“il diritto del lavoro torna agli anni ’50. Oggi è il giorno atteso da anni…dalla Troika”.

 

“Straordinaria operazione propagandistica del governo sul lavoro. I contratti precari rimangono sostanzialmente tutti”. A bocciare senza appello il jobs act è Stefano Fassina, secondo cui “il diritto del lavoro torna agli anni ’50. Oggi è il giorno atteso da anni…dalla Troika”.

“La sbandierata rottamazione dei co.co.co è avvenuta da anni – rimarca Fassina – mentre i co.co.pro di fatto restano e si estende l’ambito di applicazione dei vouchers. Ammortizzatori sociali e l’indennità di maternità non vengono estese. Insomma, i decreti attuativi della delega lavoro approvati oggi dimostrano come l’unico vero obiettivo dell’intervento fosse cancellare la possibilità di reintegro per i licenziamenti senza motivo”. In sintesi, “non è una riforma. E’ una regressione”, secondo l’esponente della minoranza dem.

segue su fonte adn kronos