Vai al contenuto

 

In questa puntata parliamo di :

Tristi Cronache, continua la ricorrenza ossessiva di incidenti mortali sul lavoro in gran parte evitabili.
Cgil Cisl Uil Lombardia contro la sequenza insostenibile di incidenti mortali sul lavoro
Quanto sono pericolose le auto elettriche in caso d’incidente ?
La Commissione Europea deferisce l’Italia alla Corte di giustizia per inquinamento atmosferico e mancato trattamento adeguato delle acque reflue urbane
Infortuni e malattie professionali delle lavoratrici nei dati INAIL

Durante l'ascolto del Podcast suggeriamo di seguire i link degli articoli su diario-prevenzione.it

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di:
- Fanghi tossici da depurazione ad  elevata presenza d'inquinanti saranno "legalmente" sparsi sui terreni agricoli.
- Il ministro Salvini da la colpa dei nubifragi e della tempesta che ha sconvolto il Veneto agli "ambientalisti da salotto". Cosa ha fatto invece "l'ambientalista sovranista" Salvini? A suo tempo ha votato al Parlamento Europeo contro il Trattato di Parigi sul clima
- Servono più risorse per sistemare il SSN.
- Vittime e disastri: l'Italia sempre più fragile e insicura a causa del cambiamento climatico.
- Frittura mista di micro notizie

EseguiEsegui

In questa puntata:

-  Quanto vale oggi la vita dei cittadini ? La tragedia del ponte Morandi a Genova testimonia che la sicurezza delle strutture non appare essere la priorità dei gestori. Sarà la magistratura a individuare le responsabilità penali. Ma ciò che ci interessa è ragionare fino a qual punto si fa riferimento al principio di precauzione nella predisposizione delle procedure di controllo delle infrastrutture. Esistono coefficienti di sicurezza condivisi sotto i quali scatta il blocco dell'uso delle infrastrutture o si sfida la fortuna ?

- In questo tragico mese d'agosto un'altro incidente ha messo in evidenza la vulnerabilità del traffico autostradale: ci riferiamo alla esplosione del camion cisterna di gas liquido dopo un tamponamento all'altezza di Bologna. Quali risposte dare per ridurre i rischi nel trasporto di materiali infiammabili e esplodenti ?

- La vicenda della nave della guardia costiera Diciotti: è legittimo ed etico che un ministro utilizzi il sequestro dei corpi dei migranti come deterrente per la sua campagna elettorale ? Alcune riflessioni ....

 

EseguiEsegui

Una riflessione a tutto campo sulle radicali trasformazioni che stanno avvenendo nel lavoro e nella societa’, sulle rappresentazioni di salute e malattia che derivano da questi nuovi contesti: tutto questo cha impatto avra’ sul ruolo e sul lavoro degli operatori della prevenzione pubblici e non pubblici ?

(a cura di Gino Rubini)

Riferimenti:

Il sito della Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione:   SNOP.IT

EseguiEsegui

 

In questa puntata parliamo di:

– Governo “giallo-verde” , quali prospettive per le politiche in materia di salute e sicurezza nel lavoro.
– Rider: la tutela contro gli infortuni è un miraggio
– UK. Corbyn attacca la mancanza d’iniziativa del governo un anno dopo il tragico incendio del Grenfell
– La mission di Diario Prevenzione in questa fase politico istituzionale
– Fritto misto

EseguiEsegui

 

In questa puntata del Podcast, la prima del 2018, parliamo di:

– Ancora una strage sul lavoro, 4 operai morti a Milano in un’azienda metalmeccanica.
– Morti per esalazioni di gas: come prevenire questi infortuni?
– Processo amianto CEMENTAL: presenza e presidio a Reggio Emilia lunedì 29 Gennaio 2018 ore 12.00
– Incidenti sul lavoro, i dati del Rapporto Inail 2017 c’entrano con le prossime elezioni e con la politica ?

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di
 
 
 
- LEGGE DI BILANCIO: GARAVAGLIA, FORTE PREOCCUPAZIONE PER SANITÀ E INVESTIMENTI. Il fondo sanitario nazionale stabilito dalla legge di Bilancio a 113,4 mld nel complesso "si riduce di 500 mln" rispetto al passato. "Andiamo sotto la soglia non solo simbolica ma oggettiva di tenuta del sistema del 6,5% del Pil, e ci avviciniamo a un modello 'Grecia'". 
 
- LE PANZANE SULL'INNALZAMENTO DELLE ASPETTATIVE DI VITA
 
 
EseguiEsegui

 
a cura di Gino Rubini
 
In questa puntata parliamo di
 
- COSA SAPPIAMO DELLA SALUTE DISUGUALE IN ITALIA?
- IL DECRETO MADIA PUNISCE ANCHE I MALATI IN “TERAPIA SALVAVITA”
- LOTTE E AMIANTO: SOFFERENZA, COINVOLGIMENTO, IMPEGNO. I VIDEO E LA DOCUMENTAZIONE
- SALUTE E SICUREZZA NEI TRASPORTI: RAFFORZIAMO PREVENZIONE E TUTELE 
- FRANCE LES ÉMISSIONS DES MOTEURS DIESEL SONT CANCÉROGÈNES POUR L’HOMME
- Come si finanzia la salute globale.Uno studio  
Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) 
EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione 
 
13 maggio  2017 - puntata n° 45
 
a cura di Gino Rubini
 
 
In questa puntata parliamo di
 
- Ricordo di Ivano Pioppi, sindacalista ,sempre presente per tutelare i lavoratori, dagli ex esposti all'amianto, ai lavoratori  licenziati perché malati, alle decine di persone che si affacciavano alla porta del suo  ufficio per una consulenza, per sapere come andava la loro causa... 
- Riflessioni dalla lettura della Rivista di psicologia applicata alla gestione dell'emergenza ;
- Vincenzo Comito : Note sulla situazione e sulle prospettive del lavoro nel mondo
- Nessuno giochi sulla salute ( da un articolo di Gavino Macciocco apparso su saluteinternazionle.info )
- Sicurezza sul lavoro, il futuro possibile di Claudio Carrer
- La Germania riconosce il tumore dell’ovaio da amianto
- Peggioramento delle condizioni di lavoro in Danimarca
- Frittura mista
EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione 
 
3 aprile  2017 - vol.n° 44
a cura di Gino Rubini
 
In questa puntata parliamo di
 
- Riflessioni sui lavori dell'Assemblea Nazionale RLS, RSU della FIOM CGIL 
- La salute non si vende, la si difende - La giornata europea del 7 aprile in difesa dei Servizi Sanitari universalisti 
- Il 90% dei francesi dichiarano situazioni di sofferenza al lavoro
- Sanità, un Servizio sanitario nazionale per i poveri ? Prestazioni di qualità a pagamento ? Note rispetto ad un articolo di Ivan Cavicchi 
 
EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione

27 febbraio  2017 - vol.n° 43

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

- MORTI BIANCHE NEL 2016: SONO 1.018 GLI INFORTUNI MORTALI DA GENNAIO A DICEMBRE

- Tumori da esposizione in ambiente di lavoro, Bruxelles complice dell'industria.

- Garante privacy: vietati i controlli indiscriminati su e-mail e smartphone aziendali

- Il dirigente, il preposto e l’RSPP in ambito sanitario: sentenze

- Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi

- Rendre le monde du travail plus attentif à la santé des femmes

 

EseguiEsegui

Per aggiornare la  direttiva sulla protezione dei lavoratori contro l’esposizione alle sostanze cancerogene che sono la causa ogni anno di 100.000 decessi, la Commissione ha deciso di fare riferimento ad esperti in maggioranza legati alle industrie multinazionali.

Un’intervista del quotidiano francese le Monde a Laurent Vogel di ETUI e ad altri esperti mette in evidenza la disinvoltura con la quale la Commissione affida nei fatti la redazione degli aggiornamenti della Direttiva su cancerogeni ad esperti che sono espressione delle multinazionali della chimica e del petrolio.
Il testo della Direttiva che costoro stanno preparando è una vergogna affermano diversi esperti: il valore proposto per il cromo esavalente, ad esempio, è venticinque volte superiore a quelli attualmente praticato in Francia.
“Valori limite molto elevati aprono la strada a veri e propri disastri, afferma Laurent Vogel. I lavoratori hanno l’illusione di essere protetti, in pratica questi valori limite si trasformano in una autorizzazione ad uccidere accordata alle imprese”. a
Questo vale anche per il valore limite della silice cristallina che per i sindacati dovrebbe essere, sulla base di studi epidemiologici e d’igiene industriale USA, 0,05 mg/m3 mentre gli esperti della Commissione prevalentemente di parte padronale propongono 0,1 mg/m3.Il valore limite prop osto da ETUC salverebbe in Europa 100.000 vite nei prossimi 50 anni.
Molti di questi esperti sono professionisti che lavorano per le multinazionali che avranno grandi risparmi se dovessero divenire norma le loro proposte.
La Commissione di Monsieur Junker afferma, sempre con amabile disinvoltura, che questi “esperti” non risultano essere in palese conflitto d’interessi rispetto alle proposte che stanno avanzando di “aggiornamento” della Direttiva Cancerogeni.
Se dovessero passare queste proposte dovremo registrare nei prossimi anni un peggioramento delle condizioni di salute di migliaia di lavoratori: per davvero se si vuole salvare l’idea stessa d’Europa occorre allontanare dalle istituzioni europee i burocrati e i politici idioti che hanno costruito il contesto di questo panel di esperti filopadronali che hanno un’unica mission, fare “rispamiare” miliardi di euro alle imprese, esponendo i lavoratori a gravissimi rischi per la salute.

Il degrado culturale, scientifico e politico che emana da questa vicenda ancora una volta alimenterà il sentimento antieuropeo e offrirà ulteriori argomenti ai populisti  : complimenti Mister Junker, un vero capolavoro !  editor

( Una piccola nota: la stampa italiana presa dalle vicende borgatare del PD ha bucato completamente questa notizia che riguarda il patrimonio di salute di qualche milione di lavoratori e lavoratrici. Amen )

L’ARTICOLO LE MONDE 25 FEBBRAIO 2017

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione -
31 gennaio 2017 - vol.n° 42

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

- Presidenza Trump, quali rischi dalla chiusura degli USA rispetto ai problemi del mondo. Quale sarà il futuro delle politiche internazionali in materia di salute, ambiente, cambio del clima ?

- Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica Venerdì 17 febbraio 2017, ore 14.30 Fondazione Marco Biagi

- Toscana Report attività di vigilanza centri estetici relativa all'anno 2016

- Endocrine disruptors: an occupational risk in need of recognition

- Nouveau HesaMag : L'inspection du travail, un service public en crise

- l'amianto è "al 100 per cento sicuro, una volta applicato"... Lo afferma il Presidente USA TRUMP

.... e tante altre notizie in breve

EseguiEsegui

 
 
a cura di Gino Rubini
In questa puntata parliamo di
 
- Patacche e Bufale in rete alla ricerca di creduloni e polli: " l'ho letto su internet  ...quindi è vero "
 
- Un libro importante da leggere : Salute senza confini. Le epidemie al tempo della globalizzazione di Paolo Vineis
 
- Bologna 12-13 gennaio 2017 Workshop SNOP La prevenzione tra oggi e domani 
 
- Meningite: l’epidemia è solo mediatica
 
- La salute diseguale. La sfida di un mondo ingiusto
 
- Frammenti e fritture 
EseguiEsegui

Podcast di Diario Prevenzione - 21 novembre 2016 - Puntata n° 40 
a cura di Gino Rubini, editor di diario prevenzione
 
In questa puntata parliamo di :
 
- Diario Prevenzione on line da vent'anni - Riflessioni su di un'esperienza 
- Suicidi da superlavoro in Giappone 
- Violenze sul lavoro contro il personale sanitario, in particolare nei Pronto Soccorso. Un'esperienza canadese
- Il ruolo dei Rls nella valutazione dei rischi
- Riconoscimenti dei tumori professionali: lotta per la giustizia di famiglie belghe
- Congresso SIMLII: i rischi per la salute nei corpi di polizia
- Protocollo d'intesa sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura in Toscana
- Emergenza Aflatossine : dal controllo alla prevenzione
- Les perturbateurs endocriniens coûtent aux États-Unis 310 milliards d'euros par an
- Come gestire nelle aziende l’invecchiamento del lavoratore
- Altre notizie in breve
 
Buon Ascolto !! 
EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di :

- Terremoto: dopo le lacrime e il dolore è l'ora della ragione e del progetto poliennale per mettere in sicurezza edifici pubblici e abitazioni

- Salute e sicurezza nel lavoro: il nuovo obiettivo delle politiche di deregulation del governo dopo il Jobs Act? Il DdL Sacconi Fucksia

- Francia : il ministro dell'Ambiente Segolene Royale propone un miglioramento dei DPI e delle procedure di sicurezza per gli agricoltori quando usano pesticidi

- Figli della stessa rabbia

- Frittura mista

IL NOTIZIARIO AUDIO
(34 MINUTI)

EseguiEsegui

Ecco la puntata numero 36 del Podcast di Diario Prevenzione . Ci scusiamo per il ritardo di questa puntata dovuto ad un incidente personale ad editor , una caduta rovinosa con rottura spalla dx, rimesso in piedi grazie al sapiente e prezioso lavoro dei chirurghi, infermieri e fisioterapisti dell'Istituto Ortopedico Rizzoli. Grazie di cuore alle persone di valore che lavorano al Rizzoli di Bologna. Gino Rubini

In  questa puntata parliamo di

- Crescono gli incidenti mortali nelle costruzioni, sono gli over 60 e i precari le vittime più numerose
- Diritti alla salute, alla qualità del lavoro e dell'ambiente a fronte del TTIP e della cosìdetta Riforma della Costituzione
- Fine del Principio di Precauzione se il TTIP venisse firmato

EseguiEsegui

Abbiamo intervistato Andrea Marchetti, responsabile per la Cgil del Coordinamento Salute e Sicurezza nel Lavoro sullo stato dell'arte nel territorio di Ravenna.

Come stanno andando le cose a Ravenna, un territorio con molte realtà produttive di grande complessità, dal porto all'industria chimica ove la gestione dei rischi da parte delle aziende è il fattore primario per evitare gravi incidenti sul lavoro e ridurre l'impatto sulla salute non solo dei lavoratori ma anche della popolazione ?

Queste ed altre sono le domande che abbiamo rivolto ad Andrea Marchetti.

 

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di Disrputing sociale, ovvero delle azioni distruttive del “turbo capitalismo” nei confronti delle persone che vivono del proprio lavoro. Il disrputing sociale è il risultato di numerose operazioni tradizionali di delocalizzazione d'impresa come quella che stanno vivendo le lavoratrici e i lavoratori della Saeco di Gaggio Montano e di nuovi fenomeni emergenti come il caporalato digitale ( Uber pop ne è solo un esempio reso noto dai media e dalle mobilitazioni dei taxisti ) che sono la punta dell'iceberg del molecolare cambiamento in atto delle relazioni di lavoro favorito dalle tecnologie di rete. Da una parte l'assenza di regole che limiti il potere delle multinazionali di delocalizzare senza pagare pegno, dall'altra la dirompenza delle tecnologie di rete fissa e mobile che travolge molti lavori che hanno alla base l'intermediazione sta provocando uno sconvolgimento sociale che la politica allo stato dell'arte non è in grado di governare. Questo sarà il tema che Diario Prevenzione, nel ventesimo anno online, affronterà nel 2016, oltre ai temi tradizionali salute e sicurezza nel lavoro e ambiente. Buon Anno Nuovo, a risentirci nel 2016

IL NOTIZIARIO IN AUDIO
Ultimo aggiornamento ( venerdì 18 dicembre 2015 )

EseguiEsegui

 

Intervista al Presidente dell'Associazione Familiari e Vittime dell'Amianto E.R. AFEVA  Andrea Caselli

 
 
 
 
 
In Emilia Romagna sono migliaia i lavoratori che sono stati esposti all'amianto nel posto di lavoro, dalle fabbriche del settore fibrocemento di Reggio Emilia alle Officine Grandi Riparazioni di Bologna ai complessi petrolchimici di Ravenna e Ferrara alle piccole aziende e nell'edilizia. Molti sono gli operai e  i tecnici deceduti a causa del mesotelioma e di altri tumori. Una ecatombe attesa che purtroppo continuerà a mietere vittime anche nei prossimi anni. Per questa ragione la Cgil Emilia Romagna ha promosso la nascita di AFEVA, Associazione Familiari e Vittime dell'Amianto E.R.
Abbiamo intervistato Andrea Caselli, Presidente di AFEVA. Nell'intervista audio Andrea Caselli illustra le attività svolte da AFEVA con i suoi sportelli aperti ai lavoratori in attività esposti ad amianto, agli ex esposti, ai malati, ai loro familiari, ai cittadini che hanno bisogno di informazioni sull'amianto.
EseguiEsegui