Dichiarazione di WikiLeaks contro l’estradizione di Julian Assange

 

Fonte  ACRIMED

 

Il ministro dell’Interno  britannico approva l’estradizione dell’editore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti, dove rischia una pena detentiva di 175 anni. Una giornata buia per la libertà di stampa e la democrazia britannica La decisione sarà impugnata  ”: traduciamo il comunicato di WikiLeaks pubblicato ieri . (Acrimato)

È un giorno buio per la libertà di stampa e la democrazia britannica. Chiunque tenga alla libertà di espressione in questo paese dovrebbe vergognarsi profondamente che il ministro dell’Interno abbia approvato l’estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti, il paese che aveva pianificato di assassinarlo.

Giuliano non ha fatto niente di male. Non ha commesso alcun crimine, non è un criminale. Giornalista ed editore, viene punito per aver fatto il suo lavoro.

Priti Pratel aveva il potere di fare bene. Invece, sarà ricordata per sempre come complice degli Stati Uniti nella loro spinta a fare del giornalismo investigativo un’impresa criminale. Le leggi straniere fissano ormai i limiti della libertà di stampa in questo Paese e l’attività giornalistica che ha ricevuto i più prestigiosi riconoscimenti nella professione è stata considerata un reato meritevole di estradizione e di ergastolo.

La strada per la libertà di Julian è lunga e tortuosa. La lotta non si ferma oggi. Questo è solo l’inizio di una nuova battaglia legale. Faremo ricorso secondo la procedura in vigore, il prossimo ricorso sarà presentato all’Alta Corte. Combatteremo più duramente e protesteremo più in alto nelle strade, ci organizzeremo e faremo conoscere a tutti la storia di Julian.

Non commettere errori, questo è stato un affare politico fin dall’inizio. Julian ha pubblicato prove che il paese che cerca di estradarlo ha commesso crimini di guerra e li ha insabbiati; che ha torturato e consegnato prigionieri al di fuori del quadro giuridico; che ha corrotto funzionari stranieri; e indagini legali imperfette sugli illeciti statunitensi. La loro vendetta è cercare di farlo scomparire nei recessi più oscuri del loro sistema carcerario per il resto della sua vita, per dissuadere gli altri dal ritenere i governi responsabili.

Non permetteremo che ciò accada. La libertà di Julian va di pari passo con tutte le nostre libertà. Combatteremo per restituire Julian alla sua famiglia e riguadagnare la libertà di espressione per tutti noi.

Analisti della Counter Terrorism Policing inglese pasticcioni e ignoranti ….

 

In un documento della Counter Terrorism Policing, una guida  ad uso degli agenti di polizia sui movimenti terroristi,  nella quale sono indicati movimenti eco nazisti e suprematisti,  sono stati inseriti anche Green Peace e movimenti animalisti innocui. Da questo evento denunciato dal Guardian sono nate proteste e denunce .  Il fatto dimostra la superficialità e l’incompetenza degli analisti del CTP i cui dirigenti sono stati costretti a riconoscere gli errori e la necessità di modificare la guida….
Per saperne di più vai alla fonte Infosurhoy

Vigili del fuoco inglesi si uniscono contro l’estrema destra

FONTE FBU.ORG.UK

 

I  pompieri sono orgogliosi di schierarsi con organizzazioni antirazziste e si oppongono alla retorica tossica dei leader di estrema destra, scrive Ben Selby.

I vigili del fuoco sono impegnati in una società culturalmente diversificata e tollerante e sono turbati dalla sfida che affrontiamo nel diritto razzista e fascista nel Regno Unito. Domenica 9 dicembre, l’Unione dei vigili del fuoco si è tenuta spalla a spalla con organizzazioni come “Stand up to Racism”, “Jewish Socialist Group” e “Muslim Association of Britain” in una manifestazione a Londra contro il razzista, di estrema destra capi.

L’evento è stato una contro-dimostrazione contro la cosiddetta marcia “tradimento Brexit” con il controverso attivista di estrema destra Stephen Yaxley-Lennon (Tommy Robinson), che ha visto i membri della English Defence League e UKIP scendere in piazza per protestare contro Theresa L’affare Brexit di maggio. Questa protesta, insieme ad altre grandi mobilitazioni per le strade di Londra, Leeds e Manchester all’inizio di quest’anno, mette in evidenza l’ascesa della retorica che divide e l’estrema destra in Gran Bretagna.

I vigili del fuoco rispettano le diverse culture e religioni e combatteranno per garantire che il linguaggio problematico dei leader di estrema destra sia confutato. L’attuale leader dell’UKIP, Gerard Batten, ha precedentemente descritto l’Islam come un “culto della morte”, una religione di cui molti vigili del fuoco condividono. Stephen Yaxley-Lennon ha pubblicato un video che tentava di fare da capro espiatorio alle vittime di Grenfell; incolpare gli immigrati per il fuoco e sostenere che i sopravvissuti, i lavoratori che hanno perso tutto, non hanno il diritto di essere re-homed. Questo è l’atteggiamento derisorio e detestabile che questi leader di estrema destra hanno nei confronti delle minoranze.

Anche se la polizia non ha fornito una stima delle dimensioni della folla, i partecipanti alla contro-dimostrazione hanno affermato di essere “ampiamente” in minoranza rispetto alla “Brexit tradimento” di “quasi cinque a uno”. Ciò dimostra che sebbene i leader di estrema destra possano aver aumentato il loro seguito, sono in minoranza rispetto a coloro che rappresentano l’uguaglianza e una società tollerante. I vigili del fuoco continueranno a schierarsi con organizzazioni antirazziste per dimostrare che non sosterremo il discorso di odio dell’estrema destra e i loro tentativi di dividere la nostra società.

Facciamo fuori i poveri, ma senza darlo a vedere…

Mio dio, quanti poveri… Non se ne potrebbero eliminare un bel po’? Fa veramente impressione vederseli tra i piedi dalla mattina alla sera… Castriamoli, dài, così ne nascono di meno…”

Non è una battuta letteraria, non è una citazione del Dickens che descrive un aristocratico del primo Ottocento, ma il pensiero attuale di un giovanissimo e rampantissimo deputato inglese. Non un deputato qualsiasi, oltretutto, ma nientemeno che il vicepresidente del partito Tory, appena nominato da Theresa May come reposnsabile del dipartimento giovanile con l’obiettivo di riconquistare le fasce più “fresche” dell’elettorato, ormai conquistate dall’anziano progressista Jeremy Corbyn.

Continua a leggere “Facciamo fuori i poveri, ma senza darlo a vedere…”