Vai al contenuto

Ringraziamo la fonte SOCIALEUROPE.EU 

He did it again: German finance minister Wolfgang Schäuble repeatedly reflected on a possible Grexit in February 2017, after having raised this threat already in the negotiations on the third bailout programme in summer 2015. International observers cannot believe Germany has started playing hardball again in this delicate affair just when the European idea is on the line due to growing support for populist nationalists in upcoming elections. So why is Schäuble forcibly creating new ripples on the seemingly quiet front of the Eurocrisis?

The German majority: Advocates of a stability union

Led by the current and previous federal government under Chancellor Angela Merkel and her CDU, the advocates of a stability union for the most part favour preservation of the status quo of the EMU architecture. The fundamental reasons for the Eurozone crisis are from this angle to be blamed on the failure of the crisis states to stick to existing rules and economic policies, thereby harming their competitiveness. Accordingly, the paramount objective in combating the crisis and further developing the Eurozone has been to correct these purportedly “wrong” policies in these countries and close possible loopholes in the rules. A whole host of measures have been implemented along these lines, from the launch of national debt brakes in the guise of the fiscal compact to stipulating quasi-automatic sanctions with the reversed majority voting in the reformed Stability and Growth Pact. Additionally, structural reforms promoting competition and fiscal consolidation in the Euro Plus Pact and in the European Semester as well as the enforcement of these if necessary within the framework of credit assistance programmes have been brought on the way.

Such views have been supported by a clear majority of actors from academia and employers representatives as well reflected within a media landscape that has only sporadically ventured any critical analysis. Indeed, centre stage in the debate has been occupied by topics like the consolidation of budgets, market-friendly structural reforms and corresponding mechanisms to enforce compliance at the Eurozone level.

The minority: Supporters for expanding or rolling back the Eurozone

While supporters of a stability union blame the Eurocrisis on these failings within those states hit hardest by the crisis, the much smaller grouping of proponents of a fiscal union point the finger at fundamental flaws in the EMU design. Critical scholars, intellectuals and journals along with the trade unions have urged that EMU be buttressed by elements of cross-border liability and coordinated policies. But these voices are weak in the German debate: The contours of the camp striving for more fiscal integration, with instruments such as Eurobonds, automatic stabilisers in form of a common insurance mechanism or a fiscal capacity to curb and contain asymmetric shocks, remain pale. This can be explained by the absence of a strong political body behind these alternative proposals. In particular, the Social Democratic Party (SPD) has manoeuvred between support for Keynesian and heterodox concepts on the one hand and positions firmly ensconced in the majority opinion in favour of a stability union on the other. Overall, the SPD can be considered to nestle within the fold of the CDU’s approach, and this might change only in 2017 with Martin Schulz aiming to break the peaceful coexistence of the two biggest parties in German politics on European affairs.

In addition, there is a new group of actors with the potential for obtaining a majority that is very heterogeneous in terms of both its composition and its specific demands, which rejects both the vision of a stability union as well as a fiscal union. The demand for a reversal of currency integration is being spearheaded from two diametrically different directions: conservative-liberal critics associated with the right-wing nationalistic party Alternative für Deutschland (AfD) view any ties to purportedly crisis- and debt-ridden states as posing a serious danger to German taxpayers. In contrast, critics from the far left of the political spectrum are raising the spectre of an erosion of national welfare states and democracies due to the increasingly radical market approach of the Euro regimes. This heterogeneous camp and its growing support in the population are putting pressure on the established actors, who increasingly tend to shy away from policy proposals supporting deeper European integration.

Not sustainable: Schäuble on repeat

This constellation in the continuing political discourse, as described in more detail in a study recently published by Friedrich-Ebert-Stiftung, is why the debate on the Eurocrisis, the review of the one-sided austerity approach and possible reform options for EMU remain stuck in Germany. The stability union is supported by a solid group of actors and benefits from the relative mild impact of the crisis as perceived by the German population. As long as growth and employment in Germany remain higher than in many neighbouring states, a change in course despite a stagnating economy, deflationary threats and high levels of unemployment in many crisis countries is highly unlikely. Thus, again and again we will hear Schäuble grumbling at Eurozone countries out of line with his stability approach.

Very few factors could alter the terrain of the German debate over the future of the currency union One is the SPD’s positioning, which so far fails to shift to such an extent that it could breathe real life into a fiscal union as laid down in its party program. Another is the growing attractiveness of the camp supporting a roll-back. The sustainability of the stability-at-all-costs approach, fundamental to the beliefs of the finance minister, is an illusion. As partial stagnation in the Eurozone wears on, the question of expansion or roll-back of the currency union will clearly become ever more pressing. Forcing another Greek stand-off in the summer, with the harmful economic consequences so clearly exhibited already in 2015, will further undermine the status quo that Schäuble so desperately seeks to cement in the Eurozone.

About Björn Hacker and Cédric Koch

Dr. Björn Hacker is Professor of Economic Policy at the Berlin University of Applied Sciences (Hochschule für Technik und Wirtschaft). Cédric M. Koch works in the Department of Economics and Law at the Berlin University of Applied Sciences (Hochschule für Technik und Wirtschaft) as well as for the Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ).

 

Per aggiornare la  direttiva sulla protezione dei lavoratori contro l'esposizione alle sostanze cancerogene che sono la causa ogni anno di 100.000 decessi, la Commissione ha deciso di fare riferimento ad esperti in maggioranza legati alle industrie multinazionali.

Un'intervista del quotidiano francese le Monde a Laurent Vogel di ETUI e ad altri esperti mette in evidenza la disinvoltura con la quale la Commissione affida nei fatti la redazione degli aggiornamenti della Direttiva su cancerogeni ad esperti che sono espressione delle multinazionali della chimica e del petrolio.
Il testo della Direttiva che costoro stanno preparando è una vergogna affermano diversi esperti: il valore proposto per il cromo esavalente, ad esempio, è venticinque volte superiore a quelli attualmente praticato in Francia.
"Valori limite molto elevati aprono la strada a veri e propri disastri, afferma Laurent Vogel. I lavoratori hanno l'illusione di essere protetti, in pratica questi valori limite si trasformano in una autorizzazione ad uccidere accordata alle imprese". a
Questo vale anche per il valore limite della silice cristallina che per i sindacati dovrebbe essere, sulla base di studi epidemiologici e d'igiene industriale USA, 0,05 mg/m3 mentre gli esperti della Commissione prevalentemente di parte padronale propongono 0,1 mg/m3.Il valore limite prop osto da ETUC salverebbe in Europa 100.000 vite nei prossimi 50 anni.
Molti di questi esperti sono professionisti che lavorano per le multinazionali che avranno grandi risparmi se dovessero divenire norma le loro proposte.
La Commissione di Monsieur Junker afferma, sempre con amabile disinvoltura, che questi "esperti" non risultano essere in palese conflitto d'interessi rispetto alle proposte che stanno avanzando di "aggiornamento" della Direttiva Cancerogeni.
Se dovessero passare queste proposte dovremo registrare nei prossimi anni un peggioramento delle condizioni di salute di migliaia di lavoratori: per davvero se si vuole salvare l'idea stessa d'Europa occorre allontanare dalle istituzioni europee i burocrati e i politici idioti che hanno costruito il contesto di questo panel di esperti filopadronali che hanno un'unica mission, fare "rispamiare" miliardi di euro alle imprese, esponendo i lavoratori a gravissimi rischi per la salute.

Il degrado culturale, scientifico e politico che emana da questa vicenda ancora una volta alimenterà il sentimento antieuropeo e offrirà ulteriori argomenti ai populisti  : complimenti Mister Junker, un vero capolavoro !  editor

( Una piccola nota: la stampa italiana presa dalle vicende borgatare del PD ha bucato completamente questa notizia che riguarda il patrimonio di salute di qualche milione di lavoratori e lavoratrici. Amen )

L'ARTICOLO LE MONDE 25 FEBBRAIO 2017

Macri tuvo que dar explicaciones en España
El precio de tener presa a Milagro Sala
Como en cada lugar al que va, el Presidente se vio obligado a responder por la detención de la dirigente social. Insistió en que el caso "está en manos de la Justicia de Jujuy", a la que consideró "un Poder independiente". Macri no contestó el petitorio de Podemos en favor de la líder de la Tupac Amaru.

(Imagen: DyN)

En su visita a España Mauricio Macri sigue pagando un alto precio por mantener presa a Milagro Sala. Además de los reclamos de la oposición española y las protestas que hubo en Madrid por la liberación de la dirigente social, el Presidente se vio obligado hoy a dar explicaciones durante la conferencia de prensa conjunta que brindó con el primer ministro de ese país, Mariano Rajoy. "Es un tema que está en manos de la Justicia de Jujuy, que es un poder independiente", recurrió a su habitual latiguillo para tratar de quitarle toda connotación política a la detención de la líder de la Tupac Amaru. Eso sí, cuando le preguntaron por el venezolano Leopoldo López, afirmó que es un preso "político" y que en Venezuela "no se respetan las garantías individuales", y hasta llegó a decir que la defensa de los derechos humanos es una de "las banderas en las que creemos".

Por segundo día consecutivo, el tema de la detención de Sala se coló en la agenda de la visita de Macri a Madrid y no de la mejor manera. Ayer el Presidente no tuvo la mejor de las recepciones en el Congreso de los Diputados de España.  Algunos legisladores lucieron allí una remera con la inscripción “Liberen a Milagro” en la sesión especial en la que dio su mensaje y diputados del bloque le entregaron una carta en la cual le pidieron una reunión para que informe sobre la situación de la dirigente social que lleva más de un año presa a pesar de las resoluciones de la ONU y de la OEA a favor de su liberación.

Macri no tuvo que lidiar sólo con el reclamo por la liberación de Sala, sino también con la denuncia que la cúpula de la fuerza progresista Podemos hizo en el Parlamento español sobre los ajustes, despidos masivos y persecución política impulsados durante su gestión. “En vez de combatir la pobreza, combate a los pobres”, advirtió el diputado y secretario de esa fuerza, Iñigo Errejón.

La conferencia de prensa con Rajoy le deparó otro mal trago. “El único ruido que tenemos es que nos saquen sistemáticamente los mejores jugadores y entrenadores de fútbol”, arrancó Macri con una de sus ya recurrentes apelaciones futboleras, en referencia a la relación con España, pero a poco de andar se enfrentó a la pregunta sobre la situación de Sala. Es algo que le pasa en cada lugar al que va desde que la ONU instaló en caso en el plano internacional al advertir en una resolución que el arresto de la dirigente social jujeña es “arbitrario” y que debe ser puesta en libertad.

Del reclamo de Podemos por Sala, Macri se limitó a decir que “me entregó una petición un integrante del partido muy educadamente en un sobre”. Pasó por alto que no contestó esa petición, como reveló en diálogo con la AM 750 el eurodiputado de esa fuerza Xabier Benito Ziluaga, quien remarcó que “la mejor respuesta que puede dar es la liberación de Milagro Sala”.

Macri tampoco respondió la pregunta sobre Sala que le hicieron en la conferencia. O mejor dicho, contestó lo de siempre: “Es un tema que está en manos de la Justicia de Jujuy, que es un poder independiente, que por suerte ha tramitado una apelación, y se la han concedido, a la Corte Suprema de Justicia de la Nación, mientras se tramitan una cantidad de juicios y denuncias que tiene la señora Milagro Sala.”

Sin apartarse de su libreto habitual, el Presidente explicó que “también hemos invitado a organizaciones de derechos humanos que tenían dudas a que vengan” que “han aceptado y van a venir en mayo”. “Se reunirán con las autoridades judiciales de Jujuy y mirarán ellos con sus propios ojos qué es lo que se está haciendo”, agregó Macri y, en una primera persona que se contrapone con la declamada independencia de la Justicia jujeña, remató: “Espero que todas estas cosas que hemos hecho den tranquilidad de que en la Argentina la Justicia funciona y en forma independiente.”

Venezuela

Macri, en cambio, consideró sin tapujos que Leopoldo López es un preso “político”.  Fue cuando preguntaron si con Rajoy habían hablado de que el Mercosur le aplique la “cláusula democrática” a Venezuela. “Hemos compartido la enorme preocupación de lo que está sufriendo el pueblo venezolano, que cada día las cosas están peor. No se respetan los derechos humanos, las libertades individuales, como hemos visto con la condena a Leopoldo López y tantos otros presos políticos”, manifestó el Presidente.  “Seguiremos batallando para intentar defender el legítimo derecho que tiene el pueblo venezolano para elegir a sus autoridades”, prometió luego, como si en Venezuela no hubiera elecciones, y añadió: “Esperamos seguir intentando levantar las banderas en las cuales creemos, de los derechos humanos y la libertad, que hoy en Venezuela han sido cercenadas.”

Paritarias

A horas de la reunión paritaria entre las autoridades y los docentes bonaerenses, Macri defendió la propuesta de aumento del 18 por ciento que hizo la gobernadora María Eugenia Vidal. “Es un punto arriba de la meta del Banco Central”, argumentó.

Macri explicó que “el Banco Central se ha comprometido con metas de entre el 12 y el 17 por ciento para este año”. Aseguró que “las paritarias son libres y cada uno acordará en su sector lo que decida”, pero no dejó de señalar: “Yo les digo a todos tengamos en cuenta esas metas.”

A propósito de metas, esta vez no fijó una semestral –como aquella de que a partir del segundo semestre del 2016 pasado todo sería mejor- sino a dos décadas. “Todos tenemos que ayudar a reducir el déficit fiscal. Ese es el camino que nos va a llevar a crecer durante 20 años. Si crecemos durante 20 años ahí realmente vamos a estar cerca de terminar con los argentinos que estén en la exclusión e incluirlos dentro de un sistema que dé oportunidades de progreso para todos”, planteó. Lo de la pobreza cero que prometió en campaña quedará entonces para más allá del 2037.

fonte pagina12.ar.com

fonte SOCIALEUROPE.EU

by on

The election of Donald Trump to the US Presidency as well as the seemingly inexorable ascendency of right-wing populism in Europe has raised troubling questions about the future of democracy. In his new book, Branko Milanovic (BM) discusses the relationship between global inequality and the future of capitalism and democracy, respectively (a related interview has been published here). Whereas BM thinks that inequality and capitalism can co-exist, he is sceptical with respect to democracy. While he characterizes the American form of plutocracy as “maintaining globalization while sacrificing key elements of democracy” (p. 211), he sees European populism as “trying to preserve a simulacrum of democracy while reducing exposure to globalization” (ibid).

However, the Trump election teaches us that plutocracy and populism eventually go well together. With reference to Milanovic’s famous “elephant graph”, it is straightforward to see why this should happen. Three important observations can be inferred from the graph: firstly, very remarkable income gains in emerging economies, in particular China and India, have led to the emergence of a new middle class in the Global South. Second, income for the middle class in advanced Western countries has stagnated. Thirdly, the income of the Top 1 percentile, i.e. the global super rich, has also grown very substantially, while being still underestimated according to BM.

The elephant, Trump and the working class

Two political interpretations of these facts are obvious. A left narrative would draw the central political conflict line in the EU and US between the working population and the rich elite and call for redistribution from the rich to the middle and lower strata of the population. Clearly, such an interpretation constitutes a threat to the privileges of the plutocratic elites.

The populism of Donald Trump should thus be seen as a Gramscian hegemonic strategy based on an alternative reading of the elephant graph. His brand of populism combines two elements. First, by way of exploiting the correct fact that large segments of the US working class have indeed not benefitted from globalization, he is juxtaposing the US middle class against workers in emerging economies by invoking antagonisms such as “We Americans” against “Mexican immigrants” or “our jobs” against “cheap imports from China”. Thus he reframes an economic issue into one of identity and diverts attention away from class antagonisms between rich and poor. Second, upon that basis Trump has promoted a political project of “America First”, which reconstructs an imaginary community of “hard-working” Americans.

The hegemonic project of populism thus combines a narrative of imagined political community along national, ethnic, cultural or religious dividing lines with limited material promises in terms of more jobs for its members. The political culture becomes marked by dramatization of the cult of leadership, strong-handed demonstrations of authority and ruthless use of language coupled with denial of facts and intimidation of opponents.

Trade-off between hyper-globalization and democracy

So then, what is the prospect for an alternative political agenda that wants to advance an egalitarian project, both between and within nation states? Dani Rodrik has introduced the “political trilemma of the world economy” as a heuristic tool to analyse the political options available under globalization. The three elements of the trilemma are (i) national sovereignty, (ii) hyper-globalization, i.e. deep economic integration of the world economy, and (iii) democratic politics. The trilemma posits that only two out of three elements are compatible. Thus, if one thinks that a substantial transfer of powers to the international level with a view to creating some form of democratic global governance is impossible given the continued prevalence of nation states, and if one thinks that a combination of populist/authoritarian national politics in combination with a deepening of hyper-globalization is undesirable, then the basic trade-off any progressive political project has to face is that between hyper-globalization and democracy. For democrats this choice should be straightforward.

Against this background, the current debate on Trump’s populism appears misguided. In reductionist fashion, the liberal press (see e.g. here and here) portrays the economic core of the emerging populist projects as consisting of protectionism. However, by refusing to sign TTP and criticizing NAFTA, while indicating a readiness to negotiate bilateral trade deals in future, Trump has advanced a mercantilist approach that wants to increase the gains from globalization for the US. Consequently, he initialled a de-regulatory agenda for the highly globalized US financial sector and tax reductions for the corporate sector in general, evidently in order to improve its international competitive position. Similarly, the strategy of populist forces in power in the EU (e.g. in Hungary and Poland) is not directed against economic integration, but against political federalism, i.e. the transfer of power to the supra- or international level, while at the same time eroding the institutional division of powers and democratic participation within their countries. Thus, the strategic focus of populism both in the US and the EU is oriented towards establishing an authoritarian combination of nation state and hyper-globalization. While it is restrictive with regard to the mobility of labour and has a more interventionist policy approach, it is arguably not directed against economic globalization per se, but against liberal democracy and global governance.

Liberal calls on the forces opposing populism to focus their efforts on the defence of hyper-globalization could prove potentially disastrous for the political left. While not denying the heightened potential for conflict, a progressive political project should welcome a multi-polar world order and focus on fighting for democracy by reinvigorating its potential for a more egalitarian and solidaristic society. Besides strengthening democratic participation, upholding human rights and expanding social inclusion and equity, this will involve a more stringent regulation of hyper-globalization. In certain areas, a partial de-globalization and re-regionalisation of economic activities, respectively, for instance in the financial sector, in agriculture or with respect to public services seems warranted. In contrast to right-wing populism, such a project would thus be principled with respect to democracy, instrumental with respect to globalization and realistic with respect to the pro tempore prevalence of the nation state.

fonte PRESSENZA.COM 

Applicano la Legge Bavaglio a manifestanti pacifici, che denunciavano Macri

22.02.2017 - Redacción Madrid

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Applicano la Legge Bavaglio a manifestanti pacifici, che denunciavano Macri
(Foto di Pressenza)

Il governo spagnolo riceve Mauricio Macri con tutti gli onori, mentre i deputati di En Comú Podemos eprimono la loro protesta non applaudendo il presidente argentino, e gli consegnano una lettera in cui si chiedono spiegazioni sul caso di Milagro Sala. Nel frattempo in strada, a un piccolo gruppo di manifestanti vengono chiesti i documenti e vengono identificati in base alla legge bavaglio.

Il presidente Macri ha iniziato oggi la sua visita ufficiale a Madrid. Mentre veniva ricevuto al Congresso dei Deputati con tutti gli onori, Irene Montero, portavoce di Podemos, indossava una maglietta che chiedeva la liberazione di Milagro Sala. Contemporaneamente il suo gruppo parlamentare ha fatto pervenire a Mauricio Macri una lettera, inviata anche all’ambasciata di Argentina di Madrid, in cui si chiedono spiegazioni circa il rispetto dei diritti umani in Argentina e l’attuazione delle risoluzioni dei diversi organismi che esigono la liberazione della leader della Tupac Amaru e dei suoi compagni detenuti.

Come gesto di fronte alla politica di austerità e di mancato rispetto dei diritti umani del governo di Macri, i deputati di En Comú Podemos non hanno applaudito il presidente argentino.

In strada, intanto, un piccolo gruppo di manifestanti che chiedeva la libertà di Milagro Sala e tutti i prigionieri politici argentini, sono stati identificati e dispersi dalla polizia,nonostante si fossero spostati in una vicina piazza secondo le indicazioni di altri agenti. Si tratta ancora una volta dell’applicazione della cosiddetta Legge Bavaglio.

“Il gioco è tra governi che danno priorità agli amici anziché difendere il proprio popolo”,  ci ha spiegato uno dei manifestanti.

Traduzione dallo spagnolo di Matilde Mirabella

In collaborazione con MASZSZ, la più grande confederazione sindacale in Ungheria che rappresenta i lavoratori del settore privato e pubblico ed è affiliata alla CES e alla CIS.

Il 13 gennaio, durante il ciclo di negoziati salariali, sono stati licenziati 4 sindacalisti dall’amministratore delegato della Fővárosi Közterület-fenntartó Nonprofit - FKFZrt (Società di capitale per la manutenzione del settore pubblico). I rappresentanti sindacali hanno chiesto un aumento di salario equo ed hanno manifestato la loro disponibilità a ricorrere allo sciopero a causa della disaffezione dei lavoratori. Come risposta, István Csontos, amministratore delegato della società per la gestione dei rifiuti, della pulizia e dell’igiene delle aree pubbliche nella capitale Budapest, non solo ha licenziato 4 colleghi, ma li ha anche chiusi fuori dagli uffici del sindacato. András Király, segretario del sindacato aziendale, uno dei sindacalisti licenziati e, inoltre, presidente del Sindacato dei Lavoratori Municipali HVDSZ2000 e membro del presidio del MASZSZ. Il sindacato, con l’aiuto del MASZSZ e delle organizzazioni sindacali affiliate, continua a cercar e un modo per risolvere il conflitto. Questo atto rappresenta una misura che non ha precedenti in una società pubblica del settore pubblico. I sindacalisti ungheresi temono che questo atto stia aprendo una nuova era di condotta antisindacale nel Paese.

Vai ad Act Now per sottoscrivere l'appello  ACT NOW

fonte AREA7.CH 

Un servizio del Telegiornale cercava di rendere l’idea del successo di popolo della candidata alle presidenziali francesi del Front national, Marine Le Pen, lasciando esprimere alcuni ospiti attorno a un tavolo: al lepenista convinto sin dagli anni Ottanta, si sono aggiunti, convinti di fresco, un socialista schifato, nonostante continui a credere nelle sue idee; una sindacalista del sindacato di sinistra (Cgt) delusa dall’inefficienza politica dei suoi; un repubblicano, in fuga dalla confusione nel suo partito. Questo genere di aggregazione non è solo francese, avviene in tutta Europa (e negli Stati Uniti). Gli si dà un denominatore comune con il termine “populismo”.

Populismo è una ideologia? Forse. Appare comunque facile la sua combinazione con ideologie che hanno un contenuto più pesante, come il nazionalismo o il socialismo. Anche se, a differenza di queste, non dà risposte ai grandi problemi. Si accontenta di dividere la società in due gruppi: da un lato il popolo, naturalmente onesto e virtuoso; d’altro lato le élites che hanno confiscato la sovranità che appartiene di diritto al primo.
Il populismo si batte dunque per ristabilire la sovranità del popolo. Diventa una strategia per quei grandi attori dell’odierna scena politica europea (Svizzera compresa) che vanno per la maggiore e che si sentono i veri e unici portavoce del popolo, uomini e donne provvidenziali.

Chi è membro del popolo al quale si rivolgono i populisti? Per gli uni il popolo è costituito dalla nazione e s’oppone allo straniero, è pure ostile all’apertura della società che si manifesta con l’integrazione europea o con l’immigrazione o l’afflusso di islamici. Per altri ciò che distingue il popolo dalle élites è l’appartenenza di classe. Forse per questi parametri diversi anche i populisti sono di destra o di sinistra. Con una pretesa: il popolo è omogeneo, ha solo perso i punti di riferimento, le relazioni sociali cui era abituato.

Non è assurdo che socialisti, sindacalisti, classe media, emigrano verso queste formazioni populiste? Forse si possono indicare tre motivazioni tra loro connesse. L’una culturale, dovuta al venir meno di quella che si riteneva una propria identità sociale e a uno svilimento e deprezzamento dei valori del proprio paese o del territorio in cui si è nati e cresciuti, minacciati dall’esterno (ciò che accresce incertezza o paura). Una seconda è dovuta al tipo di economia impostosi dagli anni 80: globalizzazione, diseguaglianze, scombussolamenti nel lavoro ridotto a merce e competitività, mortificazione del reddito da lavoro, precarietà, impoverimento, hanno generato una situazione (dimostrata con uno studio fondamentale da un economista americano, Moses Shayo) per cui si sono moltiplicate le persone che fondano sempre meno la propria identità sociale nel proprio statuto economico e sociale, sostituendola con l’unica certa, l’identità nazionale (il nazionalismo). Una terza si riscontra nel fatto che i partiti di sinistra (soprattutto se al potere) hanno riorientato il loro discorso, occupandosi poco delle priorità degli ambienti popolari per tentare di sedurre un elettorato più vasto, in un clima culturale molto influenzato dalle idee liberiste a partire dagli anni ’80. Hanno così voluto apparire mercantilmente affidabili, perdendosi, o tecnocrati per dimostrarsi altrettanto bravi nella gestione degli affari pubblici.

Siamo alla vigilia di importanti elezioni. Può darsi che le altre forze politiche di centro o di sinistra riescano ad essere più forti dei partiti populisti. Tuttavia non si può negare che coloro che definiamo populisti rappresentano idee molto radicate nelle nostre società e che quindi li troveremo a lungo sulla scena politica. Servissero almeno come pungolo!
FONTE AREA7.CH che ringraziamo

Pubblicato il  08.02.17

Fonte Inchiestaonline.it

 

 

Il testo “Il mondo al tempo dei quanti” di Mario Agostinelli e Debora Rizzuto (ed. Mimesis, Milano, Gennaio 2017) offre un audace e innovativo punto di vista su molti aspetti che riguardano la vita degli uomini e delle donne, il loro organizzarsi in società, la struttura iniqua delle relazioni economiche e la crisi di democrazia che caratterizza il nostro tempo.

Diversi sono i destinatari cui suggerire una riflessione sul testo qui proposto. La tesi di fondo del libro, che individua nella rivoluzione scientifica del XX secolo il punto di svolta per l’interpretazione della realtà intera da cui siamo circondati – “dall’infinitamente piccolo all’infinitamente esteso” – non si limita alla materialità del mondo fisico, come potrebbe far intravvedere la permanente separazione delle culture umanistica e scientifica. Come era avvenuto con il compimento del “momento newtoniano”, nei suoi risvolti istituzionali (l’indebolimento dell’assolutismo), produttivi (la nascita dell’industria), antropologici (la natura diventa quantitativamente e illimitatamente trasformabile in merce e ricchezza), il “momento relativistico-quantistico”, che stiamo percorrendo pur rimanendone concettualmente lontani, andrebbe portato all’attenzione di chiunque abbia il compito di orientare la società in questi tempi di sconvolgimenti tanto repentini da lasciarci privi di chiavi di lettura e, pertanto, senza visioni di lungo periodo. Il ricorso all’impiego delle più recenti intuizioni e scoperte scientifiche è il compito che si danno gli autori usando metafore di forte suggestione per la trasposizione al mondo sensibile, pur mantenendo la sostanza scientifica dell’approccio che ha sconvolto fisica, chimica, biologia e neuroscienze a partire da Plank, Einstein e Bohr.

Perciò, prima destinataria è la politica per la sua estraniazione dalla società, semplificata in esclusi e inclusi, padroni della natura e del tempo e derubati della vita e dei beni comuni. Questa fase storica è segnata da cambio di dimensioni, inomogeneità, discontinuità, incertezza e probabilità al posto di determinismo e causalità. L’Universo è un mondo curioso ma non lo riteniamo reale, perché continuiamo a vivere nel “momento newtoniano”, come se Einstein e Heisenberg fossero esistiti solo per chi progetta smartphone, internet, GPS e laser e non per chi ne fa uso quotidiano.

La nuova scienza – dalla fisica, alla chimica, alla biologia, alle neuroscienze – in parte causa essa stessa del cambiamento, può e deve fornire nuovi occhiali agli ambientalisti, ai responsabili delle organizzazioni del lavoro, alle associazioni culturali, alle espressioni di lotte territoriali e per i beni comuni, agli accoglitori di migranti, che vedono solo come curiosità nozioni specialistiche come salto quantico, velocità relativa, indeterminazione, che invece entrano prepotentemente nella realtà che- come dice Rovelli – non è quella che ci appare

Viviamo in ambienti dove si simula l’intelligenza a velocità irraggiungibili per la mente umana, con il lavoro controllato da robot e macchine che rispondono ai tempi prefissati da un flusso che va dal progettista al consumatore e che è organizzato per impedire ad ogni costo i “colli di bottiglia”. Comunichiamo attraverso piattaforme che hanno modificato il linguaggio e che codificano a velocità sub-luminari i nostri profili affidati inconsapevolmente a imprese private che strutturano la conoscenza e la memoria, influenzando così il futuro in cui piomberemo. Nel tempo in cui clicchiamo sul nostro conto bancario, un algoritmo a noi sconosciuto esegue migliaia di operazioni finalizzate a produrre denaro su denaro, con transazioni finanziarie eseguite accelerando fotoni nelle fibre ottiche e utilizzando magari quel titolo che io sto gelosamente conservando per tempi migliori. L’esaurimento delle risorse naturali procede in tempi non biologici pregiudicando vita, salute, clima. La moltitudine di informazioni ormai presenti nel Cloud, merce preziosa per multinazionali e governi rese possibili dalla meccanica quantistica, è stata raccolta e “misurata” ricorrendo a osservatori che sono parte in causa del fenomeno osservato. Di conseguenza, la gestione dei “big data” e il loro utilizzo a scopi più o meno benevoli, non sarà avulsa dagli attori in causa, tra cui, i governi. I dati sanitari della popolazione USA raccolti da Trump o da Obama non sono la stessa cosa.

La scienza potrebbe quindi diventare un alleato prezioso per la classe politica e per la società che democraticamente si fa rappresentare o si autorappresenta e che mai come oggi è chiamata ad un compito impegnativo e interconnesso all’azione di fenomeni che viaggiano alle velocità più elevate codificati in onde, particelle, dentro un universo tutto fatto della medesima polvere di stelle… Di questo nuovo mondo se ne erano accorti gli artisti – Braque, Picasso, Manet, Matisse, Boccioni – che alla scoperta della realtà dentro di noi, mettevano sule loro tele le “illuminazioni” che turbavano Plank, Pauli o Schroedinger, come illustra un capitolo del libro.

A dispetto del titolo che richiama un principio scientifico, i “quanti”, forse bizzarro e oscuro ai più, è la visione filosofica della società post-moderna il vero cuore del libro ed è sicuramente anche al mondo della filosofia che il testo si rivolge, con un monito che riecheggia più volte nel testo: è profondamente sbagliato ritenere la scienza esclusivo appannaggio di tecnologi e ingegneri. Anche il mondo dell’Umanesimo ha il dovere di occuparsene e di valutare gli effetti delle sue ricadute ideologiche sul mondo di oggi. Gli accadimenti attorno a noi ce lo impongono e vengono presi in considerazione secondo schemi non rituali nelle conclusioni. Guardando al futuro con una lente non rituale, si sono tracciati un programma e una gerarchia di priorità che si sottraggono al gioco degli specchi delle notizie quotidiane: la sfida climatica, la democratizzazione dell’economia, il modello energetico, la riappropriazione del tempo, la critica della velocità associata alla tecnocrazia, la riduzione dell’orario di lavoro, il rapporto finanza-economia reale, il tema nucleare, la guerra, il fenomeno dei rifugiati, la società “smart”. Ed anche un’idea per una più adeguata rappresentanza, che vada oltre il meccanicismo classico di cui si è fin qui impregnata la nozione e l’organizzazione del “partito”.

Leggere questo libro può rappresentare una avventura di viaggio, una seppur faticosa risposta alla curiosità, che è incoraggiata da insospettati punti vista e il lettore può trovare spunti afferenti al proprio interesse specifico, nel nome di una dichiarata interdisciplinarietà.

Aziende di Morales dietro l’arresto di Milagro Sala
06.02.2017 - Redazione Italia

Aziende di Morales dietro l’arresto di Milagro Sala
(Foto di ideasGraves via Flickr.com)
di Horacio Verbitsky per Pagina12 – Traduzione di Pressenza

Il potente segretario generale del governatorato Freddy Morales e undici legislatori (sette radicali, tre peronisti e un conservatore popolare) hanno acquistato 150 ettari di terreno dalla Banca di Jujuy per 720 mila pesos e alcuni mesi dopo li hanno rivenduti al governo provinciale per un programma di costruzione di alloggi a 30 milioni. Gerardo Morales fa autorizzare le lottizzazioni al suo vice. Per coloro che traggono profitto dalla speculazione edilizia l’opera sociale di Milagro Sala è un esempio intollerabile che deve essere punito.

Milagro Sala è conosciuta in tutto il paese per la costruzione di alloggi sociali nel quartiere di Alto Comedero, lo stesso sobborgo di San Salvador nel cui penitenziario, in maniera illegale, è privata della sua libertà da un anno. Molto vicino a lì, nello stesso Alto Comedero, l’uomo forte del governo di Jujuy, Freddy Morales, insieme a sette dirigenti dell’Unione Civica Radicale, a tre del peronismo e a uno del populismo jujeño dell’ex governatore Horacio Guzman e di sua figlia Maria Cristina, ha realizzato un grande affare immobiliare. La prigionia di Sala e gli affari di Morales e dei suoi soci sono un’eccellente espressione del sistema politico di Jujuy, il cui asse resta la Ingenio Ledesma, che è il principale proprietario terriero nel NOA.

Servizio comunitario

L’organizzazione di quartiere Tupac Amaru ha costruito unità popolari a basso costo grazie al lavoro in cooperativa di chi avrebbe occupato gli alloggi. Dei fondi ricevuti per il Programma Federale di Emergenza Abitativa (PFEH), una parte si assegnava all’acquisto di materiali e infrastruttura, un’altra a fornire reddito ai lavoratori della cooperativa e un residuo si reinvestiva in infrastrutture per il quartiere e in opere sociali: un parco acquatico delle dimensioni del Parco Nord di Buenos Aires e piscine affinché i bambini potessero intravedere che una vita degna è possibile; una piscina coperta climatizzata con attrezzatura che consente l’accesso a disabili in sedia a rotelle; scuole dei tre livelli di insegnamento, centri sanitari, fabbriche e anche luoghi cerimoniali come una replica del tempio del Tiahuanaco boliviano, dove statue di Tupac Amaru e di Micaela Bastidas presiedono le cerimonie spirituali dei popoli originari. La riduzione dei tempi di costruzione e l’economia sui materiali grazie all’acquisto all’ingrosso hanno generato eccedenze che i contratti firmati dalle cooperative permettevano di disporne ad altri scopi. Nel caso delle cooperative della Tupac, quelle eccedenze furono destinate alle infrastrutture del quartiere e alla fornitura di servizi di base ad accesso libero per tutta la sua popolazione. In queste opere, che non erano contemplate nei programmi nazionali, provinciali e municipali di alloggi assunti dalle cooperative, sono state riversate le risorse che il contabile Gerardo Morales pretende essere state “rubate” da Milagro e dall’organizzazione di quartiere Tupac Amaru. Il governo provinciale ha abbandonato e lasciato al degrado queste opere, finché il confronto con il revanscismo dei generali del ’55, che ha riempito di cemento le piscine della Fondazione Eva Perón, lo ha indotto a cambiare tattica, riabilitarne alcune e utilizzarle per la propria propaganda politica.

In contrasto con questa concezione comunitaria della Tupac, l’imprenditorialità di Freddy Morales e dei suoi soci politici ostenta le caratteristiche della tradizionale speculazione immobiliare, in cui terreni pubblici vengono acquistati da dirigenti politici a prezzi irrisori e poi rivenduti allo stesso Stato a prezzi astronomici, o lottizzata per costruire abitazioni di alto livello. Questa differenza concettuale, organizzativa ed etica è alla base dell’esasperata persecuzione contro Milagro Sala, venuta a sconvolgere affari sicuri realizzati dal potere alle spalle delle necessità popolari, vera ragione per la quale si trova in carcere.

Nel 2009, con la richiesta di rapporto nella quale dichiarò guerra a Milagro Sala, l’allora senatore Morales la accusò di “mettere nell’agenda pubblica della provincia di Jujuy la legge di riforma edilizia, anche con il rifiuto dell’allora governatore e delle organizzazioni dei professionisti del settore”. Questa legge, alla quale si sono opposti l’UCR e il Fronte di Rinnovamento che oggi governano Jujuy, ha aperto alle cooperative di lavoratori la riserva chiusa dei grandi costruttori che ora la recuperano, con il terzo fratello, Walter Morales, a capo dell’Istituto per le abitazioni e l’urbanizzazione provinciale, IVUJ.

Dove c’è una necessità

Il 21 luglio 2011, durante la classica Marcia del Apagón che commemora i sequestri e gli assassnii del 1976 all’Ingenio Ledesma, 3.500 persone guidate dalla Corrente Classista Combattiva occuparono 15 ettari di terra dell’Ingenio Ledesma, il principale proprietario terriero della provincia con 157.556 ettari. Dopo dieci giorni di tensione due giudici provinciali ordinarono la repressione e la polizia locale, insieme alle forze di sicurezza private dell’Ingenio, aprirono il fuoco sugli occupanti. Quando già si contavano quattro morti e 50 feriti, Milagro Sala e la Rete delle Organizzazioni Sociali fecero un giro persuadendo gli occupanti a ritirarsi e chiedendo al governo una soluzione razionale.Il governatore peronista Walter Barrionuevo creò, con decreto-accordo 9190-H-11 del 7 agosto 2011, il piano “Un lotto per ogni famiglia che ne ha bisogno”, per il cui fine autorizzò l’espropriazione o l’acquisto diretto di terre. Questa emergenza fu un’opportunità su misura per Freddy Morales e una dozzina di dirigenti radicali, peronisti e appartenenti all’estinto Movimento Popolare di Jujuy, che avevano accumulato centinaia di ettari in attesa di un’occasione. Quelle terre avevano acquistato valore grazie alla loro prossimità con il quartiere El Cantri della Tupac Amaru, che aveva realizzato complesse opere di ingegneria civile per stabilizzare un terreno dalla base mobile prima di procedere alla sua urbanizzazione.

Il decreto n. 9861 che il governatore Barrionuevo firmò tre mesi dopo, il 22 novembre 2011, dice che il dirigente radicale René Jesús El Jadue e il populista jujeño Martín Durbal Jorge offrirono “in vendita una frazione di ripartizione dei beni posseduti in comproprietà individuati come Anagrafe A-96881, Matricola A-73230, Lotto 1156, Circ. 5, Sez. 2, del dipartimento Dr. Manuel Belgrano” e che la Corte di Valutazione l’aveva stimata in 240 mila pesos per ettaro, nelle condizioni in cui si trovava. Il governo provinciale gli propose quindi l’acquisto di 150 ettari divisi da quella comproprietà, “individuati come Circ. 5, Sez. 2, Lotto 1170, Anagrafe A-98566”. Ma invece dei 240 mila pesos per ettaro della valutazione, la provincia ne offrì 200 mila e la trattativa si chiuse per un totale di 30 milioni di pesos. I venditori erano gli ex legislatori provinciali Freddy Morales, Miguel Angel Giubergia, Facundo René Giubergia (tramite la moglie Teresa Sadir), Carlos Alberto Toconas, Hugo Daniel Zamar, Raul Alberto García Goyena, Mario Ramón Puig e René Jesús El Jadue (tutti radicali, diversi dei quali testimoni nella causa contro Milagro Sala, funzionari del governo nazionale di Maurizio Macrì, di quello provinciale di Gerardo Morales o giudici); Pedro Teófilo Lozano, Luis de la Zerda e Daniel Almirón (peronisti di diverse linee) e Martín Durbal Jorge (del Movimento Popolare Jujeño dei Guzmán). Ma li avevano acquistati nove mesi prima per 727.540 pesos dal contabile Luis Miguel Jiménez, come registrato nell’atto pubblico n. 26 del registro del Notaio C.R. Frías, datato 15 febbraio 2011, e come rilevato nel blog El Disenso dai giornalisti Mariana Escalada e Agustín Ronconi. Nessun affare decente consente un guadagno superiore al 4000 per cento in nove mesi.

Ma come sono arrivati al possesso di quelle terre i dodici apostoli legislativi e chi è il contabile Jiménez? La versione che è sempre circolata tra i politici di Jujuy è che avevano fatto causa alla provincia per una questione salariale, dato che non gli era stato pagato un aumento a causa della crisi finanziaria cronica della provincia. Il Banco residuale di Jujuy (un ente provinciale rappresentato dall’allora vice governatore e senatore Guillermo Jenefes, che amministrava i contenziosi dopo la privatizzazione del 1998 a favore del Banco Macro di Jorge Brito) decise di confiscare 350 ettari che erano stati ipotecati da un’impresa fallita con la banca della provincia di Jujuy e con questi pagare il debito ai legislatori. Questa indulgente versione nasconde una storia più interessante.

Per essere Franco

Il 20 ottobre 2013 il giornalista Franco Mizrahi citò, in un’inchiesta pubblicata dal quotidiano Tiempo Argentino, il procedimento A-61817/92, cominciato presso la 7° Corte Civile e Commerciale di San Salvador de Jujuy dall’allora giudice María González de Prada. Un’azienda della famiglia Bustamante Pérez offrì un terreno ubicato in Alto Comedero, Los Alisos, a garanzia di un prestito del Banco di Jujuy. Quando l’azienza di famiglia fallì, le terre ipotecate cambiarono di mano. Secondo la documentazione della causa, che Mizrahi mi ha gentilmente concesso, il 29 maggio 1997 i Bustamante Pérez firmano un contratto di acquisto con il commercialista Luis Miguel Jiménez in base al quale “vendono, cedono e trasferiscono al compratore una frazione rurale di trecento cinquanta ettari (350 Hs), parte del lotto rurale n. 48-I1 con Anagrafe A-53849, ubicato nel distretto Los Alisos del dipartimento Dr. Manuel Belgrano”. Il mese successivo, il 2 giugno 1997, la giudice María González de Prada, tramite la segreteria di Marisa Rondón de Dupont (che oggi sono state elevate, rispettivamente, al ruolo di membro della Camera e a giudice civile e commerciale) autorizzò la vendita pattuita con il commercialista Jiménez, che a pagina 471 di quel procedimento viene citato come “prestanome”. Cioè non agiva per proprio conto bensì in nome di uno o di vari clienti fino ad allora non identificati.

Mizrahai, nel suo articolo del 2013, aggiunse che Jiménez cedette i diritti e le azioni su quelle terre ai legislatori perché la legge di etica pubblica provinciale gli proibiva di fare affari con lo Stato. Altre fonti sostengono che Jiménez acquistò anche delle terre vicine alle stesse eccezionali condizioni. Terre che si vendono a nuovi progetti immobiliari nella misura in cui si valorizzano e cresce la domanda.

Secondo la documentazione del Registro Immobiliare della Direzione Provinciale degli Immobili, la proprietà originale, identificata con il citato Anagrafe A-53849, era costituita da 849,6 ettari. Nel 2005 venne suddivisa in altri lotti, di 385 e 463 ettari. Uno di questi, identificato con la matricola A-73230, è quello che poi originerà i 305,3 ettari della matricola A-76611, lotto 1254, Anagrafe A-98960, che appare nella dichiarazione giurata del Fratello Freddy. Nel Registro compare la comproprietà dei dirigenti del bipartitismo jujeño, grazie all’acquisto da Jiménez per 727.540,97 pesos, realizzato il 15 febbraio 2011, “a perfezionamento del contratto preliminare del 29.05.97”. E’ notevole che un contratto preliminare di compravendita sia perfezionato appena 14 anni più tardi, proprio quando appare la possibilità di guadagno speculativo, grazie alle necessità insoddisfatte di migliaia di persone senza alloggio, l’aumento di valore della zona grazie all’azione dei tupaqueros e alla generosità dello stato con i legislatori. Nel caso di Freddy il registro dice che la sua partecipazione ha avuto origine come “PAGAMENTO A SALDO PART. INDIV. $70.000- EP N. 30, datato 16/02/2011” (il giorno successivo alla compravendita degli altri undici), con iscrizione definitiva il 15/4/2011. Inoltre appaiono come comproprietari vari membri delle famiglie Palomares e Abud, storici compagni e amici del Fratello Freddy durante i suoi vari periodi nella Ragioneria Generale della Provincia.

Firmerò e guadagneranno Millone

L’acquisto da Jiménez passò senza scandalo, ma la rivendita al governo provinciale fu contestata dal Procuratore dello Stato, invocando l’art. 64 della Costituzione Provinciale che proibisce a “ogni pubblico ufficiale di ricevere, direttamente o indirettamente, vantaggi originati da contratti, concessioni, franchigie o assegnazioni posseduti o concessi dallo Stato”. Nel gennaio 2012 neppure il Consigliere contabile della Corte dei Conti, René Barrionuevo, approvò la vendita. Invece la Consigliera legale Mariana Bernal (sorella dell’allora deputata nazionale del PJ María E. Bernal), diede l’interpretazione secondo cui il vantaggio citato dalla Costituzione non sussisteva perché la terra era stata venduta a 200 mila pesos per ettaro anziché a 240 mila. Omette però che lo stesso anno dell’operazione quello stesso ettaro era stato pagato 4.850 pesos. Lo spareggio venne fatto dalla presidente della Corte dei Conti nominata dal governatore Eduardo Fellner, Nora Millone Juncos. Secondo il quotidiano “El Libertario”, che intitolava il suo articolo del 3 febbraio 2012 “Affari immobiliari dei deputati di Jujuy”, per Millone Juncos “la Costituzione non proibisce al funzionario di commerciare con lo Stato” se i venditori non ottengono benefici attraverso l’operazione. Hanno accettato di guadagnare solo 41 volte quello che avevano pagato. Se questo non è un vantaggio bisognerebbe ridefinire il vocabolo. Millone venne riconfermata in carica dal governatore Gerardo Morales, che inoltre mise a libretto paga l’opportuno commercialista Jiménez come Segretario della Spesa Pubblica.

L’anno scorso il governatore Morales ha annunciato che il piano “Un lotto per ogni famiglia jujeña che ne ha bisogno” si sarebbe chiamato “Jujuy Habitat”, e che i lotti sarebbero stati aggiudicati tramite sorteggio a coloro che si fossero iscritti a partire dal 2011. Il processo di aggiudicazione è gestito dall’Istituto di Abitazione e Urbanesimo di Jujuy, il cui titolare è Walter Morales, il fratello di Gerardo e Freddy. Il ministro delle infrastrutture, Jorge Rizzotti, ha affermato di aver “disarticolato gli affari di intermediari senza scrupoli che cercano di trarre profitto dallo stato e dalle necessità dei cittadini”. Ottimo.

Lottizzazioni all’Alba

Il decreto di acquisto del terreno dei legislatori è stato firmato il 22 novembre 2011. Il 4 agosto, Freddy Morales aveva registrato, insieme a sua moglie Patricia Reyna, il marchio “L’Alba” presso l’Istituto Nazionale della Proprietà Industriale, all’interno della classe 36, che consente, tra le altre cose, la realizzazione di affari finanziari e immobiliari. Ma questa relazione non risultò evidente perché il decreto del governatore Barrionuevo venne pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale solo nel maggio 2012, un lasso di tempo meno dilatato dei 14 anni intercorsi tra il contratto preliminare e la scrittura, ma in ogni caso fuori dal comune.

Quell’articolo di Tiempo Argentino elencava quattro immobili iscritti da Freddy Morales nel Registro della Proprietà di Jujuy, secondo le sue stesse dichiarazioni giurate.

– Anagrafe 57033; matricola 48844.

– Anagrafe 98962; matricola 76613.

– Anagrafe 82973; matricola 59939 (in comproprietà con la moglie).

– Anagrafe 98960; matricola 76611.

I colleghi de “El Disenso” hanno pubblicato il decreto 1234-ISPTYvV/2016, del 11 maggio 2016, che approva la misura e il progetto preliminare di lottizzazione dell’ultimo di quei terreni, lo stesso che comprarono e vendettero i legislatori, su richiesta del procuratore Miguel Giubergia, attuale segretario del Comitato Nazionale della UCR (Unione Civica Radicale), direttore dell’Ente Nazionale di Comunicazioni che ha sostituito l’AFSCA (Autorità Federale dei Servizi di Comunicazione Audiovisiva) una volta abrogato per decreto la legge audiovisiva, e uno dei testimoni offerti da Gerardo Morales nel giudizio contro Milagro Sala. Un’ulteriore curiosità è che il decreto che autorizza la lottizzazione non è stato firmato da Morales, bensì dal suo vicegovernatore Carlos Guillermo Haquim. In questo modo è stata rispettata la formalità per cui non fosse direttamente Gerardo ad autorizzare l’affare di Freddy, cosa che ha tranquillizzato il selettivo ufficio anticorruzione dell’ex deputata macrista Laura Alonso. La sorella del vice, Susana Haquim, è la segretaria dei Diritti Umani di Morales, che ha giustificato la detenzione di Milagro Sala di fronte agli organismi nazionali che le hanno fatto visita.

Cosa vi serve ancora per convincervi che è una ladra? – gli ha chiesto infastidita.
Una condanna certa e un giudizio con garanzie del dovuto processo – hanno risposto.
Due culture incompatibili, tra cui il dialogo è improbabile.

“El Disenso” continua con una domanda retorica: “Sapete chi si sta dedicando a commercializzare lotti a Los Alisos? Si… indovinato”, e continua con il logo de L’Alba, tanto reminescente da identificare l’IVUJ di Walter Morales. L’offerta del Progetto Alba nel Quartiere Alto Comedero dice che le abitazioni saranno appaiate e/o duplex con due camere da letto, cucina, stanza da pranzo e bagno, tra i 45 e i 50 mq e un’“eccellente qualità nei materiali e nel disegno costruttivo”. Aggiunge che usufruiranno di acqua potabile, servizi igienici, gas naturale, energia elettrica, illuminazione pubblica, strade asfaltate, spazi verdi, spazi pubblici e centro commerciale. Alba Solidale è una cooperativa con sede a Balcarce 128, lo stesso ufficio in cui operano altre aziende di Freddy Morales, come Viaggi del Capricorno Srl o VC Turismo, un’ovvia facciata per altre attività: quando Mizrahi ha chiesto informazioni su un tour a Purmamarca, non hanno saputo dirgli se fosse possibile e gli hanno chiesto di ritornare in un altro momento.

Colpi e minacce

L’articolo di Mizrahi è stato pubblicato il 20 ottobre 2013. Lunedì 21, un atto del Fronte Unito e Organizzato per la Sovranità Popolare (FUYO), con cui Milagro Sala si presentò per la prima volta alle elezioni legislative di quell’anno e ottenne il 14 per cento dei voti, venne attaccato con colpi di arma da fuoco in un’imboscata che il procuratore Aldo Hernán Lozano qualificò come un tentativo di omicidio contro Milagro Sala. Secondo l’avvocato della Tupac, Luis Paz, “i militanti fecero da scudo a Milagro” e due dei suoi membri furono feriti dalle pallottole. Uno degli aggressori, Cristian Mario Llanes, era un impiegato del municipio, già nelle mani dell’UCR. Nell’ottobre 2015 venne condannato a cinque anni e mezzo di prigione, per la stessa ragione, Alejandro Sequeiros, cognato dell’ex deputata radicale Natalia Sarapura, che organizzò le cerimonie alla Pachamama per Morales e Macrì a Humahuaca e a Purmamarca, e oggi è Segretaria delle Questioni Indigene di Jujuy. Martedì 22 ottobre 2013 Freddy Morales pubblicò una dichiarazione sulla stampa jujeña, nella quale qualificò l’articolo di Mizrahi come “diffamatorio, malintenzionato e chiaramente supportato da informazioni false”. Aggiunse che aveva “incaricato i suoi legali affinché procedessero a intentare le azioni legali e penali necessarie a chiarire ciascuna delle ingiurie e delle calunnie sostenute nell’articolo citato”. A quanto pare non gli interessava perché quattro anni dopo né Morales né i suoi undici soci nell’affare del traffico di terre pubbliche hanno iniziato alcuna azione legale contro Mizrahi, o spiegato quali fossero le informazioni false, le calunnie o le ingiurie.

L'articolo prosegue alla  fonte : Qui il link all’articolo originale

Aziende di Morales dietro l’arresto di Milagro Sala

fonte area7.ch
Barbara Spinelli è stata espulsa dalle autorità turche nella notte tra il 13 e il 14 gennaio scorso. L’avvocata, impegnata da anni nella difesa dei diritti delle donne turche e della minoranza curda, era diretta ad Ankara per prendere parte ad un convegno sugli effetti dello stato di emergenza sul sistema giuridico turco. «Mi hanno fermata in aeroporto. Sono stata rinchiusa in una stanza con tre poliziotti. Qui mi hanno comunicato l’espulsione. E che avrei dovuto prendere il primo volo disponibile per l’Italia», ha dichiarato ad area Barbara Spinelli.

«Mi hanno comunicato di essere stata espulsa per motivi di sicurezza. Un poliziotto ha cercato di intimidirmi. E infine hanno preso la batteria del mio cellulare», ha spiegato l’avvocata che ha ottenuto la solidarietà di numerosi Consigli degli ordini degli avvocati in Italia, una volta rientrata. Sarebbe stata la prima partecipazione dell’avvocata a un convegno dove sarebbe dovuta intervenire in prima persona per denunciare le violazioni dei diritti perpetrate dalle autorità turche. «Avrei raccontato la mia esperienza di osservatore internazionale. Dopo la proclamazione dello stato di emergenza in Turchia, sono stati approvati decreti lesivi dei diritti delle persone messe in stato di fermo. Ormai gli arresti hanno censurato ogni voce critica e messo al bando le più importanti associazioni che difendono i diritti umani», ha aggiunto Spinelli.
La censura delle voci critiche ha raggiunto delle vette senza precedenti in seguito al fallito golpe del 15 luglio 2016. «Con la detenzione dei leader del partito della sinistra filo-curda (Hdp), Salahettin Demirtas e Figen Yuksekdag, la Turchia si è trasformata in una vera dittatura. In base alla riforma costituzionale appena approvata il governo eleggerà tutti gli organi istituzionali. Questo garantisce l’impunità del governo e l’isolamento delle forze democratiche», ha proseguito l’avvocata. I primi a pagarne le spese sono ancora una volta i curdi turchi. «Gli esponenti di Hdp subiscono una costante criminalizzazione. Prima hanno tentato di annullare la loro credibilità politica. Ora vogliono eliminarli fisicamente. Tutto si è iniziato con l’arresto di sindaci delle municipalità governate dal partito filo-curdo. Poi è stata annullata l’immunità parlamentare dei deputati Hdp. A questo punto non esiste un’opposizione parlamentare a Erdogan. Gli osservatori internazionali non possono avere contatti con i deputati Hdp arrestati che di fatto sono in uno stato di totale isolamento», ha denunciato Spinelli.
Nonostante tutto questo resta in vigore l’accordo tra Unione europea e Turchia in materia di gestione dei flussi migratori. «Non c’è un solo motivo per giustificare la permanenza dell’accordo con la Turchia sui migranti. Sul piano giuridico questa è una grande colpa imputabile all’Ue. In altre parole l’Unione europea in questo modo legittima un dittatore come Erdogan. Le diplomazie europee non hanno fatto abbastanza per denunciare le violenze sui civili commesse in Turchia e il vero e proprio genocidio della popolazione curda», ha aggiunto l’avvocata. Particolarmente gravi sono le violazioni dei diritti umani che subiscono le donne turche e curde. «I sindaci arrestati sono soprattutto donne; le guerrigliere del Pkk, uccise dai soldati turchi, vengono esposte per strada. È stata presentata una proposta di legge discriminante per lo stupro. Le condizioni delle donne sono peggiorate, non viene accettata nessuna forma di autodeterminazione della soggettività femminile», ha concluso l’avvocata.
Si svolgerà tra il 2 e il 9 aprile prossimo il referendum costituzionale per l’approvazione della riforma presidenzialista voluta da Erdogan. Al centro della riforma, il trasferimento del potere esecutivo nelle mani del presidente, che potrà nominare e revocare i ministri, emanare decreti e sciogliere il Parlamento, restando anche formalmente leader del suo partito. Il capo dello Stato nominerà i giudici costituzionali e del Csm, oltre ai principali dirigenti statali, controllerà il bilancio e potrà decretare lo stato di emergenza. Se eletto, Erdogan potrà restare al potere anche fino al 2029. La riforma snatura così il sistema politico turco trasformando la carica presidenziale da neutrale a politica, con poteri assoluti. La Turchia andrà al voto in un contesto di allerta terrorismo dopo l’attentato di Capodanno a Istanbul, rivendicato dallo Stato islamico (Isis), che ha causato 39 vittime, e in una fase di emergenza democratica, con oltre 40.000 arresti e 130.000 epurazioni, almeno 151 giornalisti in prigione e decine di media chiusi.

 

 

Sabato 4 febbraio ore 17

Casa dei Diritti -Via E. De Amicis, 10 Milano

Proiezione del documentario “Tupac Amaru, algo està cambiando” di Magali Buj e Federico Palumbo.

Il film documentario racconta la storia, il lavoro e il percorso di rivendicazione di diritti umani di una comunità nativa del nord dell’Argentina e della sua leader Milagro Sala, donna aborigena, attivista sociale e deputata eletta del ParlaSur, che dal gennaio 2016 è in carcere come detenuta politica, con l’accusa di “promuovere il disordine sociale”.

Illustri personalità mondiali, il Parlamento Europeo e l’ONU stanno da tempo esercitando pressioni sul governo argentino per chiedere la liberazione di questa donna esemplare.

Programma dell’evento:

17:00 Saluto di Benvenuto e Ringraziamenti.

Presentazione dell’Associazione “Argentinos para la Victoria”

Introduzione di Diana Caggiano del Comitato Italiano per la Liberazione di Milagro Sala (Roma)

18:00 Proiezione del Documentario “Tupac Amaru, algo està cambiando”.

19:00 Pausa caffè.

19:15 Saluto e Intervento di Federico Palumbo, regista italiano del documentario.

Dibattito e Riflessioni.

20:00 Saluti finali

Come argentini residenti fuori dal paese, abbiamo la responsabilità di denunciare la violenza e gli abusi esercitati dal nuovo governo Macri.

La dittatura militare degli anni ’70 ha provocato più di 30.000 Desaparecidos che non possiamo dimenticare. Per questo alziamo la voce e diciamo Nunca Mas! Mai più!

Mai più terrorismo di Stato e libertà per Milagro Sala.

Argentinos para la Victoria

fonte alfabeta2 che ringraziamo

 
Pubblicato il · in alfapiù, società · Add Comment

GB Zorzoli

 

donald-trumps-hairDurante le primarie repubblicane ci rassicuravano così: i discorsi sopra le righe gli servono per battere i competitors; ottenuto il risultato, modererà i toni.

Analogo ritornello nel corso delle elezioni presidenziali: dopo, dovrà fare i conti con la Realpolitik.

Adesso è la Realpolitik a dover fare i conti col presidente Donald Trump. E non solo lei. Per riuscirci, occorre però cambiare registro, lezione che i media tradizionali non hanno ancora imparato.

Giornali, radio, televisioni hanno addolcito la notizia sull’ executive order anti-migranti, accompagnandola con i servizi sulle manifestazioni di protesta. OK sul piano dell’informazione, ma – forse sono stato disattento - non è stato fatto notare che nessuna di queste iniziative si è svolta in Alabama o nell’Arkansas, cioè negli stati che hanno fatto vincere Trump. È un bene che l’America sconfitta reagisca; per fortuna c’è ancora una giudice federale a New York; fa piacere che i vertici di Google, Facebook, Netflix, Airbnb e di altre aziende digitali si siano espressi contro il blocco all’immigrazione. Tuttavia, agli occhi di chi ha votato Trump tutti costoro, come pure i media tradizionali, fanno parte dell’élite, che strilla perché alla Casa Bianca è arrivato qualcuno deciso a mantenere la promessa «America first», chiudendo le frontiere e riportando all’interno del paese la vecchia, buona industria.

Considerazioni analoghe valgono per il muro al confine col Messico o per la “Velocizzazione della valutazione ambientale e della successiva approvazione dei progetti infrastrutturali con alta priorità”, affiancata dalla revoca del blocco per i due controversi oleodotti Keystone XL e Dakota Access. Obiettivo che, tradotto dal latino in lingua volgare, significa realizzarli – con effetti positivi, seppur temporanei su economia e occupazione - fregandosene dell’ambiente e del rischio per i circa 8.000 membri della tribù Sioux di Standing Rock, derivante dal possibile inquinamento delle acque del lago Oahe, da cui dipendono anche le forniture idriche di molti altri cittadini americani.

...continua a leggere "I primi dieci giorni di Donald Trump"

31.01.2017  Fonte  Pressenza New York

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Bando dei musulmani, Trump colpisce ancora

Lunedì notte il Presidente Donald Trump ha licenziato il Ministro della Giustizia Sally Yates,  poche ore dopo il suo annuncio che il ministero non avrebbe difeso l’ordine esecutivo che impedisce temporaneamente l’ingresso negli Stati Uniti ai profughi e ai cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana – Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen. Trump le aveva chiesto di svolgere la funzione di Ministro della Giustizia fino alla conferma da parte del Senato del suo stretto alleato Jeff Sessions, definito dal Washington Post il “padrino intellettuale” del bando anticostituzionale dei musulmani.

“Jeff Sessions è un razzista e un islamofobo. Non deve essere il nostro prossimo Ministro della Giustizia,” ha detto il Colonnello in pensione Ann Wright, mentre veniva arrestata e trascinata via dalla Commissione Giustizia del  Senato.

Il Presidente della National Association for the Advancement of Colored People Cornell Brooks è stato arrestato due volte durante i sit-in organizzati davanti all’ufficio di Jeff Sessions in Georgia.

Fonti:

https://www.democracynow.org

http://www.codepink.org/

fonte PRESSENZA che ringraziamo