Vai al contenuto

FONTE PRESSENZA.COM 

 

Le registrazioni audio recentemente diffuse in cui il presidente della Corte Suprema di giustizia di Jujuy – Pablo Baca – riconosce che Milagro Sala è detenuta per decisione del governatore Gerardo Morales, hanno provocato uno scandalo tra i diversi poteri della provincia.

Queste prove sono la base per un processo politico contro Baca, promosso dal blocco di deputati del Partito Peronista, con l’accordo di un settore degli ufficialisti. Il caso ha acquistato risonanza nella provincia e ha scatenato una serie di dichiarazioni incrociate in cui viene messa in discussione l’indipendenza della magistratura dall’esecutivo.

Il blocco si sta anche concentrando sul ruolo del procuratore Sergio Lello Sanchez, capo della Procura della Repubblica. Sulla base delle audizioni tra Baca e la sua amica, Lello Sanchez è coinvolto nell’estorsione di giudici e pubblici ministeri. Inoltre, insieme al figlio del governatore, ha redatto un testo di legge fatta su misura per potere esecutivo.

Dopo che sono state diffuse le registrazioni, Pablo Baca ha ammesso che la voce era sua ma che i file audio erano stati manipolati, modificati e mal interpretati. “El Cohete a la luna”, che ha reso pubbliche le registrazioni, ha risposto che solo la voce dell’interlocutore è stata modificata, per proteggere la sua identità.

Lunedì scorso, visto lo scandalo causato dalle sue dichiarazioni, Baca ha chiesto una sospensione dalle sue funzioni, ma ha dichiarato che non si sarebbe dimesso perché ciò equivarrebbe ad ammettere la sua colpa, dichiarandosi in modo inconsistente vittima di “un’imboscata”.

Un ripasso sulla vicenda

Gerardo Morales è entrato in carica come governatore il 10 dicembre 2015. Nella prima settimana del suo mandato ha modificato la struttura del Ramo giudiziario. Solo 5 giorni dopo l’assunzione dell’incarico ha proposto l’aumento del numero di membri della Corte Suprema di Giustizia da 5 a 9. Quel voto favorevole al progetto, ha fatto sì che due deputati radicali (che hanno votato a favore), siano stati nominati giudici del Tribunale il giorno dopo. Uno di loro era Pablo Baca. Gli altri due nuovi giudici erano ex deputati radicali. Ciò ha garantito una maggioranza automatica di cinque voti con l’allora presidente Clara Langhe de Falcone, anch’essa radicale ed ex avvocato di Morales. Quest’ultima è ricordata per aver dichiarato pubblicamente che Milagro Sala è in carcere perché è la gente a volerlo.

Due giorni dopo l’ampliamento del Tribunale, il Legislatore ha deliberato la creazione della Pubblico Ministero dell’Accusa, che è stato affidato a Lello Sanchez, amico del figlio del governatore, che, secondo Baca, ha messo in piedi il piano di persecuzione.

Ricordiamo che il 14 dicembre di quell’anno Milagro Sala e la sua organizzazione Tupac Amaru, hanno iniziato un presidio in Plaza Belgrano davanti all’ufficio del governatore per chiedere impegni produttivi per le cooperative, in vista della chiara decisione di Morales di non includere l’organizzazione in quei progetti.

Un mese dopo per questa protesta Milagro Sala è stato arrestata, con l’accusa di disturbo dell’ordine pubblico. Trattandosi di una lieve violazione, il fermo non sarebbe potuto durare più di 48 ore. Questo è il tempo che è stato sufficiente a Morales e al sistema giudiziario sotto il suo comando per presentare denunce e intentare cause contro la leader sociale. Sono passati più di 4 anni e Milagro è ancora detenuta (oggi agli arresti domiciliari) così come altri membri della Tupac, in quello che rappresenta il caso più immorale di persecuzione politica in una democrazia.

Con grande tempismo, questa settimana a Jujuy la radicale Josefa Herrera, consigliera di Gerardo Morales al Senato, ha preso in mano l’Ufficio anticorruzione. Interrogata sulla sua vicinanza al governatore, Herrera ha fatto una dichiarazione che rimarrà nella memoria di questo periodo a Jujuy: “Sarò indipendente perché queste sono le istruzioni del Signor Governatore”.