando per Libia, India, Grecia, Turchia, oltre a numerose altre città dell'America Latina, dell'Europa e degli Stati Uniti, l'urlo ribelle delle donne è stato sentito forte e chiaro in tutto il mondo.

La velocità con cui circolava questa protesta, l'entità che ha ottenuto e le dimissioni che hanno avuto luogo in diverse località illuminano le condizioni in cui il femminismo viene costruito oggi e il suo potenziale come movimento dinamico con una grande capacità di mobilitazione sociale a livello mondiale . Le proteste contro la violenza sessista, per il diritto all'aborto, o i recenti scioperi dell'8 marzo combinano massiccia, trasversalità e una capacità decentralizzata ma efficace di co -rdining che sta trasformando il femminismo in una nuova forza internazionalista e anticapitalista. 13Tuttavia, insieme a questa dimensione visibile su scala globale e locale, l'emergente femminismo contemporaneo ha impatti ad altri livelli su cui vale la pena aggrapparsi. La politicizzazione della vita quotidiana; i processi di denaturalizzazione di pratiche discriminatorie o sessiste storicamente radicate; il potere di nominare distinti tipi di violenza e di identificare le strutture di potere che le esercitano; la capacità di continuare a generare un impulso all'azione collettiva che rimuove le donne dal confino privato, dalla colpa e dalla posizione della vittima per trasformarle in soggetti politici - solo per citare alcuni processi scatenati dal femminismo - generare modifiche in campo sociale, contribuendo ad una consapevolezza e politicizzazione amplificate.

La rivolta di ottobre in Cile è un esempio, se fosse possibile sintetizzare in poche parole il movimento emerso in questi pochi mesi di rivolta, di quello che chiameremmo un passaggio generalizzato dal malessere privato alla rivolta collettiva, un momento in cui quelle sofferenze vissute in isolamento, con colpa e solitudine, vengono portate nello spazio pubblico e intese come prodotte socialmente e politicamente, risvegliando una volontà di lotta e un reciproco riconoscimento tra coloro che condividono esperienze, sentimenti, paure e speranze comuni. Queste sono trasformazioni dalla vittimizzazione depoliticizzata all'azione politica, dalla colpa alle richieste, dalle dimissioni alla disobbedienza, tutte guidate principalmente dal movimento femminista in Cile negli ultimi anni. La massa protesta contro il femminicidio sotto lo slogan NiUnaMenos , e le mobilitazioni studentesche di quella che è stata chiamata la "maggio femminista", ad esempio, hanno scatenato una crescente consapevolezza riguardo alla violenza machista e agli abusi sessuali in contesti lavorativi e educativi, generando anche una disposizione di disprezzo per le norme patriarcali come ribellione contro arbitrarietà, discriminazione e ingiustizie che solo recentemente sono state accettate come naturali. È facile intuire che lo scoppio della lotta di ottobre è stato preceduto dallo sciopero delle donne dell'8 marzo scorso, quando quasi 500.000 donne hanno riempito la stessa piazza - ribattezzata come "Plaza of Dignity" - che oggi è occupata dalla società nel suo insieme . Questi non sono, ed è necessario sottolineare questo, fatti disconnessi.

Da questo punto di vista, si può apprezzare il lavoro sotterraneo di un femminismo che opera all'interno del corpo sociale e interrompe contemporaneamente le relazioni politiche e sessuali in più luoghi, provocando le forze e le energie necessarie per la trasformazione dal malessere privato alla ribellione collettiva per diventare un disposizione di massa. Pertanto, al di là degli slogan predominanti, la sensibilità risvegliata dal femminismo attraversa un intero popolo che ora si è dichiarato ribelle.

Fino a quando vale la pena vivere

Ora, il Cile mostra un nuovo volto, lasciando dietro di sé l'immagine trionfante di un neoliberismo culturalmente e politicamente egemonico, nonché un popolo alienato dal consumo e disinteressato al suo scopo collettivo. Una maggioranza sociale si è espressa per le strade per chiedere un diverso tipo di vita. Non sono rappresentati dalle strutture classiche della politica; superano la capacità delle organizzazioni esistenti e minacciano gli stretti limiti della democrazia post-dittatoriale, tanto per le sue forme quanto per gli interessi sociali che essa rappresenta.

È emersa una società disobbediente, soprattutto un universo di giovani che hanno fatto del disprezzo una forma di abitazione del presente. Nel loro salto al tornello della metropolitana che ha dato il via a queste proteste, nella loro sfida frontale ai militari e alla polizia, e in tutte le forme di irriverenza verso l'establishment che ha riempito questi oltre 80 giorni di rivolta, una generazione senza paura si è rivelata, consapevole della disuguaglianza di classe e con la capacità di diffondere la sua ribellione alla società nel suo insieme.

Nell'immediato, le mobilitazioni sono state in grado di occupare l'agenda politica e reinstallare i grandi temi che mettono in gioco una trasformazione strutturale del sistema, aprire la porta a un processo di cambiamento costituzionale e notificare alle élite politiche e imprenditoriali che il neoliberismo non gode più della conformazione e dell'adesione delle maggioranze sociali. Ciononostante, è anche certo che la classe dominante resiste fortemente a qualsiasi cambiamento profondo che possa influenzare i grandi interessi economici e, fino ad ora, salvo alcuni piccoli aggiustamenti, nessuna riforma sociale pertinente è stata concretizzata in alcuna area di importanza, per non parlare del basi del modello neoliberista. La disarticolazione delle varie sinistre, i loro zigzag ed errori, non hanno contribuito alla canalizzazione di energie sociali scatenate e, in alcuni casi,

Certamente, uno degli orizzonti aperti sulla base di questa rivolta è la creazione di nuove forme di organizzazione collettiva in grado di esprimere gli interessi di questa maggioranza sociale che è saltata in strada. L'autonomia politica di questa forza popolare che è esplosa sulla scena nazionale è una sfida tanto complessa quanto è necessaria per le battaglie a venire. Su questo percorso, le temporalità sono eterogenee e non ci sono scorciatoie. Per ora, ciò che è chiaro è che questa rivolta inaugura un nuovo capitolo delle lotte sociali contro il neoliberalismo in Cile, uno interpretato da un popolo pronto a recuperare le vite che il capitale ha rubato loro e a lottare, come uno degli slogan più toccanti dice: "fino a quando la vita vale la pena vivere".

- Traduzione di Liz Mason-Deese e Robert Cavooris

Riferimenti

1. Per l'analisi del Cile contemporaneo e gli effetti politici della modernizzazione neoliberista, vedi Carlos Ruiz e Giorgio Boccardo, Los chilenos bajo el neoliberalismo. Clase y contrastto social (Santiago: El Desconcierto-Nodo XXI, 2014) e Carlos Ruiz, La politica e il neoliberismo. Experiencias latinoamericanas (Santiago: LOM Ediciones, 2019).
2. Vedi il rapporto " The Social Panorama of Latin America 2019 ", prodotto da ECLAC.
3. Dati tratti dall'indice Gini della Banca mondiale .
4. Dati tratti dal rapporto " Bassi salari del Cile " della Fondazione SOL.
5. Dati tratti dal rapporto della Soprintendenza per le pensioni , marzo 2019.
6. I dati dello studio " La povertà del modello cileno" della Fondazione SOL indicano che, tenendo conto delle entrate dal lavoro e delle pensioni correnti in Cile, la povertà passerebbe dall'8,6% riconosciuto dal governo in base al suo sistema di misurazione, a 29,4%.
7. Banca centrale del Cile, " Conti nazionali per settore istituzionale, terzo trimestre 2019 ". Secondo l'articolo, " Con la corda al collo: il debito accumulato che è esploso nella rivolta di ottobre " di Felipe Saleh a El Mostrador (25 ottobre 2019) , le famiglie cilene assegnano il 25% del loro reddito al pagamento dei debiti e 1 in 4 I cileni di età superiore ai 18 anni sono delinquenti rispetto agli obblighi finanziari.
8. Pía Toro, " Sindicalización se mantiene en 20% tras segundo año of Reforma Laboral ",  La Tercera, 28 aprile 2019.
9. Questi numeri sono tratti dal rapporto di Juan Pablo Figueroa e María José Ahumada, " I dati alla base di una politica sempre più distante ", La Tercera , 30 dicembre 2018.
10. Venerdì 10 novembre, i rappresentanti dei partiti politici del governo di Sebastián Piñera e la maggioranza dei partiti di opposizione, incluso il Frente Amplio, hanno firmato un appello "Accordo per la pace sociale e la nuova costituzione". Il documento ha stabilito le basi per un processo di cambiamento costituzionale. La sua firma da parte dei membri della FA è stata duramente criticata dai movimenti sociali e dai settori della propria coalizione, sia per il carattere chiuso della negoziazione - che ha escluso i settori mobilitati dalla discussione - sia per i limiti della sovranità del processo costituente contenuto nell'accordo. Settimane dopo, il 4 dicembre, i legislatori del Frente Amplio hanno votato a favore di una legge presentata dal governo di Piñera per criminalizzare le proteste sociali. Ancora,
11. I rapporti possono essere letti qui . Anche la Corte interamericana per i diritti umani, Amnesty International, Human Rights Watch e l'Ufficio dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani hanno riferito che verificano in modo incrociato gravi violazioni dei diritti umani in Cile.
12. Raccomandiamo Diego Sztulwark, “ Can Fascism Return? Una vista dall'Argentina ”, trans. Liz Mason-Deese, Verso Blog , 23 gennaio 2019, che corrisponde a una parte del libro La ofensiva sensible. Neoliberalismo, populismo, y el reverso de la política [L'offensiva sensibile: neoliberalismo, populismo e il contrario della politica] (Buenos Aires: Caia Negra, 2019). Raccomandiamo ugualmente " El neoliberalismo está mostrando su nueva fase, l'incompatibilità con la democrazia ", un'intervista a Boaventura de Sousa Santos, Rivoluzione spagnola , 30 novembre 2019.
13. In La potencia feminista, o el deseo de cambiarlo todo (Buenos Aires: Tinta Limón, 2019) Verónica Gago offre una lettura stimolante della forza dei femminismi contemporanei a partire dall'esperienza accumulata nel processo di organizzazione dei recenti scioperi dell'8 marzo in Argentina.

 

 è una sociologa con un master in studi latinoamericani e dottorato in studi latinoamericani presso l'Università del Cile. Attualmente è ricercatrice per la Fundación Nodo XXI.

 è una sociologa con un master in studi di genere e dottorato in studi latinoamericani presso l'Università del Cile.