Vai al contenuto

Canada: la rete per i diritti dei migranti mira a unire migranti e lavoratori

Pubblicato il 3 gennaio 2019
Di Zaid Noorsumar

Fonte : Rankandfile.ca

Trentacinque organizzazioni in tutto il Canada si sono coalizzate per formare la rete per i diritti dei migranti il 18 dicembre, la Giornata internazionale dei migranti. L'alleanza mira a lottare per i diritti dei migranti e combattere l'ondata crescente di razzismo nel paese.

Unifor, Migrant Centre Resource Center Canada e No One is Illegal sono tra i membri della coalizione, che è composta prevalentemente da gruppi per i diritti dei migranti e organizzazioni sindacali.

Una piattaforma antirazzista e "educazione popolare"
Syed Hussan, coordinatore della Migrant Network Alliance for Change, ha detto che la rete lancerà una piattaforma in vista delle elezioni federali del 2019 sui principi dell'anticapitalismo, dell'antirazzismo e della giustizia dei migranti.

"Daremo un messaggio chiaro, coerente, forte ai partiti politici che non permetteremo loro di manipolare ulteriormente e dividerli come un modo per ottenere voti", ha detto Hussan, citando il tono sempre più nativista del partito conservatore e l'estrema destra

Ha detto che la retorica della destra politica contro i rifugiati ha avuto qualche risonanza all'interno della comunità dei migranti, che sarà affrontata attraverso l'educazione popolare.

Il bisogno di solidarietà tra la classe operaia e i migranti sarà un messaggio cruciale per affrontare la retorica frammentaria sull'immigrazione, che ha messo a confronto diversi tipi di migranti l'uno contro l'altro, ha detto Hussan.

"Migranti e rifugiati si stanno trasferendo qui in parte a causa dell'estrazione mineraria [nel sud globale], a causa della catastrofe ambientale, a causa degli interventi militari che stanno avendo luogo e che sono sfruttati dalle corporazioni che hanno sede qui", ha detto.

Hussan ha osservato che l'educazione si svolgerà tra la classe lavoratrice auto-organizzata e le comunità di migranti attraverso vari forum tra cui centri di comunità, riunioni di membri e l'istituzione di centri di conoscenza locali.

"Ci piacerebbe che i poveri e le persone della classe operaia vedessero in particolare che non sono gli immigrati ei rifugiati il ​​problema", ha detto Hussan. "Siamo tutti di fronte a condizioni comuni di impoverimento, di non essere in grado di nutrire i nostri figli, di vivere con assegni da pagare e assegni, ed è colpa dei padroni. Non è colpa degli immigrati e dei rifugiati ".

Hussan ha detto che la comunità dei migranti è divisa dalle categorie di immigrazione e dai flussi che privilegiano alcuni gruppi più di altri, ma hanno dovuto mobilitarsi sulla base della loro comune umanità.

"In effetti le persone si muovono tra queste categorie, le persone entrano come lavoratori migranti e fanno domanda per lo stato di rifugiato, le persone vengono qui come lavoratori migranti e diventano studenti, vengono qui come studenti e poi diventano non documentati".

Ha detto che mentre il dibattito sull'immigrazione è spesso incentrato sui rifugiati, il Canada ha una porta girevole di persone emarginate con status temporaneo.

"[È la] sottoclasse permanente di persone a cui sono negati i diritti: mobilità del lavoro, accesso all'assicurazione sul lavoro, pensioni, servizi sanitari, eccetera - tutte le cose che possono pagare", ha detto.

Connessione migranti laburisti
L'iniziativa educativa coinvolgerà anche i sindacati sindacali, ai quali sarà chiesto di trasmettere il messaggio ai residenti e ai loro organi provinciali e nazionali.

Byron Cruz, membro di Sanctuary Health a Vancouver, ha affermato che la rete affronterà le divisioni all'interno del movimento operaio.

"È importante riconoscere l'esistenza della forza lavoro [non documentata] perché i lavoratori storicamente non documentati sono stati emarginati", ha detto. "Quando parliamo con i sindacati, a volte dicono, 'Bene, lavori canadesi per i canadesi.'"

"Ma sento che ci sono nuovi spazi in termini di avere queste conversazioni", ha aggiunto.

Oltre a Unifor, la rappresentanza del lavoro nell'alleanza include Fight for $ 15 and Fairness Ontario and Immigrant Workers Centre, Montreal.

Giorni di azione
La rete chiede azioni auto-organizzate da alleati in quattro giorni di azione nel 2019 per coordinare una massiccia dimostrazione di solidarietà in tutto il paese:

21 marzo 2019 (Giornata internazionale per l'eliminazione del razzismo)
1 maggio 2019 (Giornata internazionale dei lavoratori)
16 giugno 2019 (Festa del papà e giornata internazionale dei lavoratori domestici)
2 settembre 2019 (Festa del lavoro)

"Stiamo chiedendo la parata del Labour Day che si svolgerà in tutto il paese per essere dedicata all'anti-razzismo e alla giustizia dei migranti", ha detto Hussan, aggiungendo che i piani dettagliati saranno finalizzati più vicino a ciascuna data.