Browsed by
Categoria: lavoro & diritti

Il decreto-legge 146 su salute e sicurezza sul lavoro è un passo falso.Sono necessarie modifiche al decreto. È necessario un intervento organico in materia

Il decreto-legge 146 su salute e sicurezza sul lavoro è un passo falso.Sono necessarie modifiche al decreto. È necessario un intervento organico in materia

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, al Ministro del Lavoro, al Presidente della Conferenza delle Regioni.   Il decreto-legge 146 su salute e sicurezza sul lavoro è un passo falso. Sono necessarie modifiche al decreto. È necessario un intervento organico in materia   Con il decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 il Governo intende portare alcune significative modifiche del Decreto Legislativo n. 81/2008, cosiddetto testo unico sulla sicurezza del lavoro. Un decreto emesso sulla spinta di…

Leggi tutto Leggi tutto

In Ungheria, la deregolamentazione degli straordinari scatena una protesta sociale

In Ungheria, la deregolamentazione degli straordinari scatena una protesta sociale

Di Corentin Léotard 18 febbraio 2019 FONTE EQUALTIMES.ORG ” Tutti gridiamo insieme,” non saremo schiavi! ” ” Non abbiamo paura di dirglielo, non saremo schiavi!” “. freddo polare, ma ambiente caldo, Sabato 5 gennaio, a Budapest, capitale ungherese, dove una grande parata corteo di circa 10.000 persone, da Piazza degli Eroi al parlamento neogotico monumentale si affaccia sul Danubio. Per la terza volta da metà dicembre, i sindacati, i partiti politici e le organizzazioni civili che dimostra in attacchino insieme contro il governo nazionalista del primo ministro…

Leggi tutto Leggi tutto

Canada: la rete per i diritti dei migranti mira a unire migranti e lavoratori

Canada: la rete per i diritti dei migranti mira a unire migranti e lavoratori

Pubblicato il 3 gennaio 2019 Di Zaid Noorsumar Fonte : Rankandfile.ca Trentacinque organizzazioni in tutto il Canada si sono coalizzate per formare la rete per i diritti dei migranti il 18 dicembre, la Giornata internazionale dei migranti. L’alleanza mira a lottare per i diritti dei migranti e combattere l’ondata crescente di razzismo nel paese. Unifor, Migrant Centre Resource Center Canada e No One is Illegal sono tra i membri della coalizione, che è composta prevalentemente da gruppi per i diritti…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Nord che cambia, un’inchiesta operaia fresca di stampa

Il Nord che cambia, un’inchiesta operaia fresca di stampa

Fonte: Sbilanciamoci Guglielmo Ragozzino 22 aprile 2018 | “Ma come fanno gli operai” è il titolo del libro di Loris Campetti risultato di una lunga inchiesta operaia nelle fabbriche e nei cantieri del Nord Italia. Ne esce una imprescindibile radiografia dei rapporti con i sindacati, la rappresentanza, gli immigrati. Loris Campetti ci porta in giro per l’Italia del Nord a colloquio con venti o trenta dei suoi amici e delle sue amiche. Sono tutti operai, tanto che il titolo del…

Leggi tutto Leggi tutto

Difficile da digerire, il lavoro duro dei riders bolognesi

Difficile da digerire, il lavoro duro dei riders bolognesi

Fonte FiomNotizieBologna     E’ una serata qualsiasi al circolo Arci RitmoLento.  Sono le dieci e mezza e le attività del circolo sono finite. La maggior parte dei frequentatori inizia ad andare verso il letto. Non è raro che vi siano serate in cui il RitmoLento si riempa di riders. Ma chi sono i riders? I riders sono i tradizionali fattorini inquadrati nel nuovo settore del “food-delivery” (consegna del cibo). Quando termina il turno capita che si riuniscano per conoscersi e…

Leggi tutto Leggi tutto

Ma come fanno gli operai

Ma come fanno gli operai

FONTE   ILMANIFESTOBOLOGNA di Mauro Chiodarelli   Se vuoi ancora sentire parlare i lavoratori, operai e non, devi aspettare un libro Loris Campetti. Implacabile, ci ricorda che esistono che stanno sempre peggio e sono sempre più soli. Solitudine causata da un sistema politico ed anche sindacale, che non solo non li tutela o non è più in grado di farlo, ma che spesso “volutamente” non li vede o non li vuole vedere. Nel suo nuovo libro, Ma come fanno gli operai…

Leggi tutto Leggi tutto

Castelfrigo, il distretto delle carni: finte coop, stranieri sotto ricatto

Castelfrigo, il distretto delle carni: finte coop, stranieri sotto ricatto

FONTE   ILMANIFESTOBOLOGNA di Giulia Zaccariello Lavorare per 10, 12 ore, a volte addirittura 14. In un solo giorno. Con pause per il bagno conquistate con fatica, quasi fosse una concessione, mentre quintali di carne scorrono veloci sul nastro: i ritmi impongono a ciascun operaio di pulire decine, anche centinaia di pezzi. Sono questi i racconti che fanno da sfondo alla protesta degli ormai ex-operai in appalto della Castelfrigo, azienda di Castelnuovo Rangone, in provincia di Modena, dove si sezionano…

Leggi tutto Leggi tutto

Brazil: another rural worker and rights defender murdered

Brazil: another rural worker and rights defender murdered

FONTE IUF.ORG 18 January 2018 News Printer-friendly version   The toll of violence against rural workers, peasants and all those defending human rights, the struggle for land and the rights of indigenous peoples in Brazil continues to rise. On January 9, rural worker and land reform militant Valdemir Resplandes was murdered by gunmen in Anapu, the city in the state of Pará where American activist nun Dorothy Stang was murdered in 2005. Brazil’s bancada ruralista, the powerful agribusiness lobby whose votes…

Leggi tutto Leggi tutto

L’EMERGENZA DELLA MISERIA E LA MISERIA DELLA POLITICA

L’EMERGENZA DELLA MISERIA E LA MISERIA DELLA POLITICA

FONTE MOVES 14 Gen 2018   di Ivana FABRIS – Coordinatrice Nazionale Responsabile Movimento Essere Sinistra MovES   La miseria continua a crescere nel nostro paese. La Caritas denuncia che solo a Roma i nuovi poveri sono 16.000, ALTRE 16.000 persone finite in strada. Tra questi, anziani e bambini e tanti bambini con disabilità e ad essere colpito è soprattutto quel ceto medio composto da diplomati che mai avrebbe pensato solo pochi anni fa di subire questa sorte. Persone assolutamente…

Leggi tutto Leggi tutto

Né generazione Erasmus, né fuga dei cervelli: cosa ci dicono le migrazioni interne in Europa?

Né generazione Erasmus, né fuga dei cervelli: cosa ci dicono le migrazioni interne in Europa?

fonte dinamopress  di Antonio Sanguinetti 17 gennaio 2018 Le favole sulle migrazioni interne all’Ue diffuse dalla stampa, nascondono la realtà di un fenomeno epocale: la costituzione di un mercato del lavoro europeo fatto di sfruttamento e razzializzazione contro cui si scontra il desiderio politico della fuga Le favole sulle migrazioni interne all’Ue diffuse dalla stampa, nascondono la realtà di un fenomeno epocale: la costituzione di un mercato del lavoro europeo fatto di sfruttamento e razializzazione contro cui si scontra il…

Leggi tutto Leggi tutto

Ils cherchent toujours de nouveaux « jeunes jetables »

Ils cherchent toujours de nouveaux « jeunes jetables »

FONTE SOLIDAIRES.ORG PAYS-BAS 20 Décembre 2017 Koen Dereymaecker Danny a travaillé pendant des années dans un call-center en Belgique. Jusqu’au moment où, en 2013, le propriétaire américain a transféré toutes ses activités vers les Pays-Bas. Danny a commencé à y travailler. Ce qu’il a vu fait peur… Avez-vous obtenu d’emblée un contrat à durée indéterminée? Danny. Moi, en tant que cadre, oui. Mais la plupart des travailleurs ont obtenu ce qu’on appelle un contrat flexible. Sa durée était le plus…

Leggi tutto Leggi tutto

Ira e non rancore rassegnato  nei cortei Cgil del lavoro

Ira e non rancore rassegnato  nei cortei Cgil del lavoro

  FONTE STRISCIAROSSA.IT 2 DICEMBRE 2017 IN PRIMO PIANO DI BRUNO UGOLINI   È questo il popolo del “rancore sociale” di cui parla il Censis? Lo abbiamo visto attraverso i collegamenti video di “Radio articolo 1” nelle piazze del 2 dicembre di Roma, Torino, Bari, Palermo, Cagliari. C’è però in quei cortei che hanno risposto all’appello della Cgil non un rancore quasi rassegnato, ma, semmai, una serena, meditata, fredda collera sociale. E’ già un miracolo che siano in tanti presenti. Perché non…

Leggi tutto Leggi tutto

VERTENZA CASTELFRIGO: DOMENICA 3 DICEMBRE SKETCH TRAGICOMICO “MACELLERIA SOCIALE CASTELFRIGO: COME TAGLIARE I LAVORATORI A COSTO ZERO”, DAVANTI AI CANCELLI DELL’AZIENDA

VERTENZA CASTELFRIGO: DOMENICA 3 DICEMBRE SKETCH TRAGICOMICO “MACELLERIA SOCIALE CASTELFRIGO: COME TAGLIARE I LAVORATORI A COSTO ZERO”, DAVANTI AI CANCELLI DELL’AZIENDA

fonte cgilmodena Domenica 3 dicembre, in contemporanea con l’apertura dell’ultimo giorno della manifestazione castelnovese “Super Zampone 2017. La festa dello Zampone più Grande del Mondo”, i lavoratori degli appalti Castelfrigo inaugureranno la “Macelleria Sociale Castelfrigo 2017-Come tagliare lavoratori a costo zero”. L’evento, adatto a un pubblico adulto, si terrà nel piazzale antistante la Castelfrigo a Castelnuovo Rangone (MO) in via Allende n.6, dalle ore 10.30 e sino alle 11, con uno sketch tragicomico sullo sfruttamento dei lavoratori. “Non vogliamo rovinare…

Leggi tutto Leggi tutto

“Ikea disumana”, la rivolta dei clienti

“Ikea disumana”, la rivolta dei clienti

(Fotogramma) Pubblicato il: 30/11/2017 11:40 “Le persone non sono componibili, vergogna”, “non acquisterò mai più né li né in nessun altro punto vendita dell’Ikea fino a che non sarà risolta la questione”, “da oggi vi boicotterò e come me molte altre persone, non siete umani“, “non si licenziano madri in difficoltà, non comprerò più nulla da voi”, “anche qui dipendenti e clienti sono solo numeri. Da oggi sicuramente un numero in meno”, “disumani. Leggete un manuale con cui assemblarvi la…

Leggi tutto Leggi tutto

Milano. Presidio di solidarietà con Marica Ricutti, licenziata dall’Ikea

Milano. Presidio di solidarietà con Marica Ricutti, licenziata dall’Ikea

FONTE ARTICOLO21.ORG Paolo Matteo Maggioni   Martedi sera, nel piazzale dell’IKEA di Corsico, c’è stato un presidio. Due ore di sciopero dei lavoratori dell’azienda svedese in solidarietà con Marica Ricutti, la collega licenziata pochi giorni prima perché non riusciva più a rispettare il suo turno di lavoro. Trentanove anni, una laurea, madre single di due figli, Marica ha avuto accesso alla legge 104, che consente di accudire il figlio più piccolo, disabile. Ma il nuovo turno di lavoro, con inizio…

Leggi tutto Leggi tutto

Amazon, giù il velo della finta modernità

Amazon, giù il velo della finta modernità

1 DICEMBRE 2017 di  LUIGI MARIUCCI  fonte STRISCIA ROSSA Per anni, anzi per decenni, ci hanno raccontato che eravamo entrati in un nuovo mondo: l’economia digitale, il lavoro agile, l’individualizzazione dei rapporti di lavoro, l’obsolescenza delle vecchie forme di conflitto e di rappresentanza collettiva. Ci hanno detto che pretendere limiti ai contratti a termine e al potere di licenziamento erano cose del passato, retaggi di un vecchio mondo ormai tramontato. Ci hanno raccontato che la liberalizzazione del mercato del lavoro…

Leggi tutto Leggi tutto

Rossana Rossanda: L’inchiesta di Loris Campetti su chi perde il lavoro a 50 anni

Rossana Rossanda: L’inchiesta di Loris Campetti su chi perde il lavoro a 50 anni

FONTE INCHIESTAONLINE Non ho l’età di Loris Campetti (editore Manni, 2015) è un’inchiesta diretta su un aspetto di solito non indagato della disoccupazione in Italia: si tratta questa volta non degli spazi chiusi ai giovani, ingabbiati in generale nel precariato, ma di quel che accade a chi perde il lavoro in età avanzata, dopo anni di mestiere con una professionalità compiuta. Sono figure meno pittoresche dei ragazzi, non portano con sé nuove culture, ma non suscitano minore emozione. È un’inchiesta…

Leggi tutto Leggi tutto

Palestine : 50 ans d’occupation, 50 ans de lutte ouvrière

Palestine : 50 ans d’occupation, 50 ans de lutte ouvrière

FONTE : EQUALTIME NEWS By Chloé Benoist 17 November 2017 Explore similar themes LABOURISRAELPALESTINEMIDDLE EAST-GLOBALEMPLOYMENTEXPLOITATIONARMED CONFLICTDEMOCRACYSDGSTRADE UNIONSLABOUR LAWS Share this page   A Palestinian worker on a construction site in the city of Bethlehem, in the southern occupied West Bank, on 27 September 2017. (Chloé Benoist) Malgré 30 ans de sa vie passés à travailler comme menuisier en Israël, et les 17 dernières années comme agriculteur dans la partie sud de la Cisjordanie occupée, Mohammad Issa Salah, âgé de 70 ans, a toujours…

Leggi tutto Leggi tutto

Gli “schiavi” della carne in protesta davanti a Fico

Gli “schiavi” della carne in protesta davanti a Fico

fonte radiofujico che ringraziamo di Alessandro Canella giovedì 16 novembre 2017 – 11:05 Categorie: Lavoro Il presidio dei lavoratori della lavorazione carni di Castelfrigo. I lavoratori della Castelfrigo di Modena protestano contro i licenziamenti e le storture degli appalti davanti a Fico. Caporalato e schiavismo sono problemi anche nella filiera della carne di alta qualità. Franciosi (Flai Cgil): “Dalle istituzioni vogliamo soluzioni a problemi generati dal Jobs Act. Dalle aziende vogliamo responsabilità sociale”. Ci sono buone ragioni se a Fico,…

Leggi tutto Leggi tutto

Pastorale emiliana

Pastorale emiliana

Pubblicato il 9 novembre 2017 · in Interventi · Carmillaonline di Giovanni Iozzoli Da qualche tempo si è riacceso il conflitto nel comparto carni modenese. O meglio: riemerge la situazione di cronico malessere che cova da almeno due decenni sotto le ceneri, sbottando rabbia e mobilitazione. Quando parliamo di questo territorio – l’angolo di provincia compreso tra Castelnuovo, Castelvetro, Spilamberto, Vignola – stiamo parlando di un pezzo importante del Pil italiano, circa tre miliardi di euro, realizzati da 179 aziende,…

Leggi tutto Leggi tutto

Intervista di Roberto Giovannini della Rivista Italiani Europei a Maurizio Landini

Intervista di Roberto Giovannini della Rivista Italiani Europei a Maurizio Landini

Su Italianieuropei sterminata e interessante intervista di Roberto Giovannini a Maurizio Landini Roberto Giovannini: Maurizio Landini, dopo tanti anni in FIOM – tante discussioni, tante polemiche, tante prese di posizione, tante con­troversie – adesso lei è segretario confederale della CGIL. Ma la CGIL, e il sindacato così come lo conosciamo in Italia, esisterà ancora tra dieci anni, nel 2027? Maurizio Landini Sono in crisi tutte le organizzazioni di rappresen­tanza sociale, sia quelle politiche che quelle sindacali, e sta cambian­do in…

Leggi tutto Leggi tutto

Jeremy Corbyn: “E’ vero, i laburisti minacciano di distruggere l’attuale modello economico”

Jeremy Corbyn: “E’ vero, i laburisti minacciano di distruggere l’attuale modello economico”

  FONTE PRESSENZA.COM  In un discorso tenuto sabato scorso alla “Cooperative Party Conference” Jeremy Corbyn, leader del Partito Laburista britannico, ha toccato molti importanti temi di politica nazionale e internazionale. Il testo completo si può leggere qui. Riportiamo di seguito le parti più significative del suo discorso. “Abbiamo bisogno di valori cooperativi nel paese e all’estero” ha detto. “Viviamo in un mondo lacerato dai conflitti, spronato dall’ego e da ambizioni neo-imperiali. Non è mai stato così importante ribadire la nostra adesione alla…

Leggi tutto Leggi tutto

Bolkenstein, De Magistris a testa bassa contro la norma in una lettera all’Anci: “Restringere il campo di applicazione. Pericolo speculazione da parte delle lobbies”

Bolkenstein, De Magistris a testa bassa contro la norma in una lettera all’Anci: “Restringere il campo di applicazione. Pericolo speculazione da parte delle lobbies”

Autore :: fabrizio salvatori FONTE : CONTROLACRISI.ORG Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha inviato al Presidente dell’ANCI Antonio De Caro una nota riguardante la direttiva dell’ UE Bolkenstein. C’è molta agitazione su questa norma, che di fatto sta liberalizzando la gran parte delle attività lavorative di piccolo cabottaggio, più o meno corrispondenti al lavoro autonomo e al commercio. Nei mesi scorsi ci sono state diverse proteste da parte degli ambulanti. Proteste che portarono il Governo Renzi a concedere una…

Leggi tutto Leggi tutto

Una delle imprese più grandi al mondo impegnata nell’attività di carico e scarico delle navi sta compromettendo sistematicamente i salari e le condizioni di lavoro  nella zona portuale di Giacarta.

Una delle imprese più grandi al mondo impegnata nell’attività di carico e scarico delle navi sta compromettendo sistematicamente i salari e le condizioni di lavoro  nella zona portuale di Giacarta.

L’ICTSI sta obbligando i lavoratori a un lavoro straordinario lungo e pericoloso, semplicemente per guadagnare un salario dignitoso. L’impresa ha negato agli iscritti del sindacato FBTPI il lavoro straordinario, e molti non possono far fronte alle loro spese di base, con la conseguenza che i lavoratori tolgono i loro figli dalla scuola e vengono cacciati dalle loro case. L’ICTSI sta punendo questi lavoratori per essersi difesi.  Insieme alla Federazione Internazionale dei Lavoratori del Trasporto, abbiamo lanciato una campagna online con…

Leggi tutto Leggi tutto

Gente di fabbrica

Gente di fabbrica

FONTE SBILANCIAMOCI CHE RINGRAZIAMO Federico Bellono 10 ottobre 2017 | Sezione: Italie, Lavoro, Società Il lavoro ha subito un processo di rimozione: al centro c’è l’impresa, i cui interessi vengono fatti coincidere con l’interesse generale. L’introduzione del libro ‘Gente di fabbrica. Metalmeccaniche e metalmeccanici nel nuovo millennio’ ‘Il lavoro non esiste’. Questo titolo provocatorio nasce da un episodio che mi è capitato in una nota libreria del centro di Torino, dove ho chiesto all’addetto del reparto di saggistica in quale scaffale si trovassero i titoli…

Leggi tutto Leggi tutto

Jakarta : justice for dock

Jakarta : justice for dock

One of the world’s largest companies engaged in the loading and unloading of ships is systematically undermining the wages and conditions at the waterfront in Jakarta.ICTSI is forcing workers into long, unsafe overtime — simply to earn a living wage. But union members have been denied overtime by the company, and many are now unable to meet their basic expenses, resulting in workers taking children out of school and being evicted from their homes. ICTSI is punishing these unionised workers…

Leggi tutto Leggi tutto

GERMANIA: TRA MINIJOB E AFD –

GERMANIA: TRA MINIJOB E AFD –

FONTE  R/PROJECT   CHE RINGRAZIAMO il modello a cui si ispira Macron     di Olivier Cyran* dal numero di settembre del mensile francese Le Monde Diplomatique. I tedeschi, chiamati alle urne il 24 settembre, non hanno mai avuto un numero così basso di persone in cerca di occupazione. E nemmeno così tanti precari. Lo smantellamento della previdenza sociale avvenuta a metà degli anni 2000 ha trasformato i disoccupati in lavoratori poveri. Queste riforme hanno ispirato la revisione del codice del…

Leggi tutto Leggi tutto

L’agente non va sul sicuro

L’agente non va sul sicuro

FONTE AREA7.CH di Raffaella Brignoni Giovane, formazione scolastica conclusa, gli amici, un lavoro. Una vita soddisfacente? No, la sua vita non è neppure normale perché Giacomo ha le pezze al culo. Lavora, sì lavora, ma niente pizza al sabato sera, le vacanze scordate da tempo e ora, al verde, si è pure indebitato. No, non fa un uso improprio dei suoi soldi: semplicemente guadagna poco, troppo poco. «Ho un impiego e prendo meno di chi è in assistenza: la situazione…

Leggi tutto Leggi tutto

Tribunale di Napoli : prima condanna per sfruttamento lavorativo nelle fabbriche tessili

Tribunale di Napoli : prima condanna per sfruttamento lavorativo nelle fabbriche tessili

FONTE ASGI CHE RINGRAZIAMO 28/08/2017 Notizia,Tratta e sfruttamento lavorativo Sfruttamento lavorativo Come si è giunti al primo traguardo nel processo per sfruttamento lavorativo dei cittadini bengalesi dell’area Nord di Napoli:  “Questo processo, e soprattutto il suo esito, rappresenta una grande vittoria su più fronti”.   A tre anni dalla prima querela presentata dagli avvocati Amarilda Lici e Alessandro Del Piano (entrambi avvocati ASGI) dinanzi la DDA della Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli, giunge finalmente ad un primo grande…

Leggi tutto Leggi tutto

“Se la narrazione tossica su improbabili riprese economiche serve rubarci il futuro”. Il domenicale di Controlacrisi a cura di Federico Giusti

“Se la narrazione tossica su improbabili riprese economiche serve rubarci il futuro”. Il domenicale di Controlacrisi a cura di Federico Giusti

Fonte : controlacrisi.org Qualche giorno fa, sulle pagine de Il Sole 24 ore (era il 23 Agosto) , abbiamo letto l’ articolo di Marco Leonardi, consigliere economico della presidenza del Consiglio, secondo cui se si riducono i costi di licenziamento solo per i nuovi contratti (come ha fatto il Jobs Act) i lavoratori che non sono ancora occupati ma stanno cercando un’occupazione potranno concordare un salario più alto a fronte della riduzione della protezione contro il licenziamento”. La realtà è…

Leggi tutto Leggi tutto

Yemen: la DNO deve pagare i lavoratori

Yemen: la DNO deve pagare i lavoratori

  In collaborazione con il sindacato globale dell’industria, IndustrialAll Global Unions, che rappresenta 50 milioni di lavoratori in 140 Paesi nel settore minerario, energetico e manifatturiero e il sindacato affiliato della Norvegia, Industri Energi, che rappresenta gli interessi collettivi di 60.000 iscritti del settore metallurgico, chimico, del legno, del petrolio e del gas , delle attività sia su terra e sia in mare, nonché delle industrie affini. L’azienda petrolifera norvegese, la DNO, non ha pagato 175 lavoratori nello Yemen per…

Leggi tutto Leggi tutto

LES SYNDICATS LITUANIENS ET TCHÈQUES LANCENT DES PROGRAMMES D’AFFILIATION ANONYMES

LES SYNDICATS LITUANIENS ET TCHÈQUES LANCENT DES PROGRAMMES D’AFFILIATION ANONYMES

FONTE ETUI.ORG 18 juillet 2017 Après la transition systémique en Europe centrale et orientale, rejoindre une organisation syndicale est devenue une entreprise risquée pour bon nombre de travailleurs. Les sociétés multinationales qui avaient investi dans la région après l’effondrement du socialisme ont hésité à accorder à leurs nouveaux salariés des droits importants en matière de participation et les entreprises locales étaient très majoritairement hostiles aux syndicats. Dans ces conditions, la peur de perdre son emploi ou d’être victime de mesures…

Leggi tutto Leggi tutto

I denti di #Farinetti e il sorriso di Marta Fana – di Alberto Prunetti

I denti di #Farinetti e il sorriso di Marta Fana – di Alberto Prunetti

UN ARTICOLO DI ALBERTO PRUNETTI FONTE WUMINGFOUNDATION di Alberto Prunetti Non guardo quasi mai la televisione e ci ho messo almeno un giorno per vedere il finto duello, con colpi telefonati, tra Porro e Farinetti, con l’irruzione – questa vera e tagliente – di Marta Fana, ricercatrice di economia a Scienze politiche a Parigi, che affonda accuse al padrone di Eataly. Accuse già comparse su libri, articoli e volantini sindacali, ma che nessuno aveva avuto il coraggio di scagliargli contro…

Leggi tutto Leggi tutto

Da Olivetti al capitalismo delle piattaforme

Da Olivetti al capitalismo delle piattaforme

FONTE ALFAPIU’2  CHE RINGRAZIAMO Pubblicato il 28 giugno 2017 · in alfapiù, libri · Add Comment Lelio Demichelis C’era una volta , in un tempo che oggi sembra lontano lontano, un capitalista (e un capitalismo) dal volto umano e soprattutto umanistico. E che, diversamente dai neoliberali di oggi, non voleva trasformare la società in mercato, la vita in concorrenza di tutti contro tutti e ciascuno in mero imprenditore di se stesso. Un capitalista che certo aveva come suo baricentro l’impresa, ma un’impresa che si poneva…

Leggi tutto Leggi tutto

E’ uscito il numero 90 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 90 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 90 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21 Lo potete scaricare qui: http://www.puntorosso.it/uploads/1/7/0/3/17033228/lav21-sett-n90-s.pdf In questo numero: Soffiano in Italia e in altri paesi dell’Europa venti e venticelli nuovi e importanti di Luigi Vinci Il salto del Grillo nella pancia del neofascismo europeo di Roberto Mapelli Articolo Uno-Mdp sbarra la strada a Renzi (e alla sua idea di fare le primarie con Pisapia) Enrico Rossi: “L’ex premier è un piazzista”. Salario minimo e minijob in Germania di Toralf Pusch,…

Leggi tutto Leggi tutto

Umberto Romagnoli: da Pomigliano ai Voucher

Umberto Romagnoli: da Pomigliano ai Voucher

FONTE INCHIESTAONLINE.IT Non è stato finora osservato che la lesione subita dalla Cgil coi suoi milioni di rappresentati (oltreché dalla democrazia tout court) è qualitativamente identica a quella subita nel 2010, a Pomigliano D’Arco, dalla Fiom con le sue migliaia di iscritti (oltreché dalla garanzia costituzionale della libertà sindacale). La differenza è solo di quantità: riguarda l’entità della sbrego che è stato prodotto. Allora, la Fiom venne estromessa dalla Fiat per non aver sottoscritto un contratto sostanzialmente imposto e l’espulsione…

Leggi tutto Leggi tutto

C’è puzza di “Renzusconi” di Loris Campetti

C’è puzza di “Renzusconi” di Loris Campetti

FONTE AREA7.CH L’aveva giurato: se perdo il referendum torno a casa. Ha perso ma a casa è tornato solo per qualche ora, poi è nuovamente uscito e ha ripreso a dettare leggi e agende politiche. Matteo Renzi aveva due obiettivi: vincere le primarie del Pd e liberarsi di tutti i suoi oppositori e subito dopo buttare a mare il governo portaborse con l’ormai classico “Gentiloni stai sereno”, tornare alle urne e riprendere il comando della nave accendendo le luci a…

Leggi tutto Leggi tutto

LE CONDIZIONI DEL LAVORO NELLE CATENE EUROPEE DI PRODUZIONE. IL CASO DELL’AUTOMOTIVE

LE CONDIZIONI DEL LAVORO NELLE CATENE EUROPEE DI PRODUZIONE. IL CASO DELL’AUTOMOTIVE

Tansform Europa, Punto Rosso, Fondazione C. Sabattini e Fiom Lombardia organizzano LE CONDIZIONI DEL LAVORO NELLE CATENE EUROPEE DI PRODUZIONE. IL CASO DELL’AUTOMOTIVE Milano Venerdì 9 giugno ore 9,30 – 14 CGIL Lombardia, via Palmanova 22 (MM2 Udine) Saluti: Aimilia Koukouma (Transform Europa), Alessandro Pagano (FIOM Lombardia), CGIL Lombardia Introduzione: Matteo Gaddi (Punto Rosso/Fondazione Claudio Sabattini) Intervengono: Michele De Palma (Responsabile Nazionale Automotive FIOM) Delegati di fabbriche automotive del territorio Romain Descottes (CGT Francia) Carlos Chicano Sanchez (CC.OO. Catalogna) Stratos…

Leggi tutto Leggi tutto

Istat: scompaiono la classe operaia e la piccola borghesia, aumentano le disuguaglianze

Istat: scompaiono la classe operaia e la piccola borghesia, aumentano le disuguaglianze

FONTE ATLANTIDE.ORG Il Rapporto Annuale Istat ricostruisce le classi sociali: disgregate le vecchie classi sociali, le differenze sono acuite da una distribuzione dei redditi che penalizza gli stranieri e le famiglie con figli. Pesa anche la scomparsa delle professioni intermedie, cresce soprattutto l’occupazione a bassa qualificazione. In stato di povertà assoluta 1,6 milioni di famiglie, il 28,7% a rischio di povertà o esclusione sociale. Il 70% degli under35 vive ancora con i genitori di ROSARIA AMATO – 17 maggio 2017…

Leggi tutto Leggi tutto

Sciopero a oltranza all’Unità. Il Cdr: la dignità e i diritti dei giornalisti non hanno prezzo. Fnsi e Stampa Romana: pieno sostegno all’azione legale contro l’editore per comportamento antisindacale

Sciopero a oltranza all’Unità. Il Cdr: la dignità e i diritti dei giornalisti non hanno prezzo. Fnsi e Stampa Romana: pieno sostegno all’azione legale contro l’editore per comportamento antisindacale

FONTE PRIMAONLINE.IT   I giornalisti de l’Unità, con il sostegno di Federazione nazionale della stampa italiana e Associazione Stampa Romana ricorreranno in tribunale contro l’editore per comportamento antisindacale e accompagneranno l’azione legale con lo sciopero ad oltranza a partire da domani, martedì 16 maggio. Lo ha annunciato il Comitato di redazione del quotidiano fondato da Antonio Gramsci, nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi nella sede della Fnsi. “Da domani i giornalisti dell’Unità saranno in sciopero ad…

Leggi tutto Leggi tutto

Vincenzo Comito : Note sulla situazione e sulle prospettive del lavoro nel mondo

Vincenzo Comito : Note sulla situazione e sulle prospettive del lavoro nel mondo

Ringrazio Vincenzo Comito per avere affidato a Onde Corte questo importante  saggio sul lavoro che propone una rappresentazione puntuale delle criticità e delle prospettive del lavoro nel mondo prossimo venturo. Per ora prevalgono  molte domande senza una risposta: è da questi interrogativi  che occorre ripartire. La ricostruzione di una sinistra riparte dalla sfida ad affrontare il  nodo inestricabile tra la svalorizzazione del lavoro,  l’incremento di un numero enorme di persone destinate ad essere “eccedenti” ,   e il bisogno sempre…

Leggi tutto Leggi tutto

Bruno Giorgini: Oui Macron. Comincia la lotta di classe

Bruno Giorgini: Oui Macron. Comincia la lotta di classe

FONTE INCHIESTAONLINE.INFO       VINCERE O MORIRE è il titolo di un bel libro dove Pablo Iglesias, leader di Podemos, ha raccolto una serie di saggi sulla legittimità e il potere, la presa del potere, col significativo sottotitolo “Lezioni politiche nel Trono di Spade” , che come tutti sanno è una saga televisiva di grande successo. Vincere o morire deve essersi anche detto Macron, l’enfant prodige della borghesia liberale finanziaria che con ascesa fulminante ha preso il potere in…

Leggi tutto Leggi tutto

E’ uscito il numero 84 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 84 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

Lo potete scaricare qui: http://www.puntorosso.it/uploads/1/7/0/3/17033228/lav21-sett-n84-s.pdf In questo numero: Il più grande sciopero nella storia del Brasile a cura di Teresa Isenburg Enrico Rossi sulle primarie: “Il Pd s’è perso la sinistra, a quel popolo che non ha più una casa dico: Vi aspettiamo” Intervista di Gabriella Cerami “La sinistra torni a fare la sinistra, sto con Articolo Uno” di Jonathan Rimicci, operaio Il giornale prima di tutto Il ricordo di Valentino Parlato. di Luciana Castellina Buona lettura e diffondete! ***…

Leggi tutto Leggi tutto

Populismo 2.0 e populismo oligarchico

Populismo 2.0 e populismo oligarchico

Fonte ALFABETA2.IT che ringraziamo Populismo 2.0 e populismo oligarchico Pubblicato il 29 aprile 2017 · in alfapiù, libri · 1 Commento Lelio Demichelis Forma politica ambigua e scivolosa, il populismo. Trionfa nei periodi di crisi economica e sociale, quando la democrazia implode su se stessa divenendo non-democrazia e tecnocrazia. Cancella le mediazioni e la società civile, ritenendole inutili e promuovendo una rappresentanza verticale e leaderistica. Non ha un’ideologia se non quella del né di destra né di sinistra (la peggiore). E allora,…

Leggi tutto Leggi tutto

Jobs Act, aumentano i licenziamenti, giù i contratti stabili

Jobs Act, aumentano i licenziamenti, giù i contratti stabili

Jobs Act, aumentano i licenziamenti, giù i contratti stabili 284 mila contratti a tempo determinato e 35 mila contratti di apprendistato «trainano» l’occupazione a gennaio-febbraio 2017. 10 milioni e 526 mila voucher venduti in un anno fino al 17 marzo, giorno in cui il governo Gentiloni ha abolito con un decreto i «buoni lavoro» Aumentano i licenziamenti disciplinari nelle aziende con più di 15 dipendenti. Con il taglio degli sgravi contributivi alle imprese per i neo-assunti crollano le assunzioni a…

Leggi tutto Leggi tutto

E’ uscito il numero 83 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 83 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

Lo potete scaricare qui: http://www.puntorosso.it/uploads/1/7/0/3/17033228/lav21-sett-n83-s.pdf In questo numero: Portella delle ginestre di Ignazio Buttitta “Il governo trovi le risorse perché Alitalia continui a volare”. Pressing di Articolo 1 su Gentiloni e Calenda “Una sinistra dall’identità forte è in grado di contenere le spinte a destra” Intervista a Massimo D’Alema Sciopero generale in Brasile a cura di Teresa Isenburg Turchia. La vostra Resistenza ispira la nostra lotta contro la dittatura Di Hişyar Özsoy Buona lettura e diffondete! *** E’ uscito il…

Leggi tutto Leggi tutto

Audi Forest : « Des semaines de 45 heures à la chaîne, c’est intenable »

Audi Forest : « Des semaines de 45 heures à la chaîne, c’est intenable »

FOREST 25 Avril 2017 Thema’s AUTOMOBILEAUDI fonte SOLIDAIRE.ORG   Claudia Chin Des semaines de 45 heures, 5 fois 9 heures de travail par jour dans une usine de production à la chaîne. C’est le projet de la direction d’Audi qui souhaite imposer temporairement ce régime aux 2 600 travailleurs de l’entreprise forestoise. Une mesure qui aurait aussi un impact sur les 4 000 travailleurs des sous-traitants. Pour pouvoir accueillir le nouveau modèle électrique SUV en 2018, l’usine doit réaménager ses infrastructures. Cette situation exceptionnelle…

Leggi tutto Leggi tutto

Turchia: 14 sindacalisti condannati alla prigione

Turchia: 14 sindacalisti condannati alla prigione

In collaborazione con la Federazione Internazionale dei Lavoratori del Trasporto, , federazione globale di 690 sindacati che rappresentano circa 4.5 milioni di lavoratori del settore del trasporto in 153 Paesi.   Quattordici dirigenti sindacali e membri del sindacato turco TÜMTİS di Ankara stanno affrontando la prigione per accuse di natura politica che risalgono al 2007. Chiediamo il loro rilascio incondizionato. I 14 uomini sono tra i 17 uomini travolti da una serie di retate nel 2007, in seguito ad una…

Leggi tutto Leggi tutto

Rana Plaza: Unions can save lives as well as livelihoods

Rana Plaza: Unions can save lives as well as livelihoods

21 Apr 2017, By Stephen Russell fonte strongerunions.org  As we approach the 4th anniversary of terrible tragedy at Rana Plaza in Bangladesh, it’s important to hold on to the sense of shock we all had when we heard that over a thousand workers, full aware that their building was unsafe, went to work as usual so they wouldn’t lose their jobs, and instead lost their lives. It’s important to remember because it’s this reality that drives the campaigning from unions…

Leggi tutto Leggi tutto

Disoccupati di tutto il mondo, unitevi

Disoccupati di tutto il mondo, unitevi

  FONTE ALFAPIU.  che ringraziamo Disoccupati di tutto il mondo, unitevi Pubblicato il 20 aprile 2017 · in alfapiù, libri · Autore della recensione G.B. Zorzoli È un atto di accusa, fondato sul compendio della storia della disoccupazione attraverso i secoli (e i millenni). Domenico De Masi scrive come parla. Affabulatore abile e informato, il virtuosismo della sua narrazione rende la lettura fluida, malgrado l’accavallarsi di dati, citazioni, stringate analisi del pensiero di autori monumentali, come Keynes, o dei socialisti…

Leggi tutto Leggi tutto

“Lo chiamano amore” Note sulla gratuità del lavoro

“Lo chiamano amore” Note sulla gratuità del lavoro

fonte SINISTRAINRETE di Anna Curcio Da AA.VV, Salari rubati. Economia, politica e conflitto ai tempi del salario gratuito, Ombre Corte, 2017 “Lo chiamano amore, noi lo chiamiamo lavoro non pagato”. Questo l’esergo che Silvia Federici sceglie per un testo fondativo della campagna internazionale Salario al lavoro domestico1. Erano gli anni Settanta e il femminismo marxista era impegnato in un duro confronto critico con Marx, per portare in primo piano la produzione di valore del lavoro riproduttivo. Si intendeva in particolare denunciare…

Leggi tutto Leggi tutto

Rajendra Pevekar is a victim of the deadly global asbestos industry.

Rajendra Pevekar is a victim of the deadly global asbestos industry.

His father worked in an asbestos company. As a result, both he and his mother now suffer from asbestos-related disease from secondary exposure. Rajendra will speak out on behalf of the 107,000 people who die annually from asbestos-related disease. In May, the meeting of the Rotterdam Convention will take place in Geneva and Rajendra will face representatives from countries who are blocking asbestos from being added to the list of hazardous chemicals. For the last ten years chrysotile asbestos has…

Leggi tutto Leggi tutto

E’ uscito il numero 80 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 80 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21

E’ uscito il numero 80 del Settimanale di Punto Rosso-Lavoro21 Lo potete scaricare qui: http://www.puntorosso.it/uploads/1/7/0/3/17033228/lav21-sett-n80-s.pdf In questo numero: Il Pd di Renzi ricorda Brecht: “Il popolo non è d’accordo, nominiamo un nuovo popolo” di Pietro Folena Dati sull’occupazione: continuano a prenderci per il culo di Enrico Rossi L’impatto della crisi sulla disuguaglianza salariale in Italia di Michele Raitano Sul Venezuela, guardando le cose dal basso di Gennaro Carotenuto Presidenziali Ecuador, ha vinto Lenín Moreno di Gianni Beretta Buona lettura e…

Leggi tutto Leggi tutto

Se avete un voucher acquistato possiamo utilizzarlo per il Ministro Madia e per l’on Ichino ?

Se avete un voucher acquistato possiamo utilizzarlo per il Ministro Madia e per l’on Ichino ?

Fonte CONTROLACRISI.ORG Innumerevoli restano i motivi per i quali i padroni continuano a piangere sulla eliminazione del voucher con i giornali e le riviste dei poteri economici dominanti a decantare ancora oggi le lodi del buono. Se al voucher subentrerà il contratto a chiamata è previsto un buon 50% di spese aggiuntive per le aziende Il Voucher, come il lavoro gratuito, sono le vere novità deli ultimi anni, l’economia della promessa ha favorito il diffondersi di forme alienanti di sfruttamento…

Leggi tutto Leggi tutto

Income inequalities and employment patterns in Europe before and after the Great Recession

Income inequalities and employment patterns in Europe before and after the Great Recession

Income inequalities and employment patterns in Europe before and after the Great Recession Download PDF (2MB) fonte Eurofou This report addresses growing concerns about income inequalities in academic and policy debates by offering a comprehensive study of income inequalities during the years of the Great Recession starting in 2008–2009 (income data relating to 2004–2013). It has the twofold objective of adopting an EU-wide perspective and providing an updated picture of inequalities across different sources of income and in most Member…

Leggi tutto Leggi tutto

Piigs: critica dell’economia suina

Piigs: critica dell’economia suina

Autore: Luca Cangianti Fonte  Carmillaonline Veder  scorrere una bibliografia di teoria economica nei titoli di coda non è qualcosa di comune, soprattutto se il documentario cui si è assistito aggancia l’attenzione dello spettatore su un tema ritenuto per soli addetti ai lavori: l’austerità europea e i suoi effetti nefasti sulla vita quotidiana di milioni di persone. Dopo cinque anni di studio sui testi, di riprese e di lavoro in post-produzione, Piigs – Ovvero come imparai a preoccuparmi e a combattere…

Leggi tutto Leggi tutto

Viva il populismo di sinistra

Viva il populismo di sinistra

Viva il populismo di sinistra di Franco Cavalli Fonte area7.ch Non ne posso ormai più di vedere quasi tutti i media trattare dispregiativamente di populista Sanders, Mélanchon, Podemos e simili equiparandoli a squallidi personaggi quali Trump, Le Pen o il fascistoide Orbán. Questa evidente confusione concettuale dimostra l’ignoranza abissale di questi commentatori: potremmo quindi lasciar perdere, senonché c’è il grosso pericolo che la si usi contro chiunque voglia rilanciare un vero progetto di sinistra. Il 15 dicembre ho visto che…

Leggi tutto Leggi tutto

Tumori da esposizione in ambiente di lavoro, Bruxelles complice dell’industria.

Tumori da esposizione in ambiente di lavoro, Bruxelles complice dell’industria.

  Per aggiornare la  direttiva sulla protezione dei lavoratori contro l’esposizione alle sostanze cancerogene che sono la causa ogni anno di 100.000 decessi, la Commissione ha deciso di fare riferimento ad esperti in maggioranza legati alle industrie multinazionali. Un’intervista del quotidiano francese le Monde a Laurent Vogel di ETUI e ad altri esperti mette in evidenza la disinvoltura con la quale la Commissione affida nei fatti la redazione degli aggiornamenti della Direttiva su cancerogeni ad esperti che sono espressione delle…

Leggi tutto Leggi tutto

Global Inequality, Populism And The Future Of Democracy

Global Inequality, Populism And The Future Of Democracy

fonte SOCIALEUROPE.EU by Werner Raza on 21 February 2017 The election of Donald Trump to the US Presidency as well as the seemingly inexorable ascendency of right-wing populism in Europe has raised troubling questions about the future of democracy. In his new book, Branko Milanovic (BM) discusses the relationship between global inequality and the future of capitalism and democracy, respectively (a related interview has been published here). Whereas BM thinks that inequality and capitalism can co-exist, he is sceptical with…

Leggi tutto Leggi tutto

Ungheria: sindacalisti del settore pubblico licenziati in un attacco senza precedenti

Ungheria: sindacalisti del settore pubblico licenziati in un attacco senza precedenti

In collaborazione con MASZSZ, la più grande confederazione sindacale in Ungheria che rappresenta i lavoratori del settore privato e pubblico ed è affiliata alla CES e alla CIS. Il 13 gennaio, durante il ciclo di negoziati salariali, sono stati licenziati 4 sindacalisti dall’amministratore delegato della Fővárosi Közterület-fenntartó Nonprofit – FKFZrt (Società di capitale per la manutenzione del settore pubblico). I rappresentanti sindacali hanno chiesto un aumento di salario equo ed hanno manifestato la loro disponibilità a ricorrere allo sciopero a…

Leggi tutto Leggi tutto

Fare i picchetti? Ecco cosa si rischia

Fare i picchetti? Ecco cosa si rischia

FONTE ILMANIFESTOBOLOGNA.IT di Francesca Garisto [*] Negli ultimi 30 anni i termini entro cui si è svolto il conflitto sociale nel secolo scorso sono stati completamente ridefiniti. Da un lato, con la creazione della nuova classe dei lavoratori precari, privata dei temi di lotta tradizionalmente attribuibili alla classe lavoratrice della seconda metà del ‘900, come quelli del diritto al lavoro e della conflittualità di classe; dall’altra, con la progressiva erosione dei diritti dei lavoratori subordinati, che ancora a quei temi…

Leggi tutto Leggi tutto

Chi ha paura dei referendum sul Jobs Act

Chi ha paura dei referendum sul Jobs Act

  di Luigi Mariucci [*] Circolano vari tentativi di ridimensionare la portata e il significato dei referendum sul Jobs Act promossi dalla Cgil. In alcuni casi si ipotizzano modifiche della disciplina tali da consentire il superamento del quesito referendario. Così in materia di voucher. In questo caso non sarebbe da escludere la congruenza di una modifica legislativa che riportasse l’uso dei voucher alla fisionomia originaria, intesi come forma di compenso per prestazioni davvero occasionali e limitate a specifiche categorie (pensionati,…

Leggi tutto Leggi tutto

Contro la disuguaglianza, ripensando il futuro. Luciano Gallino: la responsabilità e la speranza

Contro la disuguaglianza, ripensando il futuro. Luciano Gallino: la responsabilità e la speranza

di Lelio Demichelis* Un onore, come si dice. Parlare di Luciano Gallino, a quasi un anno dalla sua scomparsa (8 novembre 2015). (…). Voglio iniziare mettendo in luce alcuni fattori che ritengo fondamentali per definire la figura e il pensiero di Luciano Gallino. (…) Il primo elemento è la sua volontà, il suo impegno – soprattutto negli ultimi vent’anni della sua vita, quelli che mi sono più vicini – di fare pensiero critico: quel tipo di pensiero che oggi è…

Leggi tutto Leggi tutto

Fermare gli attacchi al sindacato nell’Università di San Paolo

Fermare gli attacchi al sindacato nell’Università di San Paolo

In Brasile, in sintonia con l’ondata di attacchi ai diritti sindacali, Marco Antônio Zago, il presidente della più grande università del Brasile, l’Università di San Paolo )USP), persegue ostinatamente il suo progetto dichiarato di ”eliminare il sindacalismo nel campus”. In aprile I lavoratori e i loro sostenitori hanno respinto il tentativo di allontanare il sindacato dai suoi uffici. Ora, durante il periodo di vacanze di dicembre, la presidenza ha ottenuto l’ordine giudiziario di espellere il sindacato dai suoi uffici per…

Leggi tutto Leggi tutto

Les travailleurs turcs manifestent contre les purges de l’après coup d’État

Les travailleurs turcs manifestent contre les purges de l’après coup d’État

fonte EQUALTIME.ORG par Jennifer Hattam Selma Atabey travaillait comme infirmière depuis 22 ans dans la province de Diyarbakır, dans le sud-est de la Turquie, quand elle a été sommairement renvoyée de son emploi par décret gouvernemental à la fin du mois d’octobre. « J’ai dû vendre ma maison et ma voiture, j’ai perdu mon SGK [sécurité sociale], », déclare-t-elle. « Mon fils prépare son examen d’entrée à l’école secondaire et j’ai peur qu’il n’obtienne pas de bons résultats à cause du stress auquel…

Leggi tutto Leggi tutto

LA TRAGEDIA MECNAVI SI RIPETE NEL PORTO DI MESSINA: TRE LAVORATORI MORTI IN UNA CISTERNA DEL TRAGHETTO SANSOVINO

LA TRAGEDIA MECNAVI SI RIPETE NEL PORTO DI MESSINA: TRE LAVORATORI MORTI IN UNA CISTERNA DEL TRAGHETTO SANSOVINO

LA NOTIZIA Gravissimo incidente sul lavoro su una nave della Caronte & Tourist, ex Siremar, nel porto di Messina. Tre marinai sono morti e un altro è rimasto gravemente intossicato durante i lavori di manutenzione di una cisterna del traghetto Sansovino, mentre era attraccato al molo San Raineri. Uno dei marinai è morto sulla banchina, gli altri due all’ospedale Papardo e al Policlinico. Il quarto marittimo è stato ricoverato in condizioni disperate. Le tre vittime sono Gaetano D’Ambra, secondo ufficiale…

Leggi tutto Leggi tutto

Robot e macchine intelligenti al posto di lavoratori e operai

Robot e macchine intelligenti al posto di lavoratori e operai

di Francesco Bonsaver fonte Area7.ch Il futuro è vicino, si trova a Lodrino. Una ditta piemontese poco tempo fa ha ottenuto una licenza di costruzione per uno stabilimento dove si produrrà rubinetteria. Nei 10.000 metri cubi del capannone lavoreranno sei persone: tre amministrativi e tre operai che controlleranno le 16 linee robotizzate. Ma la vera novità è che le nuove tecnologie rimpiazzano non solo il lavoro manuale, ma anche quello intellettuale. Che ne sarà delle persone, del lavoro, dello Stato…

Leggi tutto Leggi tutto

Claudio Sabattini alla Fiat nel 1977. Una intervista a Luciano Pregnolato

Claudio Sabattini alla Fiat nel 1977. Una intervista a Luciano Pregnolato

Redazione | 24 novembre 2016 | Comments (0) FONTE INCHIESTAONLINE.INFO Testimonianze del Settantasette operaio di Torino (nella foto manifestazione alla Fiat nel 1977) Intervista a Luciano Pregnolato, 5° Lega Flm, a cura di Simone Vecchi Torino 24 aprile 2007   D. Claudio Sabattini arriva a Torino all’inizio del 1977. Dopo la stagione 1969-‘73, e prima dell’arrivo di Sabattini, che contesto abbiamo, e al suo interno come si muove il sindacato a Torino, alla Fiat? Siamo in una fase in cui alla…

Leggi tutto Leggi tutto

Tiziano Rinaldini: Costituzione, democrazia, sindacato

Tiziano Rinaldini: Costituzione, democrazia, sindacato

fonte : inchiestaonline.it Diffondiamo dal numero da poco uscito a stampa di “Alternative per il socialismo” Nello scontro aperto sul voto referendario è forte il rischio di ricondurlo e ridurlo ad una dimensione di interesse politico contingente con  un consenso ricercato a prescindere dal significato più profondo dell’operazione istituzionale  che si cerca di attuare e del suo rapporto con le vicende sociali in corso. Si può perdere così l’occasione di valutare questo passaggio dal punto di vista e nel quadro…

Leggi tutto Leggi tutto

Il medico attivista Giorgos Vichas: “Farmaci e latte in polvere, in Grecia c’è bisogno di tutto”

Il medico attivista Giorgos Vichas: “Farmaci e latte in polvere, in Grecia c’è bisogno di tutto”

di Thomas Giourgas, traduzione di Haris Lamprou A parlare è Giorgos Vichas, medico, attivista e cofondatore dell’Ambulatorio sociale metropolitano di Ellinikò (Mkie), ad Atene. Come è la situazione all’Ellinikò e come possiamo sostenere concretamente questo importantissimo lavoro di solidarietà? La situazione è la stessa come quella degli ultimi anni. Persino dopo la legge che hanno votato per le persone prive di assicurazione sanitaria che continuano a venire al ambulatorio perché non hanno altra scelta. Sto parlando sia degli assicurati che…

Leggi tutto Leggi tutto

Brasil vive ‘processo de violência contra a democracia’, diz Lula

Brasil vive ‘processo de violência contra a democracia’, diz Lula

fonte Redebrasilatual.com-br  che ringraziamo Ex-presidente é entrevistado pelo cineasta Oliver Stone e relata as “combinações perfeitas” que levaram ao golpe contra Dilma Rousseff e a criminalização do PT por Fernando Morais publicado 12/11/2016 14:55 NocauteTV / reprodução Lula, entrevistado por Oliver Stone e Nocaute: ‘terão que ir pra rua disputar comigo’ Nocaute – Em visita ao Brasil para o lançamento de seu filme “Snowden”, o cineasta norte-americano Oliver Stone, ganhador de três Oscar, visitou o ex-presidente Lula, com quem almoçou…

Leggi tutto Leggi tutto

Democratiche e democratici di Modena: perché diciamo no alla riforma costituzionale

Democratiche e democratici di Modena: perché diciamo no alla riforma costituzionale

Siamo democratiche e democratici, iscritti ed elettori del Pd, collocati nel vasto campo delle diverse culture politiche della sinistra, del centrosinistra e della cittadinanza attiva da cui lo stesso Pd è nato, decisi a prendere le distanze dalla Riforma Costituzionale oggetto del Referendum del 4 dicembre prossimo. Non ci convince una riforma che si poteva e doveva fare meglio. Si poteva semplificare senza ridurre la rappresentanza e rendere più efficiente il potere esecutivo senza depauperare le autonomie regionali e locali. Lo…

Leggi tutto Leggi tutto

Michael Moore: Cinque cose da fare dopo la vittoria di Trump

Michael Moore: Cinque cose da fare dopo la vittoria di Trump

  di Michael Moore, da facebook.com 1. Restituire il Partito Democratico al popolo. Ha fallito miseramente. 2. Licenziare chi ha fatto previsioni sbagliate: esperti, profeti, sondaggisti, chiunque del mondo della comunicazione si sia rifiutato di ascoltare o riconoscere cosa stava realmente accadendo. Quegli stessi parolai ora ci diranno che dobbiamo “superare le divisioni” e “unirci”. Diranno ulteriori balle nei giorni a venire. Spegneteli. 3. Ogni membro democratico del Congresso che oggi non si sia svegliato con la voglia di combattere,…

Leggi tutto Leggi tutto