Browsed by
Categoria: Politiche migratorie

La crisi del Coronavirus e le conseguenze per le politiche europee

La crisi del Coronavirus e le conseguenze per le politiche europee

FONTE TRANSFORM-ITALIA.IT 14 Maggio 2020 Preambolo La crisi sanitaria che il mondo sta affrontando alza il velo sui di una crisi strutturale già esistente e che il Partito della Sinistra Europea (PGE) non ha cessato di denunciare. Il Partito della Sinistra Europea si è assunto il compito di proporre un modello alternativo per questa Europa a seguito della diffusione del Covid-19. Per questo, è stata creata una piattaforma e stiamo lavorando molto attivamente per svilupparla, il più rapidamente e nel…

Leggi tutto Leggi tutto

Bruno Giorgini: S’avanza la meglio gioventù

Bruno Giorgini: S’avanza la meglio gioventù

  FONTE INCHIESTAONLINE   Guardo in diretta il comizio di Salvini con gli altri nazionalisti, nazional fascisti, sovranisti fino a quelli nazisti tout court, d’Europa, in Piazza Duomo a Milano. Da un palazzo si distende in tutta la sua altezza uno striscione: restiamo umani, e la figura di Zorro che svetta. Quindi la camera inquadra il fronte della contestazione. Uomini delle forze di polizia schierati con caschi, manganelli e tutto l’ambaradan di rito contro le sommosse. Davanti molte persone, quasi…

Leggi tutto Leggi tutto

ABUSI IN LIBIA: LA COMPLICITA’ DEI SOVRANISTI

ABUSI IN LIBIA: LA COMPLICITA’ DEI SOVRANISTI

  FONTE R/PROJECT.IT di Fulvio Vassallo Paleologo Non bastano i report e le testimonianze sugli abusi subiti dai migranti intercettai in acque internazionali dalla Guardia costiera libica e riportati nei lager dai quali erano fuggiti. Sempre più tragica, in particolare, la situazione dei somali e degli eritrei internati nei centri di detenzione contollati dalle milizie, senza alcuna distinzione possibile tra centri governativi e centri “informali”. Ovunque spadroneggiano i mercanti di esseri umani, che nessuna indagine penale sembra fermare. Non interessano i documenti di Amnesty…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvini : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli…” – Falso !

Salvini : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli…” – Falso !

      Come si può sopportare una propaganda falsa e disonesta come quella del ministro Salvini che continua ad affermare : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli….” Il sito ufficiale della Farnesina viaggiaresicuri.it così descrive la sicurezza della Libia. Stralciamo la pagina del sito della Farnesina dedicato alla Libia, aggiornata al 12 febbraio 2019 : ‘….. Sicurezza • Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità A partire dall’11 gennaio 2017 l’Ambasciata d’Italia a Tripoli ha ripreso le proprie attività….

Leggi tutto Leggi tutto

Loris Campetti: Landini segretario della Cgil in attesa del 9 febbraio

Loris Campetti: Landini segretario della Cgil in attesa del 9 febbraio

    Maurizio Landini ha preso in mano la ultracentenaria Cgil con la forza di un tornado, ma la sua non è una forza distruttrice. Si potrebbe parlare di sindacato del cambiamento se non fosse che chi usa questo sostantivo in politica è un gattopardo che vuole cambiare tutto per non cambiare niente, come fa il governo gialloverde o giallonero che dir si voglia con le politiche economiche, liberiste erano e liberiste restano. Landini vuole bene alle persone che rappresenta,…

Leggi tutto Leggi tutto

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

FONTE ARTICOLO21 23 Gennaio 2019 di: ANTONELLA NAPOLI   Nonostante il freddo intenso dell’inverno, il rischio per le condizioni del mare e I continui naufragi dall’inizio dell’anno 4.507 persone hanno già attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Di chi non è sopravvissuto si sa poco o nulla, tranne che, come nel caso del gommone con a bordo 200 persone, sprofondato al largo della Libia, non ci sia la testimonianza di chi è scampato alla morte. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i…

Leggi tutto Leggi tutto

Centinaia di dimostranti a sostegno di Open Arms

Centinaia di dimostranti a sostegno di Open Arms

FONTE PRESSENZA 20.01.2019 – Eva Marín, Barcellona – Redacción Barcelona Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese, Catalano Circa 500 persone, secondo la polizia (2.000 secondo gli organizzatori) hanno aderito alla manifestazione convocata ieri pomeriggio da parte dei volontari di Open Arms come forma di protesta riguardo il blocco da parte della Capitaneria Marittima (Ministero dello Sviluppo) circa la navigazione di Open Arms nel Mediterraneo centrale. Open Arms è un’organizzazione non governativa e senza scopo di lucro la cui missione principale è il salvataggio in…

Leggi tutto Leggi tutto

L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione lancia questo appello

L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione lancia questo appello

  Pubblichiamo per favorirne la massima diffusione questo appello dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) che condividiamo . Editor  L’APPELLO ” Lanciamo un appello di impegno civile a difesa della legalità a fronte di una politica senza più legge”   Il nuovo anno si apre con 32 persone che, ancora una volta, attendono da molti giorni (tredici, alla data di oggi) di poter sbarcare in un porto sicuro. Al caso della Sea Watch 3 si aggiunge quello della Sea Eye, con…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvini vuole più clandestini

Salvini vuole più clandestini

  FONTE RAIAWADUNIA.COM “Chi vedeva l’immigrazione come una mangiatoia oggi è a dieta. Molti finti volontari non parteciperanno più a bandi se invece di 35 euro ne porti a casa 19 non ci mangi più. E non ci mangia più né mafia né ‘ndrangheta. Ma rimarranno volontari veri e sono convinto che molte cooperative si daranno alla macchia”. Un messaggio che quello del titolare del Viminale che di fatto cambia radicalmente l’approccio alla gestione dell’accoglienza da parte del governo. Dopo…

Leggi tutto Leggi tutto

L’apartheid istituzionale si va rafforzando in Italia. Sulla bozza di decreto Salvini e sulle crescenti revoche dell’accoglienza – di Gennaro Avallone

L’apartheid istituzionale si va rafforzando in Italia. Sulla bozza di decreto Salvini e sulle crescenti revoche dell’accoglienza – di Gennaro Avallone

FONTE EFFIMERA.ORG L’apartheid istituzionale si va rafforzando in Italia. Il Sole 24 Ore ha pubblicato il 23 agosto i contenuti della bozza di decreto legge che il Ministero dell’Interno sta elaborando per quanto riguarda il diritto di asilo e i diritti delle persone richiedenti protezione internazionale in Italia[1]. I contenuti più rilevanti riguardano l’aumento del numero di mesi di detenzione nei centri di espulsione (da 3 a 6 mesi); l’allargamento della lista dei reati che abilitano al rifiuto o alla…

Leggi tutto Leggi tutto

Bruno Giorgini: Scomunichiamo Salvini

Bruno Giorgini: Scomunichiamo Salvini

FONTE INCHIESTAONLINE L’anatema di Famiglia Cristiana è senza appello: Vade retro Salvini. Nel nome del Vangelo. E un religioso del peso di Matteo Maria Zuppi, cappellano del Papa nonchè arcivescovo di Bologna, scrive sull’Avvenire “Amate dunque il forestiero, perchè anche voi foste forestieri nella terra d’Egitto (..)Da una parte silenzi sulle cause lontane e vicine (delle migrazioni, ndr) e dall’altra parole di fatto violente nelle espressioni di sostanziale disprezzo. L’Italia ha un patrimonio di umanesimo che non deve mai essere…

Leggi tutto Leggi tutto

Chiudere i porti è illegittimo. Lettera aperta di associazioni e ONG alle autorità e istituzioni italiane e internazionali

Chiudere i porti è illegittimo. Lettera aperta di associazioni e ONG alle autorità e istituzioni italiane e internazionali

02.08.2018 – Roma – ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (Foto di www.medicisenzafrontiere.it) In una lettera inviata il 1° agosto 2018 al Presidente della Repubblica, al Governo e al Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, le organizzazioni A Buon Diritto, ACLI, ActionAid, Amnesty International Italia, ARCI, ASGI, Casa dei Diritti Sociali, CNCA, Emergency, FCEI, INTERSOS, Médecins du Monde Missione Italia, Medici Senza Frontiere e Oxfam hanno denunciato le gravi violazioni delle norme internazionali, europee e nazionali di cui le…

Leggi tutto Leggi tutto

La violenza dell’ignoranza: il migrante tra mitologia e propaganda

La violenza dell’ignoranza: il migrante tra mitologia e propaganda

Fonte MeltingPot che ringraziamo ASSEGNA IL TUO 5‰ AL PROGETTO MELTING POT! Autore: Monica Scafati Forse dovremmo chiederci cosa sta accadendo, all’Italia e non solo. La così detta crisi migratoria credo sia “solo” lo spaccato in cui più chiaramente, con più vigore e maggior trasparenza, si manifesta una dinamica di gran lunga più complessa. Una dinamica estesa di tipo sociale, culturale e antropologico, che finirà per produrre uno spartiacque forse epocale, per effetto di conseguenze di un’importanza e un impatto tale…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, Open Arms: “Nave dissequestrata, ma buona notizia a metà”

Migranti, Open Arms: “Nave dissequestrata, ma buona notizia a metà”

Fonte Pressenza.com (Foto di DIRE) Il dissequestro della Open Arms è una buona notizia, ma è una piccola battaglia vinta all’interno di una situazione che resta difficile: l’inchiesta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e associazione a delinquere contro i nostri due operatori continua. Ma la decisione di oggi dimostra che stiamo andando verso la verità“. A parlare alla DIRE è Riccardo Gatti, portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms. Poche ore fa il gip di Ragusa Giovanni Giampiccolo, ha deciso di…

Leggi tutto Leggi tutto

Ventimiglia: pensieri su testimonianza e sovraesposizione – di Marta Menghi, Amelia Chiara Trombetta e Antonio Curotto

Ventimiglia: pensieri su testimonianza e sovraesposizione – di Marta Menghi, Amelia Chiara Trombetta e Antonio Curotto

 FONTE EFFIMERA.ORG Ti offro questi dati perché niente muoia, né i morti di ieri, né i resuscitati di oggi. Voglio brutale la mia voce, non la voglio bella, non pura, non voglio si diverta, perché parlo infine dell’uomo e del suo rifiuto, del suo marcio quotidiano, della sua spaventosa rinuncia. Voglio che tu racconti. Fanon, Lettera a un francese   Dall’inizio del 2016, siamo stati a Ventimiglia regolarmente e tutte le volte abbiamo voluto scrivere e condividere ciò che abbiamo visto…

Leggi tutto Leggi tutto

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

 Fonte ASGI 01/04/2018 Il parere giuridico dell’ASGI sulla vicenda di Bardonecchia: ecco le norme vigenti. In seguito alla richiesta di spiegazioni da parte del Governo italiano, le autorità francesi hanno affermato che i controlli effettuati dagli agenti della Dogana francese nei locali della stazione di Bardonecchia in cui operano i medici di Rainbow4Africa e i mediatori culturali del Comune si sarebbero svolti nel rispetto della normativa vigente. Le norme europee e gli accordi tra Italia e Francia, intervenuti nel corso…

Leggi tutto Leggi tutto

Cosa abbiamo da perdere?

Cosa abbiamo da perdere?

Fonte LavoroeSalute Pubblicato da franco.cilenti   Hanno salvato 218 vite esposte a due alternative: la morte in mare su gommoni alla deriva o finire catturati dalla sedicente Guardia costiera libica, finanziata dall’UE, per essere riportati nelle mani di aguzzini usi a chiedere un riscatto, a torturare, a stuprare a rinchiudere in centri di detenzione. In un mondo normale sarebbero stati chiamati “eroi”, oggi invece come ormai noto perché anche la stampa mainstream ha sussultato, sono accusati di “associazione a delinquere”…

Leggi tutto Leggi tutto

I membri di Open Arms “rischiano pene tra i 4 e i 7 anni di prigione”

I membri di Open Arms “rischiano pene tra i 4 e i 7 anni di prigione”

Fonte Meltingpot.org La Colau offre il ’supporto giuridico’ di Barcellona e ’tutto quanto possa essere utile per aiutare  Link all’articolo originale (ESP) su ElPlural.com del 19 marzo 2018 Traduzione a cura di: Anna Latino, Angela Ciavolella Il fondatore e direttore dell’ONG Pro Activa Open Arms, Oscar Camps, ha affermato oggi che i tre membri dell’equipaggio accusati in Italia per aver soccorso i migranti “rischiano tra i 4 e i 7 anni di prigione”, pertanto ha sottolineato che ora la priorità…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, affidarne i soccorsi alla Libia significa respingerli

Migranti, affidarne i soccorsi alla Libia significa respingerli

FONTE FAMIGLIACRISTIANA       Un verbale della riunione dell’ Organizzazione mondiale del mare del 30 ottobre scorso svela la contrarietà di creare un coordinamento libico dei salvataggi nel Mediterraneo. Ma giovedì scorso la nave della Ong spagnola Open Arms è stata affidata proprio alle motovedette di Tripoli come ha spiegato anche la Guardia Costiera italiana. Ora cominciano i respingimenti collettivi per conto terzi? 17/03/2018 di Andrea Palladino   Torna il Caos Mediterraneo, tornano le accuse alle Ong impegnate nel…

Leggi tutto Leggi tutto

Paura e povertà: l’Italia del dopo-voto

Paura e povertà: l’Italia del dopo-voto

ARTICOLO TRATTO DA EDDIBURG di Mario Pianta La mappa dell’Italia che ha votato ritrae soprattutto due fenomeni: paura e povertà. Il centro-nord (Lazio compreso) si è affidato a un nuovo Centrodestra a egemonia leghista: nel nord della Lombardia e del Veneto è oltre il 50%, con la Lega che arriva a punte tra il 33 e il 38% nelle sue zone di insediamento tradizionale; nel Piemonte lontano da Torino il Centrodestra è vicino al 50%, con la Lega meno forte;…

Leggi tutto Leggi tutto

Le calvaire des réfugiés coincés dans les Balkans

Le calvaire des réfugiés coincés dans les Balkans

fonte Equaltime NEWS By Jelena Prtorić 6 March 2018 A Libyan refugee shows injuries from Croatian police brutality, sustained while trying to cross the Serbian border. (Julia Druelle) Une des choses les plus précieuses que Feitas Moussa possède est son incisive. Ce jeune Libyen de 29 ans la garde dans sa poche, soigneusement enveloppée dans un mouchoir. « Ils m’ont jeté par terre et m’ont roué de coups de pied », raconte Feitas à Equal Times en montrant une photo…

Leggi tutto Leggi tutto

La Difesa della Razza

La Difesa della Razza

 Fonte Carmillaonline Pubblicato il 11 febbraio 2018 · in Schegge taglienti · di Alessandra Daniele “La percezione del problema immigrazione è dieci volte superiore ai dati reali”. Alessandra Ghisleri, sondaggista “Chi controlla la percezione della realtà, controlla la realtà”. Philip K. Dick Si stava parlando un po’ troppo di tasse, argomento sul quale gli italiani sembrano giustamente non credere più a nessuna delle iperboliche promesse dei cazzari. La strage razzista tentata dal suprematista marchigiano ha riportato la campagna elettorale sul terreno più congeniale…

Leggi tutto Leggi tutto

D’inverno il mare è gelido

D’inverno il mare è gelido

 Autore:  Mario Cataldi Fonte : Articolo21.org Ancora corpi che annaspano, che affondano, che cadono da gommoni di cartone che si sfaldano e si sgonfiano. Si ricominciano a contare i corpi cominciando da quelli vivi, dalle mani che sbracciano sull’acqua gelida del mare d’inverno. I morti si contano solo se galleggiano ancora. Il primo naufragio dell’anno. La conta ricomincia come se nulla fosse, quello che è stato fa parte di una dimensione temporale che non c’è più, si spinge il tasto…

Leggi tutto Leggi tutto

Il regalo di Natale di Gentiloni & Co. – di Salvatore Palidda

Il regalo di Natale di Gentiloni & Co. – di Salvatore Palidda

FONTE EFFIMERA.ORG Per questo Natale i signori cattolici ferventi del PD come la stragrande maggioranza del parlamento italiano hanno pensato bene di offrire un regalo multiplo al popolo italiano ovviamente in vista delle prossime elezioni che tutti sperano si giochino su chi è più razzista, militarista, sicuritario-pro-sbirri e in generale neo-liberista nel campo delle politiche economiche e sociali: 1)     Gentiloni ha promesso l’impegno -che sarà votato dal Parlamento- di inviare una nuova missione militare in Niger in nome della guerra ai…

Leggi tutto Leggi tutto

Chi sono loro per decidere quando e chi possiamo considerare italiano?

Chi sono loro per decidere quando e chi possiamo considerare italiano?

FONTE ARTICOLO21.ORG Articoli, Migrazioni 25 dicembre 2017 di: SABIKA SHAH POVIA Si parla di un Senato che non ha raggiunto il numero legale nell’aula di Palazzo Madama per discutere la lunga attesa riforma cittadinanza. Ma non è del tutto corretto. La maggioranza c’era fino a poco prima, quando è stata approvata la Manovra 2018. Chi ha lasciato quell’aula la mattina del 23 dicembre, lo ha fatto consapevolmente. Di proposito. Chi ha lasciato quell’aula ha scelto da che parte stare. Ha…

Leggi tutto Leggi tutto

Dicembre a Ventimiglia. Ovvero, il gelo – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

Dicembre a Ventimiglia. Ovvero, il gelo – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

fonte Effimera Riprendiamo da Parole sul Confine questo report del 3 dicembre scorso. Partiamo all’ora di pranzo. Non c’è molto tempo questa volta, ma abbiamo appena ricevuto una donazione di farmaci. Soprattutto vogliamo andare a verificare se, con l’arrivo delle temperature invernali, ci sono persone abbandonate all’addiaccio e quante sono. Purtroppo, la realtà supera ampiamente le nostre previsioni. Giunti in prossimità della ferrovia in via Tenda, osserviamo dall’alto un gran numero di persone in piccoli gruppi, alcuni vicini ad un…

Leggi tutto Leggi tutto

“Per cambiare l’ordine delle cose”: la società civile si mobilita su diritti e immigrazione

“Per cambiare l’ordine delle cose”: la società civile si mobilita su diritti e immigrazione

  FONTE  PRESSENZA.COM Quelle oltre 500 persone arrivate il 3 dicembre a Roma da 130 città italiane per discutere su come cambiare l’ordine delle cose (della narrazione, ma soprattutto delle politiche in tema d’immigrazione), probabilmente non le vedrete spesso in televisione. Sicuramente meno spesso di quanto non si vedano quattro persone che fanno un blocco stradale. Doveva essere un evento celebrativo e conclusivo dell’insperato successo di un film – “L’ordine delle cose”, appunto, di Andrea Segre – ancora in sala…

Leggi tutto Leggi tutto

Tripoli. Roma ferma in mare la nave Aquarius. Migranti riportati in Libia

Tripoli. Roma ferma in mare la nave Aquarius. Migranti riportati in Libia

fonte AVVENIRE.IT che ringraziamo   Daniela Fassini e Nello Scavo sabato 25 novembre 2017 Sos Mediterranée: «Ricevute istruzioni dalla centrale operativa. Ci hanno impedito i soccorsi». Il giurista Vassallo: «Gli accordi con la Libia non possono derogare le Convenzioni internazionali» Il mare come un muro per i migranti, anche quelli intercettati in acque internazionali, anche quelli più vicini alle navi Ong, le poche ormai rimaste in area Ricerca e soccorso (Sar). I profughi vengono “soccorsi” e portati a bordo dalla…

Leggi tutto Leggi tutto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

fonte effimera Riprendiamo da Parole sul confine questo report sulla giornata dello scorso 11 novembre a Ventimiglia.   Partiamo al mattino da Genova per Ventimiglia, portiamo con noi una confezione da 1 kg di anti-scabbia galenico fornitoci gratuitamente da una farmacia di Genova. Dopo un breve ma caldo incontro con Delia nel suo locale, ci rechiamo in bici presso l’info-point Eufemia, in via Tenda. Vogliamo incontrare i volontari presenti per parlare dei criteri di somministrazione del farmaco. La procedura prevede,…

Leggi tutto Leggi tutto

L’inferno dei profughi in Libia: diventano un’auto-accusa le giustificazioni dell’Italia di fronte alla denuncia Onu

L’inferno dei profughi in Libia: diventano un’auto-accusa le giustificazioni dell’Italia di fronte alla denuncia Onu

Fonte Pressenza.com 21.11.2017 – Redazione Italia (Foto di Medici senza Frontiere) “Cos’è oggi la Libia si sapeva già…”. O, ancora: “Sono cose terribili, ma in fondo già note”. E via di questo tono. E’ con dichiarazioni di questo genere che vari esponenti del Governo e del Parlamento italiano hanno reagito alla dura presa di posizione di Zeid Raad Al Hussein, il commissario Onu per i diritti umani il quale, evidenziando l’orrore dei lager libici, ha contestato la politica migratoria dell’Unione Europea, condannando…

Leggi tutto Leggi tutto

Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia”

Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia”

fonte video.repubblica.it Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia” Gennaro Giudetti è il volontario italiano che il 6 novembre scorso si trovava sulla nave della Ong tedesca Sea-Watch e che ha assistito, dopo l’incidente con la Guarda costiera libica, al naufragio in cui 5 migranti hanno perso la vita e in cui più di cinquanta persone risultano disperse. Durante una conferenza stampa alla Camera dei Deputati a Roma in compagnia di…

Leggi tutto Leggi tutto

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

FONTE  14.11.2017 – ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (Foto di Medici senza Frontiere) Il 14 novembre 2017, per il tramite delle avvocate Giulia Crescini e Cristina Laura Cecchini, l’ASGI ha impugnato davanti al Tribunale Amministrativo del Lazio  il Decreto 4110/47 con il quale il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale ha accordato al Ministero dell’Interno un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro per la rimessa in efficienza di 4 motovedette, la fornitura di mezzi di ricambio e la…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, il Viminale a nervi scoperti: «Ong e Caritas dicono stupidaggini»

Migranti, il Viminale a nervi scoperti: «Ong e Caritas dicono stupidaggini»

fonte ildubbio Il capo di gabinetto del ministero Mario Morcone nega ogni responsabilità italiana nei respingimenti, poi attacca Amnesty e il Consiglio d’Europa «Io non seguo le stupidaggini che dice Amnesty international né il responsabile dei diritti umani europeo, ancora devono trovare i manganelli elettrici che avremmo utilizzato negli hotspot e ancora mi devono dare la prova dei respingimenti di migranti in Libia da parte dell’Italia. Stiamo discutendo di un paese che sta cercando di ritrovare una sua stabilità, di…

Leggi tutto Leggi tutto

Ministro Minniti mi incontri, le racconto l’orrore

Ministro Minniti mi incontri, le racconto l’orrore

FONTE  RPROJECT di Daniela Belli Gennaro Giudetti, 26 anni, volontario dell’ong Sea-Watch, ha recuperato con le proprie mani decine di persone salvandole da morte certa e un bambino senza vita nel naufragio di ieri 6 novembre 2017: «Ho visto con i miei occhi il folle comportamento dei militari libici, che picchiavano chi voleva raggiungerci e ci lanciavano patate. L’Italia blocchi l’accordo con la Libia». Ecco il suo racconto senza filtri “Una volta tornato a terra voglio incontrarla, ministro Marco Minniti. Io,…

Leggi tutto Leggi tutto

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

FONTE ASGI Quanto accaduto il 6 Novembre nel Mediterraneo centrale conferma l’idea già sostenuta dall’Asgi in tante altre occasioni: la guardia costiera libica e le autorità libiche non sono interlocutori affidabili, né tanto meno hanno la possibilità o la volontà di effettuare operazioni di ricerca e salvataggio con le attrezzature fornite dall’Italia. Essi costituiscono, invece, lo strumento cui Italia e Ue hanno appaltato le politiche di respingimento dei migranti che cercano di raggiungere l’Europa. E’ importante sottolineare che l’episodio si…

Leggi tutto Leggi tutto

Violazione del diritto alla salute, al confine con la Francia – di Amelia Chiara Trombetta, Antonio G. Curotto, Gianni Giovannelli

Violazione del diritto alla salute, al confine con la Francia – di Amelia Chiara Trombetta, Antonio G. Curotto, Gianni Giovannelli

FONTE  EFFIMERA Da due anni alla frontiera con la Francia si concentrano centinaia di persone, bloccate per le ripetute decisioni dei governi degli Stati della UE che di fatto, in quest’ambito, negano il riconoscimento dei diritti e doveri fondanti l’Unione Europea. Dal punto di vista normativo, per quanto riguarda lo stato italiano, l’art. 32 della Costituzione è certamente di natura precettiva e non soltanto programmatica; dunque le istituzioni della Repubblica sono vincolate da un obbligo di tutela della salute, elevata…

Leggi tutto Leggi tutto

Neoliberismo, biopolitica e schiavitù. Il capitale umano in tempo di crisi

Neoliberismo, biopolitica e schiavitù. Il capitale umano in tempo di crisi

SILVIA VIDA Articolo pubblicato nella sezione “Schiavitù contemporanee” della Rivista COSMOPOLIS che ringraziamo  1. Lo ha affermato di recente Luciano Canfora (2017, 9): «Per ora, chi sfrutta ha vinto la partita su chi è sfruttato». La diagnosi del presente si aggrava se si pensa che «solo ora il capitalismo è davvero un sistema di dominio mondiale», reso più forte dall’avere di fronte a sé esclusivamente miseri spezzoni di organizzazioni di stampo sindacale o settoriale che gli oppongono una resistenza trascurabile;…

Leggi tutto Leggi tutto

Libia, nei campi di detenzione si tortura: lo dice il tribunale Accertate violenze nei centri gestiti da fazioni con cui Minniti ha fatto accordi.

Libia, nei campi di detenzione si tortura: lo dice il tribunale Accertate violenze nei centri gestiti da fazioni con cui Minniti ha fatto accordi.

fonte >>> Radio Città Fujiko»Notizie Libia, nei campi di detenzione si tortura: lo dice il tribunale Accertate violenze nei centri gestiti da fazioni con cui Minniti ha fatto accordi. di Alessandro Canella giovedì 12 ottobre 2017 – 12:49 Categorie: Migranti, Giustizia Un’immagine del film “L’ordine delle cose” di Andrea Segre sui centri di detenzione in Libia Storica sentenza del Tribunale di Assise di Milano, che ha condannato l’autore di sequestro di persona con conseguente morte, violenze sessuali e torture ai…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti. Vescovo Tunisi, scappano da Libia riaperta rotta Tunisia

Migranti. Vescovo Tunisi, scappano da Libia riaperta rotta Tunisia

Fonte DirittiDistorti   che ringraziamo  Martedì 10 Ottobre 2017 10:41 “Stiamo tornando al tempo di Lampedusa e delle prime carrette del mare: una volta arrivavano in Tunisia per andare in Libia ora ricominciano a partire da qui”. È preoccupato mons. Ilario Antoniazzi, arcivescovo di Tunisi, dopo aver appreso la notizia della nave della marina militare tunisina che ha speronato un barcone con 70 migranti, provocando un naufragio con decine di morti. “È vero, si sta riaprendo la rotta tunisina verso…

Leggi tutto Leggi tutto

Perché meno gommoni dalla Libia, mentre in mare si muore di più

Perché meno gommoni dalla Libia, mentre in mare si muore di più

FONTE  OPENIMMIGRATION  CHE RINGRAZIAMO Perché meno gommoni dalla Libia, mentre in mare si muore di più   21 settembre 2017 – FRANCESCA ROMANA GENOVIVA   Se è stato il codice di condotta per le Ong la ragione del calo nelle partenze dalla Libia, allora come mai erano già calate a luglio prima che il codice esistesse? E se il merito è dell’accordo economico con il governo Serraj, allora perché le partenze a settembre stanno riprendendo? E dove sta la vittoria…

Leggi tutto Leggi tutto

Lo sporco baratto italo-libico e il neo-genocidio liberista dell’UE – di Salvatore Palidda

Lo sporco baratto italo-libico e il neo-genocidio liberista dell’UE – di Salvatore Palidda

FONTE EFFIMERA CHE RINGRAZIAMO Dopo la scelta europea del 2015, la tragedia dei migranti in Grecia, poi i 6 miliardi offerti al neo-sultano fascista e affarista Erdogan per trattenerli a prescindere dalla schiavizzazione assicurata anche dei bambini tramite i circa 100 mila neo-padroni siriano-turchi, era apparso chiaro che si andava verso il massacro. Come si evince ora dalla “brillante” operazione realizzata dal fulgido ministro Minniti “tutto si tiene”: il demagogico stop degli arrivi in Italia passa per il “reclutamento” di una nota banda criminale…

Leggi tutto Leggi tutto

La Prefettura di Milano invita i Comuni milanesi a revocare le ordinanze sindacali anti-richiedenti asilo

La Prefettura di Milano invita i Comuni milanesi a revocare le ordinanze sindacali anti-richiedenti asilo

FONTE  ASGI  19/09/2017 Asilo / Protezione internazionale, Dopo la segnalazione di ASGI e di altre associazioni, il Prefetto di Milano rende nota la lettera inviata alle amministrazioni rientranti nel territorio di sua competenza per segnalare i forti dubbi di legittimità delle ordinanze anti-richiedenti asilo. Il Prefetto di Milano segnala ai Sindaci che le ordinanze pretendono di intervenire su una materia di competenza statale, sulla base di un presunto pericolo grave e imminente che non sussiste e che comunque sarebbe costituito,…

Leggi tutto Leggi tutto

RAPPORTO IOM SUI MIGRANTI MORTI “VIAGGI FATALI” SULLE ROTTE DELLA SPERANZA

RAPPORTO IOM SUI MIGRANTI MORTI “VIAGGI FATALI” SULLE ROTTE DELLA SPERANZA

  FONTE NIGRIZIA CHE RINGRAZIAMO Oltre 22.500 persone sono scomparse o decedute negli ultimi tre anni e mezzo, secondo gli analisti dell’Organizzazione per le migrazioni, ma nessuno conoscerà mai il numero reale, che è molto più alto. Un esercito di uomini, donne e bambini, destinati a restare senza nome e, spesso, senza nemmeno una degna sepoltura. di Marco Cochi   L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) ha pubblicato un nuovo rapporto sulle morti e le sparizioni di migranti in tutto il mondo….

Leggi tutto Leggi tutto

Paghi Sarraj che paga i trafficanti che ora fermano i migranti

Paghi Sarraj che paga i trafficanti che ora fermano i migranti

FONTE UNIMONDO.ORG Lunedì, 04 Settembre 2017    Foto: Remocontro.it «Secondo un accordo sostenuto dall’Italia (‘backed by Italy’, sostenuto in senso diretto dall’Italia), il governo di Tripoli ha pagato le milizie che una volta erano coinvolte nel contrabbando di migranti ad impedire agli immigrati di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa, una delle ragioni della drastica diminuzione del traffico, secondo milizie e funzionari della sicurezza». La conferma di quanto riferito ieri da Remocontro, nel riprendere un reportage del Times di Londra da Roma. Meno infiorettata e…

Leggi tutto Leggi tutto

Italia-Africa. Il nostro «aiuto» è la vendita di armamenti

Italia-Africa. Il nostro «aiuto» è la vendita di armamenti

FONTE: Francesco Vignarca,  IL MANIFESTO Nel distorto e problematico dibattito pubblico italiano e non solo sull’epocale fenomeno migratorio il tentativo principale della politica è quello di allontanare dalla vista dell’elettorato i problemi e le responsabilità.Nelle poche occasioni in cui si è allargato lo sguardo verso i luoghi di provenienza delle migrazioni (in particolare penso all’Africa) lo si fa richiamando un retorico e qualunquista «aiuto a casa loro» che non ha nulla di concreto o fattivo. LA ORMAI VECCHIE  promesse, sottoscritte…

Leggi tutto Leggi tutto

Emergenza, ordine pubblico, legalità: ecco il deserto!

Emergenza, ordine pubblico, legalità: ecco il deserto!

FONTE MELTINGPOT.ORG CHE RINGRAZIAMO  Intervista a Luca Blasi di InterSOS, ONG attiva a Roma a sostegno dei migranti Il ruolo delle ONG si fa sempre più centrale nella gestione degli interventi che riguardano i migranti, in particolare InterSOS aveva attivato parecchi percorsi di sostegno a favore dei rifugiati che occupavano il palazzo di via Curtatone. In questa conversazione con Luca Blasi cerchiamo di tracciare un quadro della situazione nella Roma degli sgomberi. Luca, perché questo sgombero che trova tutti impreparati?In…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, il naufragio Pd e la scelta di Lerner

Migranti, il naufragio Pd e la scelta di Lerner

  Autore: Gad Lerner FONTE NIGRIZIA  CHE RINGRAZIAMO Correva l’anno Duemila, lo stesso anno in cui ho cominciato a scrivere Giufà, la rubrica per Nigrizia, quando ho sentito per la prima volta un noto leader politico italiano proporre al telegiornale: “Dobbiamo sparare sulle imbarcazioni degli scafisti, affondiamole!”. In quel momento dirigevo il Tg1 e mi toccò dargli qualche minuto di gloria, pur sapendo entrambi che la sua sparata avrebbe lasciato il tempo che trovava. Nei diciassette anni successivi, tale ideona bellicosa…

Leggi tutto Leggi tutto

Quattro domande cruciali sulla Libia a Nancy Porsia

Quattro domande cruciali sulla Libia a Nancy Porsia

11 agosto 2017 – Fonte Open Migration che ringraziamo Il 10 agosto 2017, nel bel mezzo del tormentone contro la presunta disobbedienza delle Ong al codice di condotta del Viminale, la Marina libica, per voce del generale Abdelhakim Bouhaliya, comandante della base navale di Tripoli di Abu Sitta, annuncia di voler allargare il divieto di ingresso alle Ong di decine di chilometri oltre le canoniche 12 miglia nautiche nazionali, quindi in acque internazionali, istituendo una propria zona di “Search and…

Leggi tutto Leggi tutto

L’ultima provocazione: multata la Ong Proactiva Mediterraneo . Sanzione da seimila euro

L’ultima provocazione: multata la Ong Proactiva Mediterraneo . Sanzione da seimila euro

  Daniela Padoan il manifesto, 20 agosto 2017 Il 14 agosto la nave Golfo azzurro della Ong spagnola Proactiva Open Arms, tra quelle che hanno firmato il codice di condotta imposto dal governo italiano, è salpata da Malta per la ventiseiesima missione di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo centrale. Dal luglio 2016 ha tratto in salvo 21mila persone e ha a raccolto cadaveri di uomini, donne, bambini, portandoli a riva perché potessero avere sepoltura. Giunta nelle acque internazionali di fronte…

Leggi tutto Leggi tutto

UNA DECISIONE POLITICA, SI TRATTA DI UN GENOCIDIO di Raniero Lavalle

UNA DECISIONE POLITICA, SI TRATTA DI UN GENOCIDIO di Raniero Lavalle

    Avendo come mandante l’Italia e l’Europa la Marina libica si annette un pezzo di Mediterraneo e minaccia e spara, per allontanare le ONG e impedire i soccorsi. Infatti le ONG sotto la minaccia delle armi – che abbiano firmato o no il codice ministeriale – hanno interrotto le operazioni di salvataggio. Noi ripariamo, finanziamo, armiamo e aumentiamo di numero le navi militari libiche, senza neanche sapere in mano a chi andranno a finire. Il ministro Minniti è molto…

Leggi tutto Leggi tutto

Emergency: un atto di guerra contro i migranti

Emergency: un atto di guerra contro i migranti

07.08.2017 – Emergency (Foto di Emergency) La decisione del Governo italiano di inviare navi militari in Libia è un atto di guerra contro i migranti Il codice di condotta per le ONG che operano nel Mediterraneo mette a rischio la vita di migliaia di persone e costituisce un attacco senza precedenti ai principi che ispirano il lavoro delle organizzazioni umanitarie. Emergency è impegnata da anni nell’assistenza a migranti, profughi e sfollati in paesi in guerra come in Italia; pur non…

Leggi tutto Leggi tutto

Luigi Manconi: Reato d’altruismo

Luigi Manconi: Reato d’altruismo

FONTE INCHIESTAONLINE.IT Luigi Manconi: Reato d’altruismo Luigi Manconi | 4 agosto 2017 | Comments (0)         Diffondiamo da Il Manifesto del 4 agosto 2017   Reato umanitario: come capita non di rado, è stato il quotidiano «dei vescovi» a trovare la definizione più efficace, e moralmente e giuridicamente più intensa, per qualificare la colpevolizzazione delle Ong: e, nel caso specifico, della Jugend Rettet. Il che potrà indurre molti laici, anche solo per questa ragione, a schierarsi dalla…

Leggi tutto Leggi tutto

Tutto il dibattito sulle Ong è completamente surreale

Tutto il dibattito sulle Ong è completamente surreale

FONTE  THESUBMARINE.IT  Sebastian Bendinelli7 agosto 2017Italia foto via @jugendrettet / Twitter   Dopo l’inchiesta di Trapani contro Jugend Rettet, il discorso pubblico su questo tema è definitivamente deragliato. “Ormai le Ong rischiano di cambiare significato. Non per colpa loro, ma di chi intende ri-definirle. Con intenti (anti)politici strumentali.” Così scriveva ieri su Repubblica Ilvo Diamanti, presentando un sondaggio Demos-Coop da cui risulta che soltanto il 26% della popolazione esprime una valutazione positiva sulle Ong che operano nel Mar Mediterraneo (la…

Leggi tutto Leggi tutto

Attacco a Gheddafi: serve un dibattito parlamentare ….

Attacco a Gheddafi: serve un dibattito parlamentare ….

La redazione di Onde Corte ritiene importante rendere pubblici e diffondere Comunicati e Documenti interessanti anche quando non ne condivide  pienamente o parzialmente i contenuti. FONTE INDIPENDENZA E COSTITUZIONE AUGUST 4, 2017 2:00 PM Comunicato stampa Attacco a Gheddafi: serve un dibattito parlamentare per mettere sotto processo Napolitano e Berlusconi in quanto non hanno tutelato l’interesse nazionali e hanno violato la Costituzione. La lettera aperta ai Parlamentari: “Di chi è la colpa dell’invasione? ” nella quale Indipendenza e Costituzione, Riscossa…

Leggi tutto Leggi tutto

Comunicato Libertà e Giustizia

Comunicato Libertà e Giustizia

  Libertà e Giustizia chiede con forza al governo Gentiloni di ritirare, o almeno di riconsiderare profondamente, il Codice di Condotta che ha voluto imporre alle Organizzazioni Non Governative che, nel Mediterraneo, svolgono una fuzione umanitaria fondamentale, sopperendo meritoriamente all’ignavia e all’inerzia dei governi. Come ha notato l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione si tratta di una misura che «mina l’efficacia delle attività di soccorso». In altri termini, il costo di questo provvedimento ambiguo e sbagliato rischia di essere misurato…

Leggi tutto Leggi tutto

INCHIESTA IUVENTA, CI SAREBBE UN LEGAME TRA I CONTRACTORS CHE HANNO DENUNCIATO LA ONG TEDESCA E I RAZZISTI IDENTITARI. IL RICATTO DI MINNITI A CHI NON FIRMA IL CODICE

INCHIESTA IUVENTA, CI SAREBBE UN LEGAME TRA I CONTRACTORS CHE HANNO DENUNCIATO LA ONG TEDESCA E I RAZZISTI IDENTITARI. IL RICATTO DI MINNITI A CHI NON FIRMA IL CODICE

FONTE POPOFF di Ercole Olmi «Tutte le Ong scelgano da che parte stare», tuona Minniti dalle colonne del Fatto di Travaglio, organo ufficiale del partito no Ong. Minniti, ex pezzo grosso dalemiano del Pci calabrese è ministro di polizia per conto del Pd, lo stesso partito di Esposito (quello che non ci possiamo permettere di salvare tutti ma dobbiamo permetterci il Tav), della sindaca di Codigoro, nel ferrarese, che alza le tasse a chi ospita profughi e, soprattutto di Renzi…

Leggi tutto Leggi tutto

L’ipocrisia al potere: punire le vittime, non i carnefici

L’ipocrisia al potere: punire le vittime, non i carnefici

fonte pressenza.com (Foto di habeshia.blogspot.it) Il Governo italiano ha varato, con l’approvazione del Parlamento, una missione navale nel Mediterraneo a supporto della Guardia Costiera libica nelle operazioni di intercettazione e respingimento dei migranti che dalla Libia cercano di raggiungere le nostre coste. Quelle persone partono dalla Libia ma non sono libiche, provengono per lo più da altri paesi (Gambia, Mali, Niger, Nigeria, Senegal, Costa d’Avorio), da cui sono fuggite perché le condizioni di vita sono intollerabili: cercano un paese che…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvataggi in mare, ASGI: il codice di condotta è un atto pericoloso

Salvataggi in mare, ASGI: il codice di condotta è un atto pericoloso

FONTE PRESSENZA.COM Autore :  ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione ASGI sul codice di condotta : non è un atto avente valore di legge, ma solo una proposta di accordo, dove il necessario coinvolgimento paritario delle parti è clamorosamente mancato. Non sarà legittima alcuna reazione del Governo nei confronti delle ONG non firmatarie se non nei casi e nei limiti già sanciti dalle norme nazionali e internazionali . L’ASGI esprime grave sconcerto per le modalità di conduzione e di…

Leggi tutto Leggi tutto

Il numero dei migranti (che non sono numeri) da Unimondo.org

Il numero dei migranti (che non sono numeri) da Unimondo.org

FONTE UNIMONDO Giovedì, 29 Giugno 2017 Foto: UNHCR Perché usare dati e statistiche quando si scrive di migranti e rifugiati? Perché i numeri aiutano 1) a “pulire” l’informazione dalle scorie di pregiudizi e luoghi comuni; 2) a certificare e a fondare meglio le argomentazioni; 3) a verificare affermazioni discutibili (fact cheking). È questa la sollecitazione dell’Associazione Carta di Roma, fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione all’omonimo protocollo per un’informazione corretta sui temi dell’immigrazione siglato dall’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione della Stampa Italiana nel giugno…

Leggi tutto Leggi tutto