Browsed by
Categoria: Repressione

ARGENTINA: REPRESSIONE E GRILLETTO FACILE

ARGENTINA: REPRESSIONE E GRILLETTO FACILE

Tra il 17 e il 21 novembre 2021 la polizia ha ucciso due giovani, vittime di razzismo e pregiudizio. Il mapuche Elías Garay lottava per il diritto alla terra della sua comunità. Lucas González era un ragazzo delle periferie che sognava di fare il calciatore. di David Lifodi (*) In Argentina non si placa la polemica sulle forze di sicurezza dal grilletto facile. Tra il 17 e il 21 novembre scorsi, a 1.700 chilometri di distanza, la polizia ha ucciso due…

Leggi tutto Leggi tutto

Loris Campetti: La salute nel sindacato

Loris Campetti: La salute nel sindacato

  Fonte: Inchiestaonline.it Diffondiamo da il manifesto in rete del 29 ottobre Serve ancora il sindacato, nel secondo decennio del terzo millennio dopo Cristo? Seconda domanda: chi rappresenta il sindacato nella stagione della globalizzazione neoliberista, quali figure sociali tutela e quali sono invece abbandonate allo strapotere del turbocapitalismo? Terza domanda: cosa è diventato il sindacato? Sono tre domande difficili, le risposte non possono essere semplici né individuali. Quel che posso tentare di fare è di inquadrarle nel contesto dato, qui…

Leggi tutto Leggi tutto

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Fonte ADIR L’altro Diritto La sentenza di primo grado che condanna Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, a 13 anni e 2 mesi interroga il nostro senso di giustizia. Da giuristi e giuriste, e studiosi e studiose del diritto e delle istituzioni, attendiamo, prima di ogni valutazione nel merito, di leggere le motivazioni della sentenza e con fiducia pensiamo ai successivi gradi di giudizio come a momenti in cui maggiore chiarezza potrà essere fatta. Sin da subito, però, non possiamo…

Leggi tutto Leggi tutto

Milagro Sala: le organizzazioni sociali chiedono la liberazione

Milagro Sala: le organizzazioni sociali chiedono la liberazione

FONTE PRESSENZA.COM  Organizzazioni politiche e sociali, sindacati e organizzazioni per i diritti umani si sono mobilitate nel centro di Buenos Aires, fino a Plaza Lavalle, per chiedere alla Corte Suprema di Giustizia di rilasciare Milagro Sala, leader sociale del gruppo Túpac Amaru, cinque anni dopo il suo arresto a Jujuy. Milagro Sala è da cinque anni o in carcere o agli arresti domiciliari per una serie di accuse montate ad arte dal governatore di Jujuy Morales, suo nemico politico da…

Leggi tutto Leggi tutto

BRASILE: RAZZISMO E SFRUTTAMENTO NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE

BRASILE: RAZZISMO E SFRUTTAMENTO NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE

Ringraziamo la Fonte : la bottega del barbieri  3 Gennaio 2021 David Lifodi Lo scorso 21 novembre ha fatto scalpore l’uccisione di João Alberto Silveira de Freitas ad opera di uomini della sicurezza privata di Carrefour e della polizia militare a Porto Alegre. Nel più grande paese dell’America latina sono molte le multinazionali della grande distribuzione, degli alimenti, delle bibite e della moda ad essere responsabili di episodi simili. di David Lifodi Lo scorso 21 novembre hanno fatto il giro del mondo…

Leggi tutto Leggi tutto

Macron vieta gli sguardi sulla polizia francese

Macron vieta gli sguardi sulla polizia francese

di Martino Sacchi, Duccio Scotini / 28 Novembre 2020 / Diritti, Europa, Mondo Fonte Il Manifestoinrete La legge sulla «sécurité globale» appena approvata oltralpe punisce chi riprende le violenze poliziesche. Una reazione repressiva delle pratiche dei Gilet gialli e dei giovani delle banlieue che hanno eroso il consenso per le forze dell’ordine Le piazze francesi tornano a riempirsi mentre si approva il 24 Novembre il progetto di legge sulla «sécurité globale»: un testo fortemente voluto dal governo e dai sindacati di polizia che, tra…

Leggi tutto Leggi tutto

FBI, la fabbrica di terroristi di carta

FBI, la fabbrica di terroristi di carta

    FONTE AREAONLINE.CH di Serena Tinari È il giornalismo dal respiro lungo, l’inchiesta che va avanti per anni e che un passo alla volta lascia il segno. Ma è soprattutto un ritratto impietoso dell’epoca balzana che ci è toccata in sorte. Il progetto “Trial and Terror” pubblicato da The Intercept toglie il fiato e se non fosse fondato su documenti ufficiali, si farebbe fatica a credere ai suoi esplosivi contenuti. Fatti, numeri e storie che raccontano come l’Fbi abbia…

Leggi tutto Leggi tutto

Brasile, Jair Bolsonaro, elimina i diritti LGBT al primo giorno da presidente del Brasile

Brasile, Jair Bolsonaro, elimina i diritti LGBT al primo giorno da presidente del Brasile

FONTE CONTROLACRISI Al primissimo giorno da presidente del Brasile, l’estremista di destra Jair Bolsonaro ha immediatamente fatto sparire dalla scrivania governativa tutte le questioni inerenti alla comunità LGBT, eliminandola dal novero di coloro di cui dovrà occuparsi il nuovo “Ministero delle donne, della Famiglia e dei Diritti Umani“. Il nuovo ministro per i diritti umani, l’ex pastore evangelico Damares Alves, ha affermato che “la famiglia brasiliana è minacciata” da politiche inclusive. All’interno del Ministero la sigla LGBT è stata così…

Leggi tutto Leggi tutto

Milagro Sala torna ai domiciliari ma nella casa sbagliata, per la terza volta

Milagro Sala torna ai domiciliari ma nella casa sbagliata, per la terza volta

FONTE PRESSENZA .COM 19.08.2018 – Redazione Italia Milagro di nuovo al Carmen (Foto di Prensa Tupac) Ieri in mattinata il giudice Pullen Llermanos ha dovuto revocare il suo stesso provvedimento che aveva trasferito Milagro Sala dagli arresti domiciliari al Carmen a un carcere di Salta. L’annullamento del procedimento di reclusione era stato ordinato dalla Corte Suprema Argentina che ha ribadito di aver accettato  le risoluzioni della Corte Interamericana dei Diritti Umani. In una intervista a Página 12 la dirigente della Tupac…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti sulla nave Diciotti, appello di Eleonora Forenza

Migranti sulla nave Diciotti, appello di Eleonora Forenza

19.08.2018 – Redazione Italia (Foto di https://www.facebook.com/ForumLampedusaSolidale/) L’europarlamentare di Rifondazione Comunista Eleonora Forenza, che tra fine giugno e inizio luglio ha seguito in prima persona la vicenda dei migranti a bordo delle navi Astral e Open Arms, della ong spagnola Proactiva Open Arms, lancia dalla sua pagina Facebook un appello a intervenire sulla vicenda della nave Diciotti,  ancora bloccata al largo di Lampedusa. “E così, mentre noi discutiamo di applausi e fischi, il Ministro degli Interni minaccia di rimpatriare in…

Leggi tutto Leggi tutto

In Brasile viviamo una guerra civile sempre più esplicita

In Brasile viviamo una guerra civile sempre più esplicita

Fonte Dinamopress di redazione 5 aprile 2018   Realizzata pochi giorni prima della ratifica della condanna a Lula, in questa intervista il filosofo brasiliano Vladimir Safatle denuncia la svolta autoritaria che sta vivendo il Brasile negli ultimi mesi. Cosa sta accadendo in Brasile? Gli ultimi eventi dimostrano chiaramente che siamo entrati in una fase di guerra civile sempre più esplicita. Non parlo solo degli spari contro il pullman dell’ex presidente Lula. L’assassinio di Marielle Franco non ha avuto fino ad…

Leggi tutto Leggi tutto

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

Fonte Ilmanifestobologna di Marco Revelli Colle del Monginevro, 1.900 metri di quota, a metà strada tra Briançon e Bardonecchia. È su questa linea di frontiera che oggi batte il cuore nero d’Europa. È qui che la Francia di Emmanuel Macron ha perso il suo onore, e l’Europa di Junker e di Merkel la sua anima (quel poco che ne rimaneva). In un paio di mesi, in un crescendo di arroganza e disumanità, i gendarmi francesi che sigillano il confine hanno…

Leggi tutto Leggi tutto

Le scomode verità di Enrico Zucca

Le scomode verità di Enrico Zucca

Fonte Comune.Info Lorenzo Guadagnucci | 24 marzo 2018 | 0 commenti di Lorenzo Guadagnucci* Parafrasando un aforisma del compianto Roberto Freak Antoni potremmo dire, pensando alla bufera mediatica esplosa attorno a Enrico Zucca, che non c’è gusto in Italia a dire la verità. Invece d’essere ascoltato e ringraziato, il magistrato è stato additato come una minaccia da buona parte della nomenclatura istituzionale, con il chiaro obiettivo di non discutere le questioni da lui sollevate. Enrico Zucca, che fu pm nel processo Diaz…

Leggi tutto Leggi tutto

Accuse infamanti? Ecco le carriere dei condannati per la Diaz

Accuse infamanti? Ecco le carriere dei condannati per la Diaz

FONTE DINAMOPRESS di Luca Galantucci 23 marzo 2018 «I nostri torturatori sono ai vertici della polizia, come possiamo chiedere all’Egitto di consegnarci i loro torturatori? L’11 settembre 2001 e il G8  hanno segnato una rottura nella tutela dei diritti internazionali. Lo sforzo che chiediamo a un paese dittatoriale è uno sforzo che abbiamo dimostrato di non saper far per vicende meno drammatiche». Queste le dichiarazioni del sostituto procuratore di Genova  Zucca, nell’ambito di un dibattito sul caso Regeni. Frasi che…

Leggi tutto Leggi tutto

Noi stiamo con Lavinia Flavia

Noi stiamo con Lavinia Flavia

  FONTE EFFIMERA    Questo appello esce in contemporanea su Euronomade. A Torino, pochi giorni fa, la polizia ha pesantemente caricato con gli idranti una manifestazione antifascista. Alcune riprese video hanno inquadrato un’insegnante che gridava davanti alle forze dell’ordine: la sua immagine, accortamente selezionata e decontestualizzata, è stata catapultata nello spazio virtuale, fatta oggetto di insulti, incitamento alla gogna e strumentalizzazioni politico-elettoralistiche, nonché di sanzioni disciplinari e forse penali in via di definizione. L’obiettivo politico, alle soglie di una vigilia…

Leggi tutto Leggi tutto

Brazil: another rural worker and rights defender murdered

Brazil: another rural worker and rights defender murdered

FONTE IUF.ORG 18 January 2018 News Printer-friendly version   The toll of violence against rural workers, peasants and all those defending human rights, the struggle for land and the rights of indigenous peoples in Brazil continues to rise. On January 9, rural worker and land reform militant Valdemir Resplandes was murdered by gunmen in Anapu, the city in the state of Pará where American activist nun Dorothy Stang was murdered in 2005. Brazil’s bancada ruralista, the powerful agribusiness lobby whose votes…

Leggi tutto Leggi tutto

Ancora una volta irruzione in casa di Milagro Sala

Ancora una volta irruzione in casa di Milagro Sala

05.01.2018 – San Salvador de Jujuy, Argentina – Redacción Argentina Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo A pochi giorni dal vergognoso secondo anniversario della detenzione arbitraria di Milagro Sala e nel bel mezzo delle ferie degli organi giudiziari, è stato aperto un nuovo caso contro la leader del movimento sociale. Con un’ondata di irruzioni e perquisizioni per trovare possibili prove dei crimini denunciati, una nuova intimidazione è in corso contro la leader della Tupac Amaru e la sua famiglia. Riportiamo il comunicato stampa…

Leggi tutto Leggi tutto

Il governo algerino sta inasprendo la guerra contro il sindacato indipendente dei lavoratori del settore elettrico e del gas

Il governo algerino sta inasprendo la guerra contro il sindacato indipendente dei lavoratori del settore elettrico e del gas

fonte  Labourstart  Il governo algerino sta inasprendo la guerra contro il sindacato indipendente dei lavoratori del settore elettrico e del gas, SNATEGS, che organizza i lavoratori nella società statale per l’energia,SONELGAZ. Centinaia di iscritti al sindacato, di delegati e di funzionari del sindacato sono stati licenziati, vessati e perseguitati con accuse legali fasulle per aver esercitato i loro diritti fondamentali.  Nel mese di maggio di quest’anno il governo ha revocato lo status giuridico dello SNATEGS e condannato il presidente del…

Leggi tutto Leggi tutto

Il regalo di Natale di Gentiloni & Co. – di Salvatore Palidda

Il regalo di Natale di Gentiloni & Co. – di Salvatore Palidda

FONTE EFFIMERA.ORG Per questo Natale i signori cattolici ferventi del PD come la stragrande maggioranza del parlamento italiano hanno pensato bene di offrire un regalo multiplo al popolo italiano ovviamente in vista delle prossime elezioni che tutti sperano si giochino su chi è più razzista, militarista, sicuritario-pro-sbirri e in generale neo-liberista nel campo delle politiche economiche e sociali: 1)     Gentiloni ha promesso l’impegno -che sarà votato dal Parlamento- di inviare una nuova missione militare in Niger in nome della guerra ai…

Leggi tutto Leggi tutto

REGALI DI NATALE DEL GOVERNO E AFFINI

REGALI DI NATALE DEL GOVERNO E AFFINI

FONTE ESSEREASINISTRA 27 Dic 2017 del Coordinamento Nazionale del Movimento Essere Sinistra MovES A quanto pare, già oggi, massimo domani, il Presidente Mattarella dovrebbe sciogliere le Camere. Eccolo qui, uno dei tanti regali che ha portato questo Natale, una sorta di Pennywise che esce dalla scatola regalo come il nostro peggiore incubo. Altro che Stephen King…   PRESSATO DA RENZI che teme la mancata tenuta del suo partito, alla fine, come da copione, si produce nella sua performance migliore e…

Leggi tutto Leggi tutto

La répression de la société civile se poursuit en Pologne

La répression de la société civile se poursuit en Pologne

 FONTE EQUALTIME.ORG NEWS By Marta Kucharska 19 December 2017 Explore similar themes HUMAN RIGHTSPOLANDEUROPE-GLOBALDEMOCRACYPROTESTSEUREPRESSION Share this page   Graffiti on a wall outside the Palace of Culture in Warsaw says: “I, a common individual, I am calling to you! Wake up!” The quote comes from the manifesto of Piotr Szczęsny, a chemist who set himself on fire nearby on 19 October 2017, in protest against government policies. He died 10 days later from his injuries. (Marta Kucharska) Un graffiti peint…

Leggi tutto Leggi tutto

La contestation sociale réprimée en Amérique latine

La contestation sociale réprimée en Amérique latine

Mounted police keeping guard on University students protesting against corruption in the education sector, in front of the National Congress in Asuncion (Paraguay).   (Santi Carneri) fonte equaltime.org Le 17 octobre, jour de commémoration annuel en Argentine de Juan Domingo Perón, fut repêché dans le fleuve Chubut le corps sans vie de Santiago Maldonado, un jeune artisan porté disparu 80 jours plus tôt et aperçu pour la dernière fois au cours d’un affrontement entre la communauté Mapuche et les forces de…

Leggi tutto Leggi tutto

NoG20 Hamburg: Iniziato il processo a Fabio Vettorel. La dichiarazione resa in Tribunale da Fabio

NoG20 Hamburg: Iniziato il processo a Fabio Vettorel. La dichiarazione resa in Tribunale da Fabio

Iniziato, al Tribunale di Altona ad Amburgo,  il processo a Fabio Vettorel, l’attivista italiano da 4 mesi in carcere. Nell’udienza di oggi Fabio ha rilasciato una dichiarazione che riportiamo. Nuova udienza il 14 novembre “Signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori, Voi oggi siete chiamati a giudicare un uomo. Lo avete chiamato “aggressivo criminale” e “irrispettoso della dignità umana”. Personalmente non mi curo degli appellativi che mi attribuite. Io sono solo un ragazzo…

Leggi tutto Leggi tutto

La Difesa di Milagro Sala: “I giudici disconoscono totalmente il diritto internazionale”

La Difesa di Milagro Sala: “I giudici disconoscono totalmente il diritto internazionale”

10.10.2017 – Jujuy, Argentina – Redacción Argentina Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo Gli avvocati di Milagro Sala hanno fatto ricorso contro la sentenza della Corte d’Appello che ha revocato i domiciliari alla dirigente sociale. La difesa di Milagro Sala ha fatto oggi ricorso contro la sentenza della corte d’Appello che ha revocato la detenzione ai domiciliari della deputata del Parlasur. Tra i punti cardine, sono stati rilevati la responsabilità internazionale dell’Argentina; la sentenza  violerebbe la misura cautelare dettata dalla Commissione Interamericana dei Diritti…

Leggi tutto Leggi tutto

Una conversazione con Maria Rocco, una delle compagne arrestate durante le mobilitazioni contro il G20 tenutesi ad Amburgo lo scorso luglio

Una conversazione con Maria Rocco, una delle compagne arrestate durante le mobilitazioni contro il G20 tenutesi ad Amburgo lo scorso luglio

NoG20 Amburgo: Dal carcere Billwerder non è tutto. FONTE LAVOROESALUTE.ORG Pubblicato da franco.cilenti Riportiamo in questo articolo le riflessioni che abbiamo fatto qualche giorno fa in compagnia di Maria, del Postaz di Feltre, una delle compagne arrestate durante le mobilitazioni contro il G20 tenutesi ad Amburgo lo scorso luglio. Questo approfondimento nasce dal fatto che abbiamo registrato un oggettivo accanimento nei confronti dei manifestanti arrestati, in particolare di quelli non tedeschi, sia da parte della polizia in piazza, sia da…

Leggi tutto Leggi tutto