Browsed by
Categoria: Migrazioni

Curdi in Italia in solidarietà con Mimmo Lucano

Curdi in Italia in solidarietà con Mimmo Lucano

FONTE ANFDEUTCH La comunità curda in Italia mostra solidarietà a Mimmo Lucano. L’ex sindaco di Riace è stato condannato a oltre 13 anni di carcere per aver fornito case abbandonate ai migranti. La comunità curda in Italia esprime vicinanza e solidarietà all’ex sindaco di Riace. Mimmo Lucano è un simbolo della cultura dell’accoglienza, della solidarietà e dell’integrazione sociale, secondo una dichiarazione pubblicata sabato dal centro di informazione curdo sulla condanna del politico. Lucano, vincitore del Premio per la pace di Dresda del 2017, è stato condannato…

Leggi tutto Leggi tutto

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Fonte ADIR L’altro Diritto La sentenza di primo grado che condanna Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, a 13 anni e 2 mesi interroga il nostro senso di giustizia. Da giuristi e giuriste, e studiosi e studiose del diritto e delle istituzioni, attendiamo, prima di ogni valutazione nel merito, di leggere le motivazioni della sentenza e con fiducia pensiamo ai successivi gradi di giudizio come a momenti in cui maggiore chiarezza potrà essere fatta. Sin da subito, però, non possiamo…

Leggi tutto Leggi tutto

La questione curda e la chiusura del cerchio nella guerra ai profughi

La questione curda e la chiusura del cerchio nella guerra ai profughi

FONTE PRESSENZA.COM Autore . 25.10.2019 – Yasha Maccanico Siamo in una fase in cui la distruttività delle attuali politiche contro l’immigrazione è all’ordine del giorno. Gli abusi e le morti di persone non europee provocate colpevolmente dall’Unione Europea e dai suoi stati sono note da vari decenni, ma non sembra che importi a nessuno a livello politico e di elaborazione delle politiche nazionali ed europee in questo campo. Sono dei danni calcolati e considerati utili per perfezionare le politiche contro…

Leggi tutto Leggi tutto

Caso Open Arms, l’avvocato Salerni parla dell’esposto alla Procura di Agrigento. Chieste verifiche sui reati di sequestro di persona e violenza privata

Caso Open Arms, l’avvocato Salerni parla dell’esposto alla Procura di Agrigento. Chieste verifiche sui reati di sequestro di persona e violenza privata

FONTE ARTICOLO21.ORG   L’uomo che ha vinto la battaglia legale al Tar contro il divieto di sbarco si appresta ad un altro affondo sul  decreto sicurezza monstre e contro lo slogan (vuoto) dei “porti chiusi”.

Attenti al decreto sicurezza bis Salvini e Di Maio uniti nella lotta vogliono demolire lo stato di diritto

Attenti al decreto sicurezza bis Salvini e Di Maio uniti nella lotta vogliono demolire lo stato di diritto

Articolo di Nadia Urbinati Pubblicato su Strisciarossa.it   L’Enciclopedia Treccani ci dà questa definizione di “stato di diritto”: “Forma di Stato di matrice liberale, in cui viene perseguito il fine di controllare e limitare il potere statuale attraverso la posizione di norme giuridiche generali e astratte. L’esercizio arbitrario del potere viene contrastato con una progressiva regolazione dell’organizzazione e del funzionamento dei pubblici poteri, che ha come scopo sia la «diffusione» sia la «differenziazione» del potere, rispettivamente, attraverso istituti normativi (unicità e individualità…

Leggi tutto Leggi tutto

RepIdee 2019, intervista a Mimmo Lucano

RepIdee 2019, intervista a Mimmo Lucano

In piazza Maggiore a Bologna, nell’ambito di Repubblica delle Idee 2019, Mimmo Lucano racconta a Francesco Merlo e Alessia Candito il calvario cui è stato sottoposto per la sua amministrazione a Riace, da molti considerata un modello di integrazione.

ABUSI IN LIBIA: LA COMPLICITA’ DEI SOVRANISTI

ABUSI IN LIBIA: LA COMPLICITA’ DEI SOVRANISTI

  FONTE R/PROJECT.IT di Fulvio Vassallo Paleologo Non bastano i report e le testimonianze sugli abusi subiti dai migranti intercettai in acque internazionali dalla Guardia costiera libica e riportati nei lager dai quali erano fuggiti. Sempre più tragica, in particolare, la situazione dei somali e degli eritrei internati nei centri di detenzione contollati dalle milizie, senza alcuna distinzione possibile tra centri governativi e centri “informali”. Ovunque spadroneggiano i mercanti di esseri umani, che nessuna indagine penale sembra fermare. Non interessano i documenti di Amnesty…

Leggi tutto Leggi tutto

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

FONTE ARTICOLO21 23 Gennaio 2019 di: ANTONELLA NAPOLI   Nonostante il freddo intenso dell’inverno, il rischio per le condizioni del mare e I continui naufragi dall’inizio dell’anno 4.507 persone hanno già attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Di chi non è sopravvissuto si sa poco o nulla, tranne che, come nel caso del gommone con a bordo 200 persone, sprofondato al largo della Libia, non ci sia la testimonianza di chi è scampato alla morte. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i…

Leggi tutto Leggi tutto

Sui soccorsi in mare serve un cambio di strategia

Sui soccorsi in mare serve un cambio di strategia

FONTE ASGI  ASGI :  Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione  L’obbligo degli Stati di garantire lo sbarco in un luogo sicuro delle persone soccorse in mare nel più breve tempo possibile non può in alcun caso essere condizionato dalla disponibilità di altri Stati ad accogliere successivamente le persone sbarcate. Servono azioni giudiziarie per tutelare i diritti delle persone soccorse e per porre un freno alle sconsiderate politiche europee e dei singoli Governi .   Comunicato stampa dell’ASGI ASGI: Sui soccorsi in mare siamo tutti…

Leggi tutto Leggi tutto

Stuprate, abusate e molestate: storie di donne migranti in Marocco

Stuprate, abusate e molestate: storie di donne migranti in Marocco

  fonte Meltingpot Faras Ghani, Al Jazeera – 3 dicembre 2018 Una ricerca dimostra che un terzo delle donne migranti ha subito abusi durante il viaggio. Le sofferenze non finiscono quando le donne raggiungono il Marocco. Traduzione a cura di: Francesca Castelli   Rabat, Marocco. Seduta fuori dall’ufficio di una ONG nella capitale marocchina Rabat, c’è la 18enne Juliet (non il suo vero nome), che guarda le macchine correre via. Juliet ha negli occhi la disperazione e nessuna speranza. Ha…

Leggi tutto Leggi tutto

Dossier Libia. Abusi e violazioni sull’altra sponda del Mediterraneo

Dossier Libia. Abusi e violazioni sull’altra sponda del Mediterraneo

FONTE MELTINGPOT  Mail: dossierlibia@lasciatecientrare.it  Site: dossierlibia.lasciatecientrare.it  Canale YouTube: Dossier Libia  FB: Dossier Libia  TW: MaipiùCIE Le politiche europee e quelle degli ultimi Ministri dell’Interno italiani da anni sono impegnate a costruire le nuove frontiere dell’Europa, nel tentativo di “sigillarne” i confini. Frontiere volte a fermare il flusso dei rifugiati e migranti economici, motivando queste azioni come necessarie al contrasto dell’immigrazione irregolare. La Libia è diventata una “zona cuscinetto” dove i tavoli politici contrattano accordi economici e diritti umani, summit con capi di stato e…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Presidente della Camera contro la chiusura dei porti, ma per qualcuno è dei servizi segreti stranieri

Il Presidente della Camera contro la chiusura dei porti, ma per qualcuno è dei servizi segreti stranieri

“Le Ong fanno un lavoro straordinario” Lo ha dichiarato ieri Roberto Fico, dopo aver visitato l’hotspot di Pozzallo in Sicilia, il punto di raccolta e coordinamento per il salvataggio dei migranti.  Sempre lo stesso Roberto Fico , “Quando si parla di ONG bisogna capire cosa si vuole intendere. Fanno un lavoro straordinario”, ha aggiunto il Presidente della Camera, sottolineando che “l’inchiesta di Palermo sule ONG è stata archiviata, e che l’inchiesta di Catania da un anno non cava un ragno…

Leggi tutto Leggi tutto

Droni militari, l’Italia spende 20 milioni per armarli

Droni militari, l’Italia spende 20 milioni per armarli

FONTE MILEX di LORENZO BAGNOLI Lo ha scoperto l’Osservatorio Mil€x da documenti del ministero della Difesa. Una svolta epocale nella storia militare italiana: per i droni militari sarà possibile attaccare, non solo fare missioni di ricognizione. A questo si aggiunge il costo per rinnovare il parco droni con nuovi esemplari. Un investimento da 700 milioni di euro L’Italia sta spendendo quasi 20 milioni di euro per armare i propri droni. Dal 2015, il Pentagono ha autorizzato il ministro della Difesa…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta”

Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta”

FONTE ARTICOLO21.0RG   Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta” Gli eurodeputati Eleonora Forenza di Rifondazione Comunista, Miguel Urban di Podemos, Javier Lopez del Psoe e Ana Miranda del Bloque Nacionalista Gallego si trovano a bordo delle navi Astral e Open Arms della ong spagnola Proactiva. Abbiamo rivolto alcune domande a Eleonora Forenza. Che cosa ti proponi con questo viaggio? Il viaggio mio e degli altri tre europarlamentari intende testimoniare il lavoro che fanno le ONG come…

Leggi tutto Leggi tutto

Libia – Il ritornello del torturatore: o paghi o muori

Libia – Il ritornello del torturatore: o paghi o muori

  Nell’Italia tentata dalla degradazione razzista – come una mandria di uomini-bambini eternamente traumatizzati dalla fobia dell’Uomo nero – è ancora possibile dire qualcosa di sensato sull’immigrazione? La risposta è ovviamente sì. Ci provano, meritoriamente, accademici, giuristi e perfino politici in una recente serie di testi lucidi e ragionati, che sostituiscono al nonsense mediatico analisi, indagini e argomenti a cavallo tra diritto, economia, politica e demografia. Ci provano anche, e in una lingua comprensibile a tutti, alcuni giudici professionali e…

Leggi tutto Leggi tutto

La Banda degli Onesti

La Banda degli Onesti

FONTE CARMILLAONLINE Pubblicato il 24 giugno 2018 · in Schegge taglienti · di Alessandra Daniele che ringraziamo Ogni mattina Salvini si sveglia, e sa di dover twittare una stronzata più grossa di quella del giorno prima, ridicolizzando Di Maio. Ogni mattina Di Maio non si sveglia. Per più d’un decennio, il Movimento 5 Stelle s’è spacciato come argine al fascismo. Alla prima occasione, gli ha consegnato il governo. “O noi, o i fascisti” è diventato “Noi fascisti”. Per più d’un…

Leggi tutto Leggi tutto

Emergenza migranti. Quella falsa e quella vera

Emergenza migranti. Quella falsa e quella vera

  FONTE : SALUTEINTERNAZIONALE.INFO CHE RINGRAZIAMO Inserito da Redazione SI on 25 giugno 2018 – 10:20 Autore : Gavino Maciocco La vera emergenza sta nel fatto che ai migranti “forzati” è impedito di esercitare il loro sacrosanto diritto a muoversi attraverso canali legali e sicuri, e a causa di ciò dover subire ogni genere di vessazione, fino alla morte, nel tentativo di fuggire da condizioni insostenibili. La vera emergenza è che milioni di persone debbano abbandonare le loro case, e…

Leggi tutto Leggi tutto

La violenza dell’ignoranza: il migrante tra mitologia e propaganda

La violenza dell’ignoranza: il migrante tra mitologia e propaganda

Fonte MeltingPot che ringraziamo ASSEGNA IL TUO 5‰ AL PROGETTO MELTING POT! Autore: Monica Scafati Forse dovremmo chiederci cosa sta accadendo, all’Italia e non solo. La così detta crisi migratoria credo sia “solo” lo spaccato in cui più chiaramente, con più vigore e maggior trasparenza, si manifesta una dinamica di gran lunga più complessa. Una dinamica estesa di tipo sociale, culturale e antropologico, che finirà per produrre uno spartiacque forse epocale, per effetto di conseguenze di un’importanza e un impatto tale…

Leggi tutto Leggi tutto

ASGI : Gravi responsabilità dell’Italia nella vicenda Aquarius

ASGI : Gravi responsabilità dell’Italia nella vicenda Aquarius

 FONTE ASGI 12/06/2018 Asilo / Protezione internazionale, Crisi umanitaria, Spagna Il comportamento del governo italiano nella vicenda Aquarius è gravissimo e l’intervento della Spagna non solleva l’Italia dalle sue responsabilità.  ASGI lancia l’allarme sul possibile imminente ripetersi di episodi analoghi. English version Mentre scriviamo ancora non è definitivamente conclusa la vicenda della nave Aquarius, che ci auguriamo possa trovare felice esito anche grazie all’intervento delle autorità spagnole e, comunque, oltre la gestione che ha avuto da parte del Governo italiano….

Leggi tutto Leggi tutto

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

Fonte Ilmanifestobologna di Marco Revelli Colle del Monginevro, 1.900 metri di quota, a metà strada tra Briançon e Bardonecchia. È su questa linea di frontiera che oggi batte il cuore nero d’Europa. È qui che la Francia di Emmanuel Macron ha perso il suo onore, e l’Europa di Junker e di Merkel la sua anima (quel poco che ne rimaneva). In un paio di mesi, in un crescendo di arroganza e disumanità, i gendarmi francesi che sigillano il confine hanno…

Leggi tutto Leggi tutto

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

 Fonte ASGI 01/04/2018 Il parere giuridico dell’ASGI sulla vicenda di Bardonecchia: ecco le norme vigenti. In seguito alla richiesta di spiegazioni da parte del Governo italiano, le autorità francesi hanno affermato che i controlli effettuati dagli agenti della Dogana francese nei locali della stazione di Bardonecchia in cui operano i medici di Rainbow4Africa e i mediatori culturali del Comune si sarebbero svolti nel rispetto della normativa vigente. Le norme europee e gli accordi tra Italia e Francia, intervenuti nel corso…

Leggi tutto Leggi tutto

Cosa abbiamo da perdere?

Cosa abbiamo da perdere?

Fonte LavoroeSalute Pubblicato da franco.cilenti   Hanno salvato 218 vite esposte a due alternative: la morte in mare su gommoni alla deriva o finire catturati dalla sedicente Guardia costiera libica, finanziata dall’UE, per essere riportati nelle mani di aguzzini usi a chiedere un riscatto, a torturare, a stuprare a rinchiudere in centri di detenzione. In un mondo normale sarebbero stati chiamati “eroi”, oggi invece come ormai noto perché anche la stampa mainstream ha sussultato, sono accusati di “associazione a delinquere”…

Leggi tutto Leggi tutto

“La scelta è nostra”. L’Europa, le sue radici e i suoi confini: dalle persecuzioni nazi-fasciste alle stragi in mare

“La scelta è nostra”. L’Europa, le sue radici e i suoi confini: dalle persecuzioni nazi-fasciste alle stragi in mare

FONTE MELTINGPOT.ORG di Ilaria Papa, MigrAzioni – 21 marzo 2018 Racconta Liliana Segre, nel suo libro “Sopravvissuta ad Auschwitz” (2005), un fatto che cambiò il corso della sua vita: quando, bambina, il 7 dicembre del 1943, tenendo per mano suo padre, passò il confine italo-svizzero attraverso un buco della rete di recinzione. La gioia di trovarsi sul suolo svizzero – una terra neutrale che avrebbe potuto offrire salvezza a quel piccolo gruppo che, come altri gruppi di ebrei, antifascisti, renitenti…

Leggi tutto Leggi tutto

Milagro Sala protesta per l’aumento delle tariffe sanitarie in Argentina

Milagro Sala protesta per l’aumento delle tariffe sanitarie in Argentina

04.03.2018 – Mariano Quiroga Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo   Dalla detenzione arbitraria che dura già da 775 giorni, tradottasi ora in arresti domiciliari, Milagro Sala ha effettuato un’intervista a radio La Patriada, in cui ha criticato la decisione del governatore Gerardo Morales di aumentare le tariffe delle cure mediche per gli stranieri a Jujuy, provincia che governa al confine con la Bolivia. Il governo nazionale è giunto a sostenere la proposta del viceré dell’altopiano, mentre la dirigente sociale…

Leggi tutto Leggi tutto

D’inverno il mare è gelido

D’inverno il mare è gelido

 Autore:  Mario Cataldi Fonte : Articolo21.org Ancora corpi che annaspano, che affondano, che cadono da gommoni di cartone che si sfaldano e si sgonfiano. Si ricominciano a contare i corpi cominciando da quelli vivi, dalle mani che sbracciano sull’acqua gelida del mare d’inverno. I morti si contano solo se galleggiano ancora. Il primo naufragio dell’anno. La conta ricomincia come se nulla fosse, quello che è stato fa parte di una dimensione temporale che non c’è più, si spinge il tasto…

Leggi tutto Leggi tutto

Dicembre a Ventimiglia. Ovvero, il gelo – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

Dicembre a Ventimiglia. Ovvero, il gelo – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

fonte Effimera Riprendiamo da Parole sul Confine questo report del 3 dicembre scorso. Partiamo all’ora di pranzo. Non c’è molto tempo questa volta, ma abbiamo appena ricevuto una donazione di farmaci. Soprattutto vogliamo andare a verificare se, con l’arrivo delle temperature invernali, ci sono persone abbandonate all’addiaccio e quante sono. Purtroppo, la realtà supera ampiamente le nostre previsioni. Giunti in prossimità della ferrovia in via Tenda, osserviamo dall’alto un gran numero di persone in piccoli gruppi, alcuni vicini ad un…

Leggi tutto Leggi tutto

“Per cambiare l’ordine delle cose”: la società civile si mobilita su diritti e immigrazione

“Per cambiare l’ordine delle cose”: la società civile si mobilita su diritti e immigrazione

  FONTE  PRESSENZA.COM Quelle oltre 500 persone arrivate il 3 dicembre a Roma da 130 città italiane per discutere su come cambiare l’ordine delle cose (della narrazione, ma soprattutto delle politiche in tema d’immigrazione), probabilmente non le vedrete spesso in televisione. Sicuramente meno spesso di quanto non si vedano quattro persone che fanno un blocco stradale. Doveva essere un evento celebrativo e conclusivo dell’insperato successo di un film – “L’ordine delle cose”, appunto, di Andrea Segre – ancora in sala…

Leggi tutto Leggi tutto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

fonte effimera Riprendiamo da Parole sul confine questo report sulla giornata dello scorso 11 novembre a Ventimiglia.   Partiamo al mattino da Genova per Ventimiglia, portiamo con noi una confezione da 1 kg di anti-scabbia galenico fornitoci gratuitamente da una farmacia di Genova. Dopo un breve ma caldo incontro con Delia nel suo locale, ci rechiamo in bici presso l’info-point Eufemia, in via Tenda. Vogliamo incontrare i volontari presenti per parlare dei criteri di somministrazione del farmaco. La procedura prevede,…

Leggi tutto Leggi tutto

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

FONTE  14.11.2017 – ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (Foto di Medici senza Frontiere) Il 14 novembre 2017, per il tramite delle avvocate Giulia Crescini e Cristina Laura Cecchini, l’ASGI ha impugnato davanti al Tribunale Amministrativo del Lazio  il Decreto 4110/47 con il quale il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale ha accordato al Ministero dell’Interno un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro per la rimessa in efficienza di 4 motovedette, la fornitura di mezzi di ricambio e la…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, il Viminale a nervi scoperti: «Ong e Caritas dicono stupidaggini»

Migranti, il Viminale a nervi scoperti: «Ong e Caritas dicono stupidaggini»

fonte ildubbio Il capo di gabinetto del ministero Mario Morcone nega ogni responsabilità italiana nei respingimenti, poi attacca Amnesty e il Consiglio d’Europa «Io non seguo le stupidaggini che dice Amnesty international né il responsabile dei diritti umani europeo, ancora devono trovare i manganelli elettrici che avremmo utilizzato negli hotspot e ancora mi devono dare la prova dei respingimenti di migranti in Libia da parte dell’Italia. Stiamo discutendo di un paese che sta cercando di ritrovare una sua stabilità, di…

Leggi tutto Leggi tutto

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

FONTE ASGI Quanto accaduto il 6 Novembre nel Mediterraneo centrale conferma l’idea già sostenuta dall’Asgi in tante altre occasioni: la guardia costiera libica e le autorità libiche non sono interlocutori affidabili, né tanto meno hanno la possibilità o la volontà di effettuare operazioni di ricerca e salvataggio con le attrezzature fornite dall’Italia. Essi costituiscono, invece, lo strumento cui Italia e Ue hanno appaltato le politiche di respingimento dei migranti che cercano di raggiungere l’Europa. E’ importante sottolineare che l’episodio si…

Leggi tutto Leggi tutto

La fuite du personnel soignant des Balkans

La fuite du personnel soignant des Balkans

Un articolo importante che illustra l’emorragia di professionisti con formazione alta e costosa verso i paesi più ricchi dell’Europa. Questa migrazione di professionisti sanitari dai Balcani  verso paesi come Germania , Francia, Paesi del Golfo comporta un impoverimento disastroso delle strutture di cura dei paesi balcanici…   FONTE EQUALTIMES.ORG Nikica Martić et sa famille sont impatients de commencer une nouvelle vie en Allemagne. Ce médecin de 33 ans attendait le « bon moment » pour quitter la Croatie à la recherche d’un…

Leggi tutto Leggi tutto

Crollo Spd, Merkel si salva  La destra vince  sul terreno della sinistra

Crollo Spd, Merkel si salva  La destra vince  sul terreno della sinistra

FONTE STRISCIAROSSA.IT  CHE RINGRAZIAMO |DI PAOLO SOLDINI La CDU di Angela Merkel crolla di 8 punti, la SPD precipita nel disastro, col peggior risultato da quando esiste la Repubblica federale, e l’estrema destra di Alternative für Deutschland diventa il terzo partito della Germania e porta nel Bundestag il vento dell’intolleranza e del risentimento, con un risultato che cambia radicalmente lo scenario politico del paese più importante d’Europa. Dalle urne tedesche esce un panorama pieno di incognite e con due sole certezze….

Leggi tutto Leggi tutto

Lo sporco baratto italo-libico e il neo-genocidio liberista dell’UE – di Salvatore Palidda

Lo sporco baratto italo-libico e il neo-genocidio liberista dell’UE – di Salvatore Palidda

FONTE EFFIMERA CHE RINGRAZIAMO Dopo la scelta europea del 2015, la tragedia dei migranti in Grecia, poi i 6 miliardi offerti al neo-sultano fascista e affarista Erdogan per trattenerli a prescindere dalla schiavizzazione assicurata anche dei bambini tramite i circa 100 mila neo-padroni siriano-turchi, era apparso chiaro che si andava verso il massacro. Come si evince ora dalla “brillante” operazione realizzata dal fulgido ministro Minniti “tutto si tiene”: il demagogico stop degli arrivi in Italia passa per il “reclutamento” di una nota banda criminale…

Leggi tutto Leggi tutto

RAPPORTO IOM SUI MIGRANTI MORTI “VIAGGI FATALI” SULLE ROTTE DELLA SPERANZA

RAPPORTO IOM SUI MIGRANTI MORTI “VIAGGI FATALI” SULLE ROTTE DELLA SPERANZA

  FONTE NIGRIZIA CHE RINGRAZIAMO Oltre 22.500 persone sono scomparse o decedute negli ultimi tre anni e mezzo, secondo gli analisti dell’Organizzazione per le migrazioni, ma nessuno conoscerà mai il numero reale, che è molto più alto. Un esercito di uomini, donne e bambini, destinati a restare senza nome e, spesso, senza nemmeno una degna sepoltura. di Marco Cochi   L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) ha pubblicato un nuovo rapporto sulle morti e le sparizioni di migranti in tutto il mondo….

Leggi tutto Leggi tutto

Il ‘fardello della storia’ lo stanno portando i popoli non la poltica. Ma il potere questo non lo riconoscerà mai, anzi”

Il ‘fardello della storia’ lo stanno portando i popoli non la poltica. Ma il potere questo non lo riconoscerà mai, anzi”

FONTE CONTROLACRISI.ORG POLITICA INTERNAZIONALE Autore: Fabio Sebastiani   Bypassando il nauseabondo trash che il sistema politico-mediatico ogni volta ci propone dopo fatti come drammatici come quello di Barcellona, forse è arrivato il momento di attivare quel po’ di riflessione di cui siamo capaci. Riflessione utile a tentare di capire in che mondo stiamo vivendo e non in quale mondo “ci riflettiamo”. Questa è già una prima distinzione importante. Perché finché lasceremo al potere la disponibilità a manovrare il complesso “sistema di…

Leggi tutto Leggi tutto

UNA DECISIONE POLITICA, SI TRATTA DI UN GENOCIDIO di Raniero Lavalle

UNA DECISIONE POLITICA, SI TRATTA DI UN GENOCIDIO di Raniero Lavalle

    Avendo come mandante l’Italia e l’Europa la Marina libica si annette un pezzo di Mediterraneo e minaccia e spara, per allontanare le ONG e impedire i soccorsi. Infatti le ONG sotto la minaccia delle armi – che abbiano firmato o no il codice ministeriale – hanno interrotto le operazioni di salvataggio. Noi ripariamo, finanziamo, armiamo e aumentiamo di numero le navi militari libiche, senza neanche sapere in mano a chi andranno a finire. Il ministro Minniti è molto…

Leggi tutto Leggi tutto

LIBIA, CAMBIA IL BUSINESS SUI MIGRANTI: CONVERSIONE DEGLI SCAFISTI IN CARCERIERI ?

LIBIA, CAMBIA IL BUSINESS SUI MIGRANTI: CONVERSIONE DEGLI SCAFISTI IN CARCERIERI ?

  Lo stratega Ministro Minniti è riuscito nel suo intento: il business sui rifugiati, in Libia, cambia riferimenti. Non saranno più gli scafisti a lucrare sui passaggi dei migranti via mare su gommoni di carta velina , sarà la guardia costiera libica a “salvare” i migranti riportandoli in Libia in hotspot che sono campi di concentramento finanziati dalla UE affinché i migranti vengano bloccati in prigioni con condizioni di vita intollerabili. Le ONG vengono allontanate, non potranno più prestare soccorsi…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvataggi in mare, ASGI: il codice di condotta è un atto pericoloso

Salvataggi in mare, ASGI: il codice di condotta è un atto pericoloso

FONTE PRESSENZA.COM Autore :  ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione ASGI sul codice di condotta : non è un atto avente valore di legge, ma solo una proposta di accordo, dove il necessario coinvolgimento paritario delle parti è clamorosamente mancato. Non sarà legittima alcuna reazione del Governo nei confronti delle ONG non firmatarie se non nei casi e nei limiti già sanciti dalle norme nazionali e internazionali . L’ASGI esprime grave sconcerto per le modalità di conduzione e di…

Leggi tutto Leggi tutto