Mastodon potrebbe rendere la sfera pubblica meno tossica, ma non per tutti

 

 

Il social network open source ha guadagnato milioni di nuovi utenti in seguito all’acquisizione di Twitter. Mentre alcune delle sue caratteristiche potrebbero migliorare la qualità del discorso pubblico, le comunità svantaggiate potrebbero essere escluse.

Le società di social media hanno un difficile equilibrio. Da un lato, devono mantenere gli utenti attivi sulla loro app o sul loro sito web il più a lungo possibile per mostrare loro annunci pubblicitari. I contenuti divisivi, emotivi o che incitano all’odio funzionano meglio in tal senso. D’altra parte, devono mantenere un certo livello di sicurezza online, almeno per placare i propri inserzionisti. I social network quindi incoraggiano comportamenti aggressivi degli utenti sopprimendo contemporaneamente i contenuti più eclatanti (per timore che gli inserzionisti si lamentino), spesso utilizzando sistemi di rilevamento algoritmico pesanti.

Scelte progettuali

Questi sistemi automatizzati non hanno decisamente migliorato la qualità della sfera pubblica. Sì, gli accademici discutono ancora sul ruolo preciso della tecnologia nell’aumento della sfiducia generalizzata che pervade le società in Europa e negli Stati Uniti: dopotutto, anche i giornali di Rupert Murdoch o Axel Springer hanno alimentato paura e rabbia per vendere pubblicità decenni prima di YouTube e TikTok è stato etichettato come ” grandi radicalizzatori “. È possibile che queste piattaforme ospitino semplicemente persone già radicalizzate; che fanno poco più che rappresentare uno specchio per la società.

Tuttavia, una nuova ricerca pubblicata questo mese sottolinea che la tecnologia gioca un ruolo. Un esperimento controllato ha dimostrato che gli utenti di Facebook e Twitter che vedevano contenuti tossici avevano maggiori probabilità di pubblicare loro stessi contenuti tossici. In altre parole, la tossicità è contagiosa. Attenuare i contenuti estremisti su una piattaforma potrebbe consentire conversazioni più significative.

Un altro esperimento condotto in condizioni di laboratorio ha mostrato che le persone erano molto inclini a scoprire e moderare informazioni false e potenzialmente infiammanti. Secondo alcune misure, questo approccio collaborativo funziona meglio dei filtri algoritmici centralizzati. Mantenere il discorso civile potrebbe essere fatto meglio dando il libero arbitrio agli utenti, piuttosto che implementando algoritmi che censurano i contenuti che mettono a disagio gli inserzionisti.

Continua a leggere “Mastodon potrebbe rendere la sfera pubblica meno tossica, ma non per tutti”

I viaggiatori senza visto verso l’UE saranno sottoposti a controlli di “rischio” dal 2023.

FONTE ALGORITHM WATCH CHE RINGRAZIAMO

 

Due agenzie dell’UE, Frontex ed eu-LISA, stanno sviluppando ETIAS, un nuovo sistema che valuta automaticamente il “rischio” rappresentato da alcuni viaggiatori. L’algoritmo di smistamento sarà addestrato in parte con le decisioni passate delle guardie di frontiera.

Per gli Anti-Brexiteers di Twitter, l’imminente fine dell’esenzione dal visto verso l’UE, che introdurrà controlli sui precedenti di “salute e sicurezza” sui viaggiatori del Regno Unito, tra gli altri, è un argomento caldo. “Immagino che Barry di Carlisle, che ha preso a pugni il suo amico al pub nel 1988, sia rimasto a casa”, ha gongolato un account. Un altro ha esclamato che i controlli serviranno a “tenere l’UE al sicuro dagli stronzi” e un terzo ha alzato gli occhi al cielo, “preparandomi per le storie di singhiozzi indignati nel Mail”. 

Paesi come gli Stati Uniti e l’Australia dispongono già di sistemi come ESTA ed ETA per confrontare le domande di viaggio di paesi senza visto con set di dati governativi (potenzialmente imprecisi ). A differenza di loro, ETIAS, o il sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi, includerà anche un algoritmo che, affermano i legislatori, può segnalare le persone che rappresentano un “rischio” vagamente definito per “salute pubblica, sicurezza o migrazione irregolare”. Da novembre 2023 in poi, Frontex, l’Agenzia della guardia costiera e di frontiera dell’UE, prevede che circa il 5% dei futuri viaggiatori verrà segnalato e quindi potenzialmente negato l’ingresso.

Continua a leggere “I viaggiatori senza visto verso l’UE saranno sottoposti a controlli di “rischio” dal 2023.”

La Grecia prevede droni automatizzati per individuare le persone che attraversano il confine

Fonte:  Algorithm Watch che ringraziamo 

Il ministero della migrazione greco ha annunciato che utilizzerà droni finanziati dall’UE con “Intelligenza artificiale” per rintracciare le persone che cercano rifugio al confine. Le promesse che miglioreranno anche le operazioni di ricerca e salvataggio suonano vane. 

All’apertura della Fiera internazionale di Salonicco lo scorso settembre, il ministro greco per l’immigrazione Notis Mitarakis – altrimenti noto per aver liquidato le prove in corso dei brutali e illegali respingimenti dei richiedenti asilo da parte delle guardie di frontiera greche come “notizie false” – ha fatto notizia a livello nazionale quando ha presentato la sua Ultimo progetto del ministero: 3,7 milioni di euro di finanziamento per droni con “algoritmi innovativi” in grado di “identificare automaticamente obiettivi di interesse definiti” al confine greco.

Continua a leggere “La Grecia prevede droni automatizzati per individuare le persone che attraversano il confine”