Da Trump a Putin: perché le persone sono attratte dai tiranni?

Fonte TheConversation

 

La testimonianza al comitato del 6 gennaio della Camera dei rappresentanti sull’insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti nel 2021 ci ha permesso di approfondire l’umanità dei sostenitori di Donald Trump.

Come rivelano le udienze , il presidente uscente ei suoi sostenitori sembravano essere sulla stessa lunghezza d’onda mentre esitava a fermare la violenza mentre i suoi seguaci erano decisi a eseguire i suoi ordini.

 

Data la sua influenza, sembra chiaro che Trump sappia cosa fa funzionare i suoi seguaci. Il fascino del populismo di Trump non è un fenomeno isolato, ma qualcosa legato al modo in cui le persone pensano ai loro leader.

Il populismo di Trump ora è diventato più grande dello stesso Trump . Il successo dei tiranni in tutto il mondo suggerisce che dovremmo prenderli più sul serio quando vengono elogiati come intelligenti , almeno quando si tratta di manipolare le nostre menti.

Il nuovo autoritarismo

Sebbene i movimenti populisti siano in circolazione da molto tempo, c’è stato un notevole interesse nello spiegare perché il populismo è diverso ora , perché è accoppiato con l’autoritarismo e si tinge senza scusarsi di nazionalismo e xenofobia.

Le emozioni alla base delle passioni delle masse prive di diritti civili sono radicate oggi nella paura di noi contro loro della scomparsa nazionale – che l’aumento dell’immigrazione, della liberalizzazione e della globalizzazione sono segni schiaccianti che le istituzioni un tempo affidabili non possono più proteggere il nostro benessere collettivo.

In molti paesi in cui l’autoritarismo ha preso piede – Russia, Bielorussia, Ungheria, Turchia e Polonia per citarne alcuni – questo populismo è anche accompagnato da una spinta dei leader a sopprimere la libertà di stampa o diffondere disinformazione dilagante aiutata dai social media.

Una donna con i capelli corti e scuri in una giacca bianca intreccia le mani mentre si trova di fronte a un microfono.
Maria Ressa delle Filippine fa un gesto mentre parla durante la cerimonia del Premio Nobel per la Pace al municipio di Oslo in Norvegia nel dicembre 2021. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)

In un cenno all’intelligenza di tali autocrati, il premio Nobel Maria Ressa descrive l’uso politico di tale disinformazione come “diabolicamente brillante”.

Ressa, giornalista, è stata insignita del Premio Nobel per la Pace per i suoi sforzi per salvaguardare la libertà di espressione. Continua a leggere “Da Trump a Putin: perché le persone sono attratte dai tiranni?”

LIBERTÀ DI STAMPA O LIBERTÀ DI MENZOGNA?

Fonte Angelodorsi

Il Coronavirus sta ottundendo le facoltà cerebrali, prima ancora che attaccare i polmoni. Navighiamo in un oceano di follia. Ho scritto più volte che la prima “emergenza” in Italia è la cosiddetta informazione, che è controllata in gran parte da due gruppi finanziari, ed è assolutamente omologata culturalmente, oltre che politicamente a senso unico, e povera, spesso poverissima sul piano della mera capacità giornalistica, non di rado anche nella padronanza della lingua italiana. Continua a leggere “LIBERTÀ DI STAMPA O LIBERTÀ DI MENZOGNA?”