Vai al contenuto

Fiomnotizie Bologna

Quando ho manifestato per Aquarius mi hanno detto di vergognarmi e che dovevo manifestare contro Fornero e Jobsact.

Quando ho manifestato contro Fornero e Job act mi dicevano di vergognarmi e di andare a lavorare e che ero fortunata ad aver un lavoro.

Quando manifestavo per migliorare le condizioni del Lavoro e combattere lo sfruttamento mi dicevano di vergognarmi e di non lamentarmi e che ci sono persone che guadagnano 2 euro l’ora.

Quando manifestavo contro il Caporalato mi dicevano di vergognarmi di pensar alle Donne stuprate.

Quando manifestavo contro la violenza sulle Donne mi dicevano che ben gli stava perché se l’erano cercata.

Quando manifestavo per l’aborto e contro l’obiezione di coscienza mi dicevano di vergognarmi che sono un assassina.

Ci metto tempo, denaro, cuore e viso Sempre.

Perché credo nella Partecipazione, nella Condivisione, nella Solidarietà. Credo che nel mio piccolo, vivo una Condizione Migliore di altri e quindi io debba farmi carico in qualche modo di loro, nell’esigibilità di Diritti Fondamentali.
Io non mi Vergogno!

Pamela Fiorini, delegata VM Cento (Fe)

Ieri, a Berlin, commovente e interessantissima serata . L'associazione LAF (Lateinamerika-Forum Berlin), presieduta da Werner Wuertele, ha invitato FLAVIO TAVARES a presentare il suo libro "As tres mortes de Che Guevara", edito da L&PM Editores (per ora disponibile solo in portoghese). Tavares, che da giornalista e fotografo, accompagnò il Che in diverse missioni politiche, è stato Professore all'Università di Brasilia e ha partecipato alla resistenza armata contro la dittatura brasiliana, catturato ed esiliato dopo lo scambio, nel 1969, tra 15 guerriglieri fatti prigionieri e l'Ambasciatore degli USA in Brasile, sequestrato dalle forze della guerriglia. Dopo una lunga e cordiale chiacchierata con l'autore, che ci ha fatto omaggio della pubblicazione con la sua dedica, io e Gino Rubini, di cui ho il privilegio di essere amico da oltre mezzo secolo, abbiamo ripreso la strada di casa con l'animo pieno e leggero, rafforzati nella nostra convinzione che, anche per noi ultrasettantenni, la lotta continua.

Franco Di Giangirolamo

Franco Di Giangirolamo  da diverse settimane, il lunedì, si  reca all'Ambasciata italiana di Berlino per manifestare per la modifica della legge sull'IMU per gli emigrati italiani. Se vuoi approfondire le ragioni di questa iniziativa di Franco Di Giangirolamo leggi questo articolo e ascolta l'intervista audio.

 

Il resoconto di Franco Di Giangirolamo  sulla giornata di oggi

In una bella giornata di sole berlinese, che ha dato al Tiergarten un raro tocco di romanticismo autunnale e alle mie vecchie cartilagini un inusuale conforto, si è svolta la terza manifestazione per la modifica della legge sull'IMU per gli emigrati italiani. Data la notevole affluenza di italiani agli sportelli del Consolato., ho avuto il piacere di confrontarmi con tante persone delle più diverse condizioni sociali, e, soprattutto, con tantissimi giovani che riescono sempre a meravigliarmi positivamente, oltre che per la loro solidarietà sui contenuti, anche per l'atteggiamento nei confronti di una iniziativa su un tema che riguarda una ristretta minoranza di cittadini italiani. Mattinata piacevole di piccola semina e di discreto raccolto, che ripeterò Lunedì prossimo.

L'immagine può contenere: 1 persona

 FONTE MICROMEGA  CHE RINGRAZIAMO

di Angelo d'Orsi

Ancora qualche riflessione a partire dalla ricorrenza del primo anno dal sisma che distrusse città e villaggi del Centro Italia lo scorso 24 agosto 2016, a poche ore dalla piccola scossa che ha fatto seri danni, e un paio di morti e qualche ferito, a Ischia. Con una impudenza straordinaria il ceto politico si ripete negli annunci, nelle garanzie, nelle promesse. Faremo, porteremo, sgombreremo: una sovrabbondanza di tempi futuri per gente che reclama il presente. E l’immancabile fervorino ai soccorritori (ma che devono fare i professionisti del ramo, se non soccorrere?!), e soprattutto lo stucchevole richiamo allo Stato che “non lascerà sole queste popolazioni”. ...continua a leggere "La politica, arte di guardare lontano"

Oggi, a Berlino,  vi è stata una manifestazione di protesta contro una legge iniqua ( art.9 della Legge 80 /2014)  che impone ai pensionati italiani emigrati all'estero di pagare l'IMU sulla seconda casa anche se sono proprietari di un solo alloggio e se pagano le tasse in Italia. In tal modo essi sono discriminati  dai pensionati emigrati con pensione estera che pagano le tasse all'estero e che, indipendentemente dalle condizioni economiche, sono esonerati dall'IMU per l'eventuale alloggio posseduto in Italia.

Franco Di Giangirolamo  approfondisce  in questa intervista audio le caratteristiche di questa norma vessatoria e le altre tematiche connesse.

L'INTERVISTA AUDIO  A FRANCO DI GIANGIROLAMO 

 

Eg. Presidente Boeri,
leggo dalla Agenzia di Stampa Estera dell´incontro da lei tenuto con il Comitato Italiani nel mondo e Sistema Paese della Camera che il suo principale interesse, invece che per le annose problematiche che dovrebbero essere risolte dall´INPS, e´rivolto ai pensionati residenti all´estero, che godrebbero, a suo parere, di privilegi ingiustificati.
Gia´da tempo e con cadenza piuttosto regolare, lei conduce una campagna (non saprei come chiamarla diversamente) patriottico-giustizialista contro i pensionati che emigrano all´estero, forse per sostenere la sua idea di ricalcolo di tutte le pensioni su base contributiva, visto che i due argomenti sono sempre, strumentalmente e argutamente, appaiati.
Campagna che, lei lo sa e per questo motivo la conduce, ha facile presa su una opinione pubblica abituata ormai a vedere il nemico e il privilegiato nel proprio simile, sia esso profugo, lavoratore, pensionato e via discorrendo.
A tale proposito le invio, in allegato, una nota, dedicata alla mia rete relazionale, nella quale esterno la mia opinione.
Le scrivo perche´sono una delle incolpevoli vittime di questa campagna dissennata.
Sono un pensionato INPS trasferitosi per ricongiungimento familiare a Berlin, PAGO LE TASSE IN ITALIA (con trattenuta alla fonte dell´ente che lei presiede), posseggo un solo appartamento in Cento (FE), peraltro gravato ancora da mutuo ipotecario, dove risiedono ancora due dei miei quattro figli. Come lei sa, la L. 80/2014, all´ Art. 9 bis prevede che l´unico appartamento posseduto da pensionati italiani emigrati, sia classificato come seconda casa, facendo scattare immediatamente
- l´IMU seconda casa dovuta al comune
- l´impossibilita´di esentare dalla denuncia IRPEF gli interessi sul mutuo ipotecario
- l´impossibilita´di ottenere in sede fiscale i benefici per le ristrutturazioni dell´alloggio.
Questa assurda penalizzazione dei pensionati emigrati e´stata formulata dal Parlamento non solo sotto l´egida di valutazioni superficiali (con con l´allegato cerco di smontare) ma con tale rigidita´ e cinismo che si sono colpiti non solo i pochi che lei definirebbe antipatriottici approfittatori, ma anche tutti coloro che continuano ad essere fiscalmente fedeli alla patria.
Infatti, posto il quesito sulla ratio del provvedimento, dal Ministero delle Finanze fino alla amministrazione comunale di Cento, nessuno degli uffici e delle istituzioni competenti e´stato in grado di darmene ragione e hanno sostenuto che sono vittima di una ingiustizia, ma che lex, dura lex, sed lex.
Mi risulta, dall´unico parlamentare che ha avuto la gentilezza di rispondermi, che gli stessi che hanno votato la L. 80/2014 hanno ritenuto di dover avanzare una proposta di legge (n. 3619 del 18.2.2016) per modificare, seppure in modo non del tutto soddisfacente, l´Art. 9 bis, che non si sa quando verra´preso in considerazione.
Tutto cio´, mentre un pensionato che percepisce la pensione estera, indipendentemente dal patrimonio e dal reddito di cui dispone, viene esonerato dall´IMU.
Tre iniquita´in una sola legge:
- trattare tutti i pensionati emigrati allo stesso modo, indipendentemente dalle loro condizioni economiche
- trattare tutti i pensionati italiani emigrati come altrettanti furfanti
- trattare chi paga le tasse in Italia come chi non le paga, siano essi approfittatori o pensionati con pensione estera.
Sarebbe un capolavoro di stupidita´se non fosse che io credo poco al caso e molto meno alla neutralita´dell´ignoranza, mentre credo molto all´uso strumentale di questa normativa.
L´imbarazzo di gran parte delle istituzioni (a partire dalle Commissioni Finanze e Bilancio della Camera e del Senato), di fronte al mio quesito e´comprensibile, visto che dovrebbero difendere l´indifendibile, e rafforza la mia convinzione.
Per questa ragione mi interessa la sua opinione sui casi analoghi al mio che, emigrando, si sono sottoposti non solo ad una perdita di diritti notevole, ma a disagi, problemi e difficolta´ che chi non e´stato costretto all´emigrazione probabilmente ignora.
A proposito della sua battaglia contro la „revisione“ del principio di esportabilita´delle prestazioni non contributive, che non e´un problema ragionieristico, come lei ben sa, pur ponendolo come tale per motivi strumentali, la informo che, pur pagando le tasse in Italia, il sottoscritto mantiene solo il diritto ai servizi sanitari, mentre perde tutti i diritti socio assistenziali legati alla residenza. Altro che revisione del principio di esportabilita´!!!
Come sa meglio di me, questo e´un problema di carattere europeo, che non si puo´discutere come lei sta facendo, ma con tutte le sue complessita´, anche per evitare che la lotta contro il „turismo sociale“ si trasformi in barriere elevate per l´accesso ai diritti, che danneggiano, come sempre, i piu´ deboli.

...continua a leggere "Lettera aperta a Tito Boeri Presidente INPS sui pensionati residenti all’estero da Franco Di Giangirolamo…."

 

Negli ultimi anni ci si imbatte sempre piu´spesso in interviste televisive e radiofoniche, articoli sui giornali, video sui social attraverso i quali si propaganda, di fatto, una moderna corsa all´oro con immagini esotiche di pensionati goderecci, stravaccati su spiagge da sogno, finalmente felici in localita´dove la vita non costa niente e la si puo´sostenere con i soldi che il fisco in Italia ti avrebbe sottratto. Sono fiorite decine di agenzie specializzate nella organizzazione di queste fughe senili, centinaia di siti web dove ci si aiuta, organizzazioni piu´o meno solidali di „italiani in.....“. L´Eldorado pare sia stato trovato!!! Altro che lotte sindacali!!!
Premesso che ritengo assolutamente rispettabile la scelta dei pensionati, di andare dove vogliono e quando vogliono, vorrei ridimensionare il primo effetto di questo fenomeno tutt´altro che nuovo: l´eccesso di illusioni.
Naturalmente mi rivolgo a coloro che non hanno compreso bene l´insegnamento di Collodi sul Paese dei Balocchi!
Partiamo dalle cifre. Il numero delle pensioni pagate all´estero non corrisponde al numero dei pensionati italiani che hanno migrato all´estero. La confusione e´grave perche´ le prime ammontano negli ultimi dieci anni a circa 500.000, mentre i secondi ammontano a 36.578 nel periodo dal 2003 al 2014. Nello stesso periodo sono rientrati dall´estero 24.857 emigrati, per cui la catastrofe fiscale che questi scellerati migranti starebbero determinando, secondo alcuni patriottici commentatori e´una stupidaggine allo stato puro, se si pensa che il totale dei pensionati italiani erano nel 2014 la bellezza di oltre 16 milioni.

...continua a leggere "VITE DA NABABBI PER I PENSIONATI di Franco Di Giangirolamo"

 

 

E' la vigilia di Pasqua, piove, tira vento e si preannuncia una notte fredda, molto appropriata per celebrare uno dei tanti crimini dell'imperialismo in medio oriente. Se comprendessi meglio il tedesco starei visionando un film in TV, se non fossi stanco terminerei la lettura di uno dei libri che ho accumulato sul comodino. Invece mi sprofondo sul divano e lascio che la mia testa vada a zonzo per il nuovo quartiere nel quale mi sono sistemato da qualche mese.
Da un po´di tempo comincio a pensare di essere capitato, per puro caso o forse per un destino cinico e baro, in una specie di fortino simbolico dell´ex socialismo realizzato.
La prima avvisaglia l' avevo colta da alcuni italiani che vivono a Berlin da diversi decenni, curiosi sulla mia residenza, i quali, saputo l' indirizzo, avevano esclamato: Ah, sei andato ad abitare di là.

Per „di là“ intendevano riferirsi a quella che era la Berlino Est, oltre il muro che, dopo 27 anni dalla sua caduta, pare costituisca una presenza piuttosto consistente non solo nelle teste (Mauer in den Koepfen) e nei cuori delle persone, ma finanche nel portafoglio. Basti pensare che l'obiettivo della eguaglianza delle pensioni e delle retribuzioni tra Est e Ovest non e' stato ancora realizzato e non credo sia a portata di mano, nonostante l'impegno del sindacato DGB e dei Linke. In poche parole da queste parti le gabbie salariali ci sono ancora e non si limitano alla differenza di retribuzione tra uomo e donna (che non è irrilevante) o da Regione a Regione (che ha solide radici storiche).

In buona sostanza, a Berlin, si può lavorare fianco a fianco con le stesse mansioni, le stesse qualifiche e gli stessi titoli di studio, ma avere due trattamenti economici diversi.

„Ovviamente“, gli Ossis, che non a torto si ritengono trattati come cittadini di serie B, sono i soggetti penalizzati. Il quesito „siamo un popolo?“ non e´ancora risolto ne´per i Wessis ne´per gli Ossis. A distanza di anni, mi pare mantengano identita´diverse e non hanno trovato sufficienti ragioni per smettere di coltivare stereotipi. I vincitori li esprimono attraverso i media e i perdenti attraverso le espressioni dei volti quando si parla di „occidente“. Perfino la mia fisioterapista, che ostinatamente tenta di rimettermi in ordine la schiena, quando mi dilungo gesuiticamente su un parere positivo di qualche aspetto caratteriale dei tedeschi, puntualizza che, avendo votato a maggioranza per la unificazione, non si meritano tanti elogi.

...continua a leggere "Ostalgie, nostalgia dell´est di Franco Di Giangirolamo "

28 Apr 2017, By

 

 

Every year more people are killed at work than in wars. Most don’t die in tragic “accidents”. They die because an employer decided their safety or health just wasn’t that important a priority. The total number of people whose lives are cut short because of an illness or injury that results from work is over 20,000. Most are cancers and lung diseases. Workers’ Memorial Day commemorates those workers.

Workers’ Memorial Day is held on 28 April every year. All over the world workers and their representatives conduct events, demonstrations, vigils and a whole host of other activities to mark the day, which is intended to serve as a rallying cry to “remember the dead, but fight for the living”.

This year International Workers Memorial Day will have the theme “Good health and safety for all workers whoever they are” and will focus on inequalities in occupational health and the role unions play in narrowing the inequalities gap.

This fits in well with what is happening in the UK with the rise of precarious and vulnerable employment, bogus self-employment and the growth of the GIG economy. All of these have the effect of depriving workers of their right to a safe workplace as employers deny responsibility for those who work for them or who operate “under the radar” of the diminishing number of health and safety inspectors and other regulators.

...continua a leggere "Workers Memorial Day – Remembering the dead and fighting for the living"

 fonte ILMANIFESTOBOLOGNA.IT

Dal 2013 al 2016 il grande affresco Occupy Mordor, dipinto da Blu sulla parete di Xm24, ha messo in scena una battaglia per la città: le truppe del sindaco Sauron – armate di ruspe, mortadelle e sfollagente – si scontravano con un popolo che suonava, ballava, pedalava, leggeva, hackerava, coltivava e lanciava angurie con le catapulte.

Oggi l’affresco non c’è più, ma la battaglia è in pieno svolgimento. Proprio come in quella raffigurazione, la città ufficiale ha la forza dei partner economici per imporsi ai suoi avversari, ha la forza poliziesca per reprimerli, e ha mezzi enormi – infinitamente più grandi di un muro – per mettersi in scena e magnificarsi.

La Bologna ufficiale è una città boriosa, soffocante, sempre più allergica ai poveri e a marginali. Una città che sogna di sterilizzarsi dai germi del dissenso, e una di queste mattine potrebbe risvegliarsi sterile.

...continua a leggere "Bologna: difendere l’Xm24 per tornare a respirare"

FONTE ADIF 

Stefano Galieni

Esponenti politici e giornalisti stanno in questi giorni dedicando ampio spazio all’operato delle Organizzazioni Umanitarie che salvano chi fugge soprattutto dalla Libia. Le Ong svolgono a nostro avviso un lavoro immenso e generoso che ha già evitato migliaia di ulteriori vittime eppure sono sottoposte ad attacchi, calunnie, insinuazioni in merito al proprio agire a volte lasciano esterrefatti. Nel frattempo c’è chi, come l’Unesco, le premia, chi, come il Papa, incontra in udienza privata coloro che si dedicano in questa maniera agli altri e chi, quotidianamente è in mare e non si lascia intimidire.

Grazie all’Ufficio Stampa di SOS Mediterraneé abbiamo intervistato una operatrice dell’organizzazione, attraverso una conferenza skype. L’abbiamo intervistata mentre era sulla nave Aquarius, in acque internazionali, per la sua seconda missione SAR (Search And Rescue). Non c’è né tempo né voglia per formalismi, ci si dà del tu immediatamente per provare a raccontare. Lei si chiama Benedetta Collini, una cadenza che è un misto di francese e italiano, una voce vivace ma precisa di chi è abituata alla sintesi che in poche parole, accenni, riesce a trasmettere immagini ed emozioni, quell’umanità del e nel mare, che spesso ritorna nel dialogo che si fa cifra etica di un impegno.

«Ora siamo a circa 20 miglia marine dalla costa libica ma durante la notte ci dobbiamo allontanare per ragioni di sicurezza. Faccio parte di un SAR Team che ha come ruolo quello di andare a cercare e soccorrere sia chi vediamo nel nostro raggio d’azione sia chi ci viene segnalato dall’MRCC (Centro Coordinamento di Soccorso Marittimo, di Roma). In caso di nostro avvistamento, contattiamo immediatamente l’MRCC e da quel momento in poi agiamo sotto il loro coordinamento fino allo sbarco delle persone recuperate in mare presso il porto che ci viene assegnato dall’MRCC stesso. A bordo dell’Aquarius per questa missione siamo in 36: 11 persone dell’equipaggio, 9 di MSF e 13 di SOS Mediterraneè. In più ci sono due giornalisti che vogliono poter vedere come operiamo. L’apertura alla stampa per noi è fondamentale, qui possono vedere ogni cosa, non abbiamo segreti. Ogni nostra missione dura 3 settimane e abbiamo, come volontari, unicamente un rimborso delle spese».

E come sei arrivata a fare questo?

«Diverse ragioni. Mi aveva già colpito la sensibilità al tema dei giornali italiani, che è migliore rispetto ad altri paesi, poi ha pesato la mia precedente esperienza marittima. In mare ho imparato che non si lascia morire nessuno. Io da oltre 15 anni faccio anche la volontaria in una scuola di vela francese come istruttrice. Avevo un assegno di ricerca all’università occupandomi di letteratura francese, ma da un anno quella fase si è chiusa e ho iniziato a lavorare nel campo della nautica e della vela. Io sono innamorata perdutamente del mare. Un amico mi ha parlato di una analoga esperienza, e SOS Méditerranée mi è parsa affidabile. Ho spedito il mio CV avvalendomi anche del fatto che da quando avevo 20 anni, per 10 anni, ho prestato servizio sulle ambulanze a Milano e mi hanno scelto. Credo sia stato anche ben considerato il fatto che sono una donna, l’equipaggio misto è migliore, funziona meglio e poi questa esperienza mi ha fatto sentire utile, forse anche per l’educazione familiare che ho ricevuto e l’esperienze con gli scout».

Il primo imbarco?

«È molto recente, sono salita a bordo il 30 marzo scorso e ho cominciato da poco la “seconda rotazione”. Mi sono ambientata subito perché c’è tanta adrenalina che ti si fissano le cose in testa e si capisce bene quelli che sono i tuoi compiti già dopo il primo soccorso. Per me il “battesimo” è stato relativamente tranquillo. Eravamo stati chiamati dall’MRCC in tempo per prepararci e le operazioni si sono svolte durante il giorno. C’erano 4 gommoni, alla giusta distanza l’uno dall’altro quindi l’impatto è stato intenso ma positivo, non traumatico. L’esperienza in ambulanza si è rivelata fondamentale anche se le differenze sono enormi. Senti gli stessi odori quelli del contatto con le persone, odore di persone che hanno paura, oltre che in precarie condizioni igieniche. Ma un conto è sentirlo addosso a una o due persone, un conto è percepirlo su centinaia di persone. Il secondo soccorso è stato più impegnativo, complicato e forte. C’era un morto, persone malate su un gommone che abbiamo incontrato di notte. Poi ne abbiamo intercettati altri, intervenendo in raccordo con altre navi di ONG in zona, sempre sotto il coordinamento dell’MRCC. Ed è stata dura ma ce l’abbiamo fatta».

...continua a leggere "“Salvare persone è la nostra legge”: dal Mediterraneo Centrale, la voce di una volontaria di SOS Mediterraneé."

di
Giuseppe Dunghi (fonte:  area7.ch che ringraziamo)
..
Ong, organizzazione non governativa, cioè indipendente dallo Stato. Come finanziano le loro attività le ong? Generalmente con le donazioni dei privati, i quali possono poi detrarre tali somme dalle imposte perché bisogna pagarne il meno possibile. Anzi, visto che – come ha affermato in questi giorni la Corte dei Conti italiana – un prelievo fiscale troppo alto «non aiuta il contrasto all’economia sommersa e la lotta all’evasione», per combattere l’evasione bisognerebbe ridurre le imposte. O almeno ne andrebbe eliminata la progressività, quell’aumento dell’aliquota in misura più che proporzionale all’aumento del reddito. Insomma le imposte dovrebbero diventare regressive, più sei ricco, meno paghi.

Le prigioni del terzo millennio hanno sbarre fatte di parole. Sono gli aggettivi, i sostantivi, i verbi e le frasi che tengono in ostaggio la società, fanno vivere nella paura e sequestrano il futuro. Mai come oggi mentre si parla di sostenibilità e biodiversità le foreste vengono distrutte a un ritmo forsennato per far posto a monoculture di soia, mais e palma da olio. Mai come quando si leggono servizi sul marchio bio e il chilometro zero i pomodori sono prodotti nello Xinjiang cinese, inscatolati in Italia e venduti in Africa a un prezzo così basso che ai contadini locali non conviene più coltivarli. Mai come quando si nega l’esistenza delle classi sociali (non si scrive più «salariati» o «classe operaia», ma «la parte più disagiata del ceto medio»), esiste la classe dei ricchi, che conduce la sua lotta di classe e la sta vincendo.

Quando il 12 febbraio scorso il popolo svizzero ha respinto gli ennesimi sgravi fiscali concessi alle imprese (e non «l’eliminazione dell’imposizione ridotta» delle multinazionali straniere, come affermato in modo truffaldino dal Consiglio federale), è stato detto che il quesito referendario era troppo complicato e in sostanza non sono state capite le ragioni dell’economia. Invece si sta finalmente comprendendo che l’economia non è quella cosa che intendono il ministro delle finanze Ueli Maurer e quello dell’economia Johann Schneider-Ammann, l’arte di arricchirsi o di fare investimenti redditizi o di rendere concorrenziale la propria nazione, insomma «il mondo delle imprese», ma è l’arte di far star bene il maggior numero possibile di persone al mondo. la lingua non è corvéable à merci da parte di coloro che dopo aver tolto dignità al lavoro stanno ora procedendo a toglierla anche alle parole.

L’oikonómos di Senofonte è il padre di famiglia che amministra saggiamente la casa, provvedendo a che ci sia sempre una scorta di farina e di olio, filo da tessere per le donne, paglia sufficiente per l’asino e una piccola bottega sul lato della casa che dà sulla strada per vendere i prodotti del lavoro domestico. Fra i moderni, chi più si è avvicinato al significato etimologico della parola è stato l’industriale Henry Ford che nel 1914 portò la paga giornaliera dei propri dipendenti da 2,50 a 5 dollari, e a un giornalista che gli domandava perché, rispose: per permettere ai miei operai di comprare le automobili che costruiscono. Scrivendo del lavoro oggi ridotto a merce e della lotta necessaria per riportarlo alla dignità fondativa del vivere civile, Paolo Favilli ha citato Piero Gobetti: «Al di fuori della lotta politica manca il criterio del rinnovamento etico». Non si esce dalla miseria se non attraverso il conflitto. Per scappare dalla prigione non bisogna aspettare che arrivi una ong dei diritti umani, bisogna incominciare a segare le sbarre.
Pubblicato il
12.04.17

Era la fine di Maggio quando salivo sullo strano ponte (appresi piu´tardi che era opera dei prigionieri della prima guerra mondiale) che collegava Treptow Park con l`isoletta dove avrei vissuto con mia moglie per un anno e mezzo. La fermata del bus, davanti alla sede del Comune mi aveva offerto una prima sorpresa: diversi cartelli indicavano i nomi e le relative distanze kilometriche dei paesi e citta´gemellate e, in caratteri blu, scorsi la scritta „ Albinea“ (prov. di Reggio Emilia). Lo presi per un segno benaugurante, come dire: gira gira sei sempre a casa.

Ormai avevo alle spalle gran parte della mia vita: attivita´ pubblica, quasi tutta la rete familiare, gli amici; insomma, si potrebbe dire tutto, tranne la pensione, la valigia che mi trascinavo appresso e mia moglie che mi attendeva. Di segnali beneauguranti ne avevo proprio bisogno ed ero disposto anche ad inventarmeli.

...continua a leggere "Franco Di Giangirolamo: L’isola sul fiume"