Vai al contenuto

FONTE:  CONTROLACRISI.ORG

 

 

Uno degli ufficiali della Marina che partecipò nel 1977 al sequestro e all'uccisione dello scrittore e giornalista argentino Rodolfo Walsh, ricordato come un mito di resistenza alla dittatura (1976-1983), è stato catturato ieri in Brasile.
Si tratta di Gonzalo 'Chispa' Sánchez, che polizia brasiliana ha localizzato a Paraty, sul litorale di Rio de Janeiro, in esecuzione di un ordine di arresto internazionale firmato molti anni fa, nel 2009, dal giudice argentino Sergio Torres.
Autore di 'Operación Masacre', considerato come il primo romanzo di genere 'No Fiction', sorta di sintesi fra il romanzo tradizionale e la testimonianza storiografica, Walsh mostrò fin dall'adolescenza le sue propensioni letterarie.
Dopo una stagione vicina a movimenti di destra, viaggiò a Cuba, partecipando con Gabriel Garcia Marquez alla fondazione dell'agenzia di stampa Prensa latina, e segnalandosi come precursore di Wikileaks quandò intercettò e decifrò comunicazioni della Cia con agenti in Guatemala con cui era stata preparata la fallita invasione della Baia dei Porci a Cuba.
Negli anni '70 aderì al movimento dei Montoneros e, dopo il golpe del generale Jorge Rafael Videla, creò l'agenzia di stampa Ancla, facendo circolare oltre 200 dispacci contro la dittatura.
In pericolo, Walsh rifiutò di esiliarsi come avevano fatto altri dirigenti dei Montoneros, e continuò l'attività clandestina. E il 24 marzo 1977, primo anniversario del colpo di Stato, pubblicò l'ultima sua opera, 'La carta abierta de un escritor a la Junta militar', in cui denunciò i tanti desaparecidos e criticò la politica neoliberalista governativa.
Il giorno dopo un 'Grupo de tarea' della Scuola di meccanica della marina (Esma), guidato dall''Angelo biondo', Alfredo Astiz, e da Jorge 'Tigre' Acosta, e integrato dal 'prefetto' Sánchez arrestato ieri, gli tese una imboscata. Walsh morì in una sparatoria, ed il suo corpo non fu mai più ritrovato.

 

Il 43 ° anniversario del peggior colpo della storia argentina sarà ricordato da milioni di persone in tutto il paese. La memoria sarà legata all'angoscia della crisi sociale di oggi in un anno elettorale determinante

Di Ailín Bullentini

Ancora una volta Plaza de Mayo ei suoi dintorni diventeranno i luoghi questa domenica per esercitare la memoria quando organizzazioni per i diritti umani, sopravvissuti e parenti, gruppi politici e sociali ma, soprattutto, madri, padri, figli e figlie, gruppi di amici , fratelli e compagni convergeranno a ricordare le vittime dell'ultima dittatura militare, 43 anni dopo il suo inizio. La convocazione del consiglio nazionale delle organizzazioni per i diritti umani cita tutto e tutti a 14 nei pressi del Plaza con lo slogan "Con memoria e unità lotta per la patria che ha sognato i 30 mila"; lì, dove convergeranno con l'Associazione delle Madri di Plaza de Mayo, ore dopo leggeranno un documento. Il pomeriggio continuerà con la mobilitazione nello stesso luogo del Meeting della Memoria, Verità e giustizia e gruppi di sinistra. La Campora arriverà a Plaza de Mayo da La Esma.

"Non c'è modo di superare l'ipocrisia dei governi che voltano le spalle al popolo, non c'è modo di costruire la patria della giustizia sociale e una vita dignitosa per la quale i nostri figli e le nostre figlie hanno combattuto, senza essere uniti", riflette Nora Cortiñas. , una delle Madri di Plaza de Mayo della Linea Fondatrice che entrerà in Plaza de Mayo tenendo la bandiera con le foto di "tutti i nostri dispersi".

Il tavolo nazionale delle organizzazioni per i diritti umani chiede di partecipare alla Giornata nazionale della memoria per la verità e la giustizia a partire da 14. La bandiera blu con le foto delle vittime, mitico capo della marcia, sarà estesa a lungo l'Avenida de Mayo e avanzerà man mano che la strada si riempie di gente. "Memory" e "Unity" sono le due parole che suonano con forza nello slogan del convegno che hanno scelto per quest'anno. Sul concetto di "memoria", Cortiñas ha coinciso con il presidente delle nonne, un altro degli organi di convocazione, in cui "la memoria non può mancare". "La storia non è risolta. Perdere memoria significa permettere che le cose accadano di nuovo ", ha avvertito Carlotto durante le trasmissioni radiofoniche di ieri mattina.

Vedi L'ARTICOLO ALLA  FONTE >>>>  PAGINA12