Gli F35 non ci sono nel contratto di governo, ma l’Italia ne ha ordinati altri 8

FONTE MILEX

Pubblicato su Fanpage.it il 6 giugno 2018

DI ANNALISA CANGEMI

Lo scorso 25 aprile l’Italia ha ordinato altri 8 cacciabombardieri. Ma il M5S, nella prima versione del programma, votata sulla piattaforma Rousseau, aveva annunciato tagli al programma per gli F35. Tagli che sono poi scomparsi nella versione definitiva del documento e nel contratto di governo siglato con la Lega. Come si muoverà adesso la neoeletta ministra della Difesa?

Si torna a parlare di F35. Che i tagli al programma per l’acquisto dei cacciabombardieri fossero spariti dai piani del Movimento Cinque Stelle è storia nota. Alessandro Di Battista la scorsa estate definiva quello degli F35 un programma “fallimentare”, specificando che “chi ci ha fatto entrare in questo programma dovrebbe essere preso a calci in culo”. Ma se confrontiamo gli annunci iniziali con l’ultima versione del contratto di governo siglato con la Lega, sembra che il M5S abbia imposto, se non proprio un’inversione a ‘u’, quantomeno una progressiva frenata ai buoni propositi.

Oggi l’Osservatorio sulle spese militari italiane Milex ha ricordato che lo scorso 25 aprile il Pentagono e Lockheed Martin hanno firmato ancora un contratto per un ordine di 8 aerei da parte dell’Italia, con un acconto versato di 10 milioni di dollari. Complessivamente il pacchetto dovrebbe costare 730 milioni, secondo le previsioni della casa produttrice, ma la spesa potrebbe salire fino a 1,3 miliardi dollari. L’ordine è un lascito del precedente governo, e risponde a una pianificazione di cui di certo non è responsabile l’esecutivo guidato da Conte, insediatosi da pochi giorni. Si vedrà però, nei prossimi mesi, come si muoverà la neoeletta ministra della Difesa Elisabetta Trenta. Per questo si dovrà attendere il nuovo Documento Programmatico Pluriennale, attraverso cui il ministero stabilirà gli stanziamenti per i prossimi anni, ed eventualmente confermerà le erogazioni precedenti, oppure le rivedrà al ribasso. L’ultimo DPP era stato redatto dalla ministra Pinotti, e prevedeva un esborso di 727 milioni per il 2018, 747 milioni per il 2019 e 2.217 milioni tra il 2020 e il 2022. Finora di F35 ne sono stati consegnati 10, 9 all’Aeronautica e uno alla Marina, per una spesa di 150 milioni di euro per ogni velivolo. “Se l’acquisizione verrà portata a termine – spiega l’Osservatorio – gli otto nuovi esemplari di JSF andranno a sommarsi ai tre velivoli del Lotto 12 ordinati un anno fa portando il totale degli F-35 finora acquistati dall’Italia ad almeno 26 macchine”.

Emergenza migranti. Quella falsa e quella vera

 

FONTE : SALUTEINTERNAZIONALE.INFO CHE RINGRAZIAMO

Inserito da on 25 giugno 2018 – 10:20

Autore : Gavino Maciocco

La vera emergenza sta nel fatto che ai migranti “forzati” è impedito di esercitare il loro sacrosanto diritto a muoversi attraverso canali legali e sicuri, e a causa di ciò dover subire ogni genere di vessazione, fino alla morte, nel tentativo di fuggire da condizioni insostenibili. La vera emergenza è che milioni di persone debbano abbandonare le loro case, e spesso anche il loro paese, per un insieme ben note di cause: guerre, regimi dittatoriali, neo-colonialismo, sfruttamento delle risorse naturali, cambiamenti climatici.


La natura razzista e xenofoba della Lega (già Lega Nord) si è manifestata in innumerevoli occasioni nelle parole e negli atti (talora criminali) dei suoi rappresentanti, anche nel campo della salute, con l’alimentare, ad esempio, la psicosi dell’accoppiata “malattie-immigrazione” (vedi Malattie infettive e immigrazione: facciamo chiarezza).

La natura razzista e xenofoba della Lega Nord si manifestò in tutta la sua evidenza quando nel 2009, dalla posizione di governo in cui si trovava – primo ministro Berlusconi – propose e riuscì a far approvare al Senato una modifica della legge sull’immigrazione: nel mirino della Lega Nord il divieto per i medici di segnalare all’autorità un paziente straniero irregolare. Divieto che andava abrogato per facilitare l’identificazione degli stranieri irregolare e/o per impedire che questi si rivolgessero al Servizio sanitario nazionale (vedi  Il diritto alla salute non ha bisogno di documenti).

La mobilitazione contro questa proposta fu immediata. Si mosse la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici che si appellò al Parlamento per le “superiori esigenze di tutela sella salute e imprescindibili principi di solidarietà” definiti come “patrimonio storico della nostra nazione”. La Federazione dei Medici affermò una preventiva vicinanza ai colleghi che fossero incorsi in sanzioni per non avere rispettato una legge in aperta opposizione con il codice deontologico della professione medica basato sull’assenza di discriminazione nel trattamento. In ultimo la Federazione dei medici lanciò un appello affinché la Camera dei Deputati non approvasse l’emendamento e chiedeva “un’audizione urgente” nelle sedi istituzionali. (Vedi Noi non segnaliamo: la posizione ufficiale dei medici).

Il 17 marzo 2009 fu lanciata la campagna “Noi non segnaliamo”, i cui contenuti sono rappresentati nel volantino qui sotto

 

La campagna ebbe un grande impatto sull’opinione pubblica, tutti i media ne parlarono e alla fine l’emendamento leghista fu ritirato.

Ma la cosa non finì lì. Infatti la nuova legge sulla sicurezza, approvata pochi mesi dopo introdusse il reato di clandestinità e ciò comportava di nuovo per i medici, e gli altri operatori sanitari, l’obbligo di segnalazione alle autorità di un paziente irregolare, in quanto a fronte di un reato perseguibile d’ufficio come è quello introdotto, l’operatore (medico, infermiere, amministrativo,…) in qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio, è tenuto alla denuncia (vedi Immigrati la nuova legge sulla sicurezza è dannosa, ingiusta e pericolosa).

Si venne a creare così una situazione paradossale di due norme in palese conflitto tra di loro: da una parte il Comma 5, art. 35 del Dgl 286 del 1998, divieto di segnalazione, e dall’altra gli articoli 361 e 362 codice penale, obbligo di segnalazione.  Sulla questione si sviluppò un acceso dibattito giuridico che si concluse con una soluzione di buon senso da parte dell’allora Ministro degli interni, il leghista Roberto Maroni, che emise una circolare in cui si affermava che la nuova legge sulla sicurezza non ha abrogato l’art. 35 e di conseguenza continua a trovare applicazione, per i medici e per il personale che opera presso le strutture sanitarie, il divieto di segnalare alle autorità lo straniero irregolare che richieda prestazioni sanitarie (vedi Noi non segnaliamo. La vittoria degli anticorpi (della ragione e della democrazia).

Si era nel 2009 e nella società italiana circolavano gli anticorpi sufficienti non solo per bloccare un’iniziativa razzista e xenofoba, ma convincere anche un ministro degli interni leghista ad adottare una soluzione di buon senso a favore dei diritti degli immigrati irregolari. Ma oggi?

Continua a leggere “Emergenza migranti. Quella falsa e quella vera”

COME CI SI PUO’ FIDARE DI QUESTA PERSONA DIVENUTA MINISTRO DELL’INTERNO ?

 

Abbiamo un Ministro che ha sacrificato alla propaganda, con amabile crudeltà, centinaia di persone , lasciandole in mare in balia delle onde per giorni, fino a quando la nave Aquarius non è stata accolta nel porto di Valencia.
Con la stessa indifferenza alle sofferenze di uomini, donne e minori ora il Ministro lascia in mezzo al mare, sulla nave Lifeline, oltre 200 migranti e altri ancora su di una nave portacontainer. L’immagine di una Italia crudele e disumana si va diffondendo a livello internazionale e questo lo pagheremo con l’isolamento diplomatico, con danni che si ripercuoteranno in campi diversi, nel tempo.
Le picconate ai sistemi di relazioni con diversi paesi europei porteranno Germania Francia e Spagna a giocare nuove alleanze versus l’Italia che al massimo potrà “allearsi” con l’Ungheria di Orban o i paesi del Gruppo di Visegràd.
Come ci si può fidare, come persona, di un Ministro che gioca sulla pelle di umani con totale cinismo, come se queste centinaia di persone fossero le biglie da sacrificare in questa escalation di violenza e di disumanizzazione ? Nei suoi comportamenti il Ministro appare come una persona disturbata che fa tanta più paura in ragione dell’incarico di responsabilità che si trova ricoprire .
Se leggiamo le dichiarazioni in merito ai salvataggi di oggi:
“…Sono stati soccorsi dalla Guardia costiera libica i circa mille migranti che erano oggi alla deriva su sette gommoni al largo della Libia. Lo rende noto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Ringrazio di cuore, da ministro e da papà, le autorità e la Guardia Costiera Libica che oggi hanno salvato e riportato in Libia 820 immigrati, rendendo vano il ‘lavoro’ degli scafisti ed evitando interventi scorretti delle navi delle Ong” (Ansa.it) , ha detto il vicepremier.
Una dichiarazione agghiacciante e meschina: nessuno ignora che questi naufraghi verranno riportati nei lager dove sono stati imprigionati e poi fatti partire. Quali autorità libiche ringrazia Salvini, quelle di Tripoli ? O gli scafisti convertiti in carcerieri ? Il gioco terribile di spingere in mare con la violenza i migranti su gommoni di carta velina che naufragano dopo poche miglia e il relativo “salvataggio”, quando viene fatto, da parte della Guardia Costiera libica, pare essere il set di una tragica sceneggiatura che verrà poi fatturata all’Italia con richieste di enormi risorse… Turchia Docet . Nel frattempo il personaggio in questione propone censimenti etnici per i rom e interviene a sproposito sui vaccini …
Questo personaggio è stato eletto con il 17,7% dei voti e ora ha un peso spropositato nel governo anche per la dabbennaggine dei 5 stelle che lo lasciano fare…
Questo propagandista di destra, pronto a giocare sulla pelle di uomini donne e bambini inermi per mostrare il pugno forte di uno sgangherato nazionalismo isolazionista è ora l’inquietante inquilino del Viminale: non c’è da essere tranquilli.

Gino Rubini, editor di Onde Corte