Vai al contenuto

In questa puntata:

-  Quanto vale oggi la vita dei cittadini ? La tragedia del ponte Morandi a Genova testimonia che la sicurezza delle strutture non appare essere la priorità dei gestori. Sarà la magistratura a individuare le responsabilità penali. Ma ciò che ci interessa è ragionare fino a qual punto si fa riferimento al principio di precauzione nella predisposizione delle procedure di controllo delle infrastrutture. Esistono coefficienti di sicurezza condivisi sotto i quali scatta il blocco dell'uso delle infrastrutture o si sfida la fortuna ?

- In questo tragico mese d'agosto un'altro incidente ha messo in evidenza la vulnerabilità del traffico autostradale: ci riferiamo alla esplosione del camion cisterna di gas liquido dopo un tamponamento all'altezza di Bologna. Quali risposte dare per ridurre i rischi nel trasporto di materiali infiammabili e esplodenti ?

- La vicenda della nave della guardia costiera Diciotti: è legittimo ed etico che un ministro utilizzi il sequestro dei corpi dei migranti come deterrente per la sua campagna elettorale ? Alcune riflessioni ....

 

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di:

– Viviamo in un’epoca in cui grandi moltitudini di persone vivono male in una condizione di ansie e paure alimentate dalla propaganda razzista e dalle fake news: quali strumenti per la prevenzione delle paure indotte ?
– Seminario ” Gli RLS a 10 anni dall’approvazione del Testo Unico : punti di forza e di debolezza di una figura centrale nel sistema della prevenzione”
– Tra smartphone e apps un’idea per la promozione della cultura della sicurezza: ” Sicurezza che dolcezza …”
– Fritture miste di argomenti trattati su diario prevenzione

 

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di:

– Le grandi paure di quest’epoca alimentate dalla propaganda politica fanno prevalere la security rispetto alla safety.Le persone hanno paura per un’invasione di migranti che non c’è mentre vengono sottostimati i rischi per la salute e la sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro; la percezione e i dati reali…

– Problemi di salute nell’Autotrasporto: risultati di una indagine-studio;

– NON SONO CALATE LE MORTI SUL LAVORO, MA SOLO QUELLE ACCERTATE DALL’INAIL

– I Call-center: rischi per la salute

– HesaMag n°17: Sous le vernis, des professionnels de la beauté en danger
– Frittura mista …

EseguiEsegui

Una riflessione a tutto campo sulle radicali trasformazioni che stanno avvenendo nel lavoro e nella societa’, sulle rappresentazioni di salute e malattia che derivano da questi nuovi contesti: tutto questo cha impatto avra’ sul ruolo e sul lavoro degli operatori della prevenzione pubblici e non pubblici ?

(a cura di Gino Rubini)

Riferimenti:

Il sito della Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione:   SNOP.IT

EseguiEsegui

 

In questa puntata parliamo di:

– Governo “giallo-verde” , quali prospettive per le politiche in materia di salute e sicurezza nel lavoro.
– Rider: la tutela contro gli infortuni è un miraggio
– UK. Corbyn attacca la mancanza d’iniziativa del governo un anno dopo il tragico incendio del Grenfell
– La mission di Diario Prevenzione in questa fase politico istituzionale
– Fritto misto

EseguiEsegui

 

In questa 52a puntata parliamo di:

Appello di Pietro Paris (responsabile della Sezione Sostanze pericolose dell’ISPRA)

” In Europa ci sono circa 100.000 sostanze in uso, la maggior parte delle quali non ha mai (ho lo ha solo in parte) subito una valutazione di rischio. C’è un lavoro enorme da fare. È paradossale: l’Europa ci chiede di lavorare (ci sollecita), stanzia fondi, ci chiede di andare a prenderli (prima che arrivino i soliti tedeschi, olandesi, svedesi, ecc.) e noi smantelliamo le strutture che dovrebbero svolgere i compiti.
Perché gli italiani vanno a lavorare all’estero? “

Legambiente. Rapporto “Pendolaria”. Boom di pendolari in Lombardia, ma si investe in autostrade

MORTI SUL LAVORO 2017 IN ITALIA: UNA TRAGEDIA SENZA FINE. IL 2017 SI CHIUDE CON 1029 VITTIME: UNA MEDIA DI QUASI 86 MORTI AL MESE. UN TRAGICO AUMENTO DEL 1,1% RISPETTO L’ANNO PRECEDENTE. ( Rapporto Vegaengineering )

La prevenzione senza ossigeno

I tragici infortuni avvenuti negli ultimi giorni hanno suscitato sconcerto, anche fra quanti hanno operato ed operano nel sistema pubblico di prevenzione. Nonostante tutto l’impegno profuso nelle attività di informazione, assistenza e controllo, anche mirate, i fatti ci dicono che nei luoghi di lavoro si ripetono ancora eventi mortali spesso con dinamiche che riportano al passato. Questi eventi ci interrogano, e hanno indotto in alcuni di noi riflessioni che qui pubblichiamo, sperando che siano utili all’apertura di un dibattito “largo” che vogliamo ospitare in questo spazio. ( fonte Snop.it )

Quelle vulnérabilité des travailleurs européens face aux conditions de travail dégradées ?

EseguiEsegui

 

In questa puntata del Podcast, la prima del 2018, parliamo di:

– Ancora una strage sul lavoro, 4 operai morti a Milano in un’azienda metalmeccanica.
– Morti per esalazioni di gas: come prevenire questi infortuni?
– Processo amianto CEMENTAL: presenza e presidio a Reggio Emilia lunedì 29 Gennaio 2018 ore 12.00
– Incidenti sul lavoro, i dati del Rapporto Inail 2017 c’entrano con le prossime elezioni e con la politica ?

EseguiEsegui

 

In questa puntata del Podcast di Diario Prevenzione vi parliamo di :
- “Rapporto sulla protezione sociale nel mondo 2017-2019” dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro"
- Ieri l’amianto, oggi il glifosato
- Unions in the North East help asbestos victims receive £3.8 million. Un articolo apparso sul sito delle TUC (Trade Unions Council di GB ) sul tema della tutela legale dei lavoratori ex esposti all’amianto e dei loro famigliari
- Materiali del Seminario Sicurezza Inclusiva e Accomodamento ragionevole svolto il Dicembre 2017
- Scoot Mugno nominato da Trump Presidente capo della OSHA: ecco i suoi meriti professionali !
- Salvare internet: un appello dei pionieri della rete

IL NOTIZIARIO DEL PODCAST DI DIARIO PREVENZIONE
(21 minuti audio )

EseguiEsegui

 

In questo numero vi parliamo di:

- Il nuovo sito di Diario Prevenzione, caratteristiche e modalità d'uso
- Disponibili online i dati INAIL su infortuni e malattie professionali dei primi dieci mesi del 2017
- Una lista per la segnalazione di prodotti pericolosi per i consumatori.
- Nuovo portale OCSE per lo scambio di informazioni sulla produzione, l’utilizzo, le emissioni e i possibili sostituti delle sostanze per-e poli-fluoroalchiliche

IL PODCAST AUDIO DI DIARIO PREVENZIONE
12 MINUTI

EseguiEsegui

In questa puntata parliamo di
 
 
 
- LEGGE DI BILANCIO: GARAVAGLIA, FORTE PREOCCUPAZIONE PER SANITÀ E INVESTIMENTI. Il fondo sanitario nazionale stabilito dalla legge di Bilancio a 113,4 mld nel complesso "si riduce di 500 mln" rispetto al passato. "Andiamo sotto la soglia non solo simbolica ma oggettiva di tenuta del sistema del 6,5% del Pil, e ci avviciniamo a un modello 'Grecia'". 
 
- LE PANZANE SULL'INNALZAMENTO DELLE ASPETTATIVE DI VITA
 
 
EseguiEsegui

 
In questa puntata parliamo di 
 
- La precarietà nella professione di giornalista, rischi per la salute. Un numero monografico della Rivista HesaMag 15 - 2017
 
 
- MIOPI ALLO SPECCHIO - A proposito della cultura dei genitori che si oppongono alle vaccinazioni dei figli
 
- ATTACCO AL CAPITALE UMANO DEL SSN ( da saluteinternazionale.info)
 
- Rinasce l’archivio del Crd  di Diego Alhaique
 
 
EseguiEsegui

Rinasce l’archivio del Crd

Diego Alhaique

Una mattina di primavera del 1999 squillò molto presto il telefono di casa. Era Gastone Marri. Mi comunicava che l’archivio del Centro ricerche e documentazione rischi e danni da lavoro (Crd) stava per essere mandato al macero. Leader della Cgil nel periodo più ricco e intenso della partecipazione diretta dei lavoratori alle lotte di fabbrica contro la nocività delle condizioni di lavoro, Marri aveva ideato il Crd, l’aveva fortemente voluto e poi diretto, dalla sua costituzione nel 1974. Sapeva bene, quindi, l’immensa perdita di memoria storica che una tale evenienza avrebbe comportato. L’archivio giaceva abbandonato in quella che era stata la sua sede, a Roma, in viale Regina Margherita, in un appartamento al primo piano di un vecchio palazzo umbertino, in affitto al Centro unitario dei patronati, che però da lì a poco l’avrebbero lasciato. 

Claudio Stanzani, succeduto a Marri nella direzione del Crd dal 1981, si adoperò insieme a chi scrive per trovare una soluzione. Grazie alla sensibilità di Sergio Perticaroli – allora responsabile di un dipartimento dell’Istituto superiore per la salute e la sicurezza sul lavoro (Ispesl, sciolto nel 2010 e assorbito nell’Inail) nel cui ambito ricadeva la funzione documentazione – si rese disponibile a ospitare quella montagna di documenti presso il suo istituto. L’archivio del Crd, che negli anni di abbandono era stato già variamente saccheggiato, venne così sistemato in un centinaio di scatoloni e, insieme con la cassetta di legno che conteneva il prezioso soggettario, fu trasferito alla biblioteca dell’Ispesl a Monteporzio Catone (Roma). 

Il salvataggio era riuscito, ma l’archivio era ancora inaccessibile e inutilizzabile. 

...continua a leggere "Rinasce l’archivio del Crd"

 
a cura di Gino Rubini
 
In questa puntata parliamo di
 
- COSA SAPPIAMO DELLA SALUTE DISUGUALE IN ITALIA?
- IL DECRETO MADIA PUNISCE ANCHE I MALATI IN “TERAPIA SALVAVITA”
- LOTTE E AMIANTO: SOFFERENZA, COINVOLGIMENTO, IMPEGNO. I VIDEO E LA DOCUMENTAZIONE
- SALUTE E SICUREZZA NEI TRASPORTI: RAFFORZIAMO PREVENZIONE E TUTELE 
- FRANCE LES ÉMISSIONS DES MOTEURS DIESEL SONT CANCÉROGÈNES POUR L’HOMME
- Come si finanzia la salute globale.Uno studio  
Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) 
EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione 
 
13 maggio  2017 - puntata n° 45
 
a cura di Gino Rubini
 
 
In questa puntata parliamo di
 
- Ricordo di Ivano Pioppi, sindacalista ,sempre presente per tutelare i lavoratori, dagli ex esposti all'amianto, ai lavoratori  licenziati perché malati, alle decine di persone che si affacciavano alla porta del suo  ufficio per una consulenza, per sapere come andava la loro causa... 
- Riflessioni dalla lettura della Rivista di psicologia applicata alla gestione dell'emergenza ;
- Vincenzo Comito : Note sulla situazione e sulle prospettive del lavoro nel mondo
- Nessuno giochi sulla salute ( da un articolo di Gavino Macciocco apparso su saluteinternazionle.info )
- Sicurezza sul lavoro, il futuro possibile di Claudio Carrer
- La Germania riconosce il tumore dell’ovaio da amianto
- Peggioramento delle condizioni di lavoro in Danimarca
- Frittura mista
EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione 
 
3 aprile  2017 - vol.n° 44
a cura di Gino Rubini
 
In questa puntata parliamo di
 
- Riflessioni sui lavori dell'Assemblea Nazionale RLS, RSU della FIOM CGIL 
- La salute non si vende, la si difende - La giornata europea del 7 aprile in difesa dei Servizi Sanitari universalisti 
- Il 90% dei francesi dichiarano situazioni di sofferenza al lavoro
- Sanità, un Servizio sanitario nazionale per i poveri ? Prestazioni di qualità a pagamento ? Note rispetto ad un articolo di Ivan Cavicchi 
 
EseguiEsegui

Si è celebrata oggi 31 marzo l'Assemblea nazionale Salute e Sicurezza dei Rls e Rsu della Fiom Cgil a Reggio Emilia.
Diverse centinaia di Rls e Rsu hanno partecipato a questo incontro che si svolge ogni due anni. Due anni difficili perla Fiom: la crisi, le difficoltà delle relazioni con le altre sigle sindacali, alla data della precedente Assemblea ,non facevano sperare i buoni risultati ottenuti. La riconquista del Contratto nazionale di lavoro firmato unitariamente e, in particolare, gli articoli riguardanti salute e sicurezza nel lavoro offrono nuove modalità di confronto e operative nelle aziende.

Diverse esperienze interessanti congiunte a difficoltà sono state illustrate da diversi Rls. Nella relazione introduttiva Maurizio Marcelli, responsabile nazionale Fiom Cgil ha analizzato con precisione lo stato dell'arte della questione salute e sicurezza nel lavoro.

La Relazione introduttiva  di Maurizio Marcelli , Responsabile nazionale Fiom Cgil Salute e Sicurezza Lavoro 

Le conclusioni dell'Assemblea di Maurizio Landini Segretario generale della Fiom Cgil in formato audio ---> Conclusioni (audio 65 minuti )

EseguiEsegui

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione

27 febbraio  2017 - vol.n° 43

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

- MORTI BIANCHE NEL 2016: SONO 1.018 GLI INFORTUNI MORTALI DA GENNAIO A DICEMBRE

- Tumori da esposizione in ambiente di lavoro, Bruxelles complice dell'industria.

- Garante privacy: vietati i controlli indiscriminati su e-mail e smartphone aziendali

- Il dirigente, il preposto e l’RSPP in ambito sanitario: sentenze

- Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi

- Rendre le monde du travail plus attentif à la santé des femmes

 

EseguiEsegui

Per aggiornare la  direttiva sulla protezione dei lavoratori contro l’esposizione alle sostanze cancerogene che sono la causa ogni anno di 100.000 decessi, la Commissione ha deciso di fare riferimento ad esperti in maggioranza legati alle industrie multinazionali.

Un’intervista del quotidiano francese le Monde a Laurent Vogel di ETUI e ad altri esperti mette in evidenza la disinvoltura con la quale la Commissione affida nei fatti la redazione degli aggiornamenti della Direttiva su cancerogeni ad esperti che sono espressione delle multinazionali della chimica e del petrolio.
Il testo della Direttiva che costoro stanno preparando è una vergogna affermano diversi esperti: il valore proposto per il cromo esavalente, ad esempio, è venticinque volte superiore a quelli attualmente praticato in Francia.
“Valori limite molto elevati aprono la strada a veri e propri disastri, afferma Laurent Vogel. I lavoratori hanno l’illusione di essere protetti, in pratica questi valori limite si trasformano in una autorizzazione ad uccidere accordata alle imprese”. a
Questo vale anche per il valore limite della silice cristallina che per i sindacati dovrebbe essere, sulla base di studi epidemiologici e d’igiene industriale USA, 0,05 mg/m3 mentre gli esperti della Commissione prevalentemente di parte padronale propongono 0,1 mg/m3.Il valore limite prop osto da ETUC salverebbe in Europa 100.000 vite nei prossimi 50 anni.
Molti di questi esperti sono professionisti che lavorano per le multinazionali che avranno grandi risparmi se dovessero divenire norma le loro proposte.
La Commissione di Monsieur Junker afferma, sempre con amabile disinvoltura, che questi “esperti” non risultano essere in palese conflitto d’interessi rispetto alle proposte che stanno avanzando di “aggiornamento” della Direttiva Cancerogeni.
Se dovessero passare queste proposte dovremo registrare nei prossimi anni un peggioramento delle condizioni di salute di migliaia di lavoratori: per davvero se si vuole salvare l’idea stessa d’Europa occorre allontanare dalle istituzioni europee i burocrati e i politici idioti che hanno costruito il contesto di questo panel di esperti filopadronali che hanno un’unica mission, fare “rispamiare” miliardi di euro alle imprese, esponendo i lavoratori a gravissimi rischi per la salute.

Il degrado culturale, scientifico e politico che emana da questa vicenda ancora una volta alimenterà il sentimento antieuropeo e offrirà ulteriori argomenti ai populisti  : complimenti Mister Junker, un vero capolavoro !  editor

( Una piccola nota: la stampa italiana presa dalle vicende borgatare del PD ha bucato completamente questa notizia che riguarda il patrimonio di salute di qualche milione di lavoratori e lavoratrici. Amen )

L’ARTICOLO LE MONDE 25 FEBBRAIO 2017

Ambiente Lavoro Salute - Podcast di Diario Prevenzione -
31 gennaio 2017 - vol.n° 42

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di

- Presidenza Trump, quali rischi dalla chiusura degli USA rispetto ai problemi del mondo. Quale sarà il futuro delle politiche internazionali in materia di salute, ambiente, cambio del clima ?

- Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica Venerdì 17 febbraio 2017, ore 14.30 Fondazione Marco Biagi

- Toscana Report attività di vigilanza centri estetici relativa all'anno 2016

- Endocrine disruptors: an occupational risk in need of recognition

- Nouveau HesaMag : L'inspection du travail, un service public en crise

- l'amianto è "al 100 per cento sicuro, una volta applicato"... Lo afferma il Presidente USA TRUMP

.... e tante altre notizie in breve

EseguiEsegui

 
 
a cura di Gino Rubini
In questa puntata parliamo di
 
- Patacche e Bufale in rete alla ricerca di creduloni e polli: " l'ho letto su internet  ...quindi è vero "
 
- Un libro importante da leggere : Salute senza confini. Le epidemie al tempo della globalizzazione di Paolo Vineis
 
- Bologna 12-13 gennaio 2017 Workshop SNOP La prevenzione tra oggi e domani 
 
- Meningite: l’epidemia è solo mediatica
 
- La salute diseguale. La sfida di un mondo ingiusto
 
- Frammenti e fritture 
EseguiEsegui