Vai al contenuto

FONTE PRESSENZA.COM

 

Il Club Ferro Carril Oeste ha ospitato l’incontro di parenti, amici e compagni degli oltre 50 prigionieri politici del governo di Mauricio Macri. L’attività è stata convocata da un centinaio di organizzazioni politiche, per i diritti umani e altre organizzazioni, come il Forum per la democrazia e la libertà dei prigionieri politici, la Lega argentina per i diritti umani e il Comitato per la liberazione di Milagro Sala.

Milagro Sala, Mirta Guerrero, Gladys Días, Mirta Aizama, Javier Nieva, Graciela López, Patricia “Pachila” Cavana, María Condorí, Adriana Condorí, Iván Altamirano, Miguel Ángel Sibila, Julio Miguel de Vido, Roberto Baratta, Fernando Esteche, Amado Boudou, Daniel Ruiz, Luis D’Elía, José María Carrizo, Carlos Kirchner, Mariano Bruera, Atanacio Pérez Osuna, Fabián de Sousa, Gerardo Luis Ferreyra, Cristóbal López, Juan Pablo Schiavi, Oscar Thomas, Sebastián Mcdowall, Emanuel Lázzaro, Pablo Barriano, Luciano Fiochi, Facundo Jones Huala sono le persone nominate dal giornalista  Daniel Tognetti, all’inizio della manifestazione, più “25 mapuches imprigionati nelle cause connesse a Benetton”.

“Libertà a chi è in galera perché sta lottando!” hanno risposto i presenti.

respondieron con cánticos lxs presentes. Il cantautore Ariel Prat ha poi eseguito due canzoni, ma prima ha citato una frase di uno schiavo afro-americano che ha lavorato nella costruzione delle ferrovie negli Stati Uniti e che l’attivista e combattente per i diritti civili, Angela Davis, ha trasformato nel titolo di uno dei suoi libri: “Dicono che la libertà sia una lotta costante”.

Mentre sul lato del palco uno schermo mostrava le immagini delle manifestazioni per chiedere la libertazione dei prigionieri politici hanno preso la parola Estela Díaz e Daniel Catalano. La Segretaria della commissione Genere e Opportunità della CTA  e fondatrice del  Comité por la Libertad de Milagro Sala,ha detto: “L’arresto di Milagro Sala è venuto a costruire e dimostrare la pedagogia della crudeltà necessaria per mettere in funzione questa nuova fase del regime oligarchico in Argentina. Il modello di saccheggio della nostra ricchezza, delle nostre risorse, del nostro reddito, è sempre stato accompagnato da processi repressivi e criminalizzanti, e questa volta non ha fatto eccezione.

“Lo abbiamo detto quando misero dentro Milagro: ‘Oggi lei, domani chiunque di noi. Il sistema funziona, il sistema giudiziario, i media, il disprezzo e la condanna dei media, per garantire in seguito l’arbitrarietà nella detenzione”, ha detto Diaz e ha aggiunto: “Questo popolo ha memoria. L’inganno dei canti della sirena sta finendo ed è stato ascoltato domenica 11 agosto. Abbiamo avuto l’enorme felicità con i compagni APDH  di essere a Ezeiza il giorno 12  e ci siamo abbracciati l’un l’altro per l’enorme felicità di sentire che stiamo cominciando a lasciare questo capitolo di un’altra nuova ignominia per il popolo argentino. Per questo ci mettono in galera. Ma noi sappiamo che per costruire la strada della giustizia sociale, dell’uguaglianza, dell’inclusione abbiamo bisogno della libertà e per questo non smetteremo mai di lottare un solo giorno per la liberazione di tutti i prigionieri politici in Argentina.

Sullo schermo sono stati proiettati i saluti di Julio de Vido e Fernando Esteche, Luis D’Elía, Gerardo Ferreyra, Carlos Kirchner, Mario Bruera e Amado Boudou, mentre Luciana Danquis del PST ha letto un messaggio di Daniel Ruiz. “Non è rimasto molto. So che ne è rimasto poco. Non solo per recuperare la libertà dei prigionieri politici, ma anche la libertà di tutti i prigionieri argentini di vivere veramente una vera democrazia”, ha detto Milagro Sala in un saluto dalla sua prigione di Jujuy, che ha anche ringraziato i suoi compagni per la loro instancabile lotta per la libertà di tutti i prigionieri politici argentini. “Una militanza forte per ottobre, che ci siamo quasi arrivati. Hasta La Victoria Siempre”, ha concluso.

Infine, la chiusura dell’atto è stata affidata al chitarrista e cantante Iván Camaño.

FONTE  PRESSENZA.COM

 

La leader della Tupac Amaru, Milagro Sala, ha parlato ieri  con la stampa analizzando la campagna elettorale e il momento di crisi sociale ed economica che il paese sta attraversando. Milagro, tutt’ora agli arresti domiciliari ha detto: “Non penso alla mia situazione personale, penso ai compagni che hanno perso il lavoro, ai ragazzi che dormono per strada, ai pensionati che non arrivano a fine mese”.

Inoltre, commentando la campagna elettorale, ha aggiunto: “Macri e soci  stanno facendo una campagna sporca contro l’opposizione” e ha chiamato i militanti della Tupac a una forte militanza affinche l’opporsizione possa vincere.

Da un altro punto di vista, Milagro ha anche sottolineato le violazioni dei diritti umani a cui sono soggette le compagne detenute di Tupac Amaru nel carcere di Alto Comedero denunciando le continue molestie a cui sono sottoposte.

In un comunicato stampa il Comitato per la Liberazione di Milagro Sala ha ricordato il terzo anniversario dell’incarcerazione delle militanti Gladys Díaz, Mirta Aizama e Shakira Guerrero stanno scontando tre anni di detenzione ingiusta e arbitraria. Secondo il Comitato il Governo Macri e il Governatore Morales hanno creato un vero laboratorio politico-giudiziario teso a reprimere qualunque forma di opposizione.

Il caso di Milagro Sala e il duro attacco all’opposizione per mezzo di campagne giudiziarie costruite ad arte, con prove inventate e testimoni comprati era stato uno dei temi di un’intervista in TV rilasciata alcuni giorni fa da Estela de Carlotto, delle Madres de Plaza de Mayo.

FONTE FARN

Le comunità indigene nel bacino di Salinas Grandes e Laguna Guayatayoc denunciano l'avanzamento delle attività di estrazione del litio e la violazione dei loro diritti sanciti dalla Costituzione, Convenzione 169 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni indigene.

Lunedi 4 febbraio le comunità si sono svolte nel posto provincia di Agua Dulce di Jujuy, per manifestare contro il campo minerario che le aziende stanno installando Losi e Ekeko lì per iniziare a sviluppare un progetto di litio mineraria.

All'inizio della protesta, hanno dato ai responsabili dell'installazione una nota in cui chiedevano loro di cessare le attività per violare i loro diritti come comunità indigene. Inoltre, hanno inviato il governatore di Jujuy, Gerardo Morales, un'altra lettera in cui si chiedeva:

  • Il ritiro dal campo minerario;
  • L'interruzione del concorso di Jujuy Energy and Mining State Society (JEMSE) che invita a presentare progetti per lo sfruttamento del litio nelle Salinas Grandes e Laguna de Guayatayoc,
  • La firma il decreto di applicazione del protocollo di consultazione precedente Kachi Yupi: progetto che ha promesso di firmare nel 2017.

 

Il 43 ° anniversario del peggior colpo della storia argentina sarà ricordato da milioni di persone in tutto il paese. La memoria sarà legata all'angoscia della crisi sociale di oggi in un anno elettorale determinante

Di Ailín Bullentini

Ancora una volta Plaza de Mayo ei suoi dintorni diventeranno i luoghi questa domenica per esercitare la memoria quando organizzazioni per i diritti umani, sopravvissuti e parenti, gruppi politici e sociali ma, soprattutto, madri, padri, figli e figlie, gruppi di amici , fratelli e compagni convergeranno a ricordare le vittime dell'ultima dittatura militare, 43 anni dopo il suo inizio. La convocazione del consiglio nazionale delle organizzazioni per i diritti umani cita tutto e tutti a 14 nei pressi del Plaza con lo slogan "Con memoria e unità lotta per la patria che ha sognato i 30 mila"; lì, dove convergeranno con l'Associazione delle Madri di Plaza de Mayo, ore dopo leggeranno un documento. Il pomeriggio continuerà con la mobilitazione nello stesso luogo del Meeting della Memoria, Verità e giustizia e gruppi di sinistra. La Campora arriverà a Plaza de Mayo da La Esma.

"Non c'è modo di superare l'ipocrisia dei governi che voltano le spalle al popolo, non c'è modo di costruire la patria della giustizia sociale e una vita dignitosa per la quale i nostri figli e le nostre figlie hanno combattuto, senza essere uniti", riflette Nora Cortiñas. , una delle Madri di Plaza de Mayo della Linea Fondatrice che entrerà in Plaza de Mayo tenendo la bandiera con le foto di "tutti i nostri dispersi".

Il tavolo nazionale delle organizzazioni per i diritti umani chiede di partecipare alla Giornata nazionale della memoria per la verità e la giustizia a partire da 14. La bandiera blu con le foto delle vittime, mitico capo della marcia, sarà estesa a lungo l'Avenida de Mayo e avanzerà man mano che la strada si riempie di gente. "Memory" e "Unity" sono le due parole che suonano con forza nello slogan del convegno che hanno scelto per quest'anno. Sul concetto di "memoria", Cortiñas ha coinciso con il presidente delle nonne, un altro degli organi di convocazione, in cui "la memoria non può mancare". "La storia non è risolta. Perdere memoria significa permettere che le cose accadano di nuovo ", ha avvertito Carlotto durante le trasmissioni radiofoniche di ieri mattina.

Vedi L'ARTICOLO ALLA  FONTE >>>>  PAGINA12 

 

FONTE R/PROJECT

di Daniel Gatti

America latina: là dove i predicatori si impongono, l’egemonia é pentecostale

In guerra dichiarata contro qualsiasi movimento di emancipazione, l’evangelismo conservatore ha il vento in poppa sulla scena politica regionale. Capace di influire sull’agenda legislativa e sul dibattito politico attraverso tutto il continente, l’evangelismo non si limita a minacciare i diritti umani: é pure una sfida per una sinistra che non sa più rivolgersi alla sua propria base sociale.

“Esiste un nuovo intreccio tra il religioso ed il politico che la sinistra nel mondo e in modo particolare in America latina non sa cogliere. Il successo del neopentecostalismo conservatore é un esempio chiarissimo di questa nuova forma di intreccio che ha attecchito in modo assai importante nei settori popolari.” Per l’antropologo uruguayano Nicolàs Guigou, l’attuale successo di questi gruppi religiosi che si sono convertiti in poco tempo in protagonisti centrali della vita politica di tanti paesi di questa regione “é un fenomeno che dovrebbe interrogare a fondo i gruppi, le organizzazioni, i movimenti sociali che aspirano a cambiare le cose con la partecipazione dei settori popolari e di quelli più vulnerabili”. Lo stesso vale per il mondo accademico, “per esempio per i politologi”. La politica sta perdendo senso e significato in ampie frange della popolazione, dice Guigou a “Brecha”. “C’é un gran deficit del politico, un gran vuoto che, da qualche tempo in qua, i predicatori e le predicatrici pentecostali stanno colmando con il loro discorso”.

Non sono una novità, ma…

“La presenza di chiese evangeliche in America latina non é una novità. Ciò che é nuovo é il successo, il radicarsi della loro versione pentecostale conservatrice”, sostiene come tanti altri il sociologo boliviano Julio Còrdova Villazòn, specialista di questo ramo del protestantesimo. In un articolo apparso nel novembre del 2014 sulla rivista “Nueva Sociedad”, Còrdova segnala i cambiamenti intervenuti dall’inizio del secolo scorso. A quell’epoca, la loro “agenda” era liberale ed essenzialmente improntata sulla questione della separazione della chiesa cattolica e dello stato secondo il principio dell’artigliere che deve trovare lo spazio per esistere. Oggi invece, in fase di crescita e con un cattolicesimo in crisi, gli evangelici cercano di conquistare sempre più peso sulla scena politica tramite la creazione di partiti propri, grazie ad alleanze con altri, con lo sviluppo di una fittissima rete di mezzi di comunicazione e la moltiplicazione dei movimenti di difesa dei “valori morali cristiani”. Il tutto agevolato da consistenti, anche se poco santi, capitali.

Cordòva individua quattro tappe dell’espansione evangelica in America latina: “la lotta per la libertà di coscienza alla fine dell’ottocento ed agli albori del novecento; la polarizzazione ideologica durante gli anni 1960 e 1970; l’emergenza di partiti evangelici nei due decenni successivi; quella della ri-democratizzazione e, quale quarta fase, l’apparizione di movimenti in favore della famiglia con principi morali molto severi all’inizio del ventunesimo secolo”.

Durante la seconda di queste tappe, una parte molto minoritaria degli evangelici raggiunse i settori cattolici progressisti che stavano sviluppando la teologia della liberazione ed alcuni di loro parteciparono a dei movimenti di guerriglia di sinistra. “Però, sostiene il sociologo, la maggioranza assunse un atteggiamento passivo che finì per legittimare le dittature militari, considerate come la migliore delle opzioni”. ...continua a leggere "AMERICA LATINA: L’EGEMONIA E’ PENTECOSTALE"

 

 

FONTE PRESSENZA.COM

 

Il quadro clinico di Raúl Noro, marito di Milagro Sala, è da alcune settimane in peggioramento; questo peggioramento viene attribuito dal Comitato per la Difesa di Milagro Sala al persistere degli arresti domiciliari della dirigente sociale nella casa a cui è stata assegnata; questa casa non è il suo domicilio abituale ed è, per di più, a 40km dal centro di San Salvador de Jujuy e quindi lontana da ogni presidio medico della città.

...continua a leggere "Argentina: preoccupazione per la salute di Raúl Noro"

 

FONTE PRESSENZA.COM 

 

Milagro, non in buone condizioni di salute e agli arresti domiciliari sempre non a casa sua ma in quella lontana del Carmen, protesta per la celebrazione di due processi in contemporanea e per il continuare dei tentativi di intimidire e comprare testimoni da parte dell’accusa.

Sul suo sito di denuncia la giornalista Cynthia García riporta le dichiarazioni di María Condomí, una delle imputate nel processo chiamato “Pibes Villeros”,che ha assicurato che Jose Luis “Pato” Estrada, attuale controllore dell’organizzazione di quartiere Tupac Amaru e funzionario del governo di Jujuy ha offerto di dissociarla dal caso in cambio della sua testimonianza contro  Milagro Sala e Graciela Lopez. María Condomí ha assicurato alla corte che sia lei che sua sorella Adriana Condomí sono stati portati contro la loro volontà allo studio legale di uno degli avvocati di Gastón Morales, figlio del governatore di Jujuy, dove sono stati nuovamente spinti a testimoniare contro la deputata Parlasur.

Sia María che Adriana Condomí hanno denunciato di aver ricevuto minacce e di temere paura per la loro integrità fisica e quella dei loro figli. Il Comitato Nazionale per la Libertà di Milagro ha dichiarato: “Riteniamo il governo provinciale responsabile di tutto ciò che potrebbe accadere alla loro vita e alla loro integrità, e denunciamo ancora una volta le persecuzioni e le molestie di cui sono vittime i prigionieri politici della provincia di Jujuy”.

Le udienze dei processi sono state rinviate alla settimana prossima a causa delle condizioni di salute di Raúl Noro, compagno di Milagro, attualmente ricoverato all’ospeda

 

FONTE PRESSENZA.COM

 

Ad oltre mille giorni dalla sua detenzione prosegue la persecuzione politica nei confronti della leader dell’associazione Tupac Amaru, ma cresce anche la solidarietà internazionale affinché il suo caso si risolva in maniera positiva.

“Para Milagro, la libertad; para Morales, el repudio popular”: questo era lo slogan prevalente delle organizzazioni popolari che lo scorso 11 ottobre hanno manifestato a Buenos Aires per chiedere la liberazione di Milagro Sala, la deputata del Parlasur e leader dell’associazione Tupac Amaru, ormai detenuta in maniera arbitraria e illegale da oltre 1000 giorni.

Era il 16 gennaio 2016 quando Milagro fu arrestata con una serie di accuse di natura eminentemente politica. Dietro alla carcerazione dell’attivista della Tupac Amaru, attualmente ai domiciliari nella sua casa di El Carmen, a Jujuy (nel nord dell’Argentina), il presidente Mauricio Macri e il governatore provinciale Gerardo Morales. Divenuta uno dei simboli del crescente conflitto sociale nel paese, Milagro Sala, insieme alla sua Tupac Amaru, da anni si era battuta per costruire scuole, ospedali e interi quartieri, ricevendo finanziamenti fin quando il kirchnerismo è rimasto alla Casa Rosada. Le proteste contro l’ondata di licenziamenti dei lavoratori delle cooperative affiliate alla Tupac Amaru, culminate nell’acampada nella piazza di Jujuy di fronte al palazzo del governatore Morales, hanno rappresentato il casus belli che ha permesso al suo più acerrimo nemico di incarcerarla. Da allora, accuse fantasiose e surreali si sono sommate una dietro all’altra, mentre i 66mila cooperativistas per i quali si batteva la donna rimanevano senza lavoro.

In un’intervista rilasciata al quotidiano argentino Página 12, Milagro Sala ha evidenziato come Jujuy sia divenuto un laboratorio di repressione contro i movimenti sociali, denunciando inoltre l’uso politico della giustizia. Per lei si sono mobilitati, nel corso di questi mille giorni, il Comité Nacional para la Prevención de la Tortura, il Grupo de Trabajo sobre Detenciones Arbitrarias delle Nazioni unite e la Commissione interamericana per i diritti umani contro quella che, ogni giorno di più, appare come una evidente persecuzione politico-giudiziaria. Prima prigioniera politica della presidenza Macri, Milagro Sala ha sempre combattuto contro le politiche di Cambiemos e dei suoi uomini. Dal caso di Santiago Maldonado, la cui morte può essere a buon diritto definita come un “crimine di stato”, all’accanimento contro Milagro Sala, è evidente la politica del governo ostile ai leader sociali. A questo proposito, è significativa una lettera letta dalla figlia di Milagro, Claudia, al termine della manifestazione per la sua liberazione avvenuta a Buenos Aires: “Vi chiedo di lottare contro questo governo che rappresenta uno dei periodi più bui per il nostro paese”.

Tra le iniziative a sostegno della militante della Tupac Amaru anche il documentario “Milagro”, presentato lo scorso 11 ottobre a Buenos Aires, scritto e diretto da Cynthia García e Martín Adorno. Lo scorso 8 agosto Milagro Sala era stata vittima di un nuovo arbitrio, quando il giudice Pablo Pullen Llermanos ne aveva decretato il trasferimento dalla sua casa al carcere federale di Salta “General Güemes, senza alcun motivo reale che giustificasse la revoca degli arresti domiciliari e nonostante le molteplici raccomandazioni del Grupo de Trabajo sobre Detenciones Arbitrarias dell’Onu affinché lo Stato argentino adottasse tutte le misure necessarie per garantire i diritti della detenuta. Scrisse allora il Comitato per la liberazione di Milagro Sala: “Vogliono la sua morte. Il governatore Gerardo Morales e il giudice Pullen Llermanos continuano la loro politica di vessazioni contro Milagro. Sta diventando sempre più chiaro che non sono interessati alla sua vita. Non sono interessati alla giustizia, ma alla vendetta contro una donna che ha fatto quello che nessun politico di Jujuy ha fatto per i più umili”.

Tuttavia, il contesto politico attuale dell’Argentina è tutt’altro che favorevole a Milagro e la persecuzione nei confronti della donna è stata rilanciata più volte anche tramite un editoriale pubblicato dal quotidiano di destra La Nación risalente al 2012, in cui si accusava la deputata del Parlasur di aver tratto vantaggi personali e di aver speculato sui fondi concessi dal kirchnerismo per opere sociali. “Oggi”, accusa Milagro Sala, “Macri e Morales si servono di una giustizia ingiusta per mettere a tacere gli oppositori, mentre il paese è governato dal Fondo monetario internazionale. Sono dei corrotti, ma ci accusano di essere noi i corruttori”.

#LiberenaMilagro e #1000diasPresaPolitica sono gli slogan che risuonano contro i processi montati ad arte non solo per eliminare politicamente Milagro Sala, ma anche per farla finita con il kirchnerismo e le conquiste sociali raggiunte dagli argentini in tanti anni di lotta. Prigioniera di Morales e Macri, Milagro Sala è riuscita a far conoscere in tutto il mondo la sua storia di persecuzione: la battaglia per la sua liberazione deve trasformarsi in una trinchera de lucha fino alla sua liberazione e a quella di tutti gli altri prigionieri politici del paese.

 

FONTE PRESSENZA .COM

19.08.2018 - Redazione Italia

Milagro Sala torna ai domiciliari ma nella casa sbagliata, per la terza volta
Milagro di nuovo al Carmen (Foto di Prensa Tupac)

Ieri in mattinata il giudice Pullen Llermanos ha dovuto revocare il suo stesso provvedimento che aveva trasferito Milagro Sala dagli arresti domiciliari al Carmen a un carcere di Salta. L’annullamento del procedimento di reclusione era stato ordinato dalla Corte Suprema Argentina che ha ribadito di aver accettato  le risoluzioni della Corte Interamericana dei Diritti Umani.

In una intervista a Página 12 la dirigente della Tupac Amaru ha detto “Volevano spezzarmi ma non ce l’hanno fatta!”; Milagro aveva iniziato uno sciopero della fame per protestare contro quest’ennesima ingiustizia.

Rispetto all’incomprensibile modo di agire del giudice jujueno la dirigente sociale ha detto, sempre a Página 12: “è  la terza volta che non si conforma alla sentenza della Corte internazionale e della Corte suprema. Nell’ultima sentenza della Corte suprema, in uno degli articoli,  hanno chiesto di spiegare perché non ha dato seguito alla  richiesta di andare a casa mia. Avrei dovuto scontare i domiciliari a casa mia, nel quartiere di Cuyaya, e non a El Carmen. Adesso ha fatto di nuovo la stessa cosa, è la terza volta. Sembra che non abbia la capacità di comprendere gli scritti della Corte suprema”.

 

FONTE PRESSENZA.COM

Il 24 di Luglio inizia un nuovo processo a Milagro Sala e a numerosi membri della sua associazione, la Tupac Amaru. Si tratta di uno dei processi più importanti, quello denominato “Pibes Villeros”, con un insieme di accuse inerenti presunte malversazioni dei fondi gestiti dall’organizzazione nel corso delle sue attività di costruzione di case popolari. La Tupac Amaru è diventata famosa nel mondo per aver creato un sistema virtuoso di cooperative di costruzione che permetteva di costruire a prezzi bassi le case popolari finanziate dal governo e, con i soldi avanzati, costruire scuole, centri medici e sportivi e perfino piscine in ogni quartiere.

Questo processo che invece dipinge la Tupac come un’organizzazione criminale è duramente contestato dal collegio di difesa di Milagro Sala che denuncia numerose violazioni del diritto di difesa ed in particolare il fatto che i giudici abbiano impedito di produrre prove.

In un’intervista a Pagina 12 (ormai uno dei pochi media non allineati con il macrismo dominante) il collegio di difesa ha dichiarato che teme seriamente per l’imparzialità dei giudici: la situazione “priva tutti gli imputati del diritto ad essere giudicati da giudici imparziali e indipendenti e lede gravemente il diritto di difesa”.. Si `fatto anche notare che nel processo verranno usati filmati che dovrebbero essere protetti dal segreto bancario e le testimoninanze di ex membri della Tupac Amaru che sono stati portati a testimoniare grazie ad offerte di vantaggi o minacce.

fonte Pressenza.com

10.06.2018 - Mariano Quiroga

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Portoghese

Argentina: nuovo attacco giudiziario alla Tupac Amaru

 

 

Continuano le vessazioni nei confronti dell’organizzazione di quartiere Tupac Amaru, nella provincia argentina di Jujuy,, con nuovi capitoli di arbitrarietà. Oltre alle detenzioni illegali di diversi membri dell’organizzazione,  si è  aggiunta la perquisizione e il sequestro della sede centrale dell’associazione, nel centro della capitale Jujuy, San Salvador.

La leader Milagro Sala, agli arresti domiciliari, ha protestato per l’azione della polizia e della giustizia provinciale, oltre a denunciare che l’operazione di polizia è stata condotta senza mandato e da un emissario del governatore, Gerardo Morales.

“Vogliono portarsi via tutto ciò che è della Tupac. José Luis Estrada è colui che Morales ha incaricato di agire con la sua banda di polizia per intimidire tutti i nostri compagni”, ha detto Sala in un’intervista con i media della capitale argentina.

Estrada è stato nominato controllore della Tupac Amaru e, oltre ad espellere le persone che si trovavano nell’edificio, ha sequestrato il tomografo che l’istituzione ha acquistato e che è ancora l’unico della provincia.

“Lo scanner  era in funzione per tutti gli associati e per chiunque ne avesse bisogno con un contributo di tre pesos (circa 15 centesimi). Hanno preso tutta l’attrezzatura per fare i raggi X e gli ultrasuoni, tutto è stato acquistato con molto sacrificio, non c’erano argomenti per prenderli. Il giudice Pullen Llermanos è noto per essere un accaparratore, non gli importa nulla della salute delle persone”, ha detto Sala a Radio La Patriada.

 

 

DILMA EN LA FERIA DEL LIBRO

Streaming en vivo

Pubblicato da Página/12 su Martedì 1 maggio 2018

“Libre o preso, Lula va a ser presidente de Brasil”
Una mesa amplísima encabezada por la presidenta derrocada en Brasil convirtió la presentación del libro Lula - La verdad vencerá en un acto continental por la libertad del líder preso.

Affermazione di Dilma Rousseff, presidente del Brasile un mandato pieno, eletta ancora una volta nel 2014, ha assunto l'incarico nel 2015 e rovesciata nel 2016: "Temo per la vita di Lula, per il cibo che mangia e per  l'acqua che beve, e perché è stata impedita la visita di un medico ". Un altro: "Con Lula stanno usando la giustizia del nemico", che individua chi distruggere e poi si vede come. È il sistema del lawfare che usa la legge come strumento di guerra........
Questo era il tono dominante della presentazione presso la Sala Jorge Luis Borges della Fiera del Libro, da "La verità vincerà" il libro dei colloqui con Lula che hanno pubblicato PáginaI12, Editoriale ottobre, Boitempo editoriale e il Consiglio latinoamericano delle Scienze Sociali , in vendita dalla scorsa domenica presso i chioschi. E 'il libro in cui Lula racconta come il colpo di Stato, perché non si è rifugiato in un'ambasciata piuttosto che andare in galera, quali errori ha fatto il Partito dei lavoratori e quello che è successo ai membri della élite sarà arrabbiato è stato concepito quando i poveri iniziarono salire sugli aerei....

L'ARTICOLO PROSEGUE SU PAGINA12

FONTE PAGINA12.AR.COM

 

Violento operativo de Gendarmería tras una denuncia de Benetton
En Cushamen siguen los atropellos

A seis meses de la represión que derivó en la muerte de Santiago Maldonado, efectivos de la Gendarmería ingresaron esta mañana en la comunidad mapuche. Maniataron a varios de sus miembros e incautaron los caballos, que luego se llevaron en una camioneta propiedad del empresario Luciano Benetton. Denunciaron que el operativo fue ilegal y no descartan que haya sido para "plantar pruebas".

Integrantes de la comunidad mapuche Pu Lof en Resistencia Cushamen, en Esquel, denunciaron que esta mañana efectivos de la Gendarmería realizaron un nuevo allanamiento ordenado por la jueza Graciela Rodríguez y el fiscal Díaz Meyer tras una denuncia de la estancia Leleque, propiedad del magnate italiano Luciano Benetton. Según contaron los integrantes de la comunidad, los efectivos los maniataron con precintos durante el operativo y se llevaron incautados sus caballos, a los que subieron a una camioneta de la compañía Tierras del Sud, propiedad de Benetton. Hay una mujer herida, que debió ser trasladada al hospital. Ayer se cumplieron seis meses de la desaparición y muerte de Santiago Maldonado, víctima de la represión de la Gendarmería en esa misma comunidad.

El relato de los integrantes de la comunidad se difundió por medio de la Red de Apoyo a las Comunidades en Conflicto, donde relataron que los efectivos llegaron a la comunidad a primera hora de la mañana y “mantuvieron precintados a los miembros de la comunidad en el sector de la guardia sin dejarlos siquiera ir al baño”. Contaron que en el procedimiento los uniformados se llevaron incautados los caballos que había en la comunidad, que subieron a un camión de la compañía Tierras del Sud, propiedad de Benetton. Luego del operativo, una mujer llamada Vanesa Millañanco debió ser trasladada al hospital de Maitén y dese la comunidad sostuvieron que se desconoce cuál es su estado de salud.

“Denunciamos este nuevo atropello a Pu Lof Resistencia Cushamen como totalmente ilegal debido a que no se contó con testigos del procedimiento, es decir que las fuerzas represivas hicieron lo que quisieron durante el tiempo que estuvieron dentro de Pu Lof y no descartamos que puedan generar algún tipo de montaje para culpar a los miembros de la comunidad a través de implantar falsas pruebas”, sostuvieron desde la comunidad en el comunicado. Apuntaron también contra la ministra de Seguridad, Patricia Bullrich, como responsable de una “cacería contra el pueblo Mapuche y una campaña mediática de difamación verdaderamente sin escrúpulos”.

 FONTE PRESSENZA.COM

17.01.2018 - Buenos Aires - Mariano Quiroga

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Due anni a chiedere la liberazione di Milagro Sala

Nella mattinata di ieri (16 gennaio) si è tenuta una manifestazione nel centro di Buenos Aires per chiedere la liberazione della leader sociale Milagro Sala, nel secondo anniversario della sua detenzione arbitraria e illegale a Jujuy, nel nord dell’Argentina.

Dall’Obelisco di Buenos Aires alla sua casa nella provincia di Jujuy i manifestanti hanno marciato cantando per la libertà di tutti i prigionieri politici in Argentina e contro Gerardo Morales, il governatore di Jujuy e Mauricio Macri, presidente del paese, per denunciare l’arbitrarietà di un potere giudiziario cheesegue gli ordini del potere politico.

C’è stata anche una conferenza stampa in cui è stato denunciato il governo autoritario, la sua non osservanza dei diritti umani, oltre che delle garanzie costituzionali e del diritto a un equo processo. È stato evidenziato l’importante ruolo della mobilitazione popolare che ha fatto si che il mondo guardasse con preoccupazione ciò che sta accadendo in Argentina, paese in cui stanno tornando pratiche totalitarie, persecuzioni politiche e repressioni.
Durante la mattinata sui social network è stato lanciato anche un “tuiteazo” con lo scopo di diffondere il messaggio di libertà per la parlamentare del Mercosur e presidentessa della Tupac Amaru.

#2AñosPresaPolitica e #LiberenMilagro sono stati alcuni degli hashtag più usati. ...continua a leggere "Due anni a chiedere la liberazione di Milagro Sala"

Agli insegnanti di Buenos Aires, Argentina viene data la possibilità di lasciare volontariamente la propria unione locale ogni volta che si collegano personalmente al sito web del ministero della Cultura e dell'Istruzione.

"Sei registrato come membro corrente di (United Teachers Front, UTF). Per iniziare il processo di dimissioni dall'unione clicca QUI, "legge la pagina all'accesso alla pagina del governo.

Segue testo in inglese

Teachers in Buenos Aires, Argentina are being given the option to voluntarily leave their local union each time they personally log in to the Culture and Education ministry website.

...continua a leggere "Neoliberismo autoritario . Attività antisindacali del governo Macri in Argentina"

 

FONTE PRESSENZA.COM 

15.01.2018 - Redazione Italia

Milagro Sala, da due anni prigioniera politica: tuitazo internacional

 

 

Il 16 di gennaio saranno due anni che Milagro sala è ingiustamente e illegalmente detenuta dalla magistratura di Jujuy per ordine di Macri e Morales. Nonostante le richieste di liberazione e di poter affrontare i processi da libera cittadina la deputata del ParlaSur è stata prima in prigione e poi agli arresti domiciliari (prolungati di un altro anno recentemente) e questi ultimi nemmeno a casa sua. Oltre a questo sono stati arrestati altri membri della sua organizzazione, la Tupac Amaru.

Per questo e per l’assoluta mancanza di garanzie costituzionali e giuridiche il Comitato per la Liberazione di Milagro Sala ha proposto per domani un tuitazo che in Argentina comincerà alle 9 ora locale e a cui si aggiungeranno tutti i Comitati nazionali che si sono formati in numerosi paesi del mondo end anche qui in Italia.

Gli hashtag sono:

#2AñosPresaPolítica
#LiberenAMilagro

 

e si consiglia di inviare copia a @mauriciomacri  e  @MoralesGerardo1

Il comitato prega di inviare il tweet anche a @ComitexMilagro

Qui di seguito esempi di tweet in spagnolo ma si suggerisce di scrivere nella propria lingua per far notare la solidarietà internazionale.

El Estado nacional sigue incumpliendo con las resoluciones de @ONU_es@CIDH y @CorteIDH entre otros organismos de derechos humanos #2AñosPresaPolítica #LiberenAMilagro

El Poder Judicial de Jujuy no solo incumple las resoluciones de organismos internacionales como @ONU_es @CIDH @CorteIDH y @amnesty, entre otros, sino también el fallo de @cortesupremaAR #2AñosPresaPolítica#LiberenAMilagro

Lo dijimos el primer día: “Hoy es Milagro, mañana podés ser vos”. Los presos políticos de @mauriciomacri son cada vez más. Exigimos el fin de la persecucion politica y la libertad de todxs lxs presxs politicxs. #2AñosPresaPolítica #LiberenAMilagro

La corporación judicial es cómplice de @MoralesGerardo1 que mantiene detenida ilegalmente a Milagro Sala #2AñosPresaPolítica #LiberenAMilagro

Milagro Sala está detenida ilegalmente por orden del gobernador @MoralesGerardo1 y del gobierno de @mauriomacri #2AñosPresaPolítica#LiberenAMilagro

05.01.2018 - San Salvador de Jujuy, Argentina Redacción Argentina

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Ancora una volta irruzione in casa di Milagro Sala

A pochi giorni dal vergognoso secondo anniversario della detenzione arbitraria di Milagro Sala e nel bel mezzo delle ferie degli organi giudiziari, è stato aperto un nuovo caso contro la leader del movimento sociale.

Con un'ondata di irruzioni e perquisizioni per trovare possibili prove dei crimini denunciati, una nuova intimidazione è in corso contro la leader della Tupac Amaru e la sua famiglia. Riportiamo il comunicato stampa dell’organizzazione:

“Abbiamo iniziato l’anno con un nuovo spettacolo contro Milagro Sala”

Nel mezzo delle ferie degli organi giudiziari, a pochi giorni dall’anniversario dei due anni di detenzione arbitraria di Milagro Sala, inventano una nuova causa contro di lei. Questa volta, ovviamente, riciclaggio di denaro sporco. Inoltre, sono entrati per la quarta volta presso il suo indirizzo in via Gordaliza, nel quartiere di Cuyaya. Per di più, invieranno bulldozer alla città di El Carmen per trovare denaro che, si dice, sarebbe sepolto. “Devono continuare con lo spettacolo di Milagro Sala per coprire quello che succede a Jujuy. Un governo che non dà risposte ai lavoratori, con funzionari perennemente coinvolti in scandali, come l’omicidio dello studente Matías Puca, o il recente incidente che mise in primo piano l’ormai dimissionario direttore della gioventù, Matías Rivera”, ha detto la Tupac Amaru. ...continua a leggere "Ancora una volta irruzione in casa di Milagro Sala"

Argentina, libertà di stampa condizionata!

FONTE SINISTRA.CH

  in America latina/Editoriali/Internazionale/Opinione  di 

Si è chiuso un tragico anno 2017 per la libertà di stampa in Argentina. Solo lo scorso 19 dicembre, a Buenos Aires, 39 giornalisti hanno subito una violenta repressione da parte delle forze dell’ordine dello Stato. Una violenza così estrema che porta la memoria agli anni bui delle dittature civico-militare del recente passato.

Nelle numerose manifestazioni popolari contro le politiche economiche del governo di Mauricio Macri, avvenute durante l’anno appena trascorso su tutto il territorio argentino, sia la Gendarmeria Nazionale, sia la Polizia Federale o le diverse polizie provinciali, si sono particolarmente concentrate contro quella stampa che documenta le diverse violazioni che avvengono nel paese sui Diritti Umani.

L’ultima di tutte queste manifestazioni, che ha portato in piazza circa 500mila persone, è avvenuta il 19 dicembre per protestare contro le riforme previsionali volute dal governo di Macri, soprattutto a danno dei pensionati. Quel giorno l’aggressione contro la stampa è stata preparata, a regola d’arte, con lo scopo di cancellare o mettere sotto silenzio ogni traccia della brutale violenza esercitata in piazza contro i manifestanti oppositori al governo. ...continua a leggere "Argentina, libertà di stampa condizionata!"

 FONTE :  PRESSENZA.COM

13.12.2017 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Argentina: United Colors of Murder

da Observatorio Argentino

In Argentina, il governo di Mauricio Macri, in combutta con i grandi gruppi petroliferi, minerari e agroindustriali, ha scatenato una violenza feroce e omicida contro le comunità indigene dell’intero paese, con la complicità del sistema giudiziario e l’appoggio dei principali gruppi di informazione. La comunità globale e le istituzioni internazionali devono agire ora prima che il massacro raggiunga proporzioni ancora maggiori.

Uno stato razzista ha bisogno di costruire un nemico violento e bestiale dalla cui eliminazione dipende il bene comune. Ciò che permetterà di vivere alla comunità, alla “gente” è la morte dell’altro — ebreo, mussulmano, indigeno- che viene così stigmatizzato: questa è la logica implacabile dei moderni razzismi. Il 25 novembre, poco prima che il summit del G20 si spostasse nella città patagonica di Bariloche, è stato assassinato con un tiro alle spalle il giovane muratore Rafael Nahuel, 22 anni, durante un’operazione della Prefettura contro la comunità mapuche Lafken Winkul, comunità che reclama i propri diritti ancestrali sui territori. L’operazione era stata decisa dal giudice federale di Bariloche, Gustavo Villanueva; allo stesso Villanueva è stata poi affidata l’inchiesta sul caso, definito di “morte sospetta”, nonostante il calibro del proiettile coincida esattamente con quello delle mitragliatrici usate dalle forze di polizia. Pochi mesi prima, durante un’altra operazione contro la comunità mapuche Lof Cushamen, coordinata dal Capo di Gabinetto del Ministero degli Interni, Pablo Noceti, dall’estanciadi Luciano Benetton -che i mapuche accusano di aver loro rubato le terre — è desaparecido il giovane Santiago Maldonado; il corpo senza vita del giovane è stato ritrovato nel fiume alcuni mesi dopo, in circostanze oscure. Nessuno dal Governo riesce a spiegare perché Maldonado, che non sapeva nuotare, si sia buttato “di propria volontà” nel fiume, proprio quando la Gendarmeria stava reprimendo la protesta. ...continua a leggere "Argentina: United Colors of Murder"

fonte pressenza.com

07.12.2017 - Mariano Quiroga

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Tedesco, Greco

Milagro Sala passerà il Natale a casa

 

Un giorno dopo che la Corte Suprema argentina aveva accettato la sentenza della Corte Interamericana dei Diritti Umani, secondo cui la giustizia argentina e il governo nazionale dovevano come minimo concedere gli arresti domiciliari a Milagro Sala per preservare la sua integrità fisica, la Corte Federale No. 2 di Jujuy ha assolto la leader della Tupac Amaru dall’accusa di aver minacciato due agenti di polizia.

“Nonostante le persecuzioni durate anni, è stata dimostrata la mia innocenza” ha dichiarato Sala mentre veniva portata via dall’udienza dalle guardie carceraria della provincia di Jujuy, nel nord dell’Argentina.

Negli ultimi 692 giorni Milagro Sala è stata detenuta arbitrariamente, mentre man mano venivano creati nuovi casi e accuse contro di lei per poter prolungare la sua carcerazione preventiva.

L’avvocato della leader sociale, Elizabeth Gómez Alcorta, ha spiegato che “I giudici hanno assolto Sala in base al principio del ragionevole dubbio. E’ tutto quello che sappiamo. Bisogna vedere se l’accusa presenterà appello.” Il collegio di difesa della leader della Tupac Amaru comprende anche gli avvocati Paula Alvarez Carreras e Luis Paz.

“Ci sono momenti in cui le bugie più evidenti non reggono più, le falsità vengono smascherate e non c’è più spazio per emettere una condanna,” ha aggiunto Gómez Alcorta rispetto all’inconsistenza del caso, presentato oltre tre anni fa dal figlio dell’attuale governatore Gerardo Morales.

“La Corte ha reso noto ai giudici che devono rispettare immediatamente e completamente la sentenza della Corte Interamericana dei Diritti Umani. Questo significa che non esistono più margini e scuse per tenere Milagro in prigione anche solo per un altro minuto,” ha detto l’avvocato Gómez Alcorta. Ha poi spiegato che la CIDI ha ordinato che gli arresti domiciliari debbano avvenire nella sua residenza abituale nel quartiere di Cuyaya e non nella casa di El Carmen, dove è rimasta per alcune settimane nonostante non fosse praticamente abitabile.

“Elimineremo e distruggeremo ogni accusa contro Milagro. Oggi è stato dimostrato che il potere esecutivo ha i suoi limiti” ha detto l’avvocato Luis Paz. Da parte sua Gómez Alcorta ha festeggiato l’idea che “Milagro Sala passerà il Natale a casa, con la sua famiglia”.

 

FONTE PRESSENZA.COM

06.12.2017 - Redazione Italia

Argentina, Roma: i diritti umani nel tempo di Macri

I diritti umani nel tempo di Macri, il governo delle multinazionali: Benetton nelle terre dei Mapuche

Incontro-dibattito giovedì 7 dicembre 2017 alle ore 19:00 presso la Casa del Popolo

Via B. Bordoni, 50 – Torpignattara – Roma

Il 7 dicembre 2017 presso la Casa del Popolo di Torpignattara si terrà un incontro che affronterà il delicato tema dei diritti umani in Argentina sotto il governo di Mauricio Macri.

Al dibattito saranno presenti ospiti d’eccezione come Taty Almeida, scrittrice, attivista dei diritti umani e membro de Madres de Plaza de Mayo Linea Fundadora, Carlos Pisoni militante di HIJOS (Hijos e Hijas por la Identidad y la Justicia contra el Olvido y el Silencio) e Sergio Maldonado, fratello di Santiago, attivista argentino impegnato per la difesa dei diritti del popolo Mapuche dapprima sequestrato e poi ritrovato senza vita a distanza di mesi.

L’Argentina vive nuovamente un periodo storico critico e difficile in materia di diritti umani e ne sono altri esempi la detenzione illegale di Milagro Sala, dirigente dell’organizzazione Tupac Amaru, la criminalizzazione e la repressione della protesta sociale e quelle dei popoli originari. Sono alcune delle tematiche che si affronteranno durante il dibattito oltre alla recente sentenza della mega causa ESMA, il centro di detenzione illegale durante la dittatura civico-militare dal 1976 al 1983.

Nel corso della serata inoltre verrà consegnato ai familiari di Santiago Maldonado una targa in sua memoria insignito all’attivista dal Premio ISUPP (IoSonoUnaPersonaPerbene).

L’incontro è organizzato in collaborazione con HIJOS Capital da Argentinos en Italia por Memoria Verdad y Justicia, da Progetto Sur, dal Comitato per la liberazione di Milagro Sala e dall’agenzia stampa internazionale Pressenza

Mounted police keeping guard on University students protesting against corruption in the education sector, in front of the National Congress in Asuncion (Paraguay).   (Santi Carneri)

fonte equaltime.org

Le 17 octobre, jour de commémoration annuel en Argentine de Juan Domingo Perón, fut repêché dans le fleuve Chubut le corps sans vie de Santiago Maldonado, un jeune artisan porté disparu 80 jours plus tôt et aperçu pour la dernière fois au cours d’un affrontement entre la communauté Mapuche et les forces de sécurité de l’État.

Ces faits s’inscrivaient dans le contexte d’un conflit territorial de longue durée qui oppose les Mapuche à la multinationale Benetton. La disparition de Maldonado avait tenu en haleine la société argentine tout entière pour laquelle le terme de « disparu » évoque les victimes de la dictature civile-militaire de 1976-1983 et incité des centaines de milliers de personnes à se concentrer dans la Plaza de Mayo de la capitale argentine, au même endroit où, 40 ans plus tôt, les Mères de la Plaza de Mayo avaient commencé à effectuer leurs rondes hebdomadaires pour interpeller les autorités sur le sort des membres de leur famille.

...continua a leggere "La contestation sociale réprimée en Amérique latine"

 fonte remocontro che ringraziamo

Argentina e desaparecidos, condannati all’ergastolo i piloti dei “voli della morte”. Storica sentenza contro 48 ufficiali della dittatura.
Processo alla famigerata Escuela mecanica della Marina trasformata in un centro di tortura. Tra i condannati per sequestri, torture e omicidi c’è Alfredo Astiz, soprannominato l’«angelo della Morte». Nel 1977 si infiltrò tra le Madres di plaza de Mayo, le donne in cerca dei figli desaparecidos. Tre fondatrici dell’associazione, tra cui Esther Ballestrino, amica di Papa Francesco, due monache francesi e altri 7 attivisti vennero rapiti e uccisi.

La storia ieri

Ventiquattro marzo 1976. Tutto finì all’una di notte, quando il generale José Rogelio Villareal disse a Isabel Martínez de Perón: «Signora, le Forze armante hanno preso il controllo politico del Paese. Lei è in arresto».

Il controllo del Paese fu assunto da una triade di comandanti: il tenente generale Jorge Rafael Videla, l’ammiraglio Emilio Eduardo Massera e il generale di brigata Orlando Agosti.
Fu il maggior genocidio nella storia del Paese: 30 mila desaparecidos e 500 bambini rubati, secondo le madri di Plaza de Mayo, 7/8 mila morti ammazzati secondo lo stesso Videla, che già nel 1977 aveva dichiarato: «In ogni guerra ci sono persone che sopravvivono, altre che rimangono invalide, altre che muoiono e altre che spariscono. L’Argentina è in guerra e la sparizione di alcune persone è una conseguenza non desiderata di questa guerra». ...continua a leggere "Dasaparecidos e i ‘voli della morte’, ergastoli alla dittatura argentina"

fonte PRESSENZA.COM

 

28.11.2017 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

Anche la Corte Interamericana per i Diritti Umani chiede la scarcerazione di Milagro Sala
(Foto di L'Impronta L'Aquila)

Dopo le numerose prese di posizione di organismi internazionali, associazioni, personalità ora anche la Corte Interamericana per i Diritti Umani ha emesso una risoluzione in cui chiede che Milagro Sala esca dal carcere e sia assegnata, a casa sua e non altrove, agli arresti domiciliari.

La risoluzione è stata diffusa agli organi di stampa e alle autorità competenti nella giornata di ieri; chiede anche che lo Stato Argentino si preoccupi di assicurare assistenza medica e psicologica alla dirigente sociale; chiede al più tardi per il 15 dicembre un rapporto dettagliato sulla realizzazione degli arresti domiciliari e che vi sia un rapporto alla Corte ogni tre mesi; chiede infine ai rappresentanti legali di Milagro Sala di fare le opportune osservazioni sull’applicazione di queste risoluzioni.

FONTE PRESSENZA.COM

16.11.2017 - San Salvador de Jujuy - Redacción Argentina

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Lettera di Milagro Sala ai giudici

 

Ai giudici e pubblici ministeri di Jujuy:

Oggi voglio scrivere quello che già tutti voi sapete, ma che credo sia necessario dire .

Voi sapete che sono una perseguitata politica. Anche se dite pubblicamente il contrario, sapete che sono una perseguitata politica.

Sapete che il mio arresto e la successiva detenzione sono state decise dal governatore Gerardo Morales.

Sapete che le cause intentate contro di me sono state decise nel palazzo del governatore. Sapete anche che voi avete obbedito e siete stati, e siete, strumenti di persecuzione politica.

Sapete che il giudice Pullen Llermanos ha proposto più volte ai detenuti di scambiare la loro libertà per una dichiarazione contro di me. Lo sapete e sapete che Pullen Llermanos rispetta i patti. Chi testimonia contro Milagro Sala ha libertà e assoluzione, chi non accetta può aspettarsi una pena detentiva indefinita.

Sapete ogni passo giudiziario che ha luogo nelle cause viene consultato e deciso nel palazzo del governatore.

Voi, giudici e pubblici ministeri, siete quelli che chiedono e obbediscono, lasciando da parte i principi del diritto che avete studiato all’università e che avete giurato di difendere.

Sapete che la persecuzione non è solo contro di me, ma contro la mia famiglia e i compagni e le compagne della Tupac che non hanno tradito la verità né le loro convinzioni.

Sapete che la persecuzione è anche contro i miei avvocati, che sono stati puniti più volte.

Non tentate solo di metterci in galera per molti anni, volete anche distruggerci come persone e cercare di sotterrare tutto il lavoro sociale e popolare che la Tupac Amaru ha fatto.

Voi sapete, e lo so anch’io, che verrò condannata, poiché questa è la decisione di Morales e voi gli obbedite.

Sappiate anche che la storia non si ferma e che un giorno dovrete dar conto, con tutte le garanzie legali che vi spettano, di queste persecuzioni.

Sappiate, inoltre, che le differenze politiche non si risolvono con la reclusione degli avversari. Quelli che lo fanno finiscono per essere mercenari del potere politico autoritario.

Con le mie convinzioni intatte.

Milagro Sala
Prigioniera Politica.

FONTE  LAVOROCULTURALE

L’ultima volta che è stato visto vivo, il ventottenne Santiago Maldonado stava partecipando a una mobilitazione della comunità in resistenza di Cushamen – provincia di Chubut, Argentina.

Santiago Maldonado

«… e sì, noi siamo coscienti che se fossimo stati mapuche, invece di un giovane come Santiago, tutto questo non avrebbe avuto una ripercussione del genere. Santiago ha lanciato quel grido di cui noi avevamo bisogno. È molto triste che sia toccato a lui».

Ivana Huenelaf, attivista mapuche, commentava così, lo scorso settembre, la desaparición di Santiago Maldonado. Lei stessa, nel mese di gennaio, era stata vittima della repressione scatenata dalla gendarmeria argentina contro la comunità (Pu Lof) in resistenza di Cushamen. Insieme ad altre cinque persone, è stata trattenuta per diverse ore nel commissariato locale, ferita – dopo che i gendarmi le avevano fratturato un polso –, incappucciata e isolata dal resto del mondo. Durante il fermo, ha sentito alcuni agenti negare, alle attiviste e agli avvocati venuti a cercarla, di averla trattenuta, mentre altri gendarmi le dicevano «los vamos a hacer desaparecer»: vi faremo scomparire.

Santiago

L’ultima volta che è stato visto vivo, il ventottenne Santiago stava partecipando a una mobilitazione della comunità in resistenza di Cushamen – provincia di Chubut, Argentina – che protestava per l’arresto del proprio lonko[1] e per la minaccia di sgombero da parte delle autorità locali. La manifestazione è stata duramente repressa dalla Gendarmeria nazionale[2]e le tracce di Santiago si sono perse durante le violenze, quando un testimone ha visto che veniva costretto a salire su un veicolo dei gendarmi. Da quel momento, per 81 giorni, di lui non si è saputo più nulla, finché il suo corpo non è stato ritrovato il 18 ottobre nel Río Chibut, in una parte poco profonda del fiume già ripetutamente setacciata nelle settimane precedenti.

La gestione del caso di Santiago, su cui sono intervenute anche l’ONU e la Commissione Interamericana per i Diritti Umani, ha registrato numerose negligenze da parte dell’apparato statale argentino: dalla lentezza con cui si è investigato circa il coinvolgimento della Gendarmeria – i veicoli usati durante la repressione, ad esempio, sono stati analizzati parecchi giorni dopo i fatti, quando ormai erano già stati lavati –, all’apparente svista con cui Patricia Bullrich, Ministra della Sicurezza, ha rivelato in una conferenza stampa il nome di un testimone protetto coinvolto nell’inchiesta, che aveva denunciato come, alcuni giorni dopo la scomparsa di Santiago, qualcuno avesse risposto al telefono del giovane desaparecido. Apparenti sviste e negligenze che hanno portato anche alla ricusazione e sostituzione del giudice responsabile dell’inchiesta. ...continua a leggere "Il grido di Santiago per le comunità Mapuche"

 fonte pressenza.com

01.11.2017 - Redazione Italia

Milagro Sala in clinica mentre respingono di nuovo gli arresti domiciliari

Arrivano notizie parzialmente contraddittorie da Jujuy, dove il caso giudiziario, ma soprattutto politico, di Milagro Sala assume i toni di una telenovela. La dirigente sociale della Tupac Amaru è attualmente ricoverata in una clinica per sottoporsi ad esami medici e psicologici, richiesti dalla sua equipe di avvocati difensori, per stabilire se sia opportuno il suo mantenimento in carcere, presso la prigione di Alto Comedero dove è tornata reclusa il 14 ottobre in seguito alla revoca degli arresti domiciliari. Gli arresti domiciliari erano stati concessi in applicazione alla sentenza della Corte Interamericana dei Diritti Umani (CIDH) che aveva imposto allo Stato Argentino di concederli in funzione del concreto pericolo di salute e di vita che Milagro soffriva in prigione.

La nuova richiesta del collegio difensivo di tornare ai domiciliari è stata non solo respinta ma, nella sentenza, si rimprovera al collegio di difesa di aver usato termini non adeguati a un procedimento giuridico e si ribadisce che lo Stato Argentino non è obbligato a rispettare le sentenze della CIDH e che tali sentenze vanno interpretate come semplici consigli.

Di fronte a questo stato di cose, ai tentativi di suicidio degli ultimi giorni che hanno riguardato Shakira (un’altra delle prigioniere politiche dell Tupac) e la stessa Milagro, il Comitato per la Liberazione di Milagro Sala ha presentato una nuova denuncia penale contro il Presidente Macri, il Ministro della Giustizia Germán Garavano e il governatore di Jujuy Gerardo Morales per istigazione al suicidio.

fonte PAGINA12
La CIDH remarcó que la cautelar sigue vigente y debe ser cumplida
“El Estado es responsable de la salud física, psíquica y moral de Sala”
Luego de una semana de sesiones en Montevideo, la Comisión Interamericana de Derechos Humanos se pronunció sobre el incumplimiento de la cautelar que ordenó garantizar la salud y la vida de Milagro Sala. El titular del organismo recordó que la medida sigue vigente y que es de cumplimiento obligatorio.

Durante el cierre de su 165º audiencia que este año tuvo sede en Uruguay, la Comisión Interamericana de Derechos Humanos (CIDH) advirtió al gobierno argentino de su “responsabilidad” sobre “la vida e integridad” de la dirigente detenida en Jujuy Milagro Sala, y lo instó a garantizar “que no se realicen actos que puedan ponerla en riesgo”. Además, lamentó la revocatoria de la prisión domiciliaria dictada contra la líder de la organización Tupac Amaru y ratificó que la medida cautelar que recomienda que no continúe en el Penal de Alto Comedero “es obligatoria”.

Las definiciones del organismo de cuyo sistema de legislación la Argentina es parte asociada fueron emitidas durante una conferencia de prensa en donde la cúpula de ese organismo internacional transmitió sus principales conclusiones sobre los casos debatidos desde el lunes pasado en la capital uruguaya.

Al ser consultados sobre la situación de Sala, el titular de la CIDH, Francisco Eguiguren, recordó que “sigue vigente” la medida cautelar que en julio pasado había conminado al Estado argentino a mejorar las condiciones de detención de la dirigente, ya sea mediante su liberación del penal en que está privada de su libertad o a través del otorgamiento de prisión domiciliaria o libertad monitoreada.

Esta medida se cumplió en los primeros días de agosto pasado, cuando Sala fue llevada a una vivienda del barrio La Ciénaga, hasta que la Cámara de Apelaciones de Jujuy revirtió esa medida a principios de este mes. “Hay un incumplimiento actual” de esa cautelar “y esperamos que no sea definitivo, porque las cautelares son mandatorias, es decir obligatorias”, sumó Eguiguren y subrayó: “Nosotros seguimos en la lucha”.

El presidente de la CIDH reiteró que “todo Estado es responsable por la seguridad de la persona privada de su libertad” y puntualizó que, en ese sentido, el gobierno nacional responsabilidad en la vida e integridad “de la salud física, psíquica y moral de Sala”. “Tiene que protegerla”, subrayó.

Luego, durante una entrevista con la periodista Cynthia García, Francisco Eguiguren expresó que desde el organismo que encabeza “tenemos la esperanza de que se cumpla” nuevamente con la recomendación sobre la prisión domiciliaria para Sala. Esa medida “afortunadamente fue acatada” en agosto pasado “pero se encuentra incumplida” en la actualidad.

“Si bien cuenta con autonomía, la Argentina es parte del sistema interamericano de derechos humanos y está sometida a las decisiones de la comisión. Y lo que la comisión dispone es de cumplimiento obligatorio”, definió.

FONTE PRESSENZA.COM

22.10.2017 Redazione Italia

L’Argentina chiamata a scegliere tra passato e futuro. Pensando a Maldonado

A 78 giorni della scomparsa, e poco prima delle elezioni di medio termine per il rinnovo delle Camere, è riapparso il corpo di Santiago Maldonado. Dopo i primi esami, ieri è stata confermata l’identità del cadavere trovato martedì nelle acque del fiume Chubut, a qualche centinaia di metri da dove era stato visto l’ultima volta.

SERGIO MALDONADO, FRATELLO di Santiago, che ha riconosciuto il cadavere, si è detto perplesso per il ritrovamento in una zona che era stata già setacciata dalle forze dell’ordine. In un comunicato la famiglia ha dichiarato: «Le circostanze del ritrovamento del corpo ci fanno venire molti dubbi. Dobbiamo sapere cos’è successo a Santiago e chi sono i responsabili della sua morte. Tutti. Non solo quelli che gli hanno tolto la vita ma anche quelli che, per le loro azioni o omissioni, hanno collaborato all’occultamento e hanno pregiudicato le ricerche. Continua a risultarci inspiegabile il rifiuto del governo di fronte alla proposta di collaborazione di esperti dell’Onu, di comprovata competenza internazionale. Nessuno potrà levarci dalla testa che si sarebbe potuto fare molto di più e molto prima». ...continua a leggere "L’Argentina chiamata a scegliere tra passato e futuro. Pensando a Maldonado"

FONTE PRESSENZA.COM

14.10.2017 Redazione Italia

Milagro Sala sequestrata

Stamattina alle sette, su ordine del giudice Pablo Pullen Llermanos, forze del CEOP (Cuerpo Especial de Operaciones Policiales), accompagnate da auto civetta senza segni di riconoscimento, hanno fatto irruzione nella casa dove Milagro Sala era agli arresti domiciliari e l’hanno trasferita con la forza, scalza e in pigiama, al carcere femminile di Alto Comedero.

“Questo è un sequestro. Dopo la sentenza della Corte d’Appello, che ha revocato gli arresti domiciliari, Pullen Llermanos ha perso ogni giurisdizione sulla pratica legata alla misura precauzionale disposta dalla Commissione Interamericana di Diritti Umani”, hanno dichiarato gli avvocati della deputata del Parlasur.

Con un atto di assoluta illegalità il giudice Pablo Pullen Llermanos  ha inoltre rimandato la notifica agli avvocati difensori, in modo che l’imputata non venisse a conoscenza in anticipo della sua decisione, violando così il legittimo diritto alla difesa. Gli avvocati non hanno potuto neanche avere accesso alla motivazione,  giacché in questo fine settimana prolungato il personale non è presente in tribunale.

D’altra parte venerdì la Corte d’Appello di Jujuy ha accolto il ricorso presentato dalla difesa di Milagro Sala sulla decisione dei giudici Néstor Hugo Paoloni, Gloria María Mercedes Portal de Albisetti y Emilio Carlos Cattan di revocare gli arresti domiciliari. “A partire da quel momento il giudice Pullen Llermanos ha perso ogni giurisdizione al riguardo. Quello che hanno fatto è un sequestro, l’ordine è totalmente illegale e ci ricorda le peggiori epoche della nostra storia”, ha ribadito Elizabeth Gómez Alcorta.