Vai al contenuto

In Ungheria, la deregolamentazione degli straordinari scatena una protesta sociale

FONTE EQUALTIMES.ORG

Tutti gridiamo insieme," non saremo schiavi! " Non abbiamo paura di dirglielo, non saremo schiavi!" ". freddo polare, ma ambiente caldo, Sabato 5 gennaio, a Budapest, capitale ungherese, dove una grande parata corteo di circa 10.000 persone, da Piazza degli Eroi al parlamento neogotico monumentale si affaccia sul Danubio. Per la terza volta da metà dicembre, i sindacati, i partiti politici e le organizzazioni civili che dimostra in attacchino insieme contro il governo nazionalista del primo ministro Viktor Orbán al comando d'Ungheria dal 2010.

Andiamo in fabbrica, loro al castello ". Questo slogan scritto su un cartello brandito nella processione è esplicito: la folla protesta sia contro una legge di " flessibilizzazione " straordinarie che contro il crescente autoritarismo del potere. Dopo una terza vittoria consecutiva alle elezioni legislative dell'aprile 2018, è stato in grado di rinnovare la " super maggioranza " dei due terzi che gli ha permesso di governare senza ostacoli dal 2010 e di rilanciare il suo controverso disegno di legge al quale aveva rinunciato un anno e mezzo fa sotto la pressione sindacale.

Paradox nella terra di "l'illiberalismo " è una legge molto neoliberista, passata in un'atmosfera caotica dal Parlamento il 12 dicembre ed è entrato in vigore il 1 ° gennaio, che ha fatto arrabbiare. Prevede di aumentare la soglia massima di straordinari da 250 a 400 ore all'anno, nonché la possibilità per i datori di lavoro di pagarli solo dopo tre anni. Viktor Orbán ha difeso come un modo per " alzare ostacoli amministrativi stupidi " per permettere a chi vuole " lavorare di più per guadagnare di più ", come l'inno dell'ex presidente francese Nicolas Sarkozy, con il quale ha le migliori relazioni.

La "società del lavoro" contro lo stato sociale

I sindacati non condividono questa visione . Il più grande sindacato del paese, MASZSZ ( Magyar Szakszervezeti Szövetség ) considera " si tradurrà in pratica eccessiva vulnerabilità dei dipendenti e di uno squilibrio ancora maggiore nella bilancia in favore dei datori di lavoro ." I quattro milioni e mezzo di dipendenti ungheresi (per quasi dieci milioni) che già lavorano quaranta ore alla settimana e la paura di dover fare di più in futuro, per i salari ancora inferiore nella parte occidentale della Europa. Dopo un aumento dell'8% il 1 ° gennaio, il salario minimo è di 149.000 fiorini lordi per i non laureati (460 euro) e 195.000 fiorini per i laureati (610 euro).

Rapidamente, tutti i partiti politici dell'opposizione hanno protestato contro quella che chiamano la " legge degli schiavi".

Diviso lungo linee ideologiche e generazionali, i leader dell'opposizione hanno differenze e ego da parte per un fronte comune: all'inizio dell'anno, il Partito Socialista (MSZP), il piccolo partito di sinistra del dialogo , il la gioventù del partito Momentum , socialdemocratici della Coalizione Democratica (DK), e anche il Jobbik (un partito di estrema destra che ha rifocalizzato) sigillato la loro nuova alleanza contro il Fidesz di Viktor Orbán, promettendo " un anno 2019 di opposizione ". Soffocato da un'aggressiva propaganda dell'identità, hanno colto questa opportunità per diventare nuovamente udibili sul terreno sociale.

Il liberalismo ha fallito, le democrazie liberali occidentali hanno fallito, la crisi del 2008 ha mostrato. Questa è la conclusione di Viktor Orbán. L'Ungheria, da parte sua, " sarà basata su una società del lavoro ", non su uno stato sociale. Questo è il suo progetto, svelato a fine luglio 2014, nel discorso passato ai posteri, in cui annunciava l'avvento del " illiberalismo " in Ungheria, che si diffonde oggi in Europa. Questa " società del lavoro " non presta molta attenzione ai diritti dei lavoratori. Un nuovo codice del lavoro, entrato in vigore il 1 ° luglio 2012 , ha ridotto la protezione dei dipendenti, limitato il diritto di sciopero e marginalizzato il ruolo dei sindacati nel dialogo sociale.

Industria tedesca nel mirino

Il Fidesz è intrappolato. L'Ungheria, come altri paesi dell'Europa centrale, è disperatamente a corto di soldi per gestire la sua economia. Il ministro dell'Economia Mihály Varga ha stimato nell'estate 2016 che il paese ha " un bisogno urgente " di importare 200.000 lavoratori stranieri e la situazione si è ulteriormente deteriorata da allora in seguito all'emigrazione nel paese. Ad ovest del continente L'istituto di demografia ungherese stima che 600.000 ungheresi hanno lasciato il paese dall'inizio del 2010, principalmente per Austria, Germania e Gran Bretagna. Ma i leader si rifiutano di fare appello ai lavoratori immigrati, come il Primo Ministro Orbán ha ripetuto molte volte: "L' Ungheria deve fare affidamento sulle proprie risorse". Ha lasciato lavorare più dipendenti ungheresi.

Il Partito socialista e Jobbik accusano il governo di vendere gli interessi dei lavoratori ungheresi agli investitori tedeschi, di gran lunga il più grande in Ungheria (un quarto del suo commercio estero è con la Germania, il suo principale partner economico ). Non hanno la prova, ma sono convinti che la " legge sugli schiavi " sia un sollevatore della casa automobilistica BMW che ha annunciato, alla fine di luglio, la costruzione di una fabbrica vicino a Debrecen nell'est del paese, per un investimento complessivo di un miliardo di euro.

Dietro la retorica, Fidesz ha tradito il popolo ai profitti delle multinazionali ", dice un uomo sulla cinquantina, all'unisono con il suo partito Jobbik , che tiene una bandiera che emerge dalla folla.

All'origine di questa carica, v'è una dichiarazione sfavorevole da parte del ministro ungherese degli esteri, Péter Szijjártó, che aveva sostenuto, quando si viaggia il 26 novembre a Düsseldorf, che il disegno di legge è stato " lodato da imprese del Baden-Württemberg "e ha aspettato diversi anni dai datori di lavoro tedeschi. Particolarmente esposte alla deregolamentazione degli straordinari, gli operai delle catene di montaggio dello stabilimento Audi di Győr, nei paesi occidentali, hanno contrastato un " Nein, danke! ("No grazie!") Al progetto governativo.

La legge sugli straordinari ha in effetti catalizzato un malcontento sociale più generale. Diversi sindacati del servizio pubblico chiedono uno sciopero generale, in quanto insegnanti, impiegati governativi e agenti di polizia sono già sottoposti a molti straordinari. La vittoria dei dipendenti Audi che hanno vinto un aumento salariale del 18% quest'anno il 31 gennaio, dopo uno sciopero storico di una settimana in Ungheria, ha mostrato loro la via da seguire. " Questo governo è orribile, tronca sui diritti dei lavoratori e sui dirittiLajos, 65 anni, insegnante di biologia in pensione, ha detto nella piccola folla di 2.000 che si è riunita ai piedi del Castello di Buda, ad un ennesimo evento, sabato 19 gennaio. Una giornata di azione durante la quale i sindacati non sono riusciti a " bloccare il paese ", come volevano, ma che hanno visto la diffusione della protesta in decine di piccole città e lungo le strade. In luoghi in cui non avevamo mostrato per un decennio.

 

Questa storia è stata tradotta dal francese.