Vai al contenuto

- Una buona notizia: Paolo Vineis eletto vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità.
- Consumi, un allarme alimentare al giorno nel 2018. Un Dossier della Coldiretti
- Plastica: la crisi della salute umana
- Il linfoma non-Hodking e esposizione a glifosato -Newsletter Medico Legale Numero 4/2019 Inca Cgil
- Una riflessione sul Seminario”Allungamento della vita lavorativa effetti sulla salute, gestione contrattuale del fenomeno dell’invecchiamento lavorativo”.
- Il Modello Formigoni ha spalancato le porte ai privati 

- Frittura mista

Buon ascolto !

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di:

– Le grandi paure di quest’epoca alimentate dalla propaganda politica fanno prevalere la security rispetto alla safety.Le persone hanno paura per un’invasione di migranti che non c’è mentre vengono sottostimati i rischi per la salute e la sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro; la percezione e i dati reali…

– Problemi di salute nell’Autotrasporto: risultati di una indagine-studio;

– NON SONO CALATE LE MORTI SUL LAVORO, MA SOLO QUELLE ACCERTATE DALL’INAIL

– I Call-center: rischi per la salute

– HesaMag n°17: Sous le vernis, des professionnels de la beauté en danger
– Frittura mista …

EseguiEsegui

 

In questa 52a puntata parliamo di:

Appello di Pietro Paris (responsabile della Sezione Sostanze pericolose dell’ISPRA)

” In Europa ci sono circa 100.000 sostanze in uso, la maggior parte delle quali non ha mai (ho lo ha solo in parte) subito una valutazione di rischio. C’è un lavoro enorme da fare. È paradossale: l’Europa ci chiede di lavorare (ci sollecita), stanzia fondi, ci chiede di andare a prenderli (prima che arrivino i soliti tedeschi, olandesi, svedesi, ecc.) e noi smantelliamo le strutture che dovrebbero svolgere i compiti.
Perché gli italiani vanno a lavorare all’estero? “

Legambiente. Rapporto “Pendolaria”. Boom di pendolari in Lombardia, ma si investe in autostrade

MORTI SUL LAVORO 2017 IN ITALIA: UNA TRAGEDIA SENZA FINE. IL 2017 SI CHIUDE CON 1029 VITTIME: UNA MEDIA DI QUASI 86 MORTI AL MESE. UN TRAGICO AUMENTO DEL 1,1% RISPETTO L’ANNO PRECEDENTE. ( Rapporto Vegaengineering )

La prevenzione senza ossigeno

I tragici infortuni avvenuti negli ultimi giorni hanno suscitato sconcerto, anche fra quanti hanno operato ed operano nel sistema pubblico di prevenzione. Nonostante tutto l’impegno profuso nelle attività di informazione, assistenza e controllo, anche mirate, i fatti ci dicono che nei luoghi di lavoro si ripetono ancora eventi mortali spesso con dinamiche che riportano al passato. Questi eventi ci interrogano, e hanno indotto in alcuni di noi riflessioni che qui pubblichiamo, sperando che siano utili all’apertura di un dibattito “largo” che vogliamo ospitare in questo spazio. ( fonte Snop.it )

Quelle vulnérabilité des travailleurs européens face aux conditions de travail dégradées ?

EseguiEsegui

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

- Uno sguardo sul Salone Ambiente Lavoro di Bologna, è solo una grande ri/vendita di formazione hot dog e di certificazioni pret a porter o è invece un luogo di scambio di esperienze professionali hight quality ?
- Lavori sharing economy, il fascino del licenziamento postmoderno  tramite APP

- Incidente alla Basf: la globalizzazione ha omologato anche la Germania negli standard bassi della gestione della sicurezza ?

- La crisi della medicina del lavoro, un interessante documento SIIMLI

- Referendum costituzionale e prevenzione......

EseguiEsegui

Podcast audio di Diario Prevenzione 28 giugno 2016 - Puntata n° 37 -
a cura di Gino Rubini

In questo numero parliamo di:

- Brexit : quale impatto sul SSN inglese ?

- Brexit: salute e sicurezza sul lavoro. Direttive europee in materia di salute e sicurezza sul lavoro e GB .

- Il nuovo codice degli appalti

- Cancerogeni occupazionali:prevenzione ed emersione dei tumori professionali- Linea Guida della Regione Toscana

- Tempo e giustizia nella conciliazione vita-lavoro  Quaderno del Programma di Ricerca "L'Officina di Organizzazione"

- Frittura mista

 

 

 

EseguiEsegui

PODCAST NOTIZIE AMBIENTE LAVORO SALUTE DI DIARIO PREVENZIONE - 07 marzo 2016 - N° 35  
a cura di Gino Rubini
 
In questa puntata del podcast parliamo di 
 
- Sicurezza del lavoro . Stato dell'arte a Ravenna a 29 anni dalla tragedia Mecnavi, intervista ad Andrea Marchetti, Cgil Ravenna.
 
- Ambienti confinati e porti, riflessioni dopo la risposta ad un interpello da parte del Ministero del lavoro che rischia di riportarci molto indietro
 
- Stakanovismo, una sindrome che va dalla pubblicità a polemiche su casi montati ad arte come quello della Reggia di Caserta...ovvero come difendersi dal plebeismo mediatico
 
- Rischi psicosociali correlati al lavoro, una inchiesta del governo francese che mette in luce come siano i lavoratori esecutivi quelli più a rischio e con minori strumenti per autotutelarsi
 
- Queste e molte altre notizie nel Podcast n° 35  di diario prevenzione
EseguiEsegui

a cura di Gino Rubini

In questo numero parliamo di

- Un clima pesante per chi vive del proprio lavoro, Jobs Act e dintorni

- LA SEMPLIFICAZIONE RICHIEDE INTELLIGENZA. L'ABROGAZIONE DEL REGISTRO INFORTUNI, UNA SEMPLIFICAZIONE FATTA SENZA TESTA

- Tecnostress: il punto di vista del sindacato

- LAVORO AGILE, TANTO "AGILE" DA ESSERE VOLATILE E INSICURO PER LA SALUTE E SICUREZZA

- Bruno Maggi: Il "vero paziente è il lavoro "

IL NOTIZIARIO AUDIO - 38 minuti

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di Disrputing sociale, ovvero delle azioni distruttive del “turbo capitalismo” nei confronti delle persone che vivono del proprio lavoro. Il disrputing sociale è il risultato di numerose operazioni tradizionali di delocalizzazione d'impresa come quella che stanno vivendo le lavoratrici e i lavoratori della Saeco di Gaggio Montano e di nuovi fenomeni emergenti come il caporalato digitale ( Uber pop ne è solo un esempio reso noto dai media e dalle mobilitazioni dei taxisti ) che sono la punta dell'iceberg del molecolare cambiamento in atto delle relazioni di lavoro favorito dalle tecnologie di rete. Da una parte l'assenza di regole che limiti il potere delle multinazionali di delocalizzare senza pagare pegno, dall'altra la dirompenza delle tecnologie di rete fissa e mobile che travolge molti lavori che hanno alla base l'intermediazione sta provocando uno sconvolgimento sociale che la politica allo stato dell'arte non è in grado di governare. Questo sarà il tema che Diario Prevenzione, nel ventesimo anno online, affronterà nel 2016, oltre ai temi tradizionali salute e sicurezza nel lavoro e ambiente. Buon Anno Nuovo, a risentirci nel 2016

IL NOTIZIARIO IN AUDIO
Ultimo aggiornamento ( venerdì 18 dicembre 2015 )

EseguiEsegui