Browsed by
Categoria: nazionalismi

Grazie Arturo Scotto per aver difeso Anna Frank dall’oltraggio fascista – Andrea Malpassi

Grazie Arturo Scotto per aver difeso Anna Frank dall’oltraggio fascista – Andrea Malpassi

Riproduciamo questo articolo già pubblicato su fortebraccionews che condividiamo  pienamente come condividiamo la piena solidarietà ad Arturo Scotto. Gino Rubini , Editor di Onde Corte Anna Frank nel 1940 ( fonte foto: Wikipedia )   La squadraccia fascista che ha aggredito Arturo Scotto e sua moglie Elsa Bertholet inneggiava a Benito Mussolini e insultava Anna Frank. Perché i fascisti sono sempre fascisti, anche nel 2020. Ignoranti, violenti, vigliacchi: nell’anno nuovo proprio come in tutti gli anni vecchi. In otto contro uno, a volto coperto, gridando gli slogan…

Leggi tutto Leggi tutto

In Ungheria, la deregolamentazione degli straordinari scatena una protesta sociale

In Ungheria, la deregolamentazione degli straordinari scatena una protesta sociale

Di Corentin Léotard 18 febbraio 2019 FONTE EQUALTIMES.ORG ” Tutti gridiamo insieme,” non saremo schiavi! ” ” Non abbiamo paura di dirglielo, non saremo schiavi!” “. freddo polare, ma ambiente caldo, Sabato 5 gennaio, a Budapest, capitale ungherese, dove una grande parata corteo di circa 10.000 persone, da Piazza degli Eroi al parlamento neogotico monumentale si affaccia sul Danubio. Per la terza volta da metà dicembre, i sindacati, i partiti politici e le organizzazioni civili che dimostra in attacchino insieme contro il governo nazionalista del primo ministro…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Presidente della Camera contro la chiusura dei porti, ma per qualcuno è dei servizi segreti stranieri

Il Presidente della Camera contro la chiusura dei porti, ma per qualcuno è dei servizi segreti stranieri

“Le Ong fanno un lavoro straordinario” Lo ha dichiarato ieri Roberto Fico, dopo aver visitato l’hotspot di Pozzallo in Sicilia, il punto di raccolta e coordinamento per il salvataggio dei migranti.  Sempre lo stesso Roberto Fico , “Quando si parla di ONG bisogna capire cosa si vuole intendere. Fanno un lavoro straordinario”, ha aggiunto il Presidente della Camera, sottolineando che “l’inchiesta di Palermo sule ONG è stata archiviata, e che l’inchiesta di Catania da un anno non cava un ragno…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta”

Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta”

FONTE ARTICOLO21.0RG   Migranti. Forenza: “servono una mobilitazione di massa e un’informazione corretta” Gli eurodeputati Eleonora Forenza di Rifondazione Comunista, Miguel Urban di Podemos, Javier Lopez del Psoe e Ana Miranda del Bloque Nacionalista Gallego si trovano a bordo delle navi Astral e Open Arms della ong spagnola Proactiva. Abbiamo rivolto alcune domande a Eleonora Forenza. Che cosa ti proponi con questo viaggio? Il viaggio mio e degli altri tre europarlamentari intende testimoniare il lavoro che fanno le ONG come…

Leggi tutto Leggi tutto

“Gli economisti non sanno più contare”: intervista a Christian Marazzi

“Gli economisti non sanno più contare”: intervista a Christian Marazzi

FONTE DINAMOPRESS   di Biagio Quattrocchi e Vanessa Bilancetti 16 marzo 2018 Dietro la modesta ripresa economica interrotta dal susseguirsi di flash crash dei mercati finanziari, si nasconde l’incapacità dei modelli economici dominanti di leggere la realtà. Sullo sfondo, la svolta autoritaria del neoliberismo Dopo un lungo periodo di relativa stabilità dei mercati finanziari a inizio febbraio si sono manifestate delle nuove turbolenze. Sono state fornite diverse spiegazioni contrastanti sull’origine di questo flash crash. I più pessimisti parlano dell’inizio di una…

Leggi tutto Leggi tutto

La répression de la société civile se poursuit en Pologne

La répression de la société civile se poursuit en Pologne

 FONTE EQUALTIME.ORG NEWS By Marta Kucharska 19 December 2017 Explore similar themes HUMAN RIGHTSPOLANDEUROPE-GLOBALDEMOCRACYPROTESTSEUREPRESSION Share this page   Graffiti on a wall outside the Palace of Culture in Warsaw says: “I, a common individual, I am calling to you! Wake up!” The quote comes from the manifesto of Piotr Szczęsny, a chemist who set himself on fire nearby on 19 October 2017, in protest against government policies. He died 10 days later from his injuries. (Marta Kucharska) Un graffiti peint…

Leggi tutto Leggi tutto

Puidgemont o Ada Colau? Il feticcio dell’indipendentismo e l’alternativa possibile

Puidgemont o Ada Colau? Il feticcio dell’indipendentismo e l’alternativa possibile

  FONTE MICROMEGA CHE RINGRAZIAMO In tutta Europa, come reazione all’attuale crisi socioeconomica e democratica, si stanno diffondendo pulsioni indipendentiste: nuove mini statualità in opposizione allo strapotere finanziario di Bruxelles. Ma, come dimostra la Catalogna, sono illusioni più che vie percorribili per un reale cambiamento. Che passa invece attraverso la valorizzazione dei cittadini nel governo delle città, come dimostra Barcellona con Ada Colau. di Steven Forti e Giacomo Russo Spena Lo scorso 5 ottobre Mauro Pili, deputato sardo di Unidos…

Leggi tutto Leggi tutto

Barcellona nello sgretolarsi d’Europa

Barcellona nello sgretolarsi d’Europa

fonte alfapiù Pubblicato il 22 novembre 2017 · in alfapiù Franco Berardi Bifo L’Unione europea è un blocco granitico se la guardiamo da un lato, mentre si sgretola come un castello di sabbia se la guardiamo dall’altro. La governance finanziaria è di granito sia pure immateriale: implacabile essa persevera nel saccheggio delle risorse sociali, incurante delle conseguenze. Le conseguenze sono lo sgretolarsi sociale, politico e psichico dell’Unione medesima. La crisi catalana, come la Brexit, non hanno vie d’uscite ragionevoli, e…

Leggi tutto Leggi tutto

Il Movimento europeo: “A Barcellona”

Il Movimento europeo: “A Barcellona”

FONTE  STRISCIAROSSA AUTORE : Virgilio Dastoli  Con la “detenzione provvisoria” di otto ex ministri del governo catalano decisa dal giudice Lamela si è compiuto a Barcellona l’ennesimo atto di inutile esibizionismo del nazionalismo spagnolo contro il nazionalismo catalano. Inutile perché fra poche ore o fra pochi giorni gli ex ministri torneranno in libertà osannati come eroi da qualche centinaio di indipendentisti e inutile soprattutto perché non ricorre dal punto di vista giudiziario nessuna delle circostanze che legittimano una detenzione seppure provvisoria….

Leggi tutto Leggi tutto

Neoliberismo, biopolitica e schiavitù. Il capitale umano in tempo di crisi

Neoliberismo, biopolitica e schiavitù. Il capitale umano in tempo di crisi

SILVIA VIDA Articolo pubblicato nella sezione “Schiavitù contemporanee” della Rivista COSMOPOLIS che ringraziamo  1. Lo ha affermato di recente Luciano Canfora (2017, 9): «Per ora, chi sfrutta ha vinto la partita su chi è sfruttato». La diagnosi del presente si aggrava se si pensa che «solo ora il capitalismo è davvero un sistema di dominio mondiale», reso più forte dall’avere di fronte a sé esclusivamente miseri spezzoni di organizzazioni di stampo sindacale o settoriale che gli oppongono una resistenza trascurabile;…

Leggi tutto Leggi tutto

Catalogna

Catalogna

Autore Giuseppe  Grosso Fonte Manifesto Ribellione, sedizione e malversazione di fondi pubblici. Il procuratore generale dello stato, José Manuel Maza, ha scagliato ieri tre fulmini sui generali indipendentisti che venerdì scorso hanno proclamato la Repubblica catalana, soffocata sul nascere dall’applicazione dell’articolo 155 da parte dell’esecutivo di Rajoy. IL PRESIDENTE PUIGDEMONT, il suo vice Oriol Junqueras, la presidente della Camera catalana Forcadell e un folto gruppo di ministri della Generalitat rischiano ora – se, com’è praticamente certo, il Tribunale Costituzionale e…

Leggi tutto Leggi tutto

L’autunno catalano, lo Stato e il referendum

L’autunno catalano, lo Stato e il referendum

on 29 Settembre 2017. Articolo di Dario Lovaglio sul conflitto indipendentista a pochi giorni dal referendum FONTE EFFIMERA Il rumore dell’elicottero in sottofondo è diventato una constante per chi vive a Barcellona. In queste ultime settimane dall’1 ottobre, data in cui viene annunciato il referendum indipendentista, lo Stato democratico ha messo in opera, con un metodo degno della sua genealogia post-franchista, la revoca dell’autonomia della Catalogna con 14 arresti di alti funzionari; ha inoltre centralizzato i poteri della Conselleria d’Economia…

Leggi tutto Leggi tutto

La Libia, Macron e la Rothschild Connection

La Libia, Macron e la Rothschild Connection

Autore Manlio Dinucci fonte controlacrisi.org   «Ciò che avviene oggi in Libia è il nodo di una destabilizzazione dai molteplici aspetti»: lo ha dichiarato il presidente Emmanuel Macron celebrando all’Eliseo l’accordo che «traccia la via per la pace e la riconciliazione nazionale». Macron attribuisce la caotica situazione del paese unicamente ai movimenti terroristi, i quali «approfittano della destabilizzazione politica e della ricchezza economica e finanziaria che può esistere in Libia per prosperare». Per questo – conclude – la Francia aiuta…

Leggi tutto Leggi tutto

Stubborn Germans: Stuck In Austerity/Stability by Björn Hacker and Cédric Koch on 27 February 2017

Stubborn Germans: Stuck In Austerity/Stability by Björn Hacker and Cédric Koch on 27 February 2017

Ringraziamo la fonte SOCIALEUROPE.EU  He did it again: German finance minister Wolfgang Schäuble repeatedly reflected on a possible Grexit in February 2017, after having raised this threat already in the negotiations on the third bailout programme in summer 2015. International observers cannot believe Germany has started playing hardball again in this delicate affair just when the European idea is on the line due to growing support for populist nationalists in upcoming elections. So why is Schäuble forcibly creating new ripples…

Leggi tutto Leggi tutto

I primi dieci giorni di Donald Trump

I primi dieci giorni di Donald Trump

fonte alfabeta2 che ringraziamo   Pubblicato il 1 febbraio 2017 · in alfapiù, società · Add Comment GB Zorzoli   Durante le primarie repubblicane ci rassicuravano così: i discorsi sopra le righe gli servono per battere i competitors; ottenuto il risultato, modererà i toni. Analogo ritornello nel corso delle elezioni presidenziali: dopo, dovrà fare i conti con la Realpolitik. Adesso è la Realpolitik a dover fare i conti col presidente Donald Trump. E non solo lei. Per riuscirci, occorre però…

Leggi tutto Leggi tutto

Bando dei musulmani, Trump colpisce ancora

Bando dei musulmani, Trump colpisce ancora

31.01.2017  Fonte  Pressenza New York Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo Lunedì notte il Presidente Donald Trump ha licenziato il Ministro della Giustizia Sally Yates,  poche ore dopo il suo annuncio che il ministero non avrebbe difeso l’ordine esecutivo che impedisce temporaneamente l’ingresso negli Stati Uniti ai profughi e ai cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana – Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen. Trump le aveva chiesto di svolgere la funzione di Ministro della Giustizia fino alla…

Leggi tutto Leggi tutto

L’amministrazione USA sotto la Presidenza del Sig.Trump appare allo sbando.

L’amministrazione USA sotto la Presidenza del Sig.Trump appare allo sbando.

L’amministrazione USA sotto la Presidenza del Sig.Trump, dopo il decreto esecutivo per mettere al bando i cittadini provenienti dai sette paesi di religione mussulmana  e il caos che si è verificato negli aeroporti USA, appare allo sbando. Ieri dovevano essere fermati e rispediti indietro tutti i cittadini provenienti da quei paesi, anche i residenti negli USA, muniti di Carta verde, studenti, professori, manager, ricercatori… In ragione delle proteste e dell’evidenza della stupidità con la quale era stato redatto il dispositivo…

Leggi tutto Leggi tutto

Scacco matto

Scacco matto

fonte Carmillaonine Pubblicato il 29 gennaio 2017 · in Schegge taglienti · di Alessandra Daniele  ( che ringraziamo ) A quanto pare, possiamo smettere di preoccuparci per la Terza Guerra Mondiale, perché in realtà è già stata combattuta e vinta. La cosiddetta rivoluzione Ucraina, le truppe NATO nei paesi baltici, l’ISIS adoperato come casus belli per distruggere la Siria, il trattato USA con l’Iran, il fallito golpe Turco, tutti presumibilmente parte d’una manovra NATO d’accerchiamento della Russia che ha reagito colpo su…

Leggi tutto Leggi tutto