Browsed by
Categoria: Respingimenti migranti

da Left : Tutto quello che non torna nella condanna di Mimmo Lucano

da Left : Tutto quello che non torna nella condanna di Mimmo Lucano

  Fonte:  la rivista LEFT che ringraziamo,   cui invitiamo i nostri lettori ad abbonarsi  Ecco alcuni elementi giuridici che aiutano a capire come sia potuto accadere che l’ex sindaco di Riace sia stato condannato in primo grado a 13 anni e due mesi Mimmo Lucano è stato condannato a 13 anni e due mesi di reclusione, oltre a confische per importi elevatissimi. Una condanna che, giustamente, la maggior parte dei commentatori ha definito abnorme. In particolare questa abnormità risalta, perché…

Leggi tutto Leggi tutto

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Comunicato dei e delle docenti di discipline giuridiche degli Atenei italiani a seguito della sentenza di condanna nei confronti di Mimmo Lucano

Fonte ADIR L’altro Diritto La sentenza di primo grado che condanna Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, a 13 anni e 2 mesi interroga il nostro senso di giustizia. Da giuristi e giuriste, e studiosi e studiose del diritto e delle istituzioni, attendiamo, prima di ogni valutazione nel merito, di leggere le motivazioni della sentenza e con fiducia pensiamo ai successivi gradi di giudizio come a momenti in cui maggiore chiarezza potrà essere fatta. Sin da subito, però, non possiamo…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvini : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli…” – Falso !

Salvini : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli…” – Falso !

      Come si può sopportare una propaganda falsa e disonesta come quella del ministro Salvini che continua ad affermare : ” Riportare i migranti in Libia significa salvarli….” Il sito ufficiale della Farnesina viaggiaresicuri.it così descrive la sicurezza della Libia. Stralciamo la pagina del sito della Farnesina dedicato alla Libia, aggiornata al 12 febbraio 2019 : ‘….. Sicurezza • Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità A partire dall’11 gennaio 2017 l’Ambasciata d’Italia a Tripoli ha ripreso le proprie attività….

Leggi tutto Leggi tutto

LA RESISTIBILE ASCESA DI UN AUTOCRATE POPULISTA

LA RESISTIBILE ASCESA DI UN AUTOCRATE POPULISTA

    Il livello di sostenibilità politica e democratica del ministro degli interni rispetto alla vicenda dei ” porti chiusi” è ormai superato da tempo. Siamo di fronte ad un signore che emette direttive, a quanto pare, delle quali non sarebbe possibile trovare traccia documentale negli uffici a ciò dedicati del Viminale e delle Capitanerie di Porto… Gli stessi divieti rispetto alle prerogative costituzionali di parlamentari del Parlamento italiano ad accedere per un ispezione sulla motonave SEA WATCH ove si…

Leggi tutto Leggi tutto

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

Soccorsi nel Mediterraneo, l’appello di Unhcr e l’ennesimo schiaffo di Salvini

FONTE ARTICOLO21 23 Gennaio 2019 di: ANTONELLA NAPOLI   Nonostante il freddo intenso dell’inverno, il rischio per le condizioni del mare e I continui naufragi dall’inizio dell’anno 4.507 persone hanno già attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Di chi non è sopravvissuto si sa poco o nulla, tranne che, come nel caso del gommone con a bordo 200 persone, sprofondato al largo della Libia, non ci sia la testimonianza di chi è scampato alla morte. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i…

Leggi tutto Leggi tutto

L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione lancia questo appello

L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione lancia questo appello

  Pubblichiamo per favorirne la massima diffusione questo appello dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) che condividiamo . Editor  L’APPELLO ” Lanciamo un appello di impegno civile a difesa della legalità a fronte di una politica senza più legge”   Il nuovo anno si apre con 32 persone che, ancora una volta, attendono da molti giorni (tredici, alla data di oggi) di poter sbarcare in un porto sicuro. Al caso della Sea Watch 3 si aggiunge quello della Sea Eye, con…

Leggi tutto Leggi tutto

No a questa Italia incattivita

No a questa Italia incattivita

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE Autore: Gavino Maciocco L’Italia si è incattivita. La lunga crisi l’ha impoverita materialmente e moralmente, mentre si sono dilatate le diseguaglianze socio-economiche che gli ultimi governi non hanno in alcun modo saputo e voluto mitigare. Così il peso della presenza straniera si è scaricato, quasi ovunque, sugli strati popolari più disagiati della società, quelli che maggiormente hanno patito la crisi. Così hanno avuto buon gioco coloro che hanno indicato negli stranieri i responsabili  della scarsità dei servizi a…

Leggi tutto Leggi tutto

Dossier Libia. Abusi e violazioni sull’altra sponda del Mediterraneo

Dossier Libia. Abusi e violazioni sull’altra sponda del Mediterraneo

FONTE MELTINGPOT  Mail: dossierlibia@lasciatecientrare.it  Site: dossierlibia.lasciatecientrare.it  Canale YouTube: Dossier Libia  FB: Dossier Libia  TW: MaipiùCIE Le politiche europee e quelle degli ultimi Ministri dell’Interno italiani da anni sono impegnate a costruire le nuove frontiere dell’Europa, nel tentativo di “sigillarne” i confini. Frontiere volte a fermare il flusso dei rifugiati e migranti economici, motivando queste azioni come necessarie al contrasto dell’immigrazione irregolare. La Libia è diventata una “zona cuscinetto” dove i tavoli politici contrattano accordi economici e diritti umani, summit con capi di stato e…

Leggi tutto Leggi tutto

L’inquietante pervicacia del procuratore Zuccaro

L’inquietante pervicacia del procuratore Zuccaro

FONTE : VITA.IT AUTORE : RICCARDO BONACINA Dopo quasi 2 anni dall’avvio della sua indagine, Carmelo Zuccaro, procuratore di Catania, nonostante non si sia mai negato a clamorose rivelazioni e chiacchiere e nonostante il dispendio di energie, di soldi pubblici, sino ad oggi non aveva combinato nulla. Sospetti tanti, criminalizzazioni a fiotti, ma nessun atto giudiziario. Nel giugno scorso, poi, un’altra procura siciliana aveva compromesso una volta per tutte il teorema zuccariano: la Procura Palermo aveva infatti stabilito l che non esiste nessun…

Leggi tutto Leggi tutto

Là dove la vita vale poco

Là dove la vita vale poco

fonte lacittafutura.it È stata uccisa una persona, che ha avuto una vita, che era in viaggio, un migrante, nel silenzio più assordante e indifferenza di ogni mezzo mediatico. Roberto Adduci e Guido Capizzi  10/11/2018 Credits: fanpage.it COMO. Questa è una storia vera, la storia di Abdellah Toure. Il suo corpo è stato trovato il 12 ottobre, privo di vita, ucciso. Siamo a Como, al confine con la Svizzera. Qui negli ultimi anni sono arrivati molti più migranti degli anni precedenti. La cronaca, non…

Leggi tutto Leggi tutto

Salvini vuole più clandestini

Salvini vuole più clandestini

  FONTE RAIAWADUNIA.COM “Chi vedeva l’immigrazione come una mangiatoia oggi è a dieta. Molti finti volontari non parteciperanno più a bandi se invece di 35 euro ne porti a casa 19 non ci mangi più. E non ci mangia più né mafia né ‘ndrangheta. Ma rimarranno volontari veri e sono convinto che molte cooperative si daranno alla macchia”. Un messaggio che quello del titolare del Viminale che di fatto cambia radicalmente l’approccio alla gestione dell’accoglienza da parte del governo. Dopo…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti sulla nave Diciotti, appello di Eleonora Forenza

Migranti sulla nave Diciotti, appello di Eleonora Forenza

19.08.2018 – Redazione Italia (Foto di https://www.facebook.com/ForumLampedusaSolidale/) L’europarlamentare di Rifondazione Comunista Eleonora Forenza, che tra fine giugno e inizio luglio ha seguito in prima persona la vicenda dei migranti a bordo delle navi Astral e Open Arms, della ong spagnola Proactiva Open Arms, lancia dalla sua pagina Facebook un appello a intervenire sulla vicenda della nave Diciotti,  ancora bloccata al largo di Lampedusa. “E così, mentre noi discutiamo di applausi e fischi, il Ministro degli Interni minaccia di rimpatriare in…

Leggi tutto Leggi tutto

Idiocracy

Idiocracy

Fonte Carmillaonline Pubblicato il 17 giugno 2018 · in Schegge taglienti · di Alessandra Daniele che ringraziamo “Questo è un governo Salvini, che farà di Di Maio il suo Alfano” – Vittorio Sgarbi There can be only one. Ci può essere soltanto un Re Sòla, e Salvini lo sa bene. Sfruttando come sempre il fascismo endemico degli italiani, la paranoia, l’odio razziale, la patetica predilezione per l’Uomo Sòla al Comando, dopotutto sta avendo davvero gioco facile ad arrogarsi il trono, riducendo Di Maio al ruolo di velino,…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, Open Arms: “Nave dissequestrata, ma buona notizia a metà”

Migranti, Open Arms: “Nave dissequestrata, ma buona notizia a metà”

Fonte Pressenza.com (Foto di DIRE) Il dissequestro della Open Arms è una buona notizia, ma è una piccola battaglia vinta all’interno di una situazione che resta difficile: l’inchiesta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e associazione a delinquere contro i nostri due operatori continua. Ma la decisione di oggi dimostra che stiamo andando verso la verità“. A parlare alla DIRE è Riccardo Gatti, portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms. Poche ore fa il gip di Ragusa Giovanni Giampiccolo, ha deciso di…

Leggi tutto Leggi tutto

Ventimiglia: pensieri su testimonianza e sovraesposizione – di Marta Menghi, Amelia Chiara Trombetta e Antonio Curotto

Ventimiglia: pensieri su testimonianza e sovraesposizione – di Marta Menghi, Amelia Chiara Trombetta e Antonio Curotto

 FONTE EFFIMERA.ORG Ti offro questi dati perché niente muoia, né i morti di ieri, né i resuscitati di oggi. Voglio brutale la mia voce, non la voglio bella, non pura, non voglio si diverta, perché parlo infine dell’uomo e del suo rifiuto, del suo marcio quotidiano, della sua spaventosa rinuncia. Voglio che tu racconti. Fanon, Lettera a un francese   Dall’inizio del 2016, siamo stati a Ventimiglia regolarmente e tutte le volte abbiamo voluto scrivere e condividere ciò che abbiamo visto…

Leggi tutto Leggi tutto

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

La frontiera dove l’Europa ha perso l’anima

Fonte Ilmanifestobologna di Marco Revelli Colle del Monginevro, 1.900 metri di quota, a metà strada tra Briançon e Bardonecchia. È su questa linea di frontiera che oggi batte il cuore nero d’Europa. È qui che la Francia di Emmanuel Macron ha perso il suo onore, e l’Europa di Junker e di Merkel la sua anima (quel poco che ne rimaneva). In un paio di mesi, in un crescendo di arroganza e disumanità, i gendarmi francesi che sigillano il confine hanno…

Leggi tutto Leggi tutto

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

La Francia agisca nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone e delle norme internazionali, europee e nazionali

 Fonte ASGI 01/04/2018 Il parere giuridico dell’ASGI sulla vicenda di Bardonecchia: ecco le norme vigenti. In seguito alla richiesta di spiegazioni da parte del Governo italiano, le autorità francesi hanno affermato che i controlli effettuati dagli agenti della Dogana francese nei locali della stazione di Bardonecchia in cui operano i medici di Rainbow4Africa e i mediatori culturali del Comune si sarebbero svolti nel rispetto della normativa vigente. Le norme europee e gli accordi tra Italia e Francia, intervenuti nel corso…

Leggi tutto Leggi tutto

Cosa abbiamo da perdere?

Cosa abbiamo da perdere?

Fonte LavoroeSalute Pubblicato da franco.cilenti   Hanno salvato 218 vite esposte a due alternative: la morte in mare su gommoni alla deriva o finire catturati dalla sedicente Guardia costiera libica, finanziata dall’UE, per essere riportati nelle mani di aguzzini usi a chiedere un riscatto, a torturare, a stuprare a rinchiudere in centri di detenzione. In un mondo normale sarebbero stati chiamati “eroi”, oggi invece come ormai noto perché anche la stampa mainstream ha sussultato, sono accusati di “associazione a delinquere”…

Leggi tutto Leggi tutto

“La scelta è nostra”. L’Europa, le sue radici e i suoi confini: dalle persecuzioni nazi-fasciste alle stragi in mare

“La scelta è nostra”. L’Europa, le sue radici e i suoi confini: dalle persecuzioni nazi-fasciste alle stragi in mare

FONTE MELTINGPOT.ORG di Ilaria Papa, MigrAzioni – 21 marzo 2018 Racconta Liliana Segre, nel suo libro “Sopravvissuta ad Auschwitz” (2005), un fatto che cambiò il corso della sua vita: quando, bambina, il 7 dicembre del 1943, tenendo per mano suo padre, passò il confine italo-svizzero attraverso un buco della rete di recinzione. La gioia di trovarsi sul suolo svizzero – una terra neutrale che avrebbe potuto offrire salvezza a quel piccolo gruppo che, come altri gruppi di ebrei, antifascisti, renitenti…

Leggi tutto Leggi tutto

I membri di Open Arms “rischiano pene tra i 4 e i 7 anni di prigione”

I membri di Open Arms “rischiano pene tra i 4 e i 7 anni di prigione”

Fonte Meltingpot.org La Colau offre il ’supporto giuridico’ di Barcellona e ’tutto quanto possa essere utile per aiutare  Link all’articolo originale (ESP) su ElPlural.com del 19 marzo 2018 Traduzione a cura di: Anna Latino, Angela Ciavolella Il fondatore e direttore dell’ONG Pro Activa Open Arms, Oscar Camps, ha affermato oggi che i tre membri dell’equipaggio accusati in Italia per aver soccorso i migranti “rischiano tra i 4 e i 7 anni di prigione”, pertanto ha sottolineato che ora la priorità…

Leggi tutto Leggi tutto

Migranti, affidarne i soccorsi alla Libia significa respingerli

Migranti, affidarne i soccorsi alla Libia significa respingerli

FONTE FAMIGLIACRISTIANA       Un verbale della riunione dell’ Organizzazione mondiale del mare del 30 ottobre scorso svela la contrarietà di creare un coordinamento libico dei salvataggi nel Mediterraneo. Ma giovedì scorso la nave della Ong spagnola Open Arms è stata affidata proprio alle motovedette di Tripoli come ha spiegato anche la Guardia Costiera italiana. Ora cominciano i respingimenti collettivi per conto terzi? 17/03/2018 di Andrea Palladino   Torna il Caos Mediterraneo, tornano le accuse alle Ong impegnate nel…

Leggi tutto Leggi tutto

Libia: ecco cosa succede nei centri di detenzione per migranti

Libia: ecco cosa succede nei centri di detenzione per migranti

FONTE ASGI 27/12/2017 Asilo / Protezione internazionale, Giurisprudenza, Libia Ecco le motivazioni della sentenza del 10 ottobre 2017 con cui la Corte d’assise di Milano ha condannato all’ergastolo un cittadino somalo ritenuto responsabile di gravissimi fatti di violenza commessi nei primi mesi del 2016 in un campo di raccolta dei migranti in Libia (cfr. comunicato dell’11 ottobre). Leggere le testimonianze delle persone offese sentite nel processo lascia senza fiato. Nel campo in cui le persone offese erano rinchiuse con la forza, e di cui…

Leggi tutto Leggi tutto

Noi disertiamo

Noi disertiamo

fonte comune-info.net un ponte per | 28 novembre 2017 | 0 commenti   di Un ponte per .. Un ponte per… ha deciso da tempo di non partecipare a bandi della cooperazione italiana per la Libia e condivide i contenuti della lettera aperta che chiede alle ONG di disertare il bando per “migliorare” i campi per migranti e rifugiati nel paese. L’invio di ONG sarebbe un’operazione d’immagine, una risposta ipocrita alle denunce che sempre più numerose giungono dalla Libia, dove migliaia…

Leggi tutto Leggi tutto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

Ventimiglia libera – di Amelia Chiara Trombetta e Antonio G. Curotto

fonte effimera Riprendiamo da Parole sul confine questo report sulla giornata dello scorso 11 novembre a Ventimiglia.   Partiamo al mattino da Genova per Ventimiglia, portiamo con noi una confezione da 1 kg di anti-scabbia galenico fornitoci gratuitamente da una farmacia di Genova. Dopo un breve ma caldo incontro con Delia nel suo locale, ci rechiamo in bici presso l’info-point Eufemia, in via Tenda. Vogliamo incontrare i volontari presenti per parlare dei criteri di somministrazione del farmaco. La procedura prevede,…

Leggi tutto Leggi tutto

Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia”

Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia”

fonte video.repubblica.it Sea Watch, il volontario italiano: “Siamo tutti colpevoli, con i nostri soldi si finanzia la Libia” Gennaro Giudetti è il volontario italiano che il 6 novembre scorso si trovava sulla nave della Ong tedesca Sea-Watch e che ha assistito, dopo l’incidente con la Guarda costiera libica, al naufragio in cui 5 migranti hanno perso la vita e in cui più di cinquanta persone risultano disperse. Durante una conferenza stampa alla Camera dei Deputati a Roma in compagnia di…

Leggi tutto Leggi tutto

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

Depositato il ricorso di ASGI contro lo sviamento di 2,5 milioni di euro dal Fondo Africa

FONTE  14.11.2017 – ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (Foto di Medici senza Frontiere) Il 14 novembre 2017, per il tramite delle avvocate Giulia Crescini e Cristina Laura Cecchini, l’ASGI ha impugnato davanti al Tribunale Amministrativo del Lazio  il Decreto 4110/47 con il quale il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale ha accordato al Ministero dell’Interno un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro per la rimessa in efficienza di 4 motovedette, la fornitura di mezzi di ricambio e la…

Leggi tutto Leggi tutto

Ministro Minniti mi incontri, le racconto l’orrore

Ministro Minniti mi incontri, le racconto l’orrore

FONTE  RPROJECT di Daniela Belli Gennaro Giudetti, 26 anni, volontario dell’ong Sea-Watch, ha recuperato con le proprie mani decine di persone salvandole da morte certa e un bambino senza vita nel naufragio di ieri 6 novembre 2017: «Ho visto con i miei occhi il folle comportamento dei militari libici, che picchiavano chi voleva raggiungerci e ci lanciavano patate. L’Italia blocchi l’accordo con la Libia». Ecco il suo racconto senza filtri “Una volta tornato a terra voglio incontrarla, ministro Marco Minniti. Io,…

Leggi tutto Leggi tutto

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

L’Italia è responsabile dell’azione libica nel Mediterraneo

FONTE ASGI Quanto accaduto il 6 Novembre nel Mediterraneo centrale conferma l’idea già sostenuta dall’Asgi in tante altre occasioni: la guardia costiera libica e le autorità libiche non sono interlocutori affidabili, né tanto meno hanno la possibilità o la volontà di effettuare operazioni di ricerca e salvataggio con le attrezzature fornite dall’Italia. Essi costituiscono, invece, lo strumento cui Italia e Ue hanno appaltato le politiche di respingimento dei migranti che cercano di raggiungere l’Europa. E’ importante sottolineare che l’episodio si…

Leggi tutto Leggi tutto